Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
avgvstvs

SR?

Risposte migliori

rigo

Credo significhi semplicemente:

SR - SENATUS ROMANUS

Indicando che il controllo del conio per la colonia di Antiochia spettava al senato romano.

:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rigo

A conferma di quanto detto sopra, ti riporto la seguente citazione:

Antiocheia, quasi-autonomous and Colonial, ... from Septimius Severus onwards occur the letters SR, at first only on sestertii, from Gordian on all coins, indicating control of the coinage by the Roman Senate.

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

avgvstvs
A conferma di quanto detto sopra, ti riporto la seguente citazione:
Antiocheia, quasi-autonomous and Colonial, ... from Septimius Severus onwards occur the letters SR, at first only on sestertii, from Gordian on all coins, indicating control of the coinage by the Roman Senate.

;)

242969[/snapback]

Grazie rigo :)

Immaginavo un significato del genere, ma me ne sfuggiva il senso: in un altro caso che ritengo significativo (sempre Antiochia, ma mentre prima era di Pisidia questa volta e' ad Orontem), infatti, le emissioni senatoriali hanno il classico "SC" che compare dalle monete di Augusto

http://www.coinarchives.com/a/lotviewer.ph...ID=210&Lot=1838

ma, curiosamente, continua ad essere riproposto nei secoli anche quando il resto dell'iscrizione e' greca:

http://www.coinarchives.com/a/lotviewer.ph...cID=188&Lot=565

quasi come se fosse diventato un "logo" vero e proprio.

Mi chiedevo se fosse noto il motivo di tale scelta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

tacrolimus2000
Mi chiedevo se fosse noto il motivo di tale scelta.

242982[/snapback]

Il significato delle leggere SC sulle emissioni siriane romane è tutt'altro che chiaro. La Siria era una provincia imperiale, non senatoria, e non è immediato capire che tipo di intervento potesse esercitare il Senato sulle emissioni locali in bronzo (ed in seguito anche su quelle in argento).

Secondo Burnett le lettere SC indicano ".... che Augusto usò uno o più decreti del senato per regolarizzare le emissioni in Siria".

L'argomento è trattato anche da K. Butcher in "Coinage in Roman Syria" pp 235-6.

Se ti interessa posso inviartene copia in privato.

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×