Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
stardust71

ID MONETA VENEZIANA E VALORE???

Risposte migliori

stardust71

vorrei sapere a chi appartiene questa moneta, probabilmente veneziana e che valore possa avere a veder dalla foto, grazie

post-8110-1204839421_thumb.jpg

post-8110-1204839451_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apuliensis

mi sembra di vedere una G.... <_< ...potrebbe essere un grosso di Giovanni Gradenico??? :unsure:

se fosse così allora il periodo sarebbe dal 1355 al 1356

d/ IO.GRADONICO DVX SMVENETI - San Marco in piedi a sinistra e il Doge a destra

r/ il Redentore in trono tra IC XC

Biaggi 2828

non so se possa essere esatto...chiedo venia nel caso non lo fosse :unsure: ....sicuramente qualcuno ti potrà dare certezza e ti saprà dare un valore giusto....anche se presumo che non abbia un valore alto...:)

Modificato da apuliensis

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob

Magari fosse un Giovanni Gradenigo, sarebbe un R4... è invece un più comune grosso di Pietro Gradenigo, 1289-1311

D/ S. Marco che porge il vessillo al doge, .PE . GRADONICO . lungo l'asta DVX

R/ Il Redentore in trono, IC XC

Papadopoli nr. 2, var. 10

In particolare si nota il segno del massaro classificato dal Papadopoli come nr. 10 (su 12): al R/ i tre cerchi a trifoglio sotto il gomito destro del Cristo.

Non si conoscono i nomi dei massari.

La moneta è tosata: il suo peso nominale dovrebbe essere attorno ai 2,1-2,2 grammi, probabilmente questa è scarsa. Nel suo stesso periodo di emissione infatti circolavano largamente i grossi aquilini da 20 denari di Merano, in buon argento ma pesanti solo 1,2-1,5 grammi. E' vero che il 28 maggio 1282 il valore del grosso di Venezia era stato innalzato a 32 denari, ma è pur vero che rimaneva sopravvalutato rispetto al grosso aquilino. In conseguenza il grosso veneziano fu tesaurizzato in terraferma (al tempo contesa fra Verona e Padova, con frequenti incursioni tedesche) e molti dei pezzi che rimasero in circolazione furono tosati per adeguarsi all'intrinseco dell'aquilino.

Una discreta moneta che si porta dietro tantissima storia.

Quanto vale? Probabilmente sui 30 euro o meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

letizia

Bravo rob, caspita un vero esperto nel campo, i miei complimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

:huh: DE GREGE EPICURI

Però c'è anche un Bartolomeo Gradenigo, che credo sia meno raro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rob
:huh: DE GREGE EPICURI

Però c'è anche un Bartolomeo Gradenigo, che credo sia meno raro...

322824[/snapback]

Esatto, non l'ho citato poiché non era compatibile con la legenda della moneta postata: si tratta di pezzi meno comuni di quelli di Pietro Gradenigo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×