Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Otty

5 cent. 1861

Risposte migliori

Otty

Ammucchiate in una vecchia scatola ho trovato tra le altre anche questa ...che peccato...è un R2..come si fà a ridurre così una moneta...mi piange il cuore.

14vpxxw.jpg

2e205th.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

carledo49

Non c'è stata la minima intenzionalità nel farlo, solo......ampia circolazione e conseguente usura. Un vero peccato, mi dispiace.

Carlo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

STEVE - O

Secondo me non è solo questione di ampia circolazione per la moneta postata. E' troppo usurata per attribuire alla circolazione la colpa del pessimo stato. Si pensi che sino a 50 anni fa le monete in rame venivano usate e riusate in agricoltura. Non è difficile trovarle in campagna in luoghi dove vi sono o vi erano vigne. Ricordo che mia nonna mi raccontava che aveva un barattolo di vecchie monete (mia nonna era del 1907) che lasciavano in acqua per alcuni giorni CON DELLA CALCE per fare il verderame...oppure le annodavano in qualche tralcio della vite credendo che la moneta ossidandosi cedesse alla stessa la proprietà di preservale la coltura dalla peronospora. Infatti se ci fate caso la maggior parte delle monete che trovate in campagna sono tutte sbilenche.

Ho scritto appositamente CON DELLA CALCE in maiuscolo perchè, sempre secondo me, il colpevole di certe malefatte è proprio la calce. Essendo altamente corrosiva si può ben supporre che certe monete conciate veramente male lo siano perchè sono state usate immerse con la calce per il tipo di lavorazione nominata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sesino974
Secondo me non è solo questione di ampia circolazione per la moneta postata. E' troppo usurata per attribuire alla circolazione la colpa del pessimo stato. Si pensi che sino a 50 anni fa le monete in rame venivano usate e riusate in agricoltura. Non è difficile trovarle in campagna in luoghi dove vi sono o vi erano vigne. Ricordo che mia nonna mi raccontava che aveva un barattolo di vecchie monete (mia nonna era del 1907) che lasciavano in acqua per alcuni giorni CON DELLA CALCE per fare il verderame...oppure le annodavano in qualche tralcio della vite credendo che la moneta ossidandosi cedesse alla stessa la proprietà di preservale la coltura dalla peronospora. Infatti se ci fate caso la maggior parte delle monete che trovate in campagna sono tutte sbilenche.

Ho scritto appositamente CON DELLA CALCE in maiuscolo perchè, sempre secondo me, il colpevole di certe malefatte è proprio la calce. Essendo altamente corrosiva si può ben supporre che certe monete conciate veramente male lo siano perchè sono state usate immerse con la calce per il tipo di lavorazione nominata.

Osservazione veramente interessante,

Grazie

Sergio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cembruno5500
Supporter

Sicuramente questa ha circolato parecchio prima di ridursi così, ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

TIBERIVS
Secondo me non è solo questione di ampia circolazione per la moneta postata. E' troppo usurata per attribuire alla circolazione la colpa del pessimo stato. Si pensi che sino a 50 anni fa le monete in rame venivano usate e riusate in agricoltura. Non è difficile trovarle in campagna in luoghi dove vi sono o vi erano vigne. Ricordo che mia nonna mi raccontava che aveva un barattolo di vecchie monete (mia nonna era del 1907) che lasciavano in acqua per alcuni giorni CON DELLA CALCE per fare il verderame...oppure le annodavano in qualche tralcio della vite credendo che la moneta ossidandosi cedesse alla stessa la proprietà di preservale la coltura dalla peronospora. Infatti se ci fate caso la maggior parte delle monete che trovate in campagna sono tutte sbilenche.

Ho scritto appositamente CON DELLA CALCE in maiuscolo perchè, sempre secondo me, il colpevole di certe malefatte è proprio la calce. Essendo altamente corrosiva si può ben supporre che certe monete conciate veramente male lo siano perchè sono state usate immerse con la calce per il tipo di lavorazione nominata.

Faccio sono una precisazione a quanto tu hai detto,

esatto che tra le due guerre e sopratutto durante gli anni della seconda guerra mondiale, data la carenza di metallo per ovvi motivi, era in uso ottenere il solfato di rame utilizzando scarti di rame, paioli, pentole, coperchi e.... monete :angry: ,

però caro steve, le monete, "scomparivano" nella reazione chimica, trasformandosi, in solfato di rame, utilizzato per la disinfestazione delle vigne,

ergo, la moneta postata, non è certo stata utilizzata per il procedimento chimico, ma è solo "vissuta" molto "vissuta"

saluti

TIBERIVS

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Otty
Secondo me non è solo questione di ampia circolazione per la moneta postata. E' troppo usurata per attribuire alla circolazione la colpa del pessimo stato. Si pensi che sino a 50 anni fa le monete in rame venivano usate e riusate in agricoltura. Non è difficile trovarle in campagna in luoghi dove vi sono o vi erano vigne. Ricordo che mia nonna mi raccontava che aveva un barattolo di vecchie monete (mia nonna era del 1907) che lasciavano in acqua per alcuni giorni CON DELLA CALCE per fare il verderame...oppure le annodavano in qualche tralcio della vite credendo che la moneta ossidandosi cedesse alla stessa la proprietà di preservale la coltura dalla peronospora. Infatti se ci fate caso la maggior parte delle monete che trovate in campagna sono tutte sbilenche.

Ho scritto appositamente CON DELLA CALCE in maiuscolo perchè, sempre secondo me, il colpevole di certe malefatte è proprio la calce. Essendo altamente corrosiva si può ben supporre che certe monete conciate veramente male lo siano perchè sono state usate immerse con la calce per il tipo di lavorazione nominata.

Faccio sono una precisazione a quanto tu hai detto,

esatto che tra le due guerre e sopratutto durante gli anni della seconda guerra mondiale, data la carenza di metallo per ovvi motivi, era in uso ottenere il solfato di rame utilizzando scarti di rame, paioli, pentole, coperchi e.... monete :angry: ,

però caro steve, le monete, "scomparivano" nella reazione chimica, trasformandosi, in solfato di rame, utilizzato per la disinfestazione delle vigne,

ergo, la moneta postata, non è certo stata utilizzata per il procedimento chimico, ma è solo "vissuta" molto "vissuta"

saluti

TIBERIVS

Penso che la tua ipotesi sia la più reale ....e lo dimostrano le altre decine di monete trovate nella vecchia scatola..ne è un altro esempio quet'altra moneta .

op1qpz.jpg

6j25qg.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Saturno

Anch'io trovai in un sacchetto, molte monete da 5 e 10 centesimi di rame ridotte così.

Credo che l'usura molto pesante sia dovuta al fatto che erano le monete che circolavano di più ed erano quelle maggiormente usate dal popolo.

Infatti non è facile trovare esemplari in condizioni bb o magari spl.

Trovai anche monete francesi da 5 centesimi, molto vissute, segno che l'Unione Latina funzionava molto bene. Trovai anche una da 20 cent della Grecia...

saluti a tutti

post-3438-1225353042_thumb.jpg

post-3438-1225353048_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

STEVE - O
Secondo me non è solo questione di ampia circolazione per la moneta postata. E' troppo usurata per attribuire alla circolazione la colpa del pessimo stato. Si pensi che sino a 50 anni fa le monete in rame venivano usate e riusate in agricoltura. Non è difficile trovarle in campagna in luoghi dove vi sono o vi erano vigne. Ricordo che mia nonna mi raccontava che aveva un barattolo di vecchie monete (mia nonna era del 1907) che lasciavano in acqua per alcuni giorni CON DELLA CALCE per fare il verderame...oppure le annodavano in qualche tralcio della vite credendo che la moneta ossidandosi cedesse alla stessa la proprietà di preservale la coltura dalla peronospora. Infatti se ci fate caso la maggior parte delle monete che trovate in campagna sono tutte sbilenche.

Ho scritto appositamente CON DELLA CALCE in maiuscolo perchè, sempre secondo me, il colpevole di certe malefatte è proprio la calce. Essendo altamente corrosiva si può ben supporre che certe monete conciate veramente male lo siano perchè sono state usate immerse con la calce per il tipo di lavorazione nominata.

Faccio sono una precisazione a quanto tu hai detto,

esatto che tra le due guerre e sopratutto durante gli anni della seconda guerra mondiale, data la carenza di metallo per ovvi motivi, era in uso ottenere il solfato di rame utilizzando scarti di rame, paioli, pentole, coperchi e.... monete :angry: ,

però caro steve, le monete, "scomparivano" nella reazione chimica, trasformandosi, in solfato di rame, utilizzato per la disinfestazione delle vigne,

ergo, la moneta postata, non è certo stata utilizzata per il procedimento chimico, ma è solo "vissuta" molto "vissuta"

saluti

TIBERIVS

Ovviamente non ho mai provato però mi riservo di chiedere ulteriormente ai vecchi del posto dove vivo.

Questo non per contraddirti ma per ricostruire un pezzo di storia della nostra bella Italia e farlo conoscere ai nostri giovani Collezionisti. Sicuramente avvenendo un determinato processo chimico di compensazione tra due elementi diversi la tendenza è quella che il rame si dissolva però che avvenga sempre ed alla prima volta non direi proprio.(sostanzialmente dipende dal rapporto tra calce, rame e acqua)

Ti dico così anzitutto perchè dai racconti di mia nonna ho il ricordo netto di questa scatola in cui venivano conservate monete fuori corso appositamente per la produzione del "solfato di rame" e per logica deduco che se vi era un posto in cui tenerle probabilmente è perchè o ne avevano talmente tante da usare o perchè dopo l'utilizzo venivano ricollocate nella scatola.

Comunque sia queste monete dovrebbero avere una caratteristica comune che è, oltre l'importante usura, la porosità.

E bravo TIBERIVS da una moneta siamo riusciti a tirare fuori una lezione di antropologia....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

libeccio

Come mai dici R2, riesci a capirne la zecca?

Andrea Libeccio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

jaconico

pure io qualche anno fa trovai nella collezione di mia nonna una moneta da 5 cent. 1866 ridotta cosi....... :( penso ke sia dovuta all'eccessiva circolazione.......pensate ai nostri centesimi di rame "euro" ke dopo 5 anni sono combinati malissimo e alcuni quasi nn leggibili,e immaginatevi monete ke hanno + di 100 anni ! :o secondo me sn semplicemente circolate molto...... ;) :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dolcepino12

Anche io dovrei avere un 10 centesimi del 1861a in malissimo condizione peccato

vittorio emanuele II

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×