Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
rino

MG
dov'è l'errore?

vorrei anche chiedervi quanto vale 1 Nomos?

Faceva sempre parte della monetazione eubonica-corinzia?

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vi riporto questi due link sulle monetazioni greche:

http://www.roth37.it/COINS/Incusi/incusi.html

http://it.wikipedia.org/wiki/Monetazione_greca_classica

il primo dice che uno statere vale 3 dracme, il secondo sito sostiene invece che uno statere ne vale due di dracme.

chi ha ragione?

334592[/snapback]

Non si può parlare di statere in generale, senza un riferimento all'entità emittente.

Lo statere era la moneta "tipica", lo standard, e pertanto variava da luogo a luogo.

Lo statere di Corinto era un tridrammo, quello di Egina un didrammo...

Quindi, nel primo sito, la definizione dello statere, essendo inserita in un contesto, è corretta, mentre nel secondo vi è un'impropria generalizzazione del termine.

Ovviamente ha ragione il nostro Roth37, e poteva essere diversamente? :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a già il primo sito e di roth37!

non ci avevo badato. :D

però ho un'altra domanda da porre:

a quale sistema monetario appartiene lo statere (o didramma) che vale 2 dracme?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:) DE GREGE EPICURI

Al sistema eginetico, appunto (Egina è la polis che coniava le famose monete d'argento con la testuggine).

Da qualche altra parte chiedevi della litra e del suo rapporto con la dracma.

Ora, esistevano litre d'argento e litre di bronzo; poichè il rapporto di valore fra i due metalli era (quasi sempre) di 125:1, il peso della litra di bronzo era teoricamente 125 volte quello della litra di Ag., ma in realtà pesava meno, essendo anche allora la moneta di bronzo "fiduciaria". Ai tempi di Pirro (circa 280 a.C.) la litra di Ag pesava a Siracusa 0,34 g. e quella di bronzo teoricamente 38 g., ma in realtà anche molto meno (la litra "donna velata" pesa poco più di 11 g:)

Il rapporto fra litra e dracma era di 10 litre per una dracma (e quindi di 20 litre per uno statere, nel sistema eginetico e suoi derivati).

Se però la tua domanda (litra/dracma) riguarda le monete romano-campane, non so se valga lo stesso rapporto, anche se immagino di sì.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?