Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
picchio

Maria Luigia

Una delle recenti "scoperte" della numsmatica decimale è la variante di sovrapposizione delle date. Caratteristica da sempre presente in numismatica e solo in tempi relativamente a noi prossimi studiata e classificata come variante.

Personalmente non cosidero questa "variante" di grande interesse numismatico, ma dato che viene classificata sia negli attuali prezziari sia nell'opera del Pagani, nel bene o nel male si finisce per collezionarle.

Nel periodo Napoleonico tra Milano, Venezia, e Bologna le sovrapposizioni dei segni di zecca e data sono all'ordine del giorno. Meno frequenti in altre officine del periodo (per la cronaca numerosi 6 ducati di Ferdinando IV presentano cifre ribattute). Diventano assai rare negli anni della Restaurazione, dove solo di recente sono comparsi alcuni esemplari. Nella monetazione di Maria Luigia d'Austria per Parma si conosce solo il 5 Lire del 1832. La cosa non deve stupire in quanto è uno dei pochi nominali che è stato coniato in più date (1815 - 1821 - 1832). Le monete sono emesse dalla zecca di Milano in quanto a Parma non vi erano ancora i macchinari idonei alla produzione di monete "moderne" ed anche per ragioni politiche: il Lombardo Veneto aveva piacere di controllare, comunque, la produzione monetale della vedova di Napoleone e madre dell'unico erede di tanta storia.

Nel 1815 la produzione fu ca. 92.550 pezzi, nel 1821 di pochi esemplari di ostentazione (c'è chi dice 3 ma non esiste alcun documento di conferma) ed infine 43.990 nel 1832, quanti di questi siano ribattuti non è possibile sapere, la ribattitura è relativamente più rara della coniazione normale.

Vi riporto di seguito l'esemplare del 1832 con data ingrandita dove appare evidente la sovraimpressione su 1815.

Non escludo che controllando nelle varie collezioni compaiano dei 10 o 5 soldi a cifre ribattute, è solo questione di guardare con attenzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao picchio :)

Volevo confermarti l' ultima tua frase....che possono esistere dei 5 soldi o 10 soldi con cifra ribattuta: avevo visto una moneta da 10soldi ribattuta, ora non mi ricordo di preciso dove ma appena trovo il link lo posto quassù.

Credo fosse su un sito on-line di vendita e ricordo solo che il prezzo era pazzesco,periziata SPL e rarità RR.

Da stupido non ho conservato foto o informazioni, appena lo trovo lo posto qui.

Saluti e grazie per le informazioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

salve,

ho avuto modo di osservare monete da 5 lire (che purtroppo non posseggo) che paiono ribattute sul 21, cosa ne pensate di questa possibilità ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non penso, che è un problema a volte, mi piacerebbe vederle

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?