Jump to content
IGNORED

Non sempre le cose sono come sembrano


yafet_rasnal

Recommended Posts

Mi ricorda i follis crociati di Antiochia, anche se non ne trovo uno di uguale.

293043[/snapback]

(piccolo aiuto)

... sono affari di famiglia ... :lol:

293046[/snapback]

mmmm... per questioni di stile sono quasi certo si tratti di un'emissione di qualche regno normanno... famiglia di Roberto il Guiscardo per intenderci... mmm.... non lo trovo però....

Link to post
Share on other sites

Mi ricorda i follis crociati di Antiochia, anche se non ne trovo uno di uguale.

293043[/snapback]

(piccolo aiuto)

... sono affari di famiglia ... :lol:

293046[/snapback]

mmmm... per questioni di stile sono quasi certo si tratti di un'emissione di qualche regno normanno... famiglia di Roberto il Guiscardo per intenderci... mmm.... non lo trovo però....

293053[/snapback]

fuochino :lol:

Link to post
Share on other sites

yafet_rasnal
Ho l'impressione che ci troviamo di fronte ad una moneta di uno dei conti normanni di Taranto come questa: imitazione di follis bizantini

Più di così però non riesco a dire... Boemondo I o II forse?

293117[/snapback]

Si e no ... allora hai beccato il fatto che sia un'imitazione normanna. Ma queste imitazioni saltano fuori nel territorio calabrese. C'e' un articolo di Bendall a riguardo, anche se le sue idee a riguardo ora sono un po diverse. :rolleyes:

Link to post
Share on other sites

Ho l'impressione che ci troviamo di fronte ad una moneta di uno dei conti normanni di Taranto come questa: imitazione di follis bizantini

Più di così però non riesco a dire... Boemondo I o II forse?

293117[/snapback]

Si e no ... allora hai beccato il fatto che sia un'imitazione normanna. Ma queste imitazioni saltano fuori nel territorio calabrese. C'e' un articolo di Bendall a riguardo, anche se le sue idee a riguardo ora sono un po diverse. :rolleyes:

293126[/snapback]

Interessante! Immagino risalgano all'XI sec. vero?

Link to post
Share on other sites

  • 4 years later...

Ciao a tutti,

questo follis non è altro che un imitazione di follis di classe C.

Coniato con molta probabilità in una provincia calabrese forse Mileto o Reggio Calabria.

Fu coniata con molta probabilità durante il tentativo fatto da Giorgio Maniace di riconquista dei territori bizantini perduti.

Poichè mancava l'afflusso di moneta proveniente dalla zecca di Costantinopoli, per rifornire l'esercito fu inprovvisata questa zecca calabrese.

Le particolarità che contraddistinguono questi esemplari si evidenziano per il contorno perlinato, sul dritto non vi è alcuna leggenda ai lati del Cristo a parte le lettere IC XC e sotto X X, il nimbo del Cristo è perlinato, mentre il rovescio è caratterizzato dalle solite lettere IC XC NI KA ma di stile più grossolano.

Attenzione........

queste non sono le imitazioni normanne, su quelle c'è tutta un'altra storia.............

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.