Jump to content
IGNORED

Serie divisionali della Repubblica anno 1970


Gianluca
 Share

Recommended Posts

Per un ennesima volta , come conferma [color="red"]subcomandante[/color] , e' evidente il divario fra prezzo di catalogo e prezzo reale di mercato


ciao


p.s. contento che ti ho citato in rosso :D
Link to comment
Share on other sites


17 euro sono tanti, 22 sono una follia

credo invece che il prezzo oscilli tra i 12 e i 15 euro (oddio ho visto anche sporadicamente andare via la serie a 16 euri, come qualche volta a 10...)
Link to comment
Share on other sites


Tipico esempio di serie in cui valgono molto di più le monete prese una per una, che la divisionale intera... cmq secondo me un giorno anche questa divisionale varrà una bella cifra, visto che piano piano le stanno tagliando praticamente tutte :rolleyes:
Link to comment
Share on other sites


[quote name='Paolino67' date='14 aprile 2005, 12:55']un giorno anche questa divisionale varrà una bella cifra, visto che piano piano le stanno tagliando praticamente tutte  :rolleyes:
[right][post="26994"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]


Hai ragione . visto che parecchi le tagliano , per estrapolare il 1000 Lire, prima o poi saliranno :)
Link to comment
Share on other sites


Una curiosità : la moneta da mille lire 1970 ha circolato (come le 500 lire caravelle) oppure era contenuta solo nelle divisionali di quell'anno ?? :huh:

Ciao, RCAMIL ;)
Link to comment
Share on other sites


[quote name='rcamil' date='14 aprile 2005, 17:27']Una curiosità : la moneta da mille lire 1970 ha circolato (come le 500 lire caravelle) oppure era contenuta solo nelle divisionali di quell'anno ??  :huh:[/quote]

Ha circolato, visto che la tiratura complessiva è di 3,1 milioni di pezzi, mentre la divisionale ha una tiratura ufficiale di 1 milione circa (anche se c'è chi dice che sono di più). Probabilmente non ne hanno circolato tantissimi, cmq non è così difficle vedere sul mercato pezzi in condizioni BB, chiaramente provenienti dalla circolazione.
Link to comment
Share on other sites


Il 1000 1970 fu coniato per commemorare il centenario di Roma capitale
Ben 3.011.000 pezzi furono coniati anche per la circolazione (2500 vennero confezionati con gli esemplari di prova e 1.110.000 inserite nella divisionale 1970)
Tuttavia visto che si trattava di monete in argento vennero immediatamente incettate , e ritengo che ben poche siano effettivamente circolate
Link to comment
Share on other sites


Comunque se girate qualche convegno o qualche mercatino, sotto ai 15/18 euro queste serie non ve le dà nessuno, e comunque visto che si vendono a 10,00 euro le 1000 lire, a 4,00 euro le 500 lire ag, a 5,00 euro la coppiola della 1 e 2 lire ed avanzano tutte le altre, il prezzo si fà da sè. Poi i prezzi sulle aste online sono un'altro discorso ve lo posso assicurare. fuori da internet è tutto un'altro fare.
Link to comment
Share on other sites


Salve Gianluca,
scusa il ritardo di questo mio intervento. E' una cosa improbabile ma secondo me ti conviene comunque verificare se la divisionale non contenga la moneta da 20 lire detta "con P al posto di R". In questo caso la stessa divisionale verrebbe di più (vengono comprate a circa 60 euro, credo di ricordare). Su questo argomento ci sarebbe da aprire una piccola discussione:
1) secondo me detta "variante" non è dovuta a un cedimento istantaneo del conio ma a un difetto in qualche misura progressivo. Sono sicuro che qualcuno mi può aiutare su questo bel forum, ma la moneta ha più valore anche se è visibile una più sottile e meno in rilievo del normale "gambetta" della R (il che si vede un po' anche a occhio nudo ma va verificato con una lente 8x).
2) come per altre "varianti", secondo me credo sia meno difficile trovarla nelle divisionali che nelle monete che hanno circolato.
Quacuno può confermare o smentire questi miei "convincimenti"?.
Ciao gianluca.

Buona fortuna a te e a tutti i possessori (tanti... :( ) di divisionali 1970.
Link to comment
Share on other sites


[quote]1) secondo me detta "variante" non è dovuta a un cedimento istantaneo del conio ma a un difetto in qualche misura progressivo. Sono sicuro che qualcuno mi può aiutare su questo bel forum, ma la moneta ha più valore anche se è visibile una più sottile e meno in rilievo del normale "gambetta" della R (il che si vede un po' anche a occhio nudo ma va verificato con una lente 8x).[/quote]

MAGARI, fosse così!

Concordo con te che la variante è dovuta al punzone che si è andato via via consumando, ma non credo che questa valga di più se è cmq visibile l'astina, anche se più sottile.

Insomma, io ho molte serie, e hanno tutte la 20 £ con la R che sembra una P, ma non è così, e solo che l'astina è più sottile.

Vediamo cosa dicono gli altri, cmq ne abbiamo già parlato in questo forum

ciao ;)
Link to comment
Share on other sites


Grazie subcomandante per aver raccolto il mio invito e per le informazioni che mi dai. Ma in conclusione il tuo intervento in parte mi smentisce e in parte conferma che si è trattato di un difetto progressivo. Ora, se si è trattato di un difetto progressivo (e su questo mi pare siamo d'accordo), anche una moneta che ha una astina ridotta è "testimonianza" dell'evento difetto di conio progressivo e quindi ha un "valore aggiunto" dal punto di vista storia della numismatica: o no? Quindi, indipendentemente dalle quotazioni attuali: io le monete con l'astina ben ridotta ad una lametta bassa me le conservo (o le colleziono, come preferisci)...
Salutissimi.
Link to comment
Share on other sites


Il fatto è che appunto sono tutte con l'astina ridotta, che poi mano mano è del tutto scomparsa

quindi niente rarità

ti ricordo che ne esistono di quelle serie 1.140.000 e forse anche di più

ciao ;)
Link to comment
Share on other sites


Scusami subcomandante, ma su questo non sono d'accordo. Ne ho molte di 20 lire del 1970 con la R che non ha niente da invidiare a quella (pur piccola) degli altri anni. Verifica anche tu (con la lente magari), e poi ci confrontiamo...
Un salutone affettuosissimo,
Link to comment
Share on other sites


a quanto mi risulta il 20 lire deve avere la stanghetta della R completamente non visibile .
Solo in questo caso e' valutato di piu'
Nei casi intermedi il prezzo e' sempre il solito :(


ciao
Link to comment
Share on other sites


Ripeto anch'io (e ti consiglio di non vendre troppo...)
[quote]Ora, se si è trattato di un difetto progressivo (e su questo mi pare siamo d'accordo), anche una moneta che ha una astina ridotta è "testimonianza" dell'evento difetto di conio progressivo e quindi ha un "valore aggiunto" dal punto di vista storia della numismatica: o no? Quindi, indipendentemente dalle quotazioni attuali: io le monete con l'astina ben ridotta ad una lametta bassa me le conservo (o le colleziono, come preferisci)...[/quote]
Salutoni
Link to comment
Share on other sites


Concordo col fatto che il 20 lire con la P deve avere l'astina assolutamente assente. E' vero però anche che molti venditori vendono anche divisionali con il 20 lire spurio, ossia con l'astina appena accennata, propagandandola cmq come moneta poco comune, e chiedendo generalmente un plusvalore. E qualcuno abbocca anche.
Link to comment
Share on other sites


x toto

Il mio problema è un altro:

guarda questa discussione [url="http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=1543"]http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=1543[/url]

ciao
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.