Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
alainrib

Adriano,sestercio

Buongiorno a tutti.Questo sestercio d'Adriano ha uno peso de30,95g,molto superioreal peso normale di27,06g.Per voi,quale éla significato?Grazie.

post-4639-1189076213_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rovescio

post-4639-1189076287_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Alain, AMMESSO che la moneta sia autentica una spiegazione potrebbe essere che il peso così alto sia un effetto della coniazione "al marco": non importava tanto il peso della singola moneta ma il fatto che da una quantità fissa di metallo dovevano uscire X monete. Questo è vero sicuramente per le coniazioni medioevali, forse valeva anche in pieno periodo imperiale.

Ciao, P. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per tu risposta,Paleologo.Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La moneta sembra autentica, quanto al peso, in effetti è un buon 4 gr sopra la media. però non mi farei troppe fantasie, può starci, come dice Paleologo.

Il sesterzio è il RIC II 759; Banti 423. Al rovescio la Fortuna in piedi con timone e cornucopia. Roma 134-138 dC.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quello che ricordo i romani non coniavano "al marco"...

E' semplicemente un sovrappeso...ve ne sono diversi..

Per questo visto lo stile e il rovescio "ordinario" non vedo altre spiegazioni..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie a tutti.Questa moneta non puo essere falsa o allora,c'é una falsa d'epoca ,ma no lo credo.Ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Otra demanda aproposito di questa moneta:Su condizione:MB,MB+?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quello che ricordo i romani non coniavano "al marco"...

E' semplicemente un sovrappeso...ve ne sono diversi..

Per questo visto lo stile e il rovescio "ordinario" non vedo altre spiegazioni..

258785[/snapback]

E' dimostrabile che i romani coniavano "al marco" o meglio "alla libbra" soprattutto durante il periodo repubblicano. Sono molto frequenti infatti i denari "aggiustati" sui quali si vedono bene ancora oggi i colpi di sgorbie affondati per recuperare metallo dai tondelli più pesanti, al solo scopo di riuscire a coniare un quantitativo fisso di monete da una quantità fissa di materia prima. Probabilmente in epoca imperiale si cercò di migliorare il controllo del tondello, permettendo così di produrne omogenei e quasi mai in esubero. Questo però valeva solo per i metalli nobili (oro e argento) mentre si curava decisamente meno il bronzo ignorando i tondelli in eccesso o mancanti.

E' normale quindi trovare sesterzi eccedenti come in questo caso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?