Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Francescoadamo

Cosa posso fare...??

Risposte migliori

Francescoadamo

Ritrovamento antica villa romana ignorata dalla soprintendenza....

Mentre camminavo su un "feudo" fra i campi agricoli della periferia della mia città (per la privacy dico solo che è in provincia di Trapani), davanti i miei occhi sono venuti alla luci migliaia (senza esagerazione) di resti di una costruzione molto antica (fra i resti si potevano vedere colonne fracassate, vasi a pittura nera o solo in terracotta, qualche lucerna rotta e resti delle fondamenta). Documendandomi su questa zona, ho scoperto che in effetti negli anni '60 lì fu scoperta una villa romana!! adesso (a causa della troppa "cafonaggine" degli agricoltori, cafonaggine perchè per coltivare hanno occupato l'area dove risiedeva la villa, e soprattutto per il troppo strafreghismo degli enti locali, la villa, o per lo meno i resti, sono stati quasi completamenti distrutti!!)

Cosa posso fare per evitare che ciò possa succedere?? avevo pensato di fare qualche foto e pubblicarla sul settimanale della mia città oppure denunciare l'accaduto alla soprintendenza per così farla pagari a quegli agricoltori che hanno distrutto qualcosa di veramente prezioso...però ho pensato " qua in Sicilia anche se dununcio ciò, purtroppo, non viene visto come qualcosa d'importante e quindi se verrà tutelato accadrà fra qualche anno...e invece no, qui ci vuole una smossa immediata!!!!"

Cosa mi consigliate di fare?

...a presto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko
Ritrovamento antica villa romana ignorata dalla soprintendenza....

Mentre camminavo su un "feudo" fra i campi agricoli della periferia della mia città (per la privacy dico solo che è in provincia di Trapani), davanti i miei occhi sono venuti alla luci migliaia (senza esagerazione) di resti di una costruzione molto antica (fra i resti si potevano vedere colonne fracassate, vasi a pittura nera o solo in terracotta, qualche lucerna rotta e resti delle fondamenta). Documendandomi su questa zona, ho scoperto che in effetti negli anni '60 lì fu scoperta una villa romana!! adesso (a causa della troppa "cafonaggine" degli agricoltori, cafonaggine perchè per coltivare hanno occupato l'area dove risiedeva la villa, e soprattutto per il troppo strafreghismo degli enti locali, la villa, o per lo meno i resti, sono stati quasi completamenti distrutti!!)

Cosa posso fare per evitare che ciò possa succedere?? avevo pensato di fare qualche foto e pubblicarla sul settimanale della mia città oppure denunciare l'accaduto alla soprintendenza per così farla pagari a quegli agricoltori che hanno distrutto qualcosa di veramente prezioso...però ho pensato " qua in Sicilia anche se dununcio ciò, purtroppo, non viene visto come qualcosa d'importante e quindi se verrà tutelato accadrà fra qualche anno...e invece no, qui ci vuole una smossa immediata!!!!"

Cosa mi consigliate di fare?

...a presto!

241361[/snapback]

io ti direi lo stesso, di denunciarli :angry:

Modificato da centurioneamico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

akhenaten

Allerta la Soprintendenza; i funzionari dovrebbe intervenire abbastanza velocemente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bavastro

la tv satirica ci va a nozze.

Perchè non provare con s.o.s.gabibbo?

dovrebbero avere tempi più rapidi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Francescoadamo

Allora...se avverto la soprintendenza i lavori di sicuro inizieranno il prossimo anno ( e poi la soprintendenza lo sa dell'esistenza di questa villa); se invece avverto s.o.s. gabibbo lo saprà tutta la mia città dell'esistenza di questo sito; questo comporterebbe l'entrata in gioco dei tombaroli o dei cacciatori di reliquie che "pulirebbero" tutto rinvendendo all'asta (anche su ebay) i pezzi più pregiati!!!

comunque grazie...ma qualcuno ha altre idee?

..a presto!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

Strano che nessuno abbia pensato di avvisare i Carabinieri.

Questi potrebbero interessare immediatamente il nucleo speciale di Roma ed avere istruxioni per la messa in sicurezza del sito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dott. Gordon Freeman

non e' la prima ne l'ultima di villa romana abbandonata,ne ho viste a decine, qualcuna con i ruderi intatti, qualcuna senza,e il bello che ci fanno anche costruire case sopra o sono dei campi quali piantano varie culture agricole coprendo tutto, ma nessuno fa niente, scavare costa troppo penso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Antonio VIII

Che dolore queste esperienze. Sentirsi cosi impotenti mi fa stare solo male!

Ciao Antonio VIII

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sognoadocchiaperti

...è drammatico,ma è così in tutta Italia. Che fare? Difficile dirlo,anche perchè,forse,rischieresti a tua volta una denuncia. Sì,perchè,per tua stessa ammissione,ti trovi in un "feudo",quindi immagino una proprietà privata,in cui magari ti trovavi senza esserene autorizzato. Ma,chissà,magari non è così,non sono un esperto in materia. Di sicuro non si possono lasciare le cose come stanno.

Italia Nostra,o associazioni del genere? Forse è la soluzione migliore. In fondo sono sorte per la tutela del nostro patrimonio.

Qualcosa dovrebbero fare,senza neanche nominarti,così saresti esente da ogni possibile "rischio". Il mio è solo un suggerimeno,magari altri avranno idee migliori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

akhenaten
Allora...se avverto la soprintendenza i lavori di sicuro inizieranno il prossimo anno ( e poi la soprintendenza lo sa dell'esistenza di questa villa); se invece avverto s.o.s. gabibbo lo saprà tutta la mia città dell'esistenza di questo sito; questo comporterebbe l'entrata in gioco dei tombaroli o dei cacciatori di reliquie che "pulirebbero" tutto rinvendendo all'asta (anche su ebay) i pezzi più pregiati!!!

comunque grazie...ma qualcuno ha altre idee?

..a presto!!!

241552[/snapback]

I lavori [di scavo] potrebbero non iniziare mai, i soldi languono [come sempre e ovunque], ma almeno la Soprintendenza viene allertata che il sito è accessibile e devastato; mi spiace, ma, oltre ai carabinieri del nucleo speciale, è l'ente competente per questo genere di cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

commodo

Contatta qualcuno di questi nominativi e datevi da fare per salvare il salvabile

http://www.regione.sicilia.it/benicultural...ze/trapani.html

E per la serie......NON C'E' LIMITE AL PEGGIO

Sicilia, discarica di amianto in sito archeologico

Trovato tra i resti delle "Mura Dionigiane" a Siracusa, realizzate dal tiranno Dionisio I nel V secolo, per difendere

dai nemici cartaginesi....... [fonte TGCom]

si guarda il buchino e si trascura la falla

Modificato da commodo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Antonio VIII

Leggete un po' qua:

Sicilia, discarica di amianto in sito archeologico

Trovato tra i resti delle "Mura Dionigiane" a Siracusa, realizzate dal tiranno Dionisio I nel V secolo, per difendere dai nemici cartaginesi.

La polizia ha sequestrato a Siracusa un'area di 60mila metri quadri adibita abusivamente a discarica di rifiuti speciali nel rione Mazzarrona, in un'area di interesse archeologico: sotto i detriti vi sono infatti i resti delle "Mura Dionigiane", realizzate dal tiranno Dionisio I nel V secolo, per difendere Siracusa dai nemici cartaginesi. Nella discarica gli agenti hanno trovato amianto, vetro, plastica e imballaggi.

I rifiuti compattati e livellati, alcuni dei quali erano provenienti da demolizioni e sbancamenti, hanno annullato una depressione naturale del terreno di circa 3 metri.

Saluti Antonio VIII

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

alexfaggiani

anche vicino al mio paese esiste un sito chiamato Valesio(Valentium,Balesio..) un'antica città prima messapica e poi romana.

situata a metà strada tra Brundusium(Brendon) e Lupiae(Lecce).

Era stata presa in considerazione dall'universita Libera di Amsterdam e dopo essere stata depredata da chiunque è stata lasciata a se.

Ecco:

Valesio, dai Torchiarolesi chiamata "Valisu" come la zona in cui si trovano i suoi resti, fu un importante centro prima messapico (le ceramiche più antiche rinvenute risalgono alla prima metà dell'VIII sec. a. C.) e poi romano. Dopo Egnazia è la più importante area archeologica della provincia. All'inizio dell'epoca imperiale romana la città venne chiamata Aletia dal geografo greco Strabone; gli scrittori latini la chiamavano Valetium o Balesium; nel IV secolo, nella famosa carta stradale "Tabula Peutingeriana", venne indicata come Balentium; nel 1100, poco prima della sua distruzione, Valentium. Antonio de Ferrariis, detto il Galateo dalla città d'origine (Galàtone), che nel 1511 abitava presso Trepuzzi, scrisse: "Sulla strada campestre che va da Brindisi a Lecce è situata Balesus, che è andata completamente distrutta". Era attraversata dalla via Traiana-Càlabra e da un torrente. Al tempo di Costantino I il Grande (280-337), Valesio divenne stazione viaria del servizio postale imperiale: situata com'è a metà distanza tra Brindisi e Lecce, fu sede di mutatio (posto di cambio di cavalli o di muli) e fornita di servizi tra i quali un complesso termale. Nell'ultimo tratto della via Traiana, solo Brindisi, Lecce e Otranto erano fornite di alberghi (mansiones), e la distanza tra Brindisi e Otranto era coperta in due giornate: i viaggiatori passavano una notte a Lecce (Lupiae), mentre le cavalcature venivano cambiate alla mutatio Valentia (Valesio) e alla mutatio Ad duodecimum, a metà strada tra Lecce e Otranto.

Ecco dov'è situato:

viatraianain2.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

niko
Ritrovamento antica villa romana ignorata dalla soprintendenza....

Mentre camminavo su un "feudo" fra i campi agricoli della periferia della mia città (per la privacy dico solo che è in provincia di Trapani), davanti i miei occhi sono venuti alla luci migliaia (senza esagerazione) di resti di una costruzione molto antica (fra i resti si potevano vedere colonne fracassate, vasi a pittura nera o solo in terracotta, qualche lucerna rotta e resti delle fondamenta). Documendandomi su questa zona, ho scoperto che in effetti negli anni '60 lì fu scoperta una villa romana!! adesso (a causa della troppa "cafonaggine" degli agricoltori, cafonaggine perchè per coltivare hanno occupato l'area dove risiedeva la villa, e soprattutto per il troppo strafreghismo degli enti locali, la villa, o per lo meno i resti, sono stati quasi completamenti distrutti!!)

Cosa posso fare per evitare che ciò possa succedere?? avevo pensato di fare qualche foto e pubblicarla sul settimanale della mia città oppure denunciare l'accaduto alla soprintendenza per così farla pagari a quegli agricoltori che hanno distrutto qualcosa di veramente prezioso...però ho pensato " qua in Sicilia anche se dununcio ciò, purtroppo, non viene visto come qualcosa d'importante e quindi se verrà tutelato accadrà fra qualche anno...e invece no, qui ci vuole una smossa immediata!!!!"

Cosa mi consigliate di fare?

...a presto!

241361[/snapback]

io ti direi lo stesso, di denunciarli :angry:

241366[/snapback]

mi scuso per il mio intervento ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla

Purtroppo in Italia ci sono ville romane "declassate" perchè già scavate o parzialmente scavate, che vengono cosi chiamate perchè lasciate al loro destino essendo strutture non degne di essere portate alla luce, anche perchè in Italia ce ne sono tante.

Quindi vengono arate tutti gli anni e nessuno ci farà niente, anche perchè mancano i fondi per gli scavi e vengono usati per cose più importanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

odjob

Ciao io ti consiglio di denunciare il ritrovamento di questo sito alla Soprintendenza, ai Carabinieri,ai Mass Media.

Se il sito è recintato,potresti incorrere a tua volta in una denuncia da parte del proprietario del terreno,per violazione di proprietà;e per non incappare in questa problematica devi studiare come fare,magari consultando uno studio legale o uno studio tecnico.Se il sito non è recintato,ritengo che non vi possano essere grandi problemi.

Probabilmente la Soprintendenza non ha soldi per compiere gli scavi e per studiare la zona,e si limiterà a recintare la zona e resterà in attesa che lo stato assegni prossimi stanziamenti per le ricerche e gli scavi in quella zona,ammesso che vi sia ,poi,qualche solerte funzionario che sia intenzionato a compiere studi e ricerche nel sito da te segnalato.

Per il discorso tombaroli,ti dico che il rischio è molto alto,soprattutto se denunci l'esistenza del sito ai Mass Media.

Ci vorrebbe ,poi,un custode ,o dei custodi ,che garantissero con onestà la vigilanza del sito archeologico e ciò è più facile a parlarne che a farlo.

Ci vorrebbe uno Sponsor o più Sponsor che finanziassero tramite la Soprintendenza gli scavi ed anche quì è più facile a parlarne che a farsi.

Comunque tu devi denunciare questo sito,senonaltro per evitare che vi costruiscano o che i contadini,arando,distruggano gli oggetti antichi.

Io proverò a chiedere consigli al Soprintendente della mia zona ,e se avrò notizie utili ,le posterò quì.Tu,comunque ,non perdere tempo e datti da fare.

--Salutoni

-ODJOB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

SporaN27

qui in calabria siamo avanti..qui si ritrovano templi e si pensa bene a costruirvi di sopra vendendo pezzi di colonne ai villaggi turistici..meno male che i carabinieri se ne sono accorti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Francescoadamo

no il terreno non è affatto recitanto...e poi...la maggior parte degli oggetti antichi purtroppo sono stati distrutti (colonne, mosaici, vasi, lucerne e oggetti vari.)!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

iacchetti
la tv satirica ci va a nozze.

Perchè non provare con s.o.s.gabibbo?

dovrebbero avere tempi più rapidi.

241527[/snapback]

Secondo mè quella di bavastro è una buona idea, anche perchè credo dopo una denuncia televisiva si dovranno muovere subito prendendo dei provvedimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cuti87

è una vergogna, dovremmo essere fieri di ogni singolo pezzo di età romana, fa parte anche lui della nostra storia!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Denuncia il ritrovamento, o alla Soprintendenza o ai Carabinieri, non temere nella denuncia da parte del proprietario, se non c'è recinzione, (stavi facendo una passeggiata). Dopo la denuncia si muoverà qualcosa, almeno per stabilire se il sito è interessante o meno (per loro).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×