Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
fotoclik

Cash di Kang Xi 1661-17722

Terminata la mia ciclopica catalogazione digitale delle mie 3535 bambine, su due pezzi mi trovo a nutrire qualche perplessità: come sempre detto, non essendo io esattamente un numismatico ma un collezionista di monete e avendo inglobato nella mia collezione quella di mio padre, che, se fosse possibile aveva un sistema di catalogazione ancora più empirico del mio, non conoscendo la provvenienza certa di tali pezzi, mi sorge il dubbio sulla loro autenticità.

Il forellino visibile farebbe pensare ad un suo utilizzo quale monile, portachiavi etc, ma essendo provvisto di suo di un notevole foro centrale, parimenti ai monili che si vedono nelle televendite di maghi e maghette, un capio di pelle avrebbe potuto evitare lo scempio della moneta. Moneta che secondo una personalissima identificazione dovrebbe essere un Chash di Kang Xi terzo imperatore cinese della dinastia Quing emessa tra gli anni 1661 e 1722.

Come sempre agli esperti la parola, che sinceramente ringrazio ammirato per la loro conoscenza e grande spirito di sopportazione

mariano

http://i44.tinypic.com/2znphn8.jpg

http://i43.tinypic.com/rh6feb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, e grazie per aver aperto questa discussione: sei fra i pochi ad aver postato sul forum uno dei miei amati cash ;)

Allora, confermo intanto la tua identificazione: è proprio un cash di Kang Xi, e come tale è corretto anche il periodo di emissione da te indicato. La zecca è Chiowan.

Si tratta di una tipologia di moneta molto comune, e l'esemplare da te postato non presenta un grado di rarità particolare. Per quel che si può dire da una foto, non mi parrebbe trattarsi di un falso, ma coi cash orientali non c'è mai da star tranquilli (negli ultimi anni hanno copiato e riprodotto qualunque cosa, anche le monete a più basso valore commerciale: queste nella fattispecie sono in assoluto quelle più rifilate ai turisti di tutto il mondo).

Diciamo che se fosse in possesso tuo, o di tuo padre, da qualche decina d'anni, allora si potrebbe essere un po' più tranquilli, mentre se è di acquisizione recente, allora è tutto da valutare. In ogni caso, puoi sempre fare la prova di peso e diametro, che rispettivamente devono risultare 3,7 grammi e 28 millimetri.

Riguardo infine al foro quadrato, questo non serve per appenderle al collo come si è soliti credere, ma il suo significato è preciso e ben più profondo e va ricercato nella tradizione cinese dello yin e yang. Secondo tale tradizione, la sposa del primo sovrano, Fu Xi, si chiamava Nu-kua: nelle raffigurazioni, lo strumento caratteristico di Fu Xi è il compasso, mentre la squadra è quello di Nu-Kua. Quando, però, sono raffigurati insieme (spesso uniti nel noto simbolo del drago-serpente) è lei che tiene in mano il compasso, mentre l'imperatore tiene in mano la squadra.

Da ciò, arrivare al simbolismo monetario il passo è breve ;) Come è noto, il cerchio si traccia con il compasso, il quadrato con la squadra. E il cerchio è simbolo di movimento, e rappresenta "ciò che è in atto", quasi in moto perpetuo, senza inizio e senza fine: cioè lo Yang puro, il "Padre". Il quadrato invece è simbolo di stasi, e rappresenta ciò che è "in potenza" visto che il quadrato è sezione del cubo, figura simbolo della massima stabilità, e fondamento materiale di tutto ciò che esiste: lo Yin puro, la "Madre".

Ti risparmio il prosieguo, circa l'ambito fenomenico, in cui l'interazione di yin e yang è invertita perché è la materia a sembrare attiva e lo spirito ad essere ricettivo, e dunque il simbolismo risulta invertito. Ma di queste cose, se ti interessano, ne trovi a quintali cercando su internet.

Spero di essere stato chiaro. Se così non fosse, fammelo sapere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per il tuo chiarissimo intervento Justapeek. Il possessore originario della moneta era mio padre che la custodiva da oltre 50 anni, pertanto credo da questo punto di vista siamo al riparo da da " speculazioni turistiche ". C'è qualche problema invece per il peso: risulta corretto il suo diametro ma i grammi del mio esemplare sono 4,4. E' verosimile esista un conio di quel peso? Aspetto con ansia un tuo verdetto

mariano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho preferito ricontrollare e documentarmi meglio, prima di scrivere fesserie. E penso di poterti riconfermare il peso, che dai testi in mio possesso risulta dover essere 3,9 grammi. Non mi risultano emissioni di 4,4, sfortunatamente. Anche quelle della mia collezione dello stesso periodo, zecca e diametro (e ne ho svariate) sono tutte sotto i 4 grammi, incrostazioni comprese. Ma come sempre in queste circostanze, spero di sbagliare: comunque riguardo al valore commerciale non perdi granchè (1 euro o 2) mentre quello affettivo credo rimanga in ogni caso inalterato ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?