Jump to content
IGNORED

Grosso di Tripoli, cosa ne pensate?


dex76
 Share

Recommended Posts

Girovagando sul noto sito mi sono imbattuto in quest'oggetto.

My Webpage

Vorrebbe essere un Grosso di Tripoli ref. Malloy CCS 26 ; Schl IV, 21; Metcalf 497, 498.

Al mio occhio inesperto sembra un falso, mi piacerebbe avere un Vs. parere.

Grazie a tutti quelli che risponderanno.

Link to comment
Share on other sites


Bah, non credo che il prezzo, in questo caso, sia indicativo sull'autenticità o meno, è un'asta non un "compralo subito".

Mancano ancora 2 gg. alla chiusura, se fosse autentico sarebbe un bel pezzo, ma personalmente non mi azzardo a dare giudizi sull'autenticità.

Link to comment
Share on other sites


Sinceramente non vedo particolari che facciano pensare a un falso plateale. La moneta sembrerebbe in buona conservazione a parte alcune debolezze di conio al rovescio. Un esemplare simile in conservazione BB è stato aggiudicato a 260 € (stima 100) nell'asta della collezione de Wit (Kuenker 137 di quest'anno). Il riferimento è qui:

http://www.kuenker.de/images/download/pdfa...-337-384-sm.pdf

(lotto 4101 a pagina 369)

dex, vedi qualcosa in particolare che ti fa sospettare il falso?

Link to comment
Share on other sites


Grazie a tutti per i Vs. contributi.

dex, vedi qualcosa in particolare che ti fa sospettare il falso?

Per Paleologo, la moneta pur mostrando segni di usura mi sembra un cerchio quasi perfetto. Come si nota rispetto al link che mi hai inviato o a questi altri due grossi

Grosso 1

Grosso 2

il bordo non presenta segni di perlinatura. Inoltre sia al D sia al R i dodici archi che circondano la croce e il castello in un paio di punti si fondono con il contorno. Ripeto, al mio occhi inesperto non sembra una moneta coniata.

Le dimensioni corrispondono, mi piacerebbe sapere il peso dell'oggetto.

Grazie ancora per il link che mi hai postato e per la tua risposta. Dex

Link to comment
Share on other sites


Osservazioni interessanti ma non so se siano decisive per decretare la falsità dell'esemplare. Il dettaglio degli archi però lo avevo notato anch'io. Vediamo l'asta a quanto arriva.

Link to comment
Share on other sites


Se l'è aggiudicata un francese per € 69,00; ben lontano dal valore reale dell'oggetto. Spero che il nostro amico transalpino non si sia preso una fregatura, perchè anche in funzione del prezzo basso di chiusura a me i dubbi rimangono tutti...

Link to comment
Share on other sites


Mah. Il tipo che l'ha comprata non è un novellino ma è anche uno che compra un po' di tutto. E' vero che la moneta è (quasi) perfettamente circolare ma questa di per sé non è una prova di falsità. E' anche vero che il dettaglio degli archi potrebbe derivare da una piccola frattura di conio e che l'epigrafia non mi pare presenti problemi. A questo punto mi piacerebbe scrivere al francese per sapere se la farà periziare, perché o ha preso una sola o ha fatto un affare.

Ciao, P. :)

Link to comment
Share on other sites


Qualche tempo fa ho visto in vendita un esemplare di questa moneta, che il venditore dichiarava essere una riproduzione. Questa mi pare del tutto identica: penso proprio che sia un falso.

Link to comment
Share on other sites


Nelle domande e risposte poste dai potenziali acquirenti al venditore vedo che il venditore declina ogni responsabilità sull'originalità della moneta mentre l'acquirente richiede il peso dell'ogetto e gli viene risposto 4,5g. Sul Malloy 'Coins of the Crusader States' viene proposto un peso di 4,20g-4,25g per il grosso di Tripoli mentre sul Metcalf 'Coinage of the Crusades and the Latin East' rispettivamente 4.27g, 4,24g e 4,18g. Esaminando i due casi estremi 4,18g e 4,27g la moneta del nostro amico pesa rispettivamente 7,66% e 5,39% in più di quelle riportate sul Metcalf. Ammettendo che la misura riportata dal venditore sia accurata e non abbia 'sparato' un valore approssimativo, la mia domanda è questa: una tolleranza di 5%-7% è ammissibile per una moneta coniata più di 700 anni fa? E ancora, per una moneta medioevale o antica, rispetto ai valori di peso riportati sui testi di riferimento, che tolleranza possiamo ritenere valida prima di pensare ad un falso?

Per Paleologo, se riesci ad avere notizie direttamente dal francese postale in questa discussione. Grazie, Dex.

Link to comment
Share on other sites


una tolleranza di 5%-7% è ammissibile per una moneta coniata più di 700 anni fa? E ancora, per una moneta medioevale o antica, rispetto ai valori di peso riportati sui testi di riferimento,  che tolleranza possiamo ritenere valida prima di pensare ad un falso?

377262[/snapback]

Se stiamo parlando di monete coniate al marco (cioè N esemplari per unità di peso) è una tolleranza sicuramente ammissibile. Se però i grossi venissero effettivamente coniati al marco o se invece ci fosse qualche controllo più accurato sul peso dei singoli tondelli, non saprei dire.

Comunque il fatto che esistono falsi noti di questa moneta è un altro punto a sfavore dell'esemplare in oggetto.

Se ho ulteriori notizie vi aggiorno, intanto beccatevi una sviolinata di questi grossi da CoinArchives:

http://www.coinarchives.com/w/results.php?...ohemond+AND+VII

Da notare che il peso massimo riscontrato è di 4.30 g. e che in nessun caso, neanche negli esemplari di conio più debole, gli archetti si fondono con il cerchio di perline. A questo punto propendo anch'io decisamente per il falso.

Ciao, P. :)

Link to comment
Share on other sites


Vedo che venditore ed acquirente si sono scambiati feedback positivo. Mi sembra strano che il francese avuta in mano la moneta non abbia manifestato dubbi. Ho paura che per quanto riguarda questo grosso di Tripoli a meno di non interpellare direttamente l'acquirente, non si saprà mai con certezza se è falso o autentico. Dai Vs. post comunque ho ormai la ferma convinzione che il francese abbia preso la classica sola.

Grazie a tutti, ciao Dex. :)

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...

Ringrazio Bartolus per la segnalazione, abbiamo dunque la prova che anche per il grosso di Tripoli esistono delle repliche contemporanee spacciate (e vendute) dai soliti furbi come monete autentiche! Che tristezza... :(

Saluti, Dex.

Link to comment
Share on other sites


Ringrazio Bartolus per la segnalazione, abbiamo dunque la prova che anche per il grosso di Tripoli esistono delle repliche contemporanee  spacciate (e vendute) dai soliti furbi come monete autentiche! Che tristezza...   :(        

Saluti, Dex.

385889[/snapback]

Non so perchè ti meravigli tanto.

Ormai venie contraffatta qualsiasi tipo di moneta.

Anche quelle che meno ci potremmo aspettare.

Edited by arm89
Link to comment
Share on other sites


  • 4 weeks later...

Un altro esempio di imitazione del grosso di Tripoli.

Ebay.com

Mi sembra identica alla moneta oggetto di questa discussione.

Leggo nella descrizione dell'articolo che il venditore specifica 'replica', anche perchè visti gli altri prodotti che il signore propone ai suoi potenziali clienti non credo sia un numismatico da cui acquistare con fiducia. :lol: :lol:

Saluti, Dex :)

Link to comment
Share on other sites


Altra segnalazione di copia di grosso di Tripoli tovata su ebay.de.

Ebay.de

Non è possibile! E' un pò di tempo che guardando monete sul web mi ritrovo sullo schermo queste patacche. Comunque non vi tedierò più con il grosso di Tripoli è il mio ultimo post sull'argomento. Saluti a tutti e se come me ogni tanto vi lasciate tentare dal noto sito: occhio ai falsi. ;) Dex.

Link to comment
Share on other sites


  • 3 years later...

Saluti cari membri del forum!

Argomento interessante. Ma ...

Purtroppo non c'è un solo riferimento. Le cose non funzionano e non ci sono immagini.

La prego di dirmi se si tratta di una moneta vera? O si tratta di una moneta falsa?

http://www.ma-shops....0814008〈=ru

Grazie!

Edited by KHOMA
Link to comment
Share on other sites


Purtroppo nelle vecchie discussioni spesso le immagini non sono più visibili, specialmente se linkate da siti esterni. Il posto migliore per andare a cercare immagini di esemplari sicuramente autentici con provenienza da asta pubblica attualmente è mcsearch.info.

Non conosco benissimo questa monetazione, ma nessuno dei due esemplari da te segnalati mi suscita particolari perplessità. Si tratta in entrambi i casi di venditori professionali e MA-Shops a quanto mi risulta è una piattaforma seria. Perché non ci spieghi da cosa provengono i tuoi dubbi? Questa è una tipologia presa di mira dai falsari, e magari hai ragione tu...

Link to comment
Share on other sites


Perché non ci spieghi da cosa provengono i tuoi dubbi?

Nel primo caso di dubbio deriva dal fatto che ho acquistato questa moneta)))

Anche dopo l'acquisto. La superficie ruvida del rovescio (il lato con il castello) sollevato questioni ... Ma ho imparato, questa è una caratteristica della moneta Boemondo VI e VII.

Nel secondo caso, vedo i segni di una copia...

Ma può essere foto deffekt.

Scusate il mio italiano.

Cordiali saluti.

Edited by KHOMA
Link to comment
Share on other sites


  • matteo95 unpinned this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.