Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Alexxx

Domande domande

Risposte migliori

Alexxx
Ciao a tutti:) , avrei una raffica di domande :whome:
1) Dove posso tenere le mie monetine? Per ora le sto tenendo nelle bustine e le bustine nei fogli porta bustine, però sono scomodissimi, le monete si vedono male da tutti quelli strati di plastica, vorrei metterli nei fogli per monete normali, ma ho sentito che si rovina la patina, è vero?
2) Come imposto la collezione? Per ora ho un sesterzio di M. Aurelio (con il cancro che avanza, sigh :( ) un asse di augusto molto rovinato (con cancro anche questo, però credo che si sia bloccato) un denario suberato di Antonino Pio (la mia prima monetina :P ), molti bronzetti del basso impero, qualche antoniano, alcuni follis e degli assi; come posso collezionare? Prima volevo collezionare solo Antonino Pio, però quando andavo su e-bay per cercare cose di antonino finiva che compravo tutto tranne che antonino, mi piacciono molto i sesterzi (sono belli grandi), però quelli che decido di comprare superano spesso i 100 euro, quelli più bruttini, spatinati o molto rovinati costano lo stesso un bel pò; oppure visto che ho appena comprato due antoniani, potrei provare a collezionare antoniani... Bo, non lo so proprio :confused: :confused: :confused: :confused: :confused: :whome: :whome: :whome: :whome: :confused: :whome:
3) Come catalogo le monete? excel, word, carta e penna?
4) Come si usa il Cohen? Cioè, trovo le monete, però nel cohen non ci sono le valutazione anche per la zecca o l'officina ma solo il tipo
5) Ho il R.I.C. prima edizione, ma non lo sto trovando molto utile, anche qua lo monete sono solo per tipo e non per zecca, dovrei comprarmi la nuove edizioni secondo voi? oppure potrei comprare il montenegro

Per ora STOP

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter
Provo a dare qualche risposta:

1-per la conservazione io uso i vassoi portamonete, in plastica col fondo in velluto, sono impilabili, non rovinano niente, la misura è standard ma le caselle sono di varie dimensioni, io uso quelli a 24 posti per i sesterzi e gli assi e quelli a 48 per gli antoniniani e i denari, costano 16-17 euro l'uno (se ne è parlato in diverse discussioni);

2-questa è LA DOMANDA! :D i criteri sono infiniti, dipendono dai gusti di ognuno e, ahinoi, dal portafoglio :( anch'io avevo iniziato pensando di dedicarmi al periodo aureo dell'impero, da Traiano a Marco Aurelio, ed in effetti la mia prima moneta è stata un asse di Adriano, che è tuttora il mio imperatore preferito; poi però, il costo (per molte monete di questi imperatori è veramente proibitivo <_< ) e la curiosità mi hanno spinto ad ampliare il campo alla più classica delle collezioni, l'iconografia imperiale, soprattutto bronzi, limitata a Diocleziano che, a mio parere, con la divisione in due parti segna la "vera" fine dell'impero romano;

3-io uso un semplice testo di word, che aggiorno ad ogni acquisto;

4/5-il RIC lo conosco solo di nome, il Cohen l'ho solo consultato qualche volta online, possiedo invece il Montenegro, che non è certo un catalogo completo, anche lì le monete sono valutate il più delle volte senza tener conto della zecca, il pregio maggiore che ha è quello di essere l'unico catalogo in italiano, con quotazioni in lire che, sebbene vecchiotte (1988) possono comunque essere indicative.

ciao.
petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter
Questa è una delle discussioni sui vassoi portamonete di cui ti parlavo ;)

[url="http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=1053&hl=vassoi"]http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=1053&hl=vassoi[/url]

ciao.
petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla
Io ad esempio mi voglio dedicare a denari imperiali, uno per imperatore, perchè non costano tanto a differenza del bronzo, e non si rovinano mai.
Per catalogarli basta il Silver coins i 5 volumi dove sono tutte catalogate e descritte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus
belle domande nonc'è che dire.
le monete vanno tenute nei vassoi come dice petronius, altrimenti quando le fai vedere alla mamma o alla fidanzata fai brutta figura.
Come collezionare poi, è una domanda da un milione di dollari. Tutti fanno di testa loro, credo che poi alla fine uno collezioni quello che trova (anche se è pardossale). In teoria si dovrebbe prima fare una collezione verticale (un denario o antoniniano per imperatore) poi, trovato il periodo di reale interesse, una sottocollezione orizzontale (tipo i denari di Adriano con tutti i rovesci diversi).
Però ci vuole tempo e danaro.

Mi compiaccio con petronius che termina la collezione con Dicleziano! Anch'io la penso esattamente così. Non è perdonabile a Costantino avere spostato la capitale a Bisanzio! L'impero Romano finisce veramente lì, con i tetrarchi e la guerra civile dopo Diocleziano. Poi purtroppo della vecchia Roma rimane poco (anche se la Storia è tutta importante, per carità).
ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alexxx
Ok, allorastate dicendo di continuare così, prendere quello che mi piace e che magari costa poco, poi in seguito scegliere.
Per i vassoi è vero, fanno fare bella figura, però per ora preferisco usare quei soldi per qualche moneta o qualche libro. Per ora vorrei tenerle nei fogli con le taschine, si rovina la patina secondo voi? Se si rovinano allora acquisto questi benedetti vassoi :P
Altra domanda: Le metto in ordine di grandezza, cronologico oppure in base al tipo? :P :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

petronius arbiter
Ci sono delle buste in plastica che costano un pò di più ma dovrebbero garantire meglio la conservazione delle monete, se fai un giro sui siti che vendono materiale numismatico (anche questi oggetto di discussione, se la trovo te la posto ;) ) le trovi facilmente.
Per la classificazione il mio parere è che debba essere soprattutto storica e, quindi, cronologica B)

ciao.
petronius :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apostata72
Hei hei amici andiamoci piano con l'impero che termina con lo spostamento della capitale :huh: Il fatto che Roma non fosse capitale non la privò dell'indiscusso primato di essere la città + importante dell'impero! Giuliano e Teodosio furono grandi guide e fari di un'entità unica. La spartizione amministrativa del territorio non ha nulla di decisivo e affonda le sue radici già agli albori della storia di roma data l'intima natura multiculturale dell'istituzione. La crisi irreversibile, gli ultimi bagliori di un impero che frana videro momenti altrettanto esaltanti che lle campagne dei grandi cesari. Per cosa combatterono Giuliano, Stilicone, costanzo III, ezio? Per cosa se non per oggetto in perenne trasformazione che si chiamò "impero romano? ;)

Ps. Riconosco che il mio approccio alla numismatica parte da un interesse + propriamente storico che numismatico. M'interesso del periodo tardo antico e presto ho trovato difficile e poco scientifica una collezione di tipo verticale (sebbene essa sia sempre variegata ed esteticamente appetibile). Adesso che ci penso credo che venderò i pochi assi e antoniniani che comprai a inizio collezione...seguendo l'istinto ma senza una soluzione di continuità

Pps: io metto le monete in bustine di carta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alexxx
[quote]Ci sono delle buste in plastica che costano un pò di più ma dovrebbero garantire meglio la conservazione delle monete[/quote] Le stesse che usano per le perizie?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus
Quando finisce l'impero romano?
E' una domanda alla quale tutti, Gibbon in testa hanno tentato di dare una risposta.
Provo a fare delle ipotesi:
1. termina con la tirannia di Commodo
2. spostamento della capitale a Costantinopoli operato da Costantino (330 dc).
3. 378 dc con la disastrosa sconfitta di Adrianopoli e la morte dell’imperatore Valente in battaglia.
5. 394 Teodosio II sopprime il culto di Vesta, bandisce le sue sacerdotesse e spegne il fuoco nel tempio di Vesta, ininterrottamente acceso per più di mille anni
5. sacco di Roma, durato tre giorni, ad opera di Alarico nel 410 dc.
6. 476 con il gesto simbolico di Odoacre che depone l’Imperatore Romolo Augustolo
7. non è ancora finito, dato che la civiltà occidentale è tuttora portatrice dei suoi valori

scegliete voi (io opto per la 2 o la 7)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apostata72
..Tecnicamente 1492 è la fine della parte orientale :D
Per me la data esatta della fine non c'è......la "reconquista" di Giustiniano non è un evento da sottovalutare e siamo nel VI secolo! Comunque....psicologicamente colloco la Fine intorno alla caduta di odoacre del 493, data in cui termina anche la parabola che aveva condotto i generali barbari, semibarbari e di formazione barbarica a impadronirsi del potere statale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dott. Gordon Freeman
termina con l'avvento della religione cristiana ufficiale,
quando erano pagani, erano piu cattivi, davano un sacco de botte.
che sbaglio , che sbaglio..........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo
La mia opinione è che qualunque data sarà sempre una scelta più o meno convenzionale. Come dire che il Medioevo termina nel 1492. Tradizionalmente si è scelto il 476 come data di fine dell'Impero Romano d'Occidente (e dell'evo antico) perchè in quell'anno Odoacre restituì le insegne imperiali a Bisanzio dando un segnale, per così dire, "ufficiale" della cessazione dell'entità politica imperiale. Ma il declino dell'impero proseguiva da almeno tre secoli, tra disgregazione dei confini, crisi economiche e demografiche, dissoluzione della vecchia struttura politica, religiosa e militare e via lamentando. Anche se poi spesso gli stessi "barbari" si sentivano gli eredi della tradizione romana, vedi Carlo Magno che si fa incoronare "Sacro Romano Imperatore". Le transizioni storiche sono sempre fenomeni graduali, indipendentemente dal fatto che ci sarà sempre qualcuno che dice "da oggi il mondo non è più lo stesso".

Per quello che vale, e scusate se sono andato un po' OT :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Satrius
per me finisce con lo spostamento della capitale da roma a costantinopoli...per questo odio costantino :P Modificato da vento

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giovenaledavetralla
Si protrebbe far partire anche dalla riforma monetale di Diocleziano, tanti chiamano queste monete medievali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

centurioneamico
Secondo me le basi per l'inizio del medioevo si creano da Diocleziano in poi ovvero quando lo Stato di Roma non riesce più a contenere le ondate di barbari che saccheggiano le città dell'impero e dunque attorno a ciascuna città si costruiscono cinta murarie protettive isolandole di fatto dal resto dell'impero.
Numismaticamente però siamo ancora lontani dal medioevo che invece si potrebbe far coincidere con la data del 476 o poco prima, quando lo stile raffinato abbandona definitivamente la moneta romana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Newton
[quote name='centurioneamico' date='24 maggio 2005, 08:37']Secondo me le basi per l'inizio del medioevo si creano da Diocleziano in poi ovvero quando lo Stato di Roma non riesce più a contenere le ondate di barbari che saccheggiano le città dell'impero e dunque attorno a ciascuna città si costruiscono cinta murarie protettive isolandole di fatto dal resto dell'impero.

[right][post="35125"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Concordo, nello stesso periodo cambia anche la struttura dell'esercito, si passa alle unità di cavalieri "catafratti" di origine e tradizione sarmatica. Cavalleria pesante, con uomini ricoperti di maglia metallica e armati di una lunga lancia.

L'immagine del soldato non è più il legionario, ma si avvicina alla cavalleria pesante medioevale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apostata72
......Ai campi catalaunici Ezio ha guidato un esercito confederale formalmente riconosceva l'imperatore come unica autiorità suprema. Le città erano fotificate e turrite. I soldati erano coperti di vesti ben dinverse dall'equipaggiamento dell'antico legionario; le tribù barbare avevano dei "rex gentium" il cui status giuridico (la loro ragione d'esistere) in territorio romano era subordinato all'autorità imperiale. Lo stanziamento dei barbari veniva ratificato dall'imperatore secondo il principio dell'Hospitalitas; non poteva essere altrimenti visto che i barbari, sapevano vivere solo da nomadi; Visigoti, franchi, burgundi, alani cercarono di comprendere le modalità della vita stanziale all'interno del territorio imperiale; essi vollero imparare a vivere "da romani"; nel complesso ebbero un forte slancio a sentirsi parte di un istituzione superiore chiamata "impero" e, sebbene ne avessero avuto la forza, fecero di tutto per non abbattere un impero "pericolasamente" debole (contrariamente a quanto si crede). Nonostante i tratti tribali e imprevedibili del loro carattere non ebbero problemi ad accettare moneta e norme giuridiche Romane (vedi wallia, Teodorico, Gundobaldo, re Goar, i primi merovingi etc...)
Insomma la faccenda non è semplice.....nei secoli bui mon possiamo + parlare di impero romano così come era inteso 400 anni prima ma.............

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dan
..bellissimi gli interventi di apostata72,

ci sarebbe da parlare per ore e ore su quel periodo storico così affascinante che convenzionalmente segna il passaggio dalla tarda antichità all'alto medioevo,

la storiografia "classica" spesso ha snobbato questi intensi secoli, quando non ha creato addirittura falsi miti o teorie campate in aria,

avvicinandosi a questo periodo si trova un terreno fertile per studi e ricerche in tanti campi, dalla numismatica alla sociologia, dai linguaggi artistici alla psicologia e via dicendo.... tante realtà, anche archeologiche, ancora da approfondire e da collocare nel giusto posto che gli spetta nella storia...

complimenti ancora apostata72

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apostata72
Caro Dan mi fa piacere che tu abbia apprezzato l'intervento perchè la storia dei "dark ages" così affascinante e "inattingibile" mi affascina e costituisce il mio principale terreno d'indagine (sempre a tempo perso...io insegno scienze). Il quinto secolo, così disconosciuto (le fonti sono complesse e criptiche) è tuttavia ancora permeato dalla presenza della figura imperiale quasi fosse una potenza più astratta che reale. Eppure le gesta di "paladini" romano-medievali come Stilicone, costanzo, castino, felice, ezio, bonifacio hanno un magnetismo irresistibile per l'amante della storia. Da quelle parti vengono gettate le fondamenta di un mondo nuovo e dell'europa delle nazioni. Il suolo dove viene giocata la partita si chiama "pars occidentalis" e l'unica autorità universalmente riconosciuta è quella imperiale (intanto i capi barbari sgomitano per farsene legittimi abitatori.... per varie ragioni). Bonifacio ed ezio sono due condottieri che vestono da romani, servono l'imperatore, e si sfidano a singolar tenzone come cavalieri medievali!
L'impero di Traiano e di costantino sono tramontati, dispute teologico-calligrafiche tengono assorbiti i regnanti. Roma rifulge di una luce sinistra e abissale...intanto in una Britannia abbandonata a se stessa prende forma il mito tardo-romano di re artù.

Intanto mi sono dilungato di nuovo ma ...data la complessità dell'argomento, vogliate perdonarmi ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo
Questo pezzo di storia lo trovo anch'io tremendamente affascinante... apostata, potresti segnalare qualche link o qualche testo interessante? a meno che chiaramente non ci pensi tu stesso a postare un trattato sull'argomento ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apostata72
Fra poco gli amici amministratori mi ricorderanno che questo è un forum di numismatica, comunque un link importante è riferitio all'opera del gibbon (eaustiva ma un po'datata per la verità):
[url="http://gd.cnread.net/cnread1/ewjd/g/gibbon/hor/"]http://gd.cnread.net/cnread1/ewjd/g/gibbon/hor/[/url]

poi online se sei più fresco di me col latino ti pui godere le fonti dirette digitando gli autori più significativi: Claudianus (tradotto su un sito italiano), Sidonius apollinaris, salvianus, orosius, procopius, marcellinus comes, merobaudes, Idatius.......etc
trovi molto materiali sui siti delle università americane (la storiografia anglo sassone è + avanzata sull'argometo)

Libri leggeri ma belli: gli ultimi condottieri di roma (frediani); attila (frediani), storia d'italia, montanelli

Libri importanti: E. stein"storia del basso impero" che non trovo
"l'età tardoantica", volume di einaudi editore
Mazzarino: Stilicone. La crisi imperiale dopo teodosio
Papini:" Ricimero, l'agonia dell'impero romano etc...."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dan
Ti rinnovo i complimenti, hai una preparazione e un trasporto nel trattare la materia da far invidia ad uno storico!

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo
c'è il gibbon online! questa è la volta che mi decido a leggerlo ;)

complimenti anche da me anche se hai ragione, siamo orrendamente OT... chiediamo l'apertura di un sottoforum? considera che la numismatica a me appassiona perchè è, come dire, storia "materializzata" :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×