Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
polase

Biaggi - Zecche Medievali

Risposte migliori

polase

volevo chiedere...

ma cosa ne pensate degli indici di rarità indicati dal Biaggi (Monete e zecche medievali italiane)?

Mi sembra che sia un po troppo generoso...

Questi indici di rarità sono affidabili? Insomma una R4 è veramente così rara? ed una R5?

Inoltre ho notato che diverse quotazioni in lire risultano essere superiori alle attuali quotazioni in euro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo

sono indici da prendere sempre con le molle..... il grado di rarità e i prezzi a volte passano con il variare degli anni..... specie i prezzi..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

simonesrt

Purtroppo il Biaggi non è particolarmente affidabile ma è l'unico catalogo che copre quel periodo storico. Comunque vi posso comunicare che entro l'anno dovrebbe uscire una nuova versione aggiornata nei prezzi e nelle rarità con diverse monete inedite. Aspettiamo con impazienza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob
Purtroppo il Biaggi non è particolarmente affidabile ma è l'unico catalogo che copre quel periodo storico. Comunque vi posso comunicare che entro l'anno dovrebbe uscire una nuova versione aggiornata nei prezzi e nelle rarità con diverse monete inedite. Aspettiamo con impazienza.

221549[/snapback]

Sarò un felice acquirente della nuova edizione; quella vecchia è indispensabile per le identificazioni, ma le quotazioni sono generalmente da lasciar perdere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

polase

Piu che le quotazioni che è possibile aggiornare con i cataloghi e leaggiudicazioni d'asta, quello che mi lascia un po perplesso è il grado di rarità... Possibile che si possano trovare nel giro di pochi mesi due esemplari della stessa moneta classificati R5?

A questo punto quelle classificate comuni dovrebbero avere ancora valore legale...

Modificato da polase

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

denario69
Piu che le quotaizoni che è possibile aggiornare con i cataloghi e leaggiudicazioni d'asta, quello che mi lascia un po perplesso è il grado di rarità... Possibile che si possano trovare nel giro di pochi mesi due esemplari della stessa moneta classificati R5?

A questo punto quelle classificate comuni dovrebbero avere ancora valore legale...

224484[/snapback]

Possibilissimo, per dirla con le parole di E. Arslan il grado di rarità, non ha senso se non è riferito a degli studi quantitativi di circolante rigorosi. Inoltre, a mio modesto parere, penso che sia direttamente influenzabile, oltrechè dagli esemplari presenti nelle casseforti ( :o )...... , anche da tesoretti che in futuro potrebbero essere scoperti....

Modificato da denario69

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00
[ Inoltre, a mio modesto parere, penso che sia direttamente influenzabile, oltrechè dagli esemplari presenti nelle casseforti ( :o )...... , anche da tesoretti che in futuro potrebbero essere scoperti....

224512[/snapback]

Anche io sono convinto di questo.

(Teoria della rarita' relativa)

Giusto un esempio , per me attuale : ho appena comprato un denaro tornese di Filippo d' Acaja (zecca di Chiarenza) ebbene come dice il Biaggi questa moneta fino al secolo scorso era ritenuta rara ora risulta piuttosto comune rispetto alle altre tipologie grazie a nuovi ritrovamenti .

E proprio per tal motivo anche la valutazione si e' adeguata alla facile reperibilita'

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

denario69
[ Inoltre, a mio modesto parere, penso che sia direttamente influenzabile, oltrechè dagli esemplari presenti nelle casseforti ( :o )...... , anche da tesoretti che in futuro potrebbero essere scoperti....

224512[/snapback]

Anche io sono convinto di questo.

(Teoria della rarita' relativa)

Giusto un esempio , per me attuale : ho appena comprato un denaro tornese di Filippo d' Acaja (zecca di Chiarenza) ebbene come dice il Biaggi questa moneta fino al secolo scorso era ritenuta rara ora risulta piuttosto comune rispetto alle altre tipologie grazie a nuovi ritrovamenti .

E proprio per tal motivo anche la valutazione si e' adeguata alla facile reperibilita'

224519[/snapback]

Se può consolarti, è capitato anche a me ed è proprio per questo motivo che considero la rarità come un aspetto secondario (correlato anche al budget di spesa a disposizione :cry: ), al primo posto ormai metto la conservazione.

ciao :)

Modificato da denario69

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

polase

in base al biaggi ho una collezione piena di R4 ed R5...

devo andare in giro con la scorta :lol: :lol: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob
in base al biaggi ho una collezione piena di R4 ed R5...

devo andare in giro con la scorta :lol:  :lol:  :lol:

224713[/snapback]

Vediamo la nuova edizione cosa dirà...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

polase

però pensavo...

l'indice di rarità dovrebbe far riferimento anche al circolante...

ora, se in Italia i nuovi ritrovamenti non posso circolare liberaemnte perchè di proprietà dello stato, allora l'indice di rarità dovrebbe restare fisso nel tempo...

giusto???

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

legionario
però pensavo...

l'indice di rarità dovrebbe far riferimento anche al circolante...

ora, se in Italia i nuovi ritrovamenti non posso circolare liberaemnte perchè di proprietà dello stato, allora l'indice di rarità dovrebbe restare fisso nel tempo...

giusto???

226424[/snapback]

Ti riferisci al solo caso di ritrovamenti da scavi archeologici.

Però è anche possibile (anzi è normale) che le monete rare in un certo periodo possano divenire meno rare:

perchè antiche collezioni (mediamente dopo 30 - 40 anni) vengano rivendute,

perchè eredi non appassionati di numismatica decidano di monetizzare l'eredità,

perchè gruzzoli di monete vengono scoperti nelle cantine o in case da ristrutturare,

oppure perchè il grado di rarità nelle nuove pubblicazioni numismatiche non sempre viene rivisto ma si continua a prendere per buono quello dei vecchi testi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

polase
però pensavo...

l'indice di rarità dovrebbe far riferimento anche al circolante...

ora, se in Italia i nuovi ritrovamenti non posso circolare liberaemnte perchè di proprietà dello stato, allora l'indice di rarità dovrebbe restare fisso nel tempo...

giusto???

226424[/snapback]

Ti riferisci al solo caso di ritrovamenti da scavi archeologici.

Però è anche possibile (anzi è normale) che le monete rare in un certo periodo possano divenire meno rare:

perchè antiche collezioni (mediamente dopo 30 - 40 anni) vengano rivendute,

perchè eredi non appassionati di numismatica decidano di monetizzare l'eredità,

perchè gruzzoli di monete vengono scoperti nelle cantine o in case da ristrutturare,

oppure perchè il grado di rarità nelle nuove pubblicazioni numismatiche non sempre viene rivisto ma si continua a prendere per buono quello dei vecchi testi.

226652[/snapback]

il grado di rarità si riferisce alle monete conosciute, mica al circolante (è una domanda) escluse le monete delle collezioni pubbliche perchè oramai sono andate;

le monete scoperte dentro le case non credo si possano commercializzare così facilmente... altrimenti la nostra legislazione va a farsi benedire...

attendo impazientemente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alteras

In effetti è un argomento interessante e di cui si è già dibattuto più volte senza venirne veramente a capo. Bisogna anche aggiungere che alle volte una moneta rara è conosciuta in più esemplari di una considerata meno rara...

Mi spiego meglio perchè capisco che detta così può sembrare un'assurdità...

Una moneta di una tipologia molto collezionata può essere più difficile da reperire (anche se emessa in tiratura molto alta) di una con tiratura più bassa, ma appartenente ad una tipologia poco ricercata...

Venendo alle monete in "circolazione" può capitare che venga a mancare un collezionista che aveva decine di pezzi R5 e che questi finiscano sul mercato tutti assieme per volere della famiglia che intende disfarsi della collezione...

Io ritengo comunque che i vari indici di rarità vadano presi un po' meno alla lettera...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Per cercare di avere una certa affidabilità i cataloghi e i libri dovrebbero essere aggiornati almeno ogni dieci anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

polase

abbiate pazienza ma, non mi è chiaro...

il grado di rarità fa riferimento alle monete conosciute o alle circolanti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo

bisognerebbe fare come aveva fatto il Barzan che aveva indicato un grado di rarità e un grado di reperibilità.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paolino67

Direi che non esiste un grado di rarità, ma solo uno di reperibilità. Di una moneta ci possono essere 500 esemplari conosciuti, ma tutti chiusi in musei. Reperibilità R5. Di un'altra moneta ci sono solo 20 pezzi noti, che però girano continuamente sul mercato. Reperibilità R4.

Credo che il concetto di rarità sia solo un'abitudine mentale del collezionista.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

polase
Direi che non esiste un grado di rarità, ma solo uno di reperibilità. Di una moneta ci possono essere 500 esemplari conosciuti, ma tutti chiusi in musei. Reperibilità R5. Di un'altra moneta ci sono solo 20 pezzi noti, che però girano continuamente sul mercato. Reperibilità R4.

Credo che il concetto di rarità sia solo un'abitudine mentale del collezionista.

227342[/snapback]

quindi per rarità intendiamo pacificamente la reperibilità... quindi + o - quello che dico io. In pratica i pezzi conservati da collezioni pubbliche sono fuori mercato, e lo stesso, per quelli che alla data odierna non siano stati denunciati...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×