Jump to content
IGNORED

Aiuto Identificazione


Blackrunner86
 Share

Recommended Posts

può sembrare una balla ma sono cose che succedono...l'ha trovata mio padre nell'orto quando era piccolo....

Link to comment
Share on other sites

Awards

Peccato la conservazione, ma vista l'origine :D , non ci si può lamentare. Attendi altri pareri perchè è possibile che ci siano delle varianti, io non sono molto esperto per le Toscane quindi potresti sapere qualche cosa di più da qualche altro Lamonetiano.

fedafa

Link to comment
Share on other sites


Era più bella "sporca". Spero tu non abbia usato prodotti chimici ed aggressivi per la pulitura...

LE MONETE NON SI PULISCONO! Tienilo presente per il futuro. Bisogna seguire degli accorgimenti ed usare prodotti non aggressivi.

Link to comment
Share on other sites


in questo caso, peò, il rusultato non è malaccio. Poi bisognerebbe vedere quanto "rendono" le foto. Comunque confermo anch'io (per quello che vale :P ) meglio non pulire le monete.

Link to comment
Share on other sites


Per la pulitura mi sono limitato a lasciarla un po a bagno nell'olio d'oliva e poi con uno spazzolino da denti ho fatto il resto...non mi permetterei mai di maltrattala con sidol o altri :D ...era sporca per lo più di terra, e il risultato è leggermente diverso dalla scansione, diciamo più "naturale"...Sopra la TT penso ci sia una croce....

Link to comment
Share on other sites

Awards

Le monete lucchesi con l'aquiletta ghibellina, sono state battute durante la breve Signoria di Pisa. Questo restringe il campo al 1342 - 1369 e dare indicazioni sulla rarità, ma occorre una conferma da chi ha un catalogo specifico.

B)

Edited by bavastro
Link to comment
Share on other sites

Awards

Grazie davvero per l'interessante informazione....speriamo che qualcuno con queste documentazini si faccia vivo....Comunque mi avete dato tutti preziose notizie...Grazie

Link to comment
Share on other sites

Awards

Ho in mano il Biaggi, non so fino a quanto sia attendibile, (se qualcuno ha il MIR penso sia meglio), cmq l'aquila è diversa. Nel Biaggi l'aquila è grande ed interrompe la legenda in alto, poi anche la tipologia è diversa, quindi escluderei il periodo della signoria di Pisa (fino a smentita). Riferendomi sempre al Biaggi, la moneta dovrebbe essere la n° 1062 ed è considerata rara, battuta sotto Ottone IV (sec. XIII).

D/ + OTTO REX, monogramma di Ottone.

R/ + SVVLT' DE LVCA, Volto Santo.

In attesa di altre notizie,

fedafa

Link to comment
Share on other sites


Quante informazioni..... :D Andrò in tilt....A parte gli scherzi grazie davvero per l'aiuto che mi state dando...siete gentilissimi....Visto che sono ignorante.....rara cosa vuol dire?in termini di tiratura e valutazione....

Link to comment
Share on other sites

Awards

Considera che i gradi di rarità sono questi

CC=Comunissima

C= Comune

NC= Non comune

R= Rara

R2= Molto rara

R3= Rarissima

R4= Della più alta rarità

R5= Conosciuta in qualche esemplare

U= Unica

Naturalmente poi per determinare un eventuale valore, oltre che la rarità, è fondamentale la conservazione della moneta stessa. Nel tuo caso sia l'una che l'altra non sono il top, ma ci troviamo sempre davanti ad un'affascinante pezzo di storia.

fedafa

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.