Jump to content
IGNORED

P. & P. Santamaria


BiondoFlavio82
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti. Vorrei porre un problema ai forensi più anziani (senza offesa).

Tempo fa, nella biblioteca numismatica di Palazzo Massimo (su agli uffici, purtroppo difficilmente accessibile al pubblico) notai alcuni volumi che sul dorso riportavano l’iscrizione “Monete romane/ collezione Santamaria”. Una mia collega asserì che quello doveva essere (non era certa ma le sembrava di ricordare) il catalogo della collezione di monete romane Santamaria.

Quando ho cominciato ad acquistare monete, della celebre numismatica P.&P.Santamaria non restava che il nome; io non ho mai avuto modo di parlare con uno degli antiquari che nel corso delle generazioni si sono succeduti alla guida della celebre ditta; vorrei chiedervi, quindi, se vi risulta una qualche collezione Santamaria (di monete romane).

Vorrei aggiungere un particolare. Nel 2004 (o giù di lì) fu venduto dalla Sotheby’s lo stock della ditta romana: potrebbe esservi qualche legame tra le due cose..?

Buona estate a tutti.

Link to comment
Share on other sites


A questo link e nei messaggi successivi potresti trovare qualche informazione interessante. A quanto ho capito una collezione Santamaria di monete papali esisteva eccome, e fu venduta all'asta da Montenapoleone; probabilmente la stessa cosa accadde se esisteva anche la collezione di monete romane. Forse l'amico Maffeo, che è un grande collezionista di papali e conosceva personalmente almeno uno dei Santamaria, potrebbe darci qualche informazione in più.

Ciao, P. :)

Link to comment
Share on other sites


Conobbi, alla fine degli anni '70, Livio ed Ernesto Santamaria, ultimi rappresentanti di una delle dinastie piu' illustri dei numismatici professionisti italiani.

Visitare il loro studio (non era un negozio) e' stato emozionante anche perche' all'epoca ero appena un ragazzo. Non mi ricordo piu' chi mi introdusse presso di loro, parlammo soprattutto di libri e non vidi nemmeno una moneta. D'altra parte non me le sarei potute permettere a quell'eta'. Frequentai il loro atelier per un po' di tempo e acquistai diversi libri e cataloghi di aste passate. Avevano delle pubblicazioni bellissime e loro stessi erano editori di diversi libri oltre che di una famosa rivista "Numismatica" ancora oggi abbastanza ricercata per diversi articoli.

Santamaria sono stati tra i numismatici piu' importanti d'Italia ed ebbero anche diversi rapporti con la casa Reale. Hanno organizzato vendite (quando ancora si poteva liberamente anche menzionare il nome del proprietario - oggi un anatema..) di molte collezioni importnati, Vaccari, Gusberti, Signorelli, Bizzarri, Curatolo, Cora, e le super-importanti Ruchat (4 volumi) , e Magnaguti (9 volumi)sono alcune delle famose vendite i cui cataloghi sono ancora oggi ricercatissimi.

Ho anche il catalogo della bellissima raccolta di monete papali della Montenapoleone (troppo giovane e spiantato per parteciparvi purtroppo - alcuni esemplari non li avremmo piu' rivisti). Non conosco un catalogo della raccolta di romane di proprieta' Santamaria, ma non essendo uno specialista di romane non escludo che una raccolta possa esserci stata e venduta. Molte sono invece le collezioni di monete romane vendute da Santamaria come casa d'aste.

numa numa

Link to comment
Share on other sites


Conobbi, alla fine degli anni '70, Livio ed Ernesto Santamaria, ultimi rappresentanti di una delle dinastie piu' illustri dei numismatici professionisti italiani.

Visitare il loro studio (non era un negozio) e' stato emozionante anche perche' all'epoca ero appena un ragazzo. Non mi ricordo piu' chi mi introdusse presso di loro, parlammo soprattutto di libri e non vidi nemmeno una moneta. D'altra parte non me le sarei potute permettere a quell'eta'. Frequentai il loro atelier per un po' di tempo e acquistai diversi libri e cataloghi di aste passate. Avevano delle pubblicazioni bellissime e loro stessi erano editori di diversi libri oltre che di una famosa rivista "Numismatica" ancora oggi abbastanza ricercata per diversi articoli.

Santamaria sono stati tra i numismatici piu' importanti d'Italia ed ebbero anche diversi rapporti con la casa Reale. Hanno organizzato vendite (quando ancora si poteva liberamente anche menzionare il nome del proprietario - oggi un anatema..) di molte collezioni importnati, Vaccari, Gusberti, Signorelli, Bizzarri, Curatolo, Cora, e le super-importanti Ruchat (4 volumi) , e  Magnaguti (9 volumi)sono alcune delle famose vendite i cui cataloghi sono ancora oggi ricercatissimi.

Ho anche il catalogo della bellissima raccolta di monete papali della Montenapoleone (troppo giovane e spiantato per parteciparvi purtroppo - alcuni esemplari non li avremmo piu' rivisti). Non conosco un catalogo della raccolta di romane di proprieta' Santamaria, ma non essendo uno specialista di romane non escludo che una raccolta possa esserci stata e venduta. Molte sono invece le collezioni di monete romane vendute da Santamaria come casa d'aste.

numa numa

254147[/snapback]

Ciao Numa, condivido pienamente quanto tu dici; ho anche avuto modo di consultare molti loro cataloghi d’asta ma proprio per questo fui colpito nel vedere dei volumi indicare “Monete romane/Collezione Santamaria”. Escluderei che possa trattarsi di una delle vendite della ditta.

(Spero che il signor Maffeo possa portarci qualche lume)

Io ho un pregevole sesterzio di Marco Aurelio venduto all’asta della Sotheby’s (il numismatico da cui l’ho acquistato è attualmente il maggiore della capitale e possiamo essere certi di quanto dichiarato): per me è già molto piacevole pensare che quella moneta provenga dallo stock della Santamaria, se provenisse da una loro eventuale collezione sarebbe ancor meglio.

Forse qualche volta mi deciderò a postare le immagini, per ora preferisco astenermi: il mio scanner ottiene pessimi risultati sul bronzo, ne altera i colori e non risalta il rilievo dell’effigie. Tanto per curiosità, la moneta è quella rappresentata nel mio avatar: dalla piccola foto, piuttosto distorta e con i colori “avariati”, non pare un gran pezzo.

Link to comment
Share on other sites


  • 2 weeks later...
  • 2 weeks later...
  • 2 years later...

Salve a tutti. Vorrei porre un problema ai forensi più anziani (senza offesa).

Tempo fa, nella biblioteca numismatica di Palazzo Massimo (su agli uffici, purtroppo difficilmente accessibile al pubblico) notai alcuni volumi che sul dorso riportavano l’iscrizione “Monete romane/ collezione Santamaria”. Una mia collega asserì che quello doveva essere (non era certa ma le sembrava di ricordare) il catalogo della collezione di monete romane Santamaria.

Quando ho cominciato ad acquistare monete, della celebre numismatica P.&P.Santamaria non restava che il nome; io non ho mai avuto modo di parlare con uno degli antiquari che nel corso delle generazioni si sono succeduti alla guida della celebre ditta; vorrei chiedervi, quindi, se vi risulta una qualche collezione Santamaria (di monete romane).

Vorrei aggiungere un particolare. Nel 2004 (o giù di lì) fu venduto dalla Sotheby’s lo stock della ditta romana: potrebbe esservi qualche legame tra le due cose..?

Buona estate a tutti.

Ti informo che la vendita fatta dalla Sothey's era la parte maggiore delle monete della ditta santamaria se ti interessa pui chiedermi in privato quello che vuoi

Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...
  • 2 months later...
Guest utente3487

Non so se siete ancora interessati a mio padtre Livio Santamaria ma se lo siete posso aiutarvi rispondendo alle vostre domande

Intanto benvenuta.....ho conosciuto per lavoro suo padre nel 2001....Mi raccontò un po' di cose sulle prove e progetti di monete della zecca, (io allora indagavo sulla illecita produzione e fuoriuscita di monete dal nostro stabilimento monetario), ma materiale ahimè non ricordava di averne. In questo campo la ricerca documentale è fondamentale. Lei per caso ha ancora qualcosa?

Link to comment
Share on other sites

Buonasera

non so se Lei è quella bella e simpatica ragazza (sicuramente allora la più gentile presenza - almeno per me - del mondo numismatico che offriva solo burberi e seriosi signori con poca pazienza per i ragazzini alle prime armi..) che , un pò di anni fa, mi accolse, anch'io più o meno suo coetaneo, dall'alto delle lunghissime scale che conducevano agli uffici della ditta nella strica sede di Piazza di Spagna.

Mi ricordo le scale, il Sig Paolo, alto e distinto , il bellissimo salone che affacciava sulla piazza e una copia eccezionale del Corpus ricevuta, se ricordo bene direttamente dal Re (ora al MNR ?) rilegata in velloe Livio che mi illustrava le meraviglie fotografiche greche , inarrivabili, del Franke e Hirmer.

Un sapore di una Roma numismatica, assieme alle ditte storiche di Baranowski, De Nicola e Fallani, che purtroppo non c'è più .

Un mercato allora fiorente e ditte storiche che avevano fatto una bella fetta della storia numismatica italiana.

La rivista stessa della ditta, edita in due serie successive e distinte, è di grande importanza per la cultura numismatica di quegli anni.

Peccato che questo pezzo di storia numismatica non esista più (al pari di grandi ditte che, per i più svariati motivi o semplicemente per un' evoluzione organica, hanno chiuso i battenti (Muenzen und Medaillen, Bank Leu, Sternberg, Hess, Spink, SEaby, Stack's etc.) . Ma oltre le ditte sono importanti le persone e queste per fortuna rimangono, sia quelle passate, nei nostri ricordi, sia quell nuove, nelle nostre relazioni.

Benvenuta Flavia :)

Link to comment
Share on other sites


  • 8 months later...

Buonasera

non so se Lei è quella bella e simpatica ragazza (sicuramente allora la più gentile presenza - almeno per me - del mondo numismatico che offriva solo burberi e seriosi signori con poca pazienza per i ragazzini alle prime armi..) che , un pò di anni fa, mi accolse, anch'io più o meno suo coetaneo, dall'alto delle lunghissime scale che conducevano agli uffici della ditta nella strica sede di Piazza di Spagna.

Mi ricordo le scale, il Sig Paolo, alto e distinto , il bellissimo salone che affacciava sulla piazza e una copia eccezionale del Corpus ricevuta, se ricordo bene direttamente dal Re (ora al MNR ?) rilegata in velloe Livio che mi illustrava le meraviglie fotografiche greche , inarrivabili, del Franke e Hirmer.

Un sapore di una Roma numismatica, assieme alle ditte storiche di Baranowski, De Nicola e Fallani, che purtroppo non c'è più .

Un mercato allora fiorente e ditte storiche che avevano fatto una bella fetta della storia numismatica italiana.

La rivista stessa della ditta, edita in due serie successive e distinte, è di grande importanza per la cultura numismatica di quegli anni.

Peccato che questo pezzo di storia numismatica non esista più (al pari di grandi ditte che, per i più svariati motivi o semplicemente per un' evoluzione organica, hanno chiuso i battenti (Muenzen und Medaillen, Bank Leu, Sternberg, Hess, Spink, SEaby, Stack's etc.) . Ma oltre le ditte sono importanti le persone e queste per fortuna rimangono, sia quelle passate, nei nostri ricordi, sia quell nuove, nelle nostre relazioni.

Benvenuta Flavia smile.gif

Link to comment
Share on other sites


  • 3 years later...

Buona sera, scusate se riprendo questa vecchissima discussione. Al recente convegno NIP di Roma ho avuto modo di vedere una denario romano repubblicano, che riportava sul cartellino la dicitura "Ex-Santamaria" e, in allegato, il cartellino di cui posto la foto. Pensate possa trattarsi di una moneta proveniente da questa collezione?

post-26929-0-91220000-1437769641_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...
Il 25/9/2011 at 08:43, Guest utente3487 dice:

Intanto benvenuta.....ho conosciuto per lavoro suo padre nel 2001....Mi raccontò un po' di cose sulle prove e progetti di monete della zecca, (io allora indagavo sulla illecita produzione e fuoriuscita di monete dal nostro stabilimento monetario), ma materiale ahimè non ricordava di averne. In questo campo la ricerca documentale è fondamentale. Lei per caso ha ancora qualcosa?

Buona sera!

io sono Patrizia la terza figlia di Livio Santamaria e purtroppo di numismatica capisco ben poco. Ho solo potuto apprezzare le meraviglie che passavano sotto i miei occhi di bambina prima e di adulta poi.

Mi lusinga e riempie il cuore di gioia leggere tutti i messaggi che vi siete scambiati riguardo a mio padre ed a mio zio Ernesto.

Purtroppo papà è venuto a mancare il 5 maggio 2015, quindi quasi  due anni fa, alla veneranda età di 89 anni. Ha lavorato fino ad una settimana prima che il buon Dio lo chiamasse a se, per insegnare un po' di numismatica agli Angeli ed ai Santi del Paradiso...così mi piace pensarlo.

mia sorella Laura (la secondogenita) lavorava con papà e zio e si, era molto gentile a differenza dei ben noti s tutti caratteri burberi dei Santamaria!😂😂😂

Comunque lei di sicuro (spero!) può colmare i vostri dubbi visto che ha lavorato a stretto contatto con papà per diversi anni. 

Comunque le potete scrivere senz'altro a questo indirizzo mail lsantamaria@erikbanti.com

Anche se vi rispondo con un ritardo di 5 anni, spero di essere stata utile e Grazie di cuore per avermi fatto sorridere e commuovere con le vostre chiacchiere da piazzetta.

Patrizia

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.