Jump to content
IGNORED

Certificati Monete Romane


piergi00
 Share

Recommended Posts

Volevo sapere se i venditori a cui vi rivolgete vi rilasciano un certificato di lecita provenienza.
Dal mio venditore di fiducia (tra l'altro non ha un negozio ma una bancarella) ogni moneta e' gia' corredata di tale attestato :)
Al contrario gli altri commercianti occasionali che freguento non rilasciano nulla :(

ciao
Link to comment
Share on other sites


Credo proprio che sarebbe il caso (se Ti è possibile) che ci facessi vedere com' è fatto un "certificato di lecita provenienza" perchè mmmooollltttiiiii di noi credo non lo abbiano mai visto..... :( :angry:

:D ("buttiamola in ridere" ma sarebbe da :cry: )

Ciao.
Link to comment
Share on other sites


E' un normale cartoncino inserito dal venditore nella busta allegato alla moneta dove lui dichiara la conformita' della moneta alla legge
Appena ho tempo ne inserisco una immagine



ciao
Link to comment
Share on other sites


Come vedete e' un semplice documento editato al computer e firmato dal venditore che a sua volta riporta l' avvenuta vendita sul suo registro


ciao
Link to comment
Share on other sites


[color="blue"]Bè non tanto semplice.
Riporta che loro hanno i documenti che affermano la provenienza legale.
Perciò in caso di controllo dovresti o dovrebbero rivolgersi a loro per vedere questi documenti.A questo punto credo che fosse tuo diritto chiedere una fotocopia di quei documenti,altrimenti chiunque potrebbe scrivere una cosa così,inoltre non viene riportata nè la partita IVA o il codice fiscale per rintracciare chi te l'ha venduto.
Ma anche se si vedesse una copia di quei documenti dovresti averla,se un giorno ti trasferisci in un'altra città?
Scusa ma mi sembra tanto un cartellino di nessun valore.
E' solo un mio punto di vista e magari mi sbaglio.
Ciao
F.[/color]
Link to comment
Share on other sites


Nel documento e' riportato unicamente nome e cognome e la firma del venditore , il codice fiscale non mi pare una garanzia in piu' in questao caso . E questi dati sono piu' che sufficienti per risalire a lui.
Molto probabilemente essendo un privato che occasionalmente partecipa ai mercatini , non quindi un negoziante , difficilmente ha la partita iva
Comunque alla legge interessa avere un certificato in mano che comprovi da chi ho comprato una tale moneta , tocca poi a lui in caso di controllo presentare la documentazione che garantisce la provenienza lecita
Se no dovrei possedere tutti i certificati per ogni passaggio di mano di questa moneta
Da quel che vedo in giro l' applicazione delle disposizioni di questa legge sono ancora ben lontane dal'l essere applicate in modo omogeneo
ciao Edited by piergi00
Link to comment
Share on other sites


Perdindirindina!!!!!!
Ce l' ho anch'io e non lo sapevo!!!!!!!!!!!!!!!! (o meglio non me lo ricordavo :ph34r:
Sì, ho due denarini acquistati dal tuo venditore di fiducia e non ci avevo mai fatto caso che avessero il certificato....!!!!
Grande il Tuo venditore!
E scusate se nel messaggio precedente ho inavvertitamente "affermato il falso" :D

Ciao.

P.S.: Preciiiiso il PIERGI...... evita anche la pubblicità "occulta"!!! :)
Link to comment
Share on other sites


il minicertificato mostrato da Piergi mi sepbra perfettamente funzionale allo scopo. Chi vende si assume la responsabilità della liceità che in qualche modo sa di poter dimostrare. Non deve a mio avviso assolutamente rilasciare altre documentazioni che sono sue private e non riguardano l'aquirente. Un eventuale autorità che indaghi potrà risalire a quei documenti e valutarli. La fattura fiscale non ha alcuna attinenza con la lecita provenienza! quella società italo tedesca che non possiamo nominare, indagata per riciclaggio di monete provenienti da scavi clandestini, emetteva fatture regolarissime, e chi ha comprato lì ha avuto fior di problemi.
E' chiaro che chi indaga scopre che i documenti posseduti dal venditore sono insufficienti, la moneta può essere sequestrata. Però questo vale comunque per qualunque cosa, non solo per le monete, se compri un'autoradio e poi si scopre che è rubata, te la sequestrano e fanno bene ! Comunque mi sembra una copertura cautelativa dell'aquirente abbastanza buona. Io non ne ho mai visto 1.

Plinio
Link to comment
Share on other sites


[quote name='piergi00' date='24 aprile 2005, 13:14']Ho eliminato Firma e dati del venditore per non fare pubblicita' occulta  :)
[right][post="29380"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]
ma l'ho riconosciuto lo stesso :P ho anch'io una sua moneta, un asse di Crispina, acquistato, mi pare, a Riccione :D

ciao.
petronius :)
Link to comment
Share on other sites


.......credevo che questo venditore fosse conosciuto solo da noi torinesi amanti dei mercatini :)
Invece il suo raggio di azione e' piu' vasto :D

ciao
Link to comment
Share on other sites


[color="blue"]Purtroppo non si riesce a capire bene come ci si deve compartare con le leggi che ci sono e quello di avere la massima documentazione è solo una precauzione in più in caso di controllo e cercare di evitare un sequestro,cosa molto difficile.
Anche per questo non colleziono Romane,greche,bizzantine....quì in Italia come vedono queste monete pensano subito a scavi illeciti.Specialmente a Roma!
Ciao Fav.[/color]
Link to comment
Share on other sites


ciao il mio negoziante mi rilascia lo scontrino fisc. e nel retro scrive i dati relativi alla moneta trascrive poi tutto in un registro (anche il mio n°di pat <_< )!!!!
Link to comment
Share on other sites


  • 1 month later...
In effetti è la prima volta che vedo un certificato :rolleyes:
Il mio venditore non mi rilascia mai niente (a volte nemmeno lo scontrino fiscale :huh: ). So di possedere illegalmente le mie amate monete, ma non per questo mi sento un criminale :ph34r: .
Link to comment
Share on other sites


[quote name='apostata72' date='18 giugno 2005, 22:27']Noi Piccoli collezionisti o appassionati dovremmo fare un pò di pressione ma sembra che si abbia paura
[right][post="41408"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Piccoli collezionisti o appassionati, se "considerati" singolarmente contano zero, quindi non è detto che sia questione di paura, ma consapevolezza della dura realtà.......
Un "gruppetto" di 800 persone potrebbero avere ben altro peso.........
Occorre tuttavia considerare le eventuali complicazioni che una eventuale "scesa in campo" potrebbe comportare: oggi siamo tutti più o meno d' accordo sul "collezionare monete", chi quelle appena coniate, chi quelle più antiche (io quelle "di mezzo".....), ne parliamo, chiediamo informazioni, discutiamo e scerziamo, ma dove si dovesse decidere "una linea" o una scelta.....
saremmo 800 teste che la pensano più o meno in maniera diversa, potrebbero crearsi schieramenti....... in un forum.....!?!?!
Difficilmente la cosa funziona in associazioni dove il consiglio direttivo ed il presidente sono eletti dai soci e li rappresentano legalmente (salvo essere rieletti alla elezione successiva o addirittura destituiti dalla assemblea dei soci).
Mi fermo qui perchè mi sa che sono fuori tema...... e che rischio di essere frainteso: un tempo questa era l' ora di massima lucidità, oggi mi sa che con la "senilità galoppante"......... è meglio che mi accontenti di leggere...........

Ciao.
Link to comment
Share on other sites


Ciao giango come dici tu gli orientamenti sono diversissimi fra tutti noi.
Credo semplicemente che saremmo tutti daccordo nel chiedere di non essere considerati fuorilegge se siamo in possesso di un denarino severiano, di un baiocco romano o che so io, di un 5 lire di vittorio emanuele. Una legge troppo restrittiva diventa grottesca. Certificati contro-certificati e scartoffie vengano richiesti soltanto per un sesterzio "porto di ostia" o "colosseo". Lì si che ha un senso fare il pedigree, anche davanti alla legge.
In ogni caso credo che un emendamento di questo tipo sia stato apportato alla legge, dobbiamo essere fiduciosi....
Link to comment
Share on other sites


800 persone che si schierano assieme e dicono la loro potrebbero però essere 800 persone che vengono controllate con il rischio di perdere la collezione visto che potremmo essere fuorilegge!

Che ne dite?

lele :happyspoonboy:
Link to comment
Share on other sites


per questo credo che si abbia paura. Ad ogni buon conto credo che da maggio le cose siano migliorate, il decreto (sulle monete ripetitive) è stato pubblicato su gazzetta ufficiale
Link to comment
Share on other sites


[quote name='danielealberti' date='21 giugno 2005, 09:57']800 persone che si schierano assieme e dicono la loro potrebbero però essere 800 persone che vengono controllate con il rischio di perdere la collezione visto che potremmo essere fuorilegge!

Che ne dite?
[right][post="41902"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]


Io sarò ingenuo, ma sono più propenso a credere che 800 persone schierate insieme........possano........ incutere qualche timore......

x APOSTATA......: DOVE ?????? che non sono riuscito a trovarne traccia ? (del decreto modificato) :(
(che figura...... :( :( )

Ciao.
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.