Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
luke_idk

altra identificazione difficile

Risposte migliori

luke_idk
Supporter

Diametro di quasi 18 mm. sul dritto un effige poco chiara (o ha un elmo o una capigliatura a dir poco originale :D ) sul retro, quella che sembra una scena di caccia

lxykl.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter
2w2q6q9.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

le90

sera luke! è un bronzetto del basso impero, IV secolo circa. non mi occupo del basso impero, ad ogni modo il rovescio è un FEL TEMP REPARATIO: un soldato che colpisce un cavaliere, elmato a quanto riesco a vedere; mentre per l'imperatore non ne sono certo, ma direi Costanzio II, anche se è molto consumato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Grazie 1000 e complimenti! Riosservandola meglio, in effetti, si tratta di una scena di battaglia e direi proprio che l'effige è elmata. La moneta è piuttosto consumata, ma la scansione non le rende giustizia, a dire il vero. E' una moneta, che ho ereditato da mio nonno, insieme ad altre inetressanti, molto più recenti. :)

Visto che mi sembra che tu te ne intenda, mi sai dire qualcosa anche per quest'altra?

http://www.lamoneta.it/index.php?showtopic=38276

A dire il vero, in seguito alla tua segnalazione, ho guardato alcune monete di Costanzo II e il ritratto mi pare proprio simile a quello presente sull'altra moneta.

Modificato da luke_idk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gpittini

DE GREGE EPICURI

I ritratti del basso impero sono molto stereotipati, per cui è molto difficile distinguere gli imperatori fra loro: occorre basarsi sul rovescio, e sulle legende quando visibili. Questa tua moneta (soldato che colpisce il cavaliere disarcionato) esiste anche per Costanzo Gallo e per Giuliano 2°; ma Costanzo 2° è molto più comune.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

noisefuel

La legenda attorno alla testa dpvrebbe essere del tipo: DN CONSTANTIVS PF AVG. Mi sembra di intravedere qualcosa del genere dalla foto, ma tu puoi verificare meglio dal vivo la corrispondenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Grazie a tutti per le spiegazioni :) Sono appena rientarto a casa da una trasferta di lavoro. Domani sera vi darò qualche ragguaglio maggiore (spero) anche se la legenda è ben poco leggibile (scusate il gioco di parole :P )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter
La legenda attorno alla testa dpvrebbe essere del tipo: DN CONSTANTIVS PF AVG. Mi sembra di intravedere qualcosa del genere dalla foto, ma tu puoi verificare meglio dal vivo la corrispondenza.

In effetti, riesco a leggere CONSTANT

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

chersoblepte

Il particolare tipo di ritratto (specialmente la forma "oblunga" della testa) mi ricorda più il Cesare Costanzo Gallo che l'imperatore Costanzo II...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

il mistero si infittisce :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

E' vero, come dice Chersoblepte per Costanzo Gallo vi sono ritratti bislunghi, ma anche per Costante e Costanzo ve ne sono su questo tipo di moneta. E si tratta di emissioni che si trovano frequentissimamente per Costanzo II, un po' meno per Gallo, come già ti ha detto Gianfranco.

Tuttavia, appoggerei l'ipotesi Costanzo Gallo perché dalle tue foto il capo non mi sembra né laureato né tantomeno diademato, e l'unico ritratto a capo nudo sui follis FEL TEMP REPARATIO (la scritta sul rovescio, che è l'unica cosa certa in funzione del suo disegno) mi risulta sia quello di Costanzo Gallo. Controlla bene con una buona lente tipo contafili e... bingo :)

Poi, con enorme fortuna, potresti pure leggere qualcosa in più sulla scritta, per arrivare addirittura a circoscrivere la zecca:

DNCONSTANTIVSNOBCAES zecche LVG, ROM, TES

DNCONSTANT IVSNOBCAES zecca ARL

DNCONSTANTI VSNOBCAES zecche LVG, ARL, ROM, TES, ANT, ALE

DNCONSTAN TIVSNOBC zecca HER

DNCONSTAN TIVSNOBCS zecca KYZ

DNCONSTANTIVSIVNNOBC zecche AQ, SIS, SIR

DNFLCLCONSTANTIVSNOBCAES zecche ROM, CONS, KYZ, NIK

Tante volte non si riesce a leggere la scritta, ma è sufficiente capire se c'è uno spazio fra le lettere o meno, e se ad esempio finisce per S o per C.

Se mai potesse servirti, qui trovi la corrispondenza segno-zecca.

Auguri :P

Modificato da justapeek

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

In realtà l'unica cosa leggibile è ...NCONST..

Il ritratto mi sembra "elmato"

Modificato da luke_idk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

In tal caso, Costanzo Gallo sarebbe da escludere come pure gli altri, visto che nessuno di loro ha busti elmati nei follis. Comunque, mi son documentato, il busto di Costanzo Gallo non è nudo, ma drappeggiato anche se in modo molto leggero, particolare che anche una lieve usura della moneta potrebbe occultare. Comunque l'unico ritratto elmato è Costantino il Grande, ma mai nel FEL TEMP REPARATIO. Pertanto, se a te pare che sul capo vi sia qualcosa (probabilmente, un diadema) direi che l'ipotesi da preferirsi sia quella del comunissimo Costanzo II.

Modificato da justapeek

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

...anche se a me sembra tanto simile a questa (Costanzo Gallo):

_siscia_RIC_347.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter
...anche se a me sembra tanto simile a questa (Costanzo Gallo):

_siscia_RIC_347.jpg

E' praticamente identica, in effetti!! Il d/ direi che è esattamente uguale, anche se la lettera H non si legge più

nel r/, invece, non riesco bene a capire se la gamba destra del soldato, nella mia moneta, sia piegata o se sia un particolare del cavallo meglio definito. Mi sembra, però che nella tua foto ci sia uno scudo (o qualcosaa di simile per terra) mentre nella mia è assente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Ho cercato su internet "monete costanzo gallo". Le prime che si trovano, in vendita sul noto sito o su altri siti di vendita, sono esattamente identiche alla mia, con tanto di gamba piegata! Una è periziata. Direi che ci siamo :) .

Dite che è più rara?

Modificato da luke_idk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Paradossalmente, il particolare, si vede molto meglio in una scansione a bassa risoluzione

post-8351-1230418277_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter
2qw23dd.jpg Modificato da luke_idk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

Ti confesso che non ci sono andato molto per il sottile: mi interessava che coincidesse il dritto, per determinare l'imperatore, mentre al rovescio non ho dedicato molto tempo né attenzione, visto che era già certo di cosa si trattasse. Poi, differenze anche marcate tipo lettere/numeri sul fondo (dovrebbe essere un 2 in numeri romani, non una H) così come particolari quali scudo o posizione di lancia e gambe, sono assolutamente normali in questi esemplari, e variano al variare di zecca ed officina. E, secondo me, riuscire - da quel che si vede del disegno sul tuo esemplare - a risalire pure alla zecca, è impresa da monaco buddista :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

ma se è II allora non dovrebbe essere Costanzo II?

Scusate se abuso delle vostre conoscenze, ma non ci capisco nulla di monete romane. Ho visto che il rovescio è uguale sia in monete di Costanzo Gallo, sia in monete di Costanzo II, è normale? Considerato che erano contemporanei, oltre che cugini, forse sì.

Il d/, comunque, è palesemente uguale a quello delle monete di Costanzo Gallo, trovate su internet.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

Per pronunciarsi sulla rarità, si va anche in base alla zecca, nonché delle illeggibili scritte su dritto e rovescio: non riuscendo a stabilire niente di tutto ciò, è impossibile catalogarla con esattezza e quindi dire se abbia un qualche indice di rarità. Comunque sono monete in generale davvero comuni: ad esempio quella di cui ho postato l'immagine è un C2 (comune 2) di Siscia, per quanto qualcosa di meno frequente c'è pure per questa tipologia di monete.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Ultima domanda e poi non vi rompo più :D

Da quello che ho letto dovrebbe essere una frazione di centennionale. E' giusto? Che significa? Sarebbe anche questo un AE3?

Ok lo so! Ho barato sono 3 domande. Anzi 4 (se aggiungiamo la domanda precedente: Il segno II, si riferisce, comunque, all'imperatore in carica Costanzo? ).

Se non mi sparate stavolta :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek
ma se è II allora non dovrebbe essere Costanzo II?

No, il numero II non indica l'imperatore. Per Costanzo Gallo ci sono monete che riportano il numero I, il II e anche il III.

Ho visto che il rovescio è uguale sia in monete di Costanzo Gallo, sia in monete di Costanzo II, è normale?

Sì, è normale. La tipologia di questa moneta (FEL TEMP REPARATIO, con il disegno del tuo esemplare) è stata adoperata da Costantino, Costante, Costanzo II, C. Gallo e Giuliano II.

Il d/, comunque, è palesemente uguale a quello delle monete di Costanzo Gallo, trovate su internet.

Questo è quel che conta: mettila in collezione sotto questo imperatore ;) Se vuoi una descrizione, un po' generica ma che può andare bene in base alle cose che sappiamo, usa questa:

Constantius Gallus AE3 18mm.

Obverse: DN CONSTANTIVS IVN NOB C, bare-headed, draped & cuirassed bust right

Reverse: FEL TEMP-REPARATIO, soldier spearing fallen horseman who is bare-headed, reaching backwards

La zecca potrebbe essere Sirmium, la cui emissione è compatibile nelle dimensioni. Ma è una semplice possibilità, niente più, visto che per molte altre zecche non conosco il diametro, quindi fai finta che non ti abbia detto niente. Comunque, riguardo Sirmium ti posto anche l'immagine, per semplice confronto:

_sirmium_RIC_051.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

Come periodo d'emissione, la ascriverei al 351-354 d.C..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

justapeek

Rettifico anche la descrizione per il dritto: ho fatto copia/incolla, ma naturalmente la tua è illeggibile, quindi mi limiterei a un generico "DN CONSTANTIVS..."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×