Jump to content
IGNORED

Monete da pulire


niccotnt
 Share

Recommended Posts

Ragazzi ma comprare monete da pulire all'estero è legale? Ci sono centinaia di venditori (americani) su Ebay.com che vendono lotti di monete da pulire: anche 500-1000 pezzi al giorno. Ma da dove vengono? Molti scrivono "Eastern Europe", ma lì non hanno delle leggi sulla tutela dei beni? Voi le avete mai comprate? Di solito sono bronzetti poco importanti, quindi la loro collezionabilità è legale, ma quello che mi preoccupa è la legalità della loro provenienza.
E' anche vero che ci sono case numismatiche americane (che vendono su Ebay) che sono anni che hanno questo tipo di "commercio", se fosse illegale non le avrebbero già fermate?
Cosa ne pensate?

Saluti,
Nic
Link to comment
Share on other sites


I venditori statunitensi sono a posto con la loro legge e di conseguenza ecco perchè vendono qualsiasi cosa (non stupiamoci, li puoi comprare una pistola al supermercato), nell'est europeo non esistono ancora leggi che regolamentano la materia e quindi ecco... al contrario gli italiani che comprano all'estero la legge qualcosina la dice.. vedi precedenti post in questa sezione.
Link to comment
Share on other sites


Si ok, ma secondo voi da dove vengono questi lotti enormi?
Visto che da loro non si possono trovare sicuramente vengono saccheggiate in Europa o in Africa?
Lele :happyspoonboy:
Link to comment
Share on other sites


Secondo me non c'entrano le leggi americane: questi comprano da paesi dove, probabilmente, l'esportazione di beni culturali dal proprio territorio è illegale, quindi le leggi americane sono l'ultima ruota del carro. Se questi comprano monete da scavi illegali in Grecia, per esempio, la provenienza delle monete è illegale e sono ricettatori, sia che le loro vendite avvengano in America, che in Europa o in Antartide.

Se parte una denuncia dal paese di origine delle monete cosa può fare la legge americana per proteggerli? In sostanza, chiunque può comprare un televisore e rivenderselo (perchè è legale vendere televisori), ma non può comprare televisori rubati e rivenderseli (questo è illegale ovunque). Cosa ne pensate?

Nic
Link to comment
Share on other sites


Al di fuori dell'Italia c'è un libero mercato almeno per le monete in parecchi stati, dove comprare e vendere monete antiche non è reato, il problema è quando le facciamo entrare in Italia devono essere fotografate e relazionate, ma non tutti lo fanno.
Link to comment
Share on other sites


Tempo fa un mio amico militare mi disse che durante le operazioni di sminamento nella ex-jugoslavia i militari americani portavano via tutto quello che trovavano...
E' ovvio che non vengono tutte da lì, ma immaginate per assurdo il militare che trova delle monete romane, se le mette in tasca e se le porta a casa...
Link to comment
Share on other sites


Anche io ho sentito da piu' parti raccontare che la maggior parte delle monete presenti in USA sono state trafugate dai miltari americani all' epoca della ex-jugoslavia
Non so se e' una leggenda metropolitana o forse qualcosa di vero c'e' <_<

ciao
Link to comment
Share on other sites


20.000 pezzi non sono per niente pochi!
quante migliaia di euro avrà speso?
Tempo addietro ho fatto un viaggio nei paesi dell'est e le monete le vendevano a "pacchi", i prezzi non erano altissimi e in media una moneta veniva a costare sui 15-20 centesimi di euro.
Per quanto riguarda le monete che si trovano in america si sa che durante la guerra del kosovo i soldati mandavano a casa numerosissimi pacchi pieni di monete e di antichità e che il governo permetteva ciò in quanto non ci sono delle leggi che controllano questi traffici.

ma secondo voi, volendo comprare buone monete da pulire ad un prezzo decente, a chi ci dobbiamo rivolgere?
Link to comment
Share on other sites


[quote name='Giovenaledavetralla' date='24 marzo 2005, 18:55']. . .  quando le facciamo entrare in Italia devono essere fotografate e relazionate . . .
[right][post="23458"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]


Vorrei qualche chiarimento su questo aspetto.

Fermo restando che acquistare qualsiasi cosa che ha buone probabilità di essere frutto di un reato è un comportamento riprovevole e in linea di massima perseguibile in Italia (ricettazione o quanto meno incauto acquisto), ammettiamo che la provenienza originale sia legittima (nel senso che nei paesi d'origine non è stata violata nessuna norma vigente).

Domando:
un bene culturale che entra in Italia legittimamente, a mio avviso PUO' essere registrato alla dogana (a richiesta, nell'interesse e a spese dell'importatore);
voi invece dite che DEVE ESSERE RELAZIONATO E FOTOGRAFATO ?
Link to comment
Share on other sites


Dovrebbe essere così (il condizionale è d' obbligo......):

Tutti i beni culturali che entrano in Italia vanno sottoposti all' esame dell' autorità competente (soprintendenze) "relazionati e fotografati".

Nel caso vengano ritenuti importanti possono essere acquistati dallo Stato allo stesso prezzo che lo avete pagato (quindi munirsi di documentazione altrimenti viene pagato zero ?).

Nel caso siano importanti ma lo Stato (ecc.) non ritiene di doverli acquistare dovrebbe esservi concessa l' autorizzazione a detenerli (la detenzione è valida 5 anni e va rinnovata alla scadenza.

Nel caso non siano ritenuti importanti i suddetti beni potranno essere detenuti "liberamente" ed altrettanto "liberamente" ceduti, accompagnati dalla documentazione che ne attesterà la provenienza........

Naturalmente..... se "un domani" venisse fuori che tali beni sono stati importati in contrasto con le norme dello stato di provenienza.... lo stato italiano si impegna nei confronti dello stesso a.... perseguirvi affinchè l' oggetto possa essere recuperato e restituito al legittimo proprietario.....

Spero di aver riassunto in maniera almeno decente.....

Ciao.
Link to comment
Share on other sites


  • 3 months later...
Ciao a tutti,
non so niente di leggi import/export, ma vi posso dire la mia esperienza: ho trovato un siti americano che vende lotti di monete da pulire (anche qui spiega il venditore che sono lotti che lui stesso riceve dall'est europa), ho fatto il mio ordine online e pagato con carta di credito usando Pay Pal. In una decina di giorni mi sono arrivate via posta senza nessun problema.
Ciao
Lara
Link to comment
Share on other sites


[quote name='LaraCroft' date='10 luglio 2005, 22:26']Ciao a tutti,
non so niente di leggi import/export, ma vi posso dire la mia esperienza: ho trovato un siti americano che vende lotti di monete da pulire (anche qui spiega il venditore che sono lotti che lui stesso riceve dall'est europa), ho fatto il mio ordine online e pagato con carta di credito usando Pay Pal. In una decina di giorni mi sono arrivate via posta senza nessun problema.
Ciao
Lara
[right][post="46400"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Mia curiosità:
hanno viaggiato per lettera o per pacco?
E se per pacco, con che dichiarazione doganale di contenuto?

Comunque è evidente che siamo arrivati ad una situazione paradossale :blink: .
Link to comment
Share on other sites


Ciao Lucio,
le ho ricevuto in una busta postale, sai quelle gialle con la protezione plastificata interna?La dichiarazione doganale di contenuto era "coins"...quindi tutto alla luce del sole, non solo, oltre all'affrancatura e al mio indirizzo, la busta aveva anche il logo del venditore come commerciante di monete antiche. Non certo pubblicità occulta, visto che mi sono arrivate dagli Stati Uniti, dopo un lunghissimo giro e passando per molte mani.....a questo punto almeno mi è andata bene che il pacchetto l'ho ricevuto, visto che comunque l'avevo già pagato online e non con contrassegno.
Ciao
Lara
Link to comment
Share on other sites


sei stata fortunata anche a riceverlo in 10 giorni :P io sto aspettando una raccomandata da più di un mese :P

cmq per le monete da pulire so che è legale l'acquisto in stati come germania e paesi balcanici perchè non hanno leggi che tutelano le monete antiche.
ma mi chiedo...potremmo essere accusati quì in italia di incauto acquisto?
mah! <_<
Link to comment
Share on other sites


[quote name='LaraCroft' date='11 luglio 2005, 13:51']le ho ricevuto in una busta postale . . . La dichiarazione doganale di contenuto era "coins"...quindi tutto alla luce del sole, non solo, oltre all'affrancatura e al mio indirizzo, la busta aveva anche il logo del venditore come commerciante di monete antiche . . . [right][post="46469"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]


In effetti più alla luce del sole di così, non saprei cosa immaginarmi.

Direi che un compratore ed un venditore che operano in questo modo siano ineccepibili. Se poi nelle pieghe di una legge assurda si pretendono comportamenti innaturali da parte del Cittadino, beh allora è la legge che è sbagliata.

Tra l'altro una busta così esplicita è già incredibile che non sia stata "alleggerita" dai soliti ignoti. :ph34r:
Link to comment
Share on other sites


Si sono stata fortunata a ricevere le monete ma devo anche dire che il venditore, al di là del fatto se qsto tipo di commercio sia accettabile o meno, si è rivelato una persona veramente onesta e affidabile, ti spiego il perchè : ho acquistato una moneta su Ebay da lui e l'ho ricevuta senza problemi, dopodichè ho acquistato direttamente dal suo sito sia le monete di cui parlavo sopra, sia una moneta di Ponzio Pilato la volta successiva. In tutte e tre le occasioni non ho avuto problemi. Senonchè l'ultima volta ho acquistato da lui, tramite Ebay ancora, alcune monete da pulire che ho pagato ma non mi sono mai arrivate. Ho avvertito il venditore solo per metterlo in guardia di alcuni problemi su ebay e lui, senza che io lo chiedessi, mi ha rimborsato ciò che avevo speso con PayPal.
Più di così........
Un saluto
Lara
Link to comment
Share on other sites


[quote name='vento' date='11 luglio 2005, 14:37']
sei stata fortunata anche a riceverlo in 10 giorni :P io sto aspettando una raccomandata da più di un mese :P


anche io le ho aspettate x oltre 1 mese e sono arrivate integre!!!
sono arrivate in quelle buste gialle chiuse con nastro garzato e timbrato dall' uff. U.S.A, il contenuto era dichiarato e non ho pagato nessun extra :)
forse sono stata fortunata :D
Link to comment
Share on other sites


Ciao a tutti,
ripensando alla provenienza dei lotti di romane da pulire, mi è venuto in mente che molti mesi fa su Ebay ho ordinato un lotto da un venditore del sud dell'Inghilterra, le monete provenivano da quella zona, probabilmente ritrovate dopo la "non riuscita del tutto" colonizzazione romana....quindi non solo l'Est Europa ci fornisce i lotti...
comunque non le ho mai ricevute :( :( credo che me le abbiano fatte sparire durante il tragitto perche il venditore mi aveva assicurato dell'avvenuta spedizione..che jella! Mi è dispiaciuto più per le monete che per il pagamento non più rimborsato...
Lara
Link to comment
Share on other sites


Peccato per le tue monete :( :( .

Comunque è un inconveniente sempre in agguato con i servizi postali :ph34r: .


In Inghilterra c'è una legislazione molto diversa dalla nostra, ma quasi altrettanto complicata :blink: , in materia di "beni culturali" (loro lo chiamano "patrimonio", o qualcosa del genere).
Il metaldetector (mi correggo, il principio della libera ricerca di oggetti archeologici sparsi nel terreno) è totalmente liberalizzato, inoltre loro hanno una differente cultura giuridica civilistica in materia di monete smarrite ovvero occultate e poi non più recuperate dall'occultatore; comunque da un paio di anni a questa parte sta montando l'indignazione della comunità scientifica di area anglosassone per questo stato di cose. In particolare si grida allo scandalo per la incontrollata dispersione sul mercato mondiale (soprattutto attraverso Ebay) di monete antiche rinvenute su territorio inglese.

Il buffo è che loro stanno guardando con ammirazione al nostro modello giuridico, basato sulla soggettività del comportamento del Cittadino (da noi teoricamente tutti possono rinvenire, ma solo lo Stato può ricercare), modello che da noi sta funzionando così male :o
Link to comment
Share on other sites


è vero, ultimamente il mercato delle monete provenienti dall'inghilterra si sta allargando a dismisura. ci sono centri come Norfolk che sono peggio dei paesi dell'est.
purtroppo ci sono 3 fattori a sfavore ossia:
1- la legislazione
2- la scarsa qualità delle monete (perchè credetemi...sono davvero scarse, e non dipende solo dal venditore)
3- il servizio postale inglese :P

cmq i direttori di centri culturali, musei etcetc è da tempo che propongono una revisione delle leggi che non controllano praticamente niente. :(


ps. dimenticavo di dire che l'inghilterra non è l'unica...anche in Spagna c'è + o - la stessa situazione :( Edited by vento
Link to comment
Share on other sites


  • 1 year later...
Guest prier1980
.....ma guarda che stato.....invece di pensare ad aumentare gli euro nelle nostre tasche pensa a prendersi le nostre monete!!!! come sempre...come vedete...
NULLA DI NUOVO ;)
Link to comment
Share on other sites

Già, non sono più i bei tempi della democrazia ateniese, quando lo Stato invece che raccogliere le tasse fra i Cittadini distribuiva i proventi delle miniere pubbliche d'argento.
Ah, governo ladro! :blink:
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.