Jump to content
IGNORED

Highlights della Gorny & Mosch Auction 297 – 298


apollonia

Recommended Posts

Salve.

Una galleria di monete tra quelle di maggior successo nell'asta del titolo.

1.andragoras-3-jh-v-chr-9611797.jpg.093c2dc085f59a9a9efd99f81f7c4fcd.jpg

Lotto 96. Andragoras, 3. Jh. v. Chr.(?) Tetradrachme ø 24mm (17,16g). ca. 260 - 250 v. Chr.(?). Vs.: Kopf der Athena mit attischem Helm, verziert mit zwei Olivenblättern und Palmette, Ohrring und Halskette n. l. Rs.: ΑΘ, Eule n. r., l. oben Olivenzweig und Mondsichel. HGC 12, 1 var.; SNG ANS 1 var.; Taylor, Birds 1 var.
RRR! Gutes ss

Questa serie, di cui sopravvivono solo due esemplari (cfr. Roma Auction XIV, 2017, 413), imita i tetradrammi ateniesi con la differenza che la testa di Atena è rivolta verso sinistra. Il disegno del ritratto ricorda le imitazioni ateniesi che Taylor, in Birds of Feather, Brothers in Arms, AJN 31, 2019, identifica come prime monete di Andragora. È possibile che il presente pezzo sia un conio sperimentale creato nello stesso periodo della serie 2 di Taylor, che presenta anch'essa un rovescio senza incuso.

Base d’asta: 1'200 EUR. Valutazione: 1'500 EUR. Risultato: 8'250 EUR.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


2.andragoras-3-jh-v-chr-9611798.thumb.jpg.1f3881f1e120635a37a38a53200d8d3f.jpg

Andragoras, 3. Jh. v. Chr. Tetradrachme ø 26mm (17,16g). ca. 245 - 240 v. Chr. Mzst. Hekatompylos(?). Vs.: Kopf einer Tyche mit Mauerkrone n. r., hinter ihrem Nacken Monogramm. Rs.: ΑΝΔΡΑΓΟΡΟΥ, Athena in der L. Speer haltend, die R. gestützt auf Schild verziert mit Gorgoneion, n. l. Mitchiner 1, 20 var.; Taylor, Birds 6.5. var.
RRR, unpublizierte Variante! Gutes ss
 

Andragora, satrapo della Partia e dell'Ircania, si staccò dalla sovranità seleucide intorno al 245 a. C. e coniò monete d'oro e d'argento su cui appose il proprio nome, anche se senza il titolo di re, forse per disinnescare il confronto con il re seleucide. La rivolta fu probabilmente alimentata dalla minaccia dei Parni, una tribù equestre che minacciava il confine nord-orientale del suo dominio. Quando i Parti, guidati da Arsakes I, invasero la Partia dopo la battaglia di Ankyra (242 a. C.), il satrapo ribelle fu ucciso. Andragoras raffigurò sui suoi tetradrammi una personificazione di città che probabilmente rappresentava Hekatompylos, il presunto luogo di emissione. Il rovescio è decorato con Atena, solitamente rivolta a sinistra (Taylor 6.1-4), in alcuni esemplari rivolta a destra (Taylor 6.5). La presente moneta, tuttavia, è unica nel suo genere: su di essa Atena tiene con la mano sinistra la lancia, che di solito è raffigurata in diagonale dietro di lei, lo scudo è posto per la prima volta davanti a lei e non dietro, e manca la civetta nella mano della dea. Inoltre, la moneta non presenta il cerchio di perle che delimita il dritto e il rovescio di tutti gli altri tetradrammi conosciuti a nome di Andragora (e del suo successore Sofito). Ne consegue che la moneta è probabilmente il primo tetradramma a nome di Andragora: essa testimonia gli sforzi dei fustellatori per sviluppare un motivo ottimale al rovescio che si ritrova solo nelle serie successive con la civetta nella mano di Atena. Inoltre, la moneta induce a rivedere la cronologia dei tetradrammi di Andragora: Poiché il suo dritto è molto simile a quello di Taylor 6.5, questa serie deve essere stata coniata prima di quanto ipotizzato in precedenza, prima di Taylor 6.1-4.

Base d’asta: 4'000 EUR. Valutazione: 5'000 EUR. Risultato: 16'000 EUR.

apollonia

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


3.sophytes-ca-240-235-9611822.thumb.jpg.3c6b738cdba903353ab67273ce16a8d9.jpg

Lotto 121. Sophytes, ca. 240 - 235 v. Chr. Tetradrachme ø 29mm (17,05g). Mzst. Hekatompylos(?). Vs.: Kopf mit Helm, verziert mit Lorbeerkranz und Flügel auf dem Wangenschutz, n. r. Rs.: ΣΩΦΥΤΟΥ, Hahn n. r., l. oben im Feld Kerykeion. HGC 12, 14 (Drachme); SNG ANS 21­24 (Drachme); Bopearachchi, Sophytes 3A; Mitchiner 1, 29 (Drachme); Taylor, Birds 8.1.
RR! Vz

La localizzazione del territorio di Sofite e la datazione del suo regno sono oggetto di controversie. Cunningham lo identifica con Sofite che regnò nel Punjab e si sottomise ad Alessandro Magno nel 326 a. C. Bopearachchi e Jansari ipotizzano che Sofite abbia governato nella regione di Oxos tra il 315 e il 300 a. C., mentre Bernard lo colloca in Arachosia tra il 295 e il 290 a. C. Kritt, SMAK pp. 64-76 data la monetazione di Sofite tra il 280/78 e il 270 a. C. Al contrario, Taylor, Birds of Feather, Brothers in Arms, AJN 31, 2019, pp. 21-79, sostiene che le monete di Sofite dovrebbero essere interpretate come una continuazione dell'attività di coniazione di Andragora. Di conseguenza, egli fu un successore del satrapo partico, che continuò a resistere ai Parti per qualche tempo dopo la morte di quest'ultimo (intorno al 240 a. C.). L'elmo di Sofite corrisponde in gran parte all'elmo di Atena sui tetradrammi e sulle imitazioni di monete ateniesi (Taylor serie 7.1; 2.15) - la decorazione a corona d'alloro, il risvolto sulla guancia e il paranuca esteso sono elementi nuovi. La corona d'alloro era considerata un simbolo di vittoria militare e caratterizza Sofite come comandante di successo. L'elemento ornamentale potrebbe anche indicare un'analogia con il fratello di Atena, il dio della guerra Ares. Secondo questa interpretazione, il rovescio della moneta farebbe riferimento ad Alektyron: Quest'ultimo fu trasformato in un gallo da Ares dopo essersi addormentato durante il suo turno di guardia notturno, cfr. Taylor, Sophytes' Helmet, KOINON IV, 2021, pp. 14-18. Per altre interpretazioni del gallo (come simbolo di Hermes, del dio zoroastriano Sraoša o dell'indiano Sakanda), cfr. Jansari, Two Sides of the Coin. Da Sofiti a Skanda-Karttikeya, 2021.

Valutazione: 20'000 EUR. Risultato: 24'000 EUR. Base d’asta: 16'000 EUR.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


4.euthydemos-i-ca-225-9611853.thumb.jpg.e98785caaaad9c8e8497dae7cbe8ec93.jpg

Lotto 152. Euthydemos I., ca. 225 - 200 v. Chr. Stater ø 19mm (8,25g). ca. 225 v. Chr. Vs.: Kopf mit Diadem n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ / ΕΥΘΥΔΗΜΟΥ, Herakles mit Keule auf Felsen n. l. sitzend, l. oben im inneren Feld Monogramm. Glenn Group I (O1 R1); Bordeaux A2, HGC 12, 37; Bopearachchi/Grigo, Thundering Zeus Revisited S. 23 Nr. 6 (dieses Exemplar); Bopearachchi 1C; Mitchiner 1, 84a.
Gold! RR, Bordeaux verzeichnet für die Statere der Serie A nur 11 Exemplare!
Rs. leichter Doppelschlag, st.

Eutidemo I fu uno dei più importanti re greco-battriani. Salì al potere rovesciando Diodoto II dal trono intorno al 225 a. C. Nel 208/06 a. C. respinse l'invasione di Antioco III: le ostilità si conclusero con un trattato di pace in cui i Seleucidi riconobbero la regalità di Eutidemo. Questo statere d'oro, il cui ritratto al dritto ha una forte somiglianza con i ritratti di Diodoto I, è una delle prime emissioni di Eutidemo; potrebbe addirittura essere stato coniato durante la guerra civile con Diodoto II. Il motivo del rovescio potrebbe ricordare la città natale di Eutidemo che, secondo Polibio, proveniva da Magnesia; sotto Antioco I, a Magnesia, sul Sipylos, furono coniati tetradrammi con Eracle seduto su una roccia dal disegno simile (SC 318).

Base d’asta: 12'000 EUR. Valutazione: 15'000 EUR. Risultato: 32'000 EUR.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


 

5.pantaleon-ca-186-185-9611896.thumb.jpg.3be4fc8949ce206ea8f183ee573ba3c3.jpg

196. Pantaleon, ca. 186 - 185 v. Chr. Tetradrachme ø 29mm (16,68g). Vs.: Drapierte Büste mit Diadem n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ / ΠΑΝΤΑΛΕΟΝΤΟΣ, Zeus mit Zepter n. l. thronend, auf der R. Hekate mit zwei Fackeln haltend, l. unten im inneren Feld Monogramm. Glenn Group I (O2 R­); HGC 12, 100; Bopearachchi 1A; Mitchiner 1, 157a.
RR! vz

Con Pantaleone una nuova dinastia si afferma in Bactria. Pantaleone sostituì l'Eracle degli Eutidemidi con lo Zeus in trono ispirato ai tetradrammi di Alessandro Magno: al posto dell'aquila, però, Zeus tiene nella mano destra una piccola Ecate. Ecate era la dea della stregoneria e della magia, nonché la padrona degli inferi; è incarnata da tre donne le cui teste sono chiaramente riconoscibili sull'esemplare in esame. È raramente raffigurata nella monetazione antica, in Bactria solo sotto Pantaleone e il suo successore Agatocle. La classificazione cronologica del regno di Pantaleone si basa sul fatto che egli potrebbe essere stato responsabile dell'introduzione dell'era Yavana: Quest'epoca, che era ancora in uso a sud dell'Hindu Kush in epoca post-cristiana, iniziò nel 186/85 a. C. Che Pantaleone abbia regnato per poco tempo è suggerito dalla marcata rarità dei suoi tetradrammi: La moneta qui offerta è il settimo esemplare conosciuto.

Base d’asta: 40'000 EUR. Valutazione: 50'000 EUR. Risultato: 70'000 EUR.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


6.eukratides-i-megas-ca-170-9611929.thumb.jpg.cc3004ab21cb26591f09ca5bb6fce8f2.jpg

Lotto 229. Eukratides I. Megas, ca. 170 - 145 v. Chr. Stater ø 19mm (8,47g). ca. 163/62 v. Chr. Vs.: Drapierte Panzer­büste mit Diadem und böotischem Helm, verziert mit Stierhörnern und -ohren, n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΜΕΓΑΛΟΥ / ΕΥΚΡΑΤΙΔΟΥ, Dioskuren mit Speeren und Palmzweigen n. r. reitend, r. unten im Feld Monogramm. HGC 12, 129; SNG ANS 163 var.; Bopearachchi 5 var.; Mitchiner 1, 176 var.
Gold! vz/st, Vs. kleine Schrötlingsrisse auf der Wange.

Ex Gorny & Mosch Auktion 64, München 1993, Los 251 (= Slg. K. D. Walkhoff-Jordan, ex Triton II, 1998, Los 603).

Intorno al 163/62 a. C. Eucratide I marciò a sud dell'Hindu Kush e sottrasse il territorio al re indo-greco Menandro I nella zona dell'odierna Kabul. In occasione di questo successo, introdusse un nuovo dritto sul quale indossa un elmo con gli attributi del conquistatore indiano Dioniso, mentre al rovescio è intitolato Basileus Megas. In quel periodo Eucratide fece anche coniare le proprie monete d'oro: l'esempio più famoso è lo statere d'oro da 20 zecchini (169,2 g), la più grande moneta d'oro dell'antichità, conservata presso la Biblioteca Nazionale Francese. Di grande rarità sono anche i semplici stateri d'oro di Eucratide I. Si conoscono solo sette esemplari della serie attuale, il cui monogramma è attribuito a A.D.H. Bivar Alexandreia sul Caucaso (Begram).

Base d’asta: 24'000 EUR. Valutazione: 30'000 EUR. Risultato: 38'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


7.eukratides-i-megas-ca-170-9611940.jpg.a281e59bccb4b074b1c39b219053578d.jpg

Lotto 240. Eukratides I. Megas, ca. 170 - 145 v. Chr. Tetradrachme ø 31mm (16,40g). ca. 163 - 145 v. Chr. Vs.: ΒΑΣΙΛΕΥΣ ΜΕΓΑΣ / ΕΥΚΡΑΤΙΔΗΣ, heroische Büste des Eukratides I. mit Diadem, böotischem Helm, verziert mit Stierhörnern und -ohren, und Speer in Rückansicht n. l. Rs.: ΗΛΙΟΚΛΕΟΥΣ / ΚΑΙ ΛΑΟΔΙΚΗΣ, gestaffelte, drapierte Büsten des Heliokles und der Laodike n. r., l. im Feld Monogramm. HGC 12, 134; Bopearachchi 16A; Mitchiner 1, 184a.
RR! vz

Base d’asta: 4'000 EUR. Valutazione: 5'000 EUR. Risultato: 15'500 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


8.platon-epiphanos-ca-145-9611963.thumb.jpg.9684941fbf71275ef8b8b6e95bde88df.jpg

Lotto 264. Platon Epiphanos, ca. 145 - 140 v. Chr. Tetradrachme ø 34mm (16,90g). Vs.: Drapierte Büste mit Diadem n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΕΠΙΦΑΝΟΥΣ / ΠΛΑΤΩΝΟΣ, Helios mit Strahlenkrone und Zepter eine Pferdequadriga lenkend, l. im Feld Monogramm. HGC 12, 165; Bopearachchi 1A; Mitchiner 1, 198a.
RR! Fast vz

Platone è un sovrano enigmatico che probabilmente intervenne nella battaglia per l'eredità di Eucratide I intorno al 140 a.C. I suoi tetradrammi sono tra i prodotti più straordinari dei maestri di zecca bactriani: in una posa trionfale, il dio del sole Helios guida una quadriga i cui cavalli si avvicinano allo spettatore in una posa quasi simmetrica. Platone fu l'unico re bactriano a coniare monete con Helios; il suo epiteto Epiphanes ("colui che apparve") non è altrimenti attestato in Bactria. Questo suggerisce che potrebbe essere stato un usurpatore senza alcun legame con i re più antichi. L'attuale tetradramma utilizza un rovescio sconosciuto in cui i cavalli sono raffigurati più in basso rispetto al carro, rendendo le loro redini più chiaramente riconoscibili.

Base d’asta: 8'000 EUR. Valutazione: 10'000 EUR. Risultato: 17'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


9.platon-epiphanos-ca-145-9611964.thumb.jpg.34e9f6d62a1afadcd1dbc1c7b5252a70.jpg

Lotto 265. Platon Epiphanos, ca. 145 - 140 v. Chr. Tetradrachme ø 36mm (17,02g). Vs.: Drapierte Panzerbüste mit Diadem und böotischem Helm, verziert mit Stierhörnern und -ohren, n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΕΠΙΦΑΝΟΥΣ / ΠΛΑΤΩΝΟΣ, Helios mit Strahlenkrone und Zepter eine Pferdequadriga lenkend, l. im Feld Monogramm. HGC 12, 165 var.; Bopearachchi 1A var.; Mitchiner 1, 198a var.
RRR! Doppelschlag auf dem Avers, vz
 

Su questo tetradramma, Platone indossa un elmo modellato su quello di Eucratide I e recante gli attributi di Dioniso, rivendicando così la sua successione. Anche la disposizione della legenda è tratta dalla moneta di Eucratide. Nella maggior parte dei tetradrammi elmati di Platone, tuttavia, l'intera legenda è disposta in un grande arco (Bopearachchi 3A). La presente moneta è solo il secondo esemplare conosciuto che combina un ritratto elmato con il rovescio Bopearachchi 1A (cfr. Roma Asta XX, 2020, lotto 361 per il primo esemplare con lo stesso stampo).

Base d’asta: 8'000 EUR. Valutazione: 10'000 EUR. Risultato: 20'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


10.menander-i-soter-ca-165-9612009.thumb.jpg.497dfd74dbe8a8d7ca0544c62c2e7075.jpg

Lotto 310. Menander I. Soter, ca. 165 - 130 v. Chr. AE Nominal D ø 11mm (0,69g). Vs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ / ΣΩΤΗΡΟΣ / ΜΕΝΑΝΔΡΟΥ, Rad mit acht Speichen. Rs.: Maharajasa / tratarasa / Menamdrasa, Palmzweig, r. unten im Feld Monogramm. Bordeaux P1; S. 116 Abb. 7 (dieses Exemplar); HGC 12, 215; Bopearachchi 37A; Mitchiner 2, 241a.
Das dritte bekannte Exemplar! ss

Nel Milinda-pañha, un primo scritto buddista redatto probabilmente nel I sec. C., Menandro I (Milinda) ha una conversazione erudita con il monaco Nagasena, al termine della quale accetta la fede buddista. La conversione di Menandro al buddismo è talvolta desunta anche dal racconto di Plutarco, secondo cui dopo la morte del re le sue ceneri furono divise tra diverse città, che eressero tutte monumenti in suo onore (Moralia 821D-E). Ciò ricorda il rituale di sepoltura del Buddha storico, le cui ossa furono sepolte in otto tumuli (stupa). Inoltre, a Shinkot (Bajaur, Gandhara) è stato rinvenuto un reliquiario buddista che riporta una datazione in base agli anni di regno di Menandro (CKI 176); tuttavia, non è chiaro se sia stato donato da lui personalmente.

Questa moneta di bronzo è un'importante indicazione del fatto che Menandro I potrebbe essere stato un patrono del buddismo. Il dritto raffigura una ruota con otto raggi: La "ruota della legge" (dharmachakra) simboleggiava gli insegnamenti del Buddha. È possibile che la moneta si riferisse anche al chakravartin ("colui che muove la ruota"), l'ideale buddista di un sovrano giusto. Ad eccezione delle dracme di Menandro II, questa è l'unica moneta di un re indo-greco che rivela un'influenza buddista. La moneta qui offerta è il terzo esempio conosciuto: Il primo, già descritto da Charles Masson nel 1836 (Second Memoir on the ancient Coins found at Beghrám, p. 22 n. 13), si trova al British Museum (IOC.104); il secondo è stato venduto nel commercio di monete (Heritage Auctions 3076, 2019, lotto 33142).

Base d’asta: 400 EUR. Valutazione: 500 EUR. Risultato: 9'500 EUR.

apollonia

 

Link to comment
Share on other sites


11.theophilos-dikaios-ca-125-9612017.thumb.jpg.1a51151200a39586b290e9ada4e9f9f9.jpg

Lotto 318. Theophilos Dikaios, ca. 125 - 120 v. Chr. Drachme im indischen Gewichtsstandard ø 18mm (2,36g). Vs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΔΙΚΑΙΟΥ / ΘΕΟΦΙΛΟΥ, drapierte Büste mit Diadem n. r. Rs.: Maharajasa dhramikasa / Theuphilasa, bekränzter Herakles mit Löwenfell, die R. auf Keule gestützt, r. im Feld Monogramm. HGC 12, 225; Bopearachchi 3 var.; Mitchiner 3, 373 var.
RR, das fünfte bekannte Exemplar und unpubliziert mit diesem Monogramm!
Dunkle Patina, ss-vz
 

Teofilo Dikaios era un re effimero che probabilmente si sollevò contro Nicia poco dopo la morte di Menandro I. È controverso se possa essere identificato con Theophilos Autokrator, che coniò tetradrammi attici con Atena in trono. In ogni caso, le rarissime monete d'argento di Theophilos Dikaios sono decorate con il dio Eracle, sia che ponga una corona di fiori sul capo, come su Demetrios I e Lysias, sia che si appoggi alla clava con la mano destra. La dramma in esame presenta un ritratto reale espressivo, con i tratti del viso invecchiati - le rughe enfatizzate sulla fronte ricordano i ritratti di Menandro I; anche Nicia era raffigurato con simili segni di età su alcune delle sue monete. Il monogramma su questa moneta era noto in precedenza solo per i tetradrammi di Teofilo (Bopearachchi serie 2A).

Base d’asta: 3'200 EUR. Valutazione: 4'000 EUR. Risultato: 14'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


12.lysias-aniketos-ca-130-9612020.thumb.jpg.32ce64ca1dd3626f97b25af5145da5c8.jpg

Lotto 321. Lysias Aniketos, ca. 130 - 120 v. Chr. Tetradrachme im attischen Gewichsstandard ø 34mm (16,87g). Vs.: Drapierte Büste mit Diadem und Elefantenskalp n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΑΝΙΚΗΤΟΥ ΛΥΣΙΟΥ, Herakles mit Keule und Löwenfell, sich mit der R. bekränzend, r. und l. unten im Feld Monogramme. HGC 12, 237; Bopearachchi 1B; Mitchiner 2, 259b; Curiel/Fussman 612.
RR! Fast vz
Ex Numismatic Fine Arts, 1990, 236.

Nella sua monetazione, Lisia si propone come legittimo successore di Demetrio I: adotta la sua immagine al rovescio di Eracle in piedi frontalmente e che si cinge con la mano destra, porta lo stesso epiteto di Demetrio sulle monete commemorative di Agatocle (Aniketos, "l'invincibile") e su alcune delle sue emissioni indossa l'ornamento a testa di elefante che adorna tutti i ritratti di Demetrio. Ciò può essere spiegato dal fatto che Lisia era imparentato con gli Eutidemidi - forse proveniva da una linea collaterale della dinastia, che si era apparentemente estinta in linea maschile con Eutidemos II. È anche ipotizzabile che fosse imparentato con Zoilos I, che pose il rovescio di Eutidemos II sulle sue monete. I tetradrammi nello standard ponderale attico circolavano solitamente a nord dell'Hindu Kush. Gli Indo-Greci potrebbero quindi aver emesso queste monete per il commercio con i territori bactriani, oppure potrebbero essere servite come monete di prestigio per commemorare i tempi gloriosi dei re graeco-bactriani. Solo dieci re indo-greci hanno coniato tetradrammi attici, tutti estremamente rari. In totale si conoscono nove esemplari della serie attuale, la maggior parte dei quali si trova in collezioni museali (Cabinet des Médailles di Parigi, British Museum, Museo di Kabul). Solo cinque esemplari sono registrat con questi monogrammi; il dritto della presente moneta corrisponde al tetradramma del Cabinet des Médailles (1972.1040 = Curiel/Fussman 612).

Base d’asta: 32'000 EUR. Valutazione: 40'000 EUR. Risultato: 85'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


13.antialkidas-nikephoros-ca-120-9612028.thumb.jpg.7a5a7eec342366482c37a80f94b9ed17.jpg

Base d’asta: 8'000 EUR. Valutazione: 10'000 EUR. Risultato: 34'000 EUR.

Lotto 329. Antialkidas Nikephoros, ca. 120 - 100 v. Chr. Tetradrachme im attischen Gewichtsstandard ø 33mm (16,47g). Vs.: Drapierte Panzerbüste mit Diadem und böotischem Helm, verziert mit Stierhörnern und -ohren, n. r. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΝΙΚΗΦΟΡΟΥ ΑΝΤΙΑΛΚΙΔΟΥ, thronender Zeus mit Zepter, auf der R. Nike mit Kranz haltend, l. zu seinen Füßen Elefant mit umgehängter Glocke, r. im Feld Monogramm. HGC 12, 249; Bopearachchi 3A; Mitchiner 2, 270a (2. Illustration = dieses Exemplar).
RR, das dritte bekannte Exemplar! Schöne Tönung, Rs. Korrosionsspuren, ss-vz

Ex Bank Leu Auktion 13, 1975, 331.

Antialcida è l'unico successore di Menandro I a cui sia stata attribuita un'iscrizione. Questa fu incisa su un pilastro di pietra che si può ancora vedere in situ a Vidisa (a nord di Sanchi). Il testo Brahmi scoperto da John H. Marshall nel 1909 dice che il pilastro fu eretto da Eliodoro, figlio di Dione, proveniente da Taxila, in onore del dio indù Vasudeva. Eliodoro era in viaggio come inviato di Antialcida per visitare il re indiano Kasiputra Bhagabhadra (ca. 114-82 a. C.) nel suo 14° anno di regno. Questo fa di Antialcida l'unico re indo-greco per il quale sono attestati contatti diplomatici con la dinastia Shunga.

Antialcida sottolineò l'importanza della sua regalità coniando tetradrammi attici sul modello dei monarchi greco-battriani, il cui impero era decaduto circa un decennio prima della sua ascesa al trono. Sul dritto della serie attuale egli si stilizza come successore di Eucratide I adottando il suo elmo decorato con corna e orecchie di toro. Sono attestati tre esemplari della variante attuale, in cui l'intera legenda del rovescio è disposta ad arco, uno dei quali è conservato nel Cabinet des Médailles (R.3681.190).

apollonia

Link to comment
Share on other sites


14.antialkidas-nikephoros-ca-120-9612030.thumb.jpg.93cb091235c9cf1b20239955e214de1a.jpg

Lotto 331. Antialkidas Nikephoros, ca. 120 - 100 v. Chr. Tetradrachme im indischen Gewichtsstandard ø 26mm (9,82g). Vs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΝΙΚΗΦΟΡΟΥ / ΑΝΤΙΑΛΚΙΔΟΥ, drapierte Büste mit Diadem n. r. Rs.: Maharajasa jayadharasa / Amtialkidasa, Zeus mit Strahlenkrone und Zepter, hinter ihm Elefant mit umgehängter Glocke und Nike mit Kranz auf dem Kopf n. l., l. im Feld Monogramm. HGC 12, 252; Bopearachchi 6A; Mitchiner 2, 273a.
RR! vz

Base d’asta: 2'000 EUR. Valutazione: 2'500 EUR. Risultato: 17'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


15.straton-i-epiphanes-dikaios-soter-9612077.thumb.jpg.510d2effedeb553a7a6105c0ad583579.jpg

Lotto 378. Straton I. Epiphanes Dikaios Soter, ca. 110 - 95 v. Chr. Tetradrachme im indischen Gewichtsstandard ø 29mm (9,76g). Vs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΣΩΤΗΡΟΣ / ΣΤΡΑΤΩΝΟΣ, heroische Büste mit Diadem, Ägis mit Gorgoneion auf der l. Schulter, und Speer, in Rückansicht n. l. Rs.: Maharajasa tratarasa dhramikasa / Stratasa, Athena mit Schild und Blitzbündel n. l., l. unten im Feld Monogramm. HGC 12, 321; Bopearachchi 7A; Mitchiner 2, 314a.
RR! vz-st

Con questo espressivo ritratto al dritto, Stratone I enfatizzò la sua pretesa di essere il legittimo successore di Menandro I, anch'egli spesso raffigurato sulle sue monete come un eroico lanciere con l'egida.

Base d’asta: 8'000 EUR. Valutazione: 10'000 EUR. Risultato: 17'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


16.heliokles-ii-dikaios-ca-100-9612095.thumb.jpg.dd528cd90c6a137a842b30291890855f.jpg

Lotto 396. Heliokles II. Dikaios, ca. 100 - 90 v. Chr. Tetradrachme im indischen Gewichtsstandard ø 27mm (9,74g). Vs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ ΔΙΚΑΙΟΥ / ΗΛΙΟΚΛΕΟΥΣ, heroische Büste mit Diadem, Ägis mit Gorgoneion auf der l. Schulter und Speer in Rückansicht n. l. Rs.: Maharajasa dhramikasa / Heliyakreyasa, Zeus mit Strahlenkrone, geflügeltem Blitzbündel und Zepter, l. unten im Feld Monogramm. HGC 12, 379; Bopearachchi 4A; Mitchiner 2, 291a.
RR! vz-st

Base d’asta: 4'000 EUR. Valutazione: 5'000 EUR. Risultato: 10'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


17.bruttium-9611121.thumb.jpg.b55c14702e09fafb86023b5744705de5.jpg

Lotto 1033. BRUTTIUM  
KROTON. Didrachme ø 21mm (7,55g). ca. 380 - 325 v. Chr. Vs.: ΚΡΟΤΟΝΙΑ-ΤΑΣ, Kopf des Apoll mit Lorbeerkranz n. r. Rs.: Der Heraklesknabe erwürgt die von Hera gesandten Schlangen. Attianese, Kroton 163; SNG ANS 386 (Rs. stgl.); SNG München 1460; HN Italy 2157; Franke-Hirmer 271; HGC 1, 1462.
Guter Stil! Leichte Tönung, ss-vz

Dal punto di vista iconografico, il motivo del rovescio è inizialmente basato sulle monete a simmetria delle città dell'Asia Minore di Efeso, Bisanzio, Cizico, Samo, Cnido e Iasos della fine del V e dell'inizio del IV secolo a.C. Un'analisi più attenta, tuttavia, rivela chiare differenze stilistiche e compositive. Mentre l'immagine sulla moneta dell'Asia Minore mostra il ragazzo Eracle ripiegato su sè stesso, relativamente passivo, con le braccia circondate da serpenti, l'opera crotoniate acquista chiaramente profondità grazie alla gamba destra piegata in avanti. Il dinamismo dell'azione e la forza dell'eroe bambino sono enfatizzati dal fatto che l'eroe guarda coraggiosamente negli occhi uno dei serpenti che lo attaccano e li afferra entrambi "per il colletto" allo stesso tempo, allontanando i loro corpi con le braccia potenti. Questi progressi compositivi non esprimono solo una diversa mano artistica, ma probabilmente anche una differenza temporale, confermata anche dal fronte evidentemente più tardo dal punto di vista stilistico. Un collegamento cronologico diretto con la monetazione dell'Asia Minore è quindi improbabile.

Base d’asta: 1'600 EUR. Valutazione: 2'000 EUR. Risultato: 13'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


18.sizilien-9611124.thumb.jpg.ff501fb6e72b3d7fbcda575f2805b6ba.jpg

Lotto 1036. SIZILIEN AKRAGAS. Tetradrachme ø 26mm (16,66g). ca. 409 - 406 v. Chr. Vs.: Von Nike gelenkte Quadriga n. l. Darüber Weinrebe. Im Abschnitt ΑΚΡΑΓΑΝΤΙ/[ΝΟΝ]. Rs.: Zwei Adler n. l. kröpfen einen auf einem Felsen auf dem Rücken liegenden Hasen. Auf dem Rücken des vorderen Adlers der nach rechts gewandte Kopf eines jugendlichen Flussgottes. Oben links ΣΤΡΑΤΩΝ. Westermark, Akragas 589 (O 6 / R 7); Dewing 564 (stgl.); Jameson 511 (stgl.); BMC 58 (stgl.).
RR! Mit Signatur des Stempelschneiders Straton.
Feine Reinigungskratzer, leichte Tönung, vz

Base d’asta: 12'000 EUR. Valutazione: 15'000 EUR. Risultato: 19'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


19.makedonien-9611248.webp.7ce4f4b89afda58866613d7bad00b316.webp

Lotto 1160. MAKEDONIEN "LETE". Stater ø 20mm (9,76g). 525 - 480 v. Chr. Vs.: Ithyphallischer Satyr ergreift mit seiner Rechten eine widerstrebende Nymphe am r. Handgelenk, die n. r. entfliehen will, im Feld oben l. u. r. Kugeln. Rs.: Durch zwei Diagonalen viergeteiltes Quadratum Incusum mit unregelmäßigen Feldern. Svoronos, Hell. Prim. Taf. VII, 27 (stgl.); Traité I, 1566 und Taf. L, 5; AMNG Taf. XIV, 31.
RR! Äußerst feines, perfekt zentriertes Exemplar! Leichte matte Tönung, vz
 

Base d’asta: 8'000 EUR. Valutazione: 10'000 EUR. Risultato: 9'000 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


Statere di Alessandro Magno ritirato dall’asta

20.makedonische-konige-9611253.webp.6b612390887824b525ec84585d000726.webp

Lotto 1165. Base d’asta: 2'000 EUR. Valutazione: 2'500 EUR. WITHDRAWN

La descrizione l’ho tratta dal catalogo

20.gornystaterewithdrawn.thumb.jpg.41f08dd40d3667210bc8272e64ceae06.jpg

L’asta non mi ha smentito...

 

apollonia

Link to comment
Share on other sites


21.makedonische-konige-9611254.webp.9f297e92d6de5e60b0a98ae67021e9f9.webp

Lotto 1166. MAKEDONISCHE KÖNIGE  
Alexander III. der Große, 336 - 323 v. Chr. Stater ø 19mm (8,46g). 250 - 200 v. Chr. Mzst. incert am Schwarzen Meer. Vs.: Kopf der Athena mit korinthischem Helm n. r. Rs.: ΑΛΕΞΑΝΔΡΟΥ, Nike mit Kranz u. Stylis stehend n. l., davor zwei Monogramme. Price 1314 (stgl.); Müller ­ (780 Var.).
Gold! Wunderschönes Exemplar! Leichter Stempelglanzschimmer, vz-st

Erworben von Münzhandlung Robert Ball Nachf., Berlin, vor 1941.

Base d’asta: 2'400 EUR. Valutazione: 3'000 EUR. Risultato: 6'500 EUR.

apollonia

Link to comment
Share on other sites


22.attika-9611291.webp.614c2066ff436795e5b5243822411b4c.webp

Lotto 1203. ATTIKA  
Tetradrachme ø 21mm (17,05g). ca. 500/490 - 485/0 v. Chr. Vs.: Kopf der Athena mit attischen Helm mit Helmbusch n. r. Rs.: ΑΘΕ, Eule im Quadratum Incusum n. r. stehend, l. oben Ölbaumzweig. Starr Group Gi; Flament Groupe G; HGC 4, 1590.
Archaischer Stil! Vs. gut zentriert mit komplettem Helmbusch, Tönung, feine Reinigungskratzer, fast vz.

Base d’asta: 1'200 EUR. Valutazione: 1'500 EUR. Risultato: 8'500 EUR.

apollonia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


23.nordliche-levante-9611406.webp.1affedb6da155e68be3259c769e67e22.webp

Base d’asta: 12'000 EUR. Valutazione: 15'000 EUR. Risultato: 12'000 EUR

Lotto 1318. NÖRDLICHE LEVANTE  
SELEUKIDEN. Seleukos I. Nikator, 312 - 281 v. Chr. Tetradrachme ø 25mm (17,14g). ca. 305/4 - 295 v. Chr. Mzst. Susa. Vs.: Kopf Alexanders oder Seleukos I. mit Helm n. r., letzterer überzogen mit Leopardenfell u. verziert mit Stierhörnern u. -ohren, um den Hals geknotetes Leopardenfell. Rs.: ΒΑΣΙΛΕΩΣ / ΣΕΛΕΥΚΟΥ, Nike n. r. ein Tropaion bekränzend, l. unten im Feld AP, unten zwischen Nike u. Tropaion Monogramm. SC 173.15; Newell, ESM TR.106; HGC 9, 20.
vz-st

apollonia

Link to comment
Share on other sites


 

24.zeugitania-9611458.webp.cd9a1cd771b57c655e0d9625692df813.webp

Lotto 1370. ZEUGITANIA KARTHAGO. Stater ø 19mm (9,20g). ca. 350 - 320 v. Chr. Vs.: Kopf der Tanit mit Ährenkranz, Ohrring u. Halscollier n. l. Rs.: Pferd n. r. stehend, davor drei Kugeln. Jenkins-Lewis Gruppe III h, 77 (Rs. stgl.); CNP 1.5 f.
Gold! Breiter Schrötling! Stempelfrisch!

Base d’asta: 6'400 EUR. Valutazione: 8'000 EUR. Risultato: 14'000 EUR.    

apollonia       

Link to comment
Share on other sites


25.ionien-9611349.webp.490a0250c1f542f3efb7a0bb71989832.webp

Lotto 1261. IONIEN MILET. Elektron-Stater ø 21mm (13,96g). 1. Drittel 6. Jh. v. Chr. Vs.: Löwe mit zurückgewandtem Kopf n. l. lagernd in Doppelrechteck. Rs.: Drei Incusa, im mittleren Fuchs u. diagonaler Strich, in den seitlichen Fünfpunktkreuz u. Hirschkopf. Weidauer 126; Hilbert 98 S35.2 (A18 / X­F12­Hk2) (dieses Exemplar!).
Elektron! Gut zentriert, Rs. aus verbrauchten Stempeln, ss
Ex Asta Aufhäuser 9, Monaco 1992, lotto 129.

La "monetazione di elettro di Mileto" è stata recentemente analizzata in modo esaustivo nell'innovativa pubblicazione di R. Hilbert. Una delle caratteristiche notevoli di questa moneta è l'elaborato disegno del rovescio che è decorato con tre punzoni coniati successivamente che rivelano già una chiara intenzione di creare un disegno pittorico sul rovescio. Questa caratteristica distingue la moneta di Mileto dai prodotti di altre zecche che di solito utilizzano solo punzoni di rovescio semplici o grossolanamente geometrici, e si rivela estremamente innovativa. Tuttavia, il sistema a tre punzoni non prese piede e fu successivamente sostituito da punzoni di rovescio più grandi e infine da grandi matrici di rovescio.
Ex Aufhäuser Auktion 9, München 1992, Los 129.

Base d’asta: 4'000 EUR. Valutazione: 5'000 EUR. Risultato: 11'000 EUR.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.