Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
mmon

diagnosi su moneta

Risposte migliori

mmon

Da buon endocrinologo segnalo una interessante curiosità, rilevata su una bellissima moneta della Repubblica Cisalpina.

Come noto in questa moneta sono raffigurate due figure femminili, una a sx in trono, con un elmo con galletto, che raffigura la Francia, ed una a dx, in piedi a capo scoperto, che raffigura la Cisalpina.

post-1956-1199102505_thumb.jpg

Come si può notare dalla foto, presa dall'archivio di Incuso, che mi perdonerà il "furto" :) (per mia fortuna ne possiedo una qFDC, ma non so fotografarla bene, e non si capirebbe un tubo), la donna che raffigura la Cisalpina ha un chiaro struma (gozzo) multinodulare.

L'incisore ha raffigurato così la donna lombarda probabilmente perchè a quel tempo il gozzo era endemico in quella regione (come anche in Piemonte); non mi sembra verosimile l'ipotesi spregiativa (il gozzo endemico era definito anche cretinismo, perchè le persone affette avevano spesso un ritardo mentale).

Ps c'è anche un'altra moneta, romana questa volta, che consente di porre una diagnosi endocrinologica, che posterò non appena avrò il tempo

PS non so se ho azzeccato il forum giusto; forse era meglio quello storico; semmai i moderatori lo sposteranno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

TIBERIVS
Da buon endocrinologo segnalo una interessante curiosità, rilevata su una bellissima moneta della Repubblica Cisalpina.

Come noto in questa moneta sono raffigurate due figure femminili, una a sx in trono, con un elmo con galletto, che raffigura la Francia, ed una a dx, in piedi a capo scoperto, che raffigura la Cisalpina.

post-1956-1199102505_thumb.jpg

Come si può notare dalla foto, presa dall'archivio di Incuso, che mi perdonerà il "furto"  :)  (per mia fortuna ne possiedo una qFDC, ma non so fotografarla bene, e non si capirebbe un tubo), la donna che raffigura la Cisalpina ha un chiaro struma (gozzo) multinodulare.

L'incisore ha raffigurato così la donna lombarda probabilmente perchè a quel tempo il gozzo era endemico in quella regione (come anche in Piemonte); non mi sembra verosimile l'ipotesi spregiativa (il gozzo endemico era definito anche cretinismo, perchè le persone affette avevano spesso un ritardo mentale).

Ps c'è anche un'altra moneta, romana questa volta, che consente di porre una diagnosi endocrinologica, che posterò non appena avrò il tempo

PS non so se ho azzeccato il forum giusto; forse era meglio quello storico; semmai i moderatori lo sposteranno

296528[/snapback]

Ottimo spirito d'osservazione, infatti il "gozzo" dalle mie parti ( basso Piemonte) era nei tempi passati abbastanza diffuso in piemontese " gavass",

Saluti e Buon 2008

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo

nel mio caso era persino il soprannome degli abitanti del paese dove ora abito io.... i gavass .....

ma caro mmon scusa l'ignoranza mia nel campo, ma da cosa era portato e come mai in certe zone era veramente molto diffuso??????

potrebbe essere portato da qualche cosa nell'acqua dei pozzi che veniva bevuta allora (come si dice per tradizione qui) oppure no?

capisco che non centra molto con la numismatica.... ma comunque è qualcosa di storico comunque......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon
nel mio caso era persino il soprannome degli abitanti del paese dove ora abito io.... i gavass .....

ma caro mmon scusa l'ignoranza mia nel campo, ma da cosa era portato e come mai in certe zone era veramente molto diffuso??????

potrebbe essere portato da qualche cosa nell'acqua dei pozzi che veniva bevuta allora (come si dice per tradizione qui) oppure no?

capisco che non centra molto con la numismatica.... ma comunque è qualcosa di storico comunque......

297517[/snapback]

in molte zone d'Italia, e in particolare in Piemonte, specie in alcune zone (cuneese, valli di Lanzo ecc.) vi era una notevole carenza ambientale (terreno, acque) di iodio. Questo provocava dei seri funzionamenti della tiroide, che si ingrandiva nel tentativo di superarli: lo struma, o gozzo, o, come si dice dalle nostre parti il "gavass". Questo problema in queste zone era "endemico", cioè affliggeva buona parte della popolazione. Nei casi più rilevanti un grosso problema era il cretinismo: queste persone ipotiroidee (= con la tiroide che funziona poco) sviluppavano un deficit intellettivo anche grave.

Io sono abbastanza vecchio :( per ricordare pazienti, che provenivano dalla campagna, con gozzi enormi; nessuno se ne preoccupava, perchè tanto al paese ce l'avevano tutti, ed era la norma.

Alla fine degli anni 80 (dell'ottocento) i carabinieri andarono in giro per il Piemonte e la Liguria per svolgere un lavoro epidemiologico: palpavano la tiroide a tutti. Nei resoconti si riferisce che circa il 60% della popolazione aveva un gozzo palpabile.

Poi le abitudini sociali sono cambiate, e si è diffusa sempre di più l'introduzione nella dieta di cibi non provenienti dal proprio territorio, più ricchi in iodio, ed il problema si è attenuato.

Da qualche tempo è in vigore un dispositivo di legge in tutta Italia (area comunque mai ricca in iodio) che obbliga a proporre per la vendita come prima scelta il sale iodato.

Ci sarebbero molte altre cose da raccontare, però (sempre che interessino a qualcuno) penso starebbero meglio in agorà. Fatemi sapere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

L'incisore ha raffigurato così la donna lombarda probabilmente perchè a quel tempo il gozzo era endemico in quella regione (come anche in Piemonte); non mi sembra verosimile l'ipotesi spregiativa (il gozzo endemico era definito anche cretinismo, perchè le persone affette avevano spesso un ritardo mentale).

296528[/snapback]

Gozzo e stupidita' andavano proprio a braccetto in quei tempi , come conferma uno scritto di un tuo collega del 1789

p.s. x mmon ho scovato tale testo nel catalogo della libreria della Galleria subalpina

post-116-1201978669_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Ps c'è anche un'altra moneta, romana questa volta, che consente di porre una diagnosi endocrinologica, che posterò non appena avrò il tempo

PS non so se ho azzeccato il forum giusto; forse era meglio quello storico; semmai i moderatori lo sposteranno

296528[/snapback]

Tiro a indovinare : il morbo di Basedow per Commodo e M.Aurelio? :unsure:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo
nel mio caso era persino il soprannome degli abitanti del paese dove ora abito io.... i gavass .....

ma caro mmon scusa l'ignoranza mia nel campo, ma da cosa era portato e come mai in certe zone era veramente molto diffuso??????

potrebbe essere portato da qualche cosa nell'acqua dei pozzi che veniva bevuta allora (come si dice per tradizione qui) oppure no?

capisco che non centra molto con la numismatica.... ma comunque è qualcosa di storico comunque......

297517[/snapback]

in molte zone d'Italia, e in particolare in Piemonte, specie in alcune zone (cuneese, valli di Lanzo ecc.) vi era una notevole carenza ambientale (terreno, acque) di iodio. Questo provocava dei seri funzionamenti della tiroide, che si ingrandiva nel tentativo di superarli: lo struma, o gozzo, o, come si dice dalle nostre parti il "gavass". Questo problema in queste zone era "endemico", cioè affliggeva buona parte della popolazione. Nei casi più rilevanti un grosso problema era il cretinismo: queste persone ipotiroidee (= con la tiroide che funziona poco) sviluppavano un deficit intellettivo anche grave.

Io sono abbastanza vecchio :( per ricordare pazienti, che provenivano dalla campagna, con gozzi enormi; nessuno se ne preoccupava, perchè tanto al paese ce l'avevano tutti, ed era la norma.

Alla fine degli anni 80 (dell'ottocento) i carabinieri andarono in giro per il Piemonte e la Liguria per svolgere un lavoro epidemiologico: palpavano la tiroide a tutti. Nei resoconti si riferisce che circa il 60% della popolazione aveva un gozzo palpabile.

Poi le abitudini sociali sono cambiate, e si è diffusa sempre di più l'introduzione nella dieta di cibi non provenienti dal proprio territorio, più ricchi in iodio, ed il problema si è attenuato.

Da qualche tempo è in vigore un dispositivo di legge in tutta Italia (area comunque mai ricca in iodio) che obbliga a proporre per la vendita come prima scelta il sale iodato.

Ci sarebbero molte altre cose da raccontare, però (sempre che interessino a qualcuno) penso starebbero meglio in agorà. Fatemi sapere.

297712[/snapback]

A me interesserebbero,ce le vuoi raccontare?

Oppure se hai già iniziato,mi diresti dove posso trovare i tuoi posting?

Grazie :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon
Gozzo e stupidita' andavano proprio a braccetto in quei tempi , come  conferma uno scritto di un tuo collega del 1789

p.s. x mmon ho scovato tale testo nel catalogo della libreria della Galleria subalpina

310040[/snapback]

molto interessante. Ma il collega del XVIII secolo era impreciso: il termine corretto per il demente ipotiroideo non è stupido, bensì cretino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon

Ps c'è anche un'altra moneta, romana questa volta, che consente di porre una diagnosi endocrinologica, che posterò non appena avrò il tempo

PS non so se ho azzeccato il forum giusto; forse era meglio quello storico; semmai i moderatori lo sposteranno

296528[/snapback]

Tiro a indovinare : il morbo di Basedow per Commodo e M.Aurelio? :unsure:

310046[/snapback]

hai indovinato, bravo. Però mi riferivo solo a Commodo, del quale sono disponibili notizie "anamnestiche", che fanno porre diagnosi con ragionevole sicurezza. Appena avrò tempo scriverò quanto conosco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mmon

Ci sarebbero molte altre cose da raccontare, però (sempre che interessino a qualcuno) penso starebbero meglio in agorà. Fatemi sapere.

297712[/snapback]

A me interesserebbero,ce le vuoi raccontare?

Oppure se hai già iniziato,mi diresti dove posso trovare i tuoi posting?

Grazie :)

310047[/snapback]

come dicevo nel post precedente, non ho molto tempo da dedicare al forum (congressi su congressi). Appena riuscirò scriverò volentieri qualcosa su questo argomento.

Modificato da mmon

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×