Jump to content
Create New...
IGNORED

5 Lire 1848 Lombardia


QuintoSertorio
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti,

mi farebbe piacere avere la vostra opinione sul grading di questa moneta,

saluti!

image.thumb.png.dd3c617434f19b1e74cf20f4eaed075f.png

image.thumb.png.58ee5b665a7764c2e80fc56f9c3aee77.png

Link to comment
Share on other sites


Per completezza, aggiungo che ho avuto qualche difficoltà a fotografare il dritto, perchè il metallo è poroso nei campi (mi sembra di aver visto qualche altro esemplare di questa tipologia con metallo leggermente poroso, da cosa è dovuto?), infatti si vedono anche piccole crepe nella veste. La foto sopra ha probabilmente un pò alterato i rilievi, quindi metto anche questa foto "asettica" rispetto a colore, patina, etc.. 

Grazie!

image.thumb.jpeg.257c9563a7a4a58213c3c8c07003ef3f.jpeg

Link to comment
Share on other sites


Staff

Ciao,

dalle foto direi che la moneta è prossima allo spl. A tal proposito potresti mettere anche la foto più chiara dell’altro verso? È più leggibile…

Non mi sembra un metallo poroso, semmai qualche macchiolina nel metallo… dalla foto non sembrano in incuso o in rilievo…

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


49 minuti fa, ilnumismatico dice:

A tal proposito potresti mettere anche la foto più chiara dell’altro verso?

Certamente, eccola

image.thumb.jpeg.4b180cc2689f10be21ed878f58ab699d.jpeg

Link to comment
Share on other sites


52 minuti fa, ilnumismatico dice:

Non mi sembra un metallo poroso

I campi, a me con lente, sembrano leggermente rugosi, ma principalmente mi riferivo a piccole crepe sulla figura femminile, segnate in rosso.

Per quanto riguarda i rilievi a me sembravano abbastanza ben messi, ma forse sbaglio i punti in cui guardare. A parte i canonici piedi, guardo i punti segnati in verde.

image.png.798e1f4d723c10a7f145889a5ddc49a9.png

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Avevo preso come riferimento in quei "punti verdi" questa recente di Varesi, che chiaramente ha però una freschezza incomparabile. Grazie!

image.thumb.jpeg.7fac6cf612178c7740b1d55a06c5e3f1.jpeg

Edited by QuintoSertorio
Link to comment
Share on other sites


Buona sera, 

Io vedo dei piccoli colpetti e mancanze  sul bordo in alto al dritto, sui rilievi concordo con il qSpl. 

Ottima moneta, coniata in momenti particolari, forse da li, la "porosità" rilevata da @QuintoSertorio

 

 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites


Personalmente sono estremamente soddisfatto dell'acquisto di questa moneta, che dal vivo giudico uno SPL pieno, con il rovescio ben conservato e con una bella patina iridescente su un buon lustro praticamente ovunque tranne intorno alla scritta "5 LIRE ITALIANE" e con il dritto meno lustroso (le foto fanno pena, ma tutta la parte leggermente più scura, specialmente intorno alla legenda ha in realtà una luce simile a quella che appare a sprazzi al rovescio), ma con rilievi, secondo me, veramente ottimi. 

Fatta la mia analisi sopra e premettendo in maniera onesta e trasparente che non ho nessun intento polemico, ammetto di fare un pò fatica ad imparare il giusto metro di valutazione vista la variabilità, troppo ampia per il mio povero occhio inesperto, nei vari giudizi che vedo in giro. Avendo guardato a lungo questa tipologia, i rilievi mi sembravano superiori al qSPL. 

Per rendere questa discussione didattica e utile magari anche per altri, ho raccolto 4 figure femminili di questa tipologia, prese da posti più diversificati possibili, ma tutti decisamente autorevoli. Tre di queste monete sono state periziate come FDC, mentre quella in oggetto di questa discussione è stata valutata (in riferimento alla conservazione dei rilievi) da qSPL. Sto guardando i punti sbagliati per questa tipologia?

Saluti!

 

image.png.39767ec46165f68819ebf028113aca5c.png

 

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

qSPL o SPL é una variabile molto sottile. 

Noi giudichiamo foto. Pensare che la foto 1 e 3 sono la stessa moneta già é difficile, peggio é giudicare lustro, freschezza e appeal. 

Personalmente ho dato qSPL poiché non apprezzo il lustro e pulizia di campi che cercherei in un SPL pieno. 

Nessuno puó giudicare meglio di chi ha la moneta in mano, con luce naturale. 

Comunque una moneta da trattare con rispetto  qspl o spl che sia. 

Edited by b8b8
  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


8 ore fa, b8b8 dice:

qSPL o SPL é una variabile molto sottile. 

Noi giudichiamo foto. Pensare che la foto 1 e 3 sono la stessa monetà già é difficile, peggió é giudicare lustro, freschezza e appeal. 

Personalmente ho dato qSPL poiché non apprezzo il lustro e pulizia di campi che cercherei in un SPL pieno. 

Nessuno puó giudicare meglio di chi ha la moneta in mano, con luce naturale. 

Comunque una moneta da trattare con rispetto  qspl o spl che sia. 

 

Ma infatti io sono d'accordo ed avevo premesso che, personalmente, sono soddisfatto della moneta.

Mi stavo solo interrogando sull'uso (e l'utilità) dell'espressione "rilievi da SPL/FDC/etc..". Frequentando il forum da quando ho iniziato a collezionare, ovvero da poco più di anni, mi sembra di aver capito che i "rilievi" sono una variabile di valutazione assolutamente subordinata al "lustro", che quindi assurge ad unica variabile di giudizio.

Tuttavia i rilievi devono pur contare qualcosa. Il giudizio complessivo dovrebbe, secondo me, venir fuori da un'analisi complessiva e, soprattutto, indipendente (prima lustro ignorando rilievi, poi però anche rilievi ignorando lustro), di questi due parametri principali. Ricorrendo ad un paradosso, immaginiamo che una moneta di questa stessa tipologia sia stata coniata con dei rilievi così deboli che il tondello risulti perfettamente liscio (estremizzando) ma lustruosissimo, lo definiremmo ancora "5 Lire 1848 FDC"?

Nella moneta di questa discussione, il dritto, specialmente sulla veste ma anche in misura minore sui campi, appare rugoso e con minuscole crepe, come se la lastra da cui è stato estratto il tondello sia stato laminata con troppa tensione di ingresso/uscita. Immagino che questo possa influire sull'effetto di pulizia finale dei campi. 

Guardando il confronto con quei 4 esemplari differenti, mi chiedevo: come è possibile che i rilievi della mia siano paragonabili se non meglio apprezzabili delle altre, ma questo "fattore rilievi" non abbia nessuna importanza nella valutazione?

Perdonate il papiro e grazie in anticipo a chi vorrà contribuire con la propria opinione.

Saluti!

Link to comment
Share on other sites


Staff
Posted (edited)
Il 10/6/2022 alle 20:11, QuintoSertorio dice:

Per quanto riguarda i rilievi a me sembravano abbastanza ben messi, ma forse sbaglio i punti in cui guardare. A parte i canonici piedi, guardo i punti segnati in verde.

In effetti sbagli i punti dove guardare.
Essenzialmente, l'usura ha maggiore impatto nel centro della moneta, e nei rilievi più alti (che non sono quelli da te evidenziati), che in questa faccia della moneta corrisponde alla coscia, al ginocchio e al seno; questi sono i punti sia più alti, che maggiormente esposti, cioè non "protetti" da altri rilievi circostanti, come invece possono essere le pieghe della veste.

 

5 ore fa, QuintoSertorio dice:

Ricorrendo ad un paradosso, immaginiamo che una moneta di questa stessa tipologia sia stata coniata con dei rilievi così deboli che il tondello risulti perfettamente liscio (estremizzando) ma lustruosissimo, lo definiremmo ancora "5 Lire 1848 FDC"?

Paradosso assurdo, ma se dovessi rispondere, tecnicamente ti direi di si, essendo comunque un prodotto della coniazione.
Credo però che queste disquisizioni sfocino in un tema collaterale, che sovente viene confuso; mi spiego meglio. Come dovremmo considerare il FDC? come "quanto di meglio uscito dal conio", oppure come un esemplare non circolato? Nel primo caso, va da se che l'esemplare in esempio non rientrerebbe in questa valutazione. Il secondo, si per il concetto prima espresso.

 

5 ore fa, QuintoSertorio dice:

Guardando il confronto con quei 4 esemplari differenti

Scusa, ma le prime due a sx non sono sempre fotografie riferite alla tua moneta, scattate con due setup di luce differenti?

 

5 ore fa, QuintoSertorio dice:

ome è possibile che i rilievi della mia siano paragonabili se non meglio apprezzabili delle altre, ma questo "fattore rilievi" non abbia nessuna importanza nella valutazione?

Dall'esempio che porti mi sembra di capire che ti basi eccessivamente (e in maniera errata) sulle fotografie, e questo ti impedisce di avere le idee chiare.
Una fotografia potrebbe avere un fine didattico SE presenta una buona risoluzione e (preferibilmente) fosse accompagnata anche da una descrizione onesta sui motivi del grading. 
Senza entrare nel merito dei pareri autorevoli o meno, su queste pagine ho sempre incoraggiato tutti a vedere le monete preferibilmente in mano (unico vero modo per capire e imparare) e mantenersi "distaccati" (nel senso di non farsi influenzare) dai pareri dei venditori (chiunque essi siano).
Nell'ambito dei paragoni fotografici, spesso si compie l'errore di mettere a paragone fotografie che presentano un'illuminazione di scatto differente tra loro, cosa questa assolutamente basilare in ambito fotografico (aggiungerei anche monete differenti, cioè monete patinate e lavate).
Ecco perché  studiare (e paragonare) foto lascia sempre un "certo" margine di errore (che aumenta: 1) se si da troppo importanza alle foto senza capirne i limiti e 2) se già in partenza non si hanno ben chiari i concetti base della valutazione qualitativa).


Venendo al paragone da te proposto (che ripeto, didatticamente è errato e fuorviante), personalmente sulla tua, io un po di usura la vedo nei punti che ho citato sopra. Ti allego un dettaglio di un mio vecchio esemplare. La foto è abbastanza nitida così da permettere di "capire il metallo" nei punti in questione. 
Io una differenza ce la vedo... con la foto del tuo esemplare (beninteso, parliamo di foto).

 

 

dett.png

Edited by ilnumismatico
Link to comment
Share on other sites


Intanto ti ringrazio per la risposta dettagliata e paziente.

7 minuti fa, ilnumismatico dice:

Io una differenza ce la vedo...

Senza ombra di dubbio. Ma infatti non voglio sostenere che la mia sia fior di conio, ci mancherebbe! 

 

10 minuti fa, ilnumismatico dice:

Scusa, ma le prime due a sx non sono sempre fotografie riferite alla tua moneta, scattate con due setup di luce differenti?

No, si tratta di 4 monete completamente differenti (la prima ad esempio l'ho selezionata semplicemente perchè sarà la prossima 5 lire 1848 ad apparire in asta tra poco meno di una settimana), la mia è la seconda, le altre tre sono tutte giudicate FDC. Solo per questo motivo ho cercato di approfondire: sicuramente la mia ha delle criticità, ma non riesco a capire come possa passare quasi 1 punto e mezzo di valutazione tra i rilievi della numero 2 e delle altre tre.

 

15 minuti fa, ilnumismatico dice:

incoraggiato tutti a vedere le monete preferibilmente in mano

Attendo con ansia ogni possibilità che ho di poter vedere monete dal vivo, ma non è sempre semplice almeno per me. Quindi cerco di utilizzare il più possibile questo forum proprio con l'obiettivo di imparare a leggere le foto correttamente.

 

17 minuti fa, ilnumismatico dice:

Venendo al paragone da te proposto (che ripeto, didatticamente è errato e fuorviante)

Rispetto pienamente il tuo punto di vista, però effettivamente ritengo che confrontare foto di monete diverse, seppure scattate in momenti diversi, su un forum online di numismatica non sia una proposta così fuori luogo.

 

18 minuti fa, ilnumismatico dice:

Ti allego un dettaglio di un mio vecchio esemplare.

L'effetto che cercavo di descrivere nei miei primi interventi è proprio quello che si vede sopra la spalla destra (sinistra per chi guarda) dell'Italia. 

Immagino che quella rugosità fosse presente sul tondello non coniato e sia sopravvissuta al processo di coniazione. Ho letto che il lustro è un processo metallurgico in cui il metallo scaldato si va a disporre lungo sottilissime (e delicate) striature radiali dal centro verso l'esterno: se queste striature passano sopra quella rugosità (che le precede) non rischiano di perdere la loro proprietà riflettenti di insieme?

Se ho detto delle castronerie troppo grandi, abbiate pazienza, d'altronde la numismatica è la mia passione, non il mio lavoro :)

Saluti

Link to comment
Share on other sites


Staff
4 minuti fa, QuintoSertorio dice:

Rispetto pienamente il tuo punto di vista, però effettivamente ritengo che confrontare foto di monete diverse, seppure scattate in momenti diversi, su un forum online di numismatica non sia una proposta così fuori luogo.

Se leggi BENE vedrai che non ho scritto di NON FARE paragoni fotografici, ma di farli rispettando alcuni principi; E' un po come studiare utilizzando un metodo di studio sbagliato: fatichi di più, e ottieni un risultato scadente.

Poi, fate vobis

 

Link to comment
Share on other sites


Posted (edited)

Il forum serve a questo, e vedere una foto ingrandita 15 volte su un pc di ultima generazione, a mio parere, é anche un passo avanti nella Numismatica 2.0

Ció non toglie che la Vita Reale, anche Numismatica, é un altra cosa. 

Non devi scusarti di niente, anzi, grazie per condividere la tua moneta ed i dubbi. 

@ilnumismaticopuó aiutarci e insegnarci molto fotograficanumasticamente parlando 🤓

Edited by b8b8
Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...

Diciamo che la parola ‘lustro’ è abbastanza abusata, forse meglio parlare di freschezza. Guarda l’esempio de @ilnumismatico, guarda la guancia dell’Italia turrita, i rilievi: è un esemplare che ha circolato poco se non pochissimo (poco importa se FDC o qFDC); eppure se guardi la piega della veste a circa metà figura, dove va a cingersi in vita, vedrai che sembra leggermente più consunta, dovuto anche all’area maggiore, ed è normale anche che con un processo meccanico il conio subisce un’usura. Eppure la moneta è in buona conservazione.

Poi assoggettare ad un grado piuttosto che ad un altro, a volte è anche strategia commerciale di chi ti propone l’acquisto.

Qualche vecchio ti direbbe che esistono due gradi di conservazione: “mi piace” o “non mi piace”.

N.

Edited by niko
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Buona sera ,

qui di seguito allego un dettaglio della moneta in FDC.
Dettaglio su cui quasi mai ci si concentra a sufficienza e su cui molti pseudo-FDC cadono: le ciocche di capelli e le torri della corona, che in un FDC pieno (L’unico che merita il titolo di fiore del conio, ad essere onesti) sono ben delineate e piene. Poi guardiamo i piedi e la veste. Diversamente : qFDC,qFDC-FDC, poco importa se volete ma la realtà è che anche se un FDC per certe tipologie e ‘ cosa rara, bisogna farsene una ragione e osservare i dettagli con grande attenzione. 

24D4122E-CCEA-4DE6-907D-48F6AE8915F4.thumb.jpeg.8ce0f2641bd107febe9c3f12a9fc846a.jpeg

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

Problemi con la nuova grafica?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.

Search In
  • More options...
Find results that contain...
Find results in...

Write what you are looking for and press enter or click the search icon to begin your search