Jump to content
IGNORED

come impostare una collezione di monete Vitt. Em.III?


Recommended Posts

Buonasera, voglio aprire questo post per poter raccogliere qualche opinione riguardo la vastissima serie di monete coniate sotto il regno di Vitt.Em. III.

Se un collezionista decidesse di dedicarsi esclusivamente a questo tipo di monete cosa converebbe fare?

Collezionare solo una moneta per tipo?

Collezionare tutti gli anni per ogni moneta?

Collezionare tutti gli anni per ogni moneta comune e per le monete piu rare "accontentarsi"?

Vista la potenziale vastità della collezione sono un po' indeciso perchè uno rischia davvero di perderci la testa.. :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites


Io penso che la tipologica con esemplari di una certa rarità o in ottima conservazione sia già una bella e completa raccolta.

Sono d'accordo! Poche, rare, e possibilmente in ottima conservazione!

Star

Link to comment
Share on other sites


dipende tutto da quello che vuoi tu, comunque non farti spaventare dal numero delle monete, la collezione non deve essere finita in pochi anni.

Link to comment
Share on other sites


Anche io ho appena cominciato con Vittorio Emanuele III e dovendo fare i conti con il portafoglio ho scelto così: mi concentro su una moneta o al max un paio che mi possono interessare, scegliendo magari tra i vari anni quello piu raro, e aspetto l'occasione per poterla prendere in conservazione alta(diciamo non sotto SPL/FDC)...

Un esempio.. tra le varie annate del 2 lire quadriga briosa scelgo il 1917 e poi aspetto un buon esemplare, sia per conservazione sia per prezzo... attualmente il mio budget mi consente al max monete di questo valore ma, come giustamente è stato detto, una collezione può durare anche un intera vita e quindi chissà che in futuro... Vedremo...

Link to comment
Share on other sites


Collzionare, deve durare una vita! Altrimenti poi cosa fai???? :D

La collezione di V.E.III come si diceva è una delle più vaste però è anche una delle più belle! Vedrai che se ti concentri su un valore in particolare prima o poi deciderai di estenderla ad un altro e poi ad un altro ancora etc...etc...

Economicamente ti conviene metterti nell'orine di idee di collezionare V.E.III a 360° e ti consiglio indipendentemente dalla rarità di concentrarti sulla qualità...meglio una moneta in FDC che dieci BB.

Anche perchè quando amici e parenti sapranno che collezioni monete ti arriveranno a casa con sacchetti pieni di monete comunissime e bruttissime che tu potrai usare come tappabuchi aspettando l'occasione di avere quella bella.

Figurati che io ho iniziato con l'intenzione di collezionarne una per tipo....e adesso pur non avendola ancora completata(ovviamente) sono arrivato a collezionare anche le prove progetto.

Spero di aver reso l'idea...

Link to comment
Share on other sites


Non esistono collezioni complete, fidati.

Per quanto riguarda la tua collezione sono del parere di acquistare poche monete ma in alta conservazione,

avrai tutto il tempo per portarla a buon punto.

Auguroni

Link to comment
Share on other sites


Ciao,

io posso portarti il mio caso:

a me che piace l'oro prima ho collezionato i marenghi per tipologia, poi adesso sto cercando di fare le serie anche se di materiali misti(cinquantenario,aratrice,fascio...) poi quando saro' a buon punto cambierò ancora.

Come ti ha detto STEVE-O se la concludi subito poi cosa fai?

Comunque anch'io ti consiglio solo monete di alta qualità.

ciao

giangi_75it

Link to comment
Share on other sites


ok..vi ringrazio molto per i consigli.. :lol: ..essendo di Firenze mi servo alla Numismatica Fiorentina..pensavo anch'io di dedicarmi solo a monete in buona conservazione.

Ho 26 anni, quindi la posso prendere con calma.. B)

Link to comment
Share on other sites


sicuramente..la passione ce l' ho sempre avuta..soprattutto per quanto riguarda l'aspetto storico delle monete..cioè chissà quante persone le hanno tenute in mano prima di noi, tutto quello che hanno "visto"..ho un 20 soldi di Vitt. Amedeo III 1796 che non è proprio in ottime condizioni ma secondo me ha un valore storico notevole

Link to comment
Share on other sites


il cuore dice una moneta per ogni anno..il cervello e la tasca non proprio.. :D...bisogna scendere a compromessi..

Dai retta al cuore marzio e se la tua collezione non sarà completa non ti preoccupare sei in ottima compagnia ;)

Link to comment
Share on other sites


ciao Marzio,

conoscendo il titolare, sono sicuro che non avrai problemi a comprare monete di elevatissima qualità. E' notoriamente tra i più stretti di manica a graduare le monete, insieme a Tevere,Bazzoni,Varesi,Rossi.

ho avuto modo di comprare un paio di volte da lui a dei convegni, ma giusto perchè abito lontano da Firenze. Altrimenti, ci comprerei sicuramente qualcosa almeno 1 volta a settimana :D

..da premiare anche la simpatia :)

Io ti consiglierei di impostare la collezione, per iniziare, sul secondo periodo di VEIII: la serie impero (1936-1943) da prendere in qfdc e fdc. Apparte la serie in nichel del 36, le rare 2L 42 e la serie del 43 (solo il 20 cent è comunissimo), le restanti sono tutte abbordabili.

Successivamente, presa familiarità con il Re Numismatico, opterei per conii più raffinati, affidandomi alla tipologia: 20 centesimi libertà librata, 1 lira aquila, 25 cent e le 5 lire famiglia, eventualmente comprando 10 cent ape e 5 cent spiga in rame rosso o anche parzialmente rosso (facili da trovare e dal costo bassissimo).

Saranno passate diverse settimane, maturate in mesi, che ti avranno portato la spinta e la consapevolezza per capire per iniziare ad avere un certo "feeling" con la tua collezione. In questo momento sarai tu a gestire la situazione, padrone di gran parte della monetazione: sarà solo una questione di millesimo

Link to comment
Share on other sites


il fatto è che io già ho tutte le monete di Vitt. Em.III tranne:

-monete oro

-10 cent. cinquantenario

-5 lire quandriga

-5 lire cinquantenario

-5 lire 1901 (impossibile) :rolleyes:

-la serie da 20 lire

Volevo solo cercare di sostituire le monete che ho (1 per tipo) o con monete di alta qualità o completandola con gli anni che mancano.

Sono però propenso a seguire la prima soluzione, quindi scegliere solo monete di alta qualità e possibilmente rare.

Link to comment
Share on other sites


La mia idea? Non ha alcun senso una collezione tipologica di VE III, in qualsiasi conservazione la si voglia fare. La maggior parte delle tipologie si acquista in alta conservazione a prezzi più che abbordabili; le restanti tipogie sono invece davvero ardue da affrontare per chi ha iniziato a collezionare solo da poco tempo. Quindi, onestamente, ha senso una collezione composta da meno di 40 monete, 35 delle quali le si può acquistare nel giro di un paio di anni mentre le restanti 4 o 5 abbisognano di una vita o quasi? Altro discorso poi quello della conservazione: c'è troppa frenesia per il FDC a tutti i costi. Domenica parlavo con un esperto collezionista che mi diceva che bisogna fare qualcosa per far tornare i giovani ai convegni: allo stato attuale delle cose un giovane che approccia la numismatica e si reca ad un convegno si vede davanti solo monete in alta conservazione sulla quale vengono sparati prezzi decisamente fuori dalla portata di molti. Come sarà mai possibile sperare che a questi giovani venga voglia di proseguire? Bisogna far capire che tutte le monete hanno una loro dignità collezionistica, e non pompare per forza il mercato verso gli attuali eccessi dove un segnetto deprezza le monete del 50% del valore. Non mi stancherò mai di ripeterlo: un giovane o cmq un neofita che si approccia al mercato cercando solo alte conservazioni è destinato a prendere fregature al limite dell'inimmaginabile.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


quoto in tutto e per tutto paolino67,la penso esattamente come lui ed aggiungo:è senz'altro vero che l'ideale sarebbe avere tutte le monete in alta conservazione,ma questo non è sempre possibile,sia per esigenze di portafoglio,che anche di reperibilita...se dovessi dare un consiglio ad un neofita che vuole cominciare a collezionare V.E.III,gli direi di iniziare dalle monetine piu comuni,come le serie spiga,ape ed impero,e di prenderle per data senza curarsi troppo della conservazione(almeno MB comunque)e tramite questo impratichirsi a riconoscere le differenze di conservazione,ed anche i falsi,e magari crescere anche commettendo degli errori(chi non ne ha commessi...)...dopo questo primo periodo(in cui è meglio secondo me prendere tante monete,anche bruttine,piuttosto che un paio in FDC)con l'esperienza acquisita,cercare man mano di sostituire con pezzi migliori quelli in conservazione piu bassa,e poi passare a moduli piu importanti,come gli argenti e le monete d'oro,quando magari con l'eta e maggiori mezzi economici,si è in grado di collezionare anche questi...

mi rendo conto che è soggettivo,ma una collezione tipologica mi è sempre sembrata incompleta,quando si tratta di collezionare,per esempio un solo sovrano o per esempio una collezione comunque ben delimitata ,mentre una collezione veramente approfondita è quando si va per data e zecca...(una collezione tipologica è chiaramente l'ideale quando si colleziona un ampio periodo storico,o tanti stati insieme,X ES una collezione di tutti gli stati preunitari è per forza tipologica....)poi è chiaro che ognuno colleziona cio che vuole :) ...

come ultima cosa,è chiaro che un giovane non si avvicina alla numismatica,se deve comprare solo in SPL-FDC,perchè cosi(a meno che non sia il figlio dello sceicco del manchester city :D )anche per le monete piu comuni,potra prendere solo una moneta ogni tanto(per motivi economici),mentre invece in giovane eta,c'è bisogno che una passione come la numismatica sia continuamente alimentata...

Link to comment
Share on other sites


quoto in tutto e per tutto paolino67,la penso esattamente come lui ed aggiungo:è senz'altro vero che l'ideale sarebbe avere tutte le monete in alta conservazione,ma questo non è sempre possibile,sia per esigenze di portafoglio,che anche di reperibilita...se dovessi dare un consiglio ad un neofita che vuole cominciare a collezionare V.E.III,gli direi di iniziare dalle monetine piu comuni,come le serie spiga,ape ed impero,e di prenderle per data senza curarsi troppo della conservazione(almeno MB comunque)e tramite questo impratichirsi a riconoscere le differenze di conservazione,ed anche i falsi,e magari crescere anche commettendo degli errori(chi non ne ha commessi...)...dopo questo primo periodo(in cui è meglio secondo me prendere tante monete,anche bruttine,piuttosto che un paio in FDC)con l'esperienza acquisita,cercare man mano di sostituire con pezzi migliori quelli in conservazione piu bassa,e poi passare a moduli piu importanti,come gli argenti e le monete d'oro,quando magari con l'eta e maggiori mezzi economici,si è in grado di collezionare anche questi...

Secondo me, prendere le spighe e le api anche bb o anche in spl (date comuni e comunissime) serve solo a regalare un pò di soldini ai commercianti.

Ammesso che uno spl costa 3/5 euro, con 12/15 euro compri l'equivalente in fdc, quindi rapporto di 3:1 o 4:1. Insomma meglio comprare UNA moneta ma in FDC piuttosto che quattro monete SPL. Lo spl tenderai a cambiarlo di continuo, il fdc non lo cambierai mai più.

Ma, purtroppo, questo discorso lo si fa solo quando la collezione si è gia avviata, col senno di poi.

E' esattamente come quando abbiamo ascoltato alle superiori chi, già grande, che ci diceva: "un giorno rimpiangerai di non andarci più". In quel momento non sei consapevole che sia vero, pensi che sia una fesseria, ma poi te ne accorgi, ed inizi davvero a rimpiangere i bei tempi andati.

Personalmente mi sento un pò avvantaggiato, io sono partito con la repubblica italiana, solita trafila di monete mb e bb, ora sostituite quasi totalmente in FDC e Q.FDC. Per il nostro amato Re, con il senno di poi, ho subito optato per il FDC o comunque per un buon SPL-FDC. Risultato? Quasi tutte le monete che ho comprato, le ho comprate una volta sola, e mi danno grande soddisfazione quando apro l'albumino.

Prima però, ho guardato svariate monete per farmi l'occhio: convegni o in foto che siano, periziate e non.

Per l'argento di grosso modulo, puoi anche accontentarti di conservazioni sullo SPL e SPL+ (10 lire biga), per alcune tipologie

Per cui (visto che sei un pò pratico, a quanto ho capito): non comprare le comuni e comunissime in brutta conservazione, un domani le ricomprerai avendo speso di più. Dedicati alle monete in FDC da 10/20/30 euro, anzichè comprarne 4/5 al mese, comprane 1 al mese, certo sarà più lenta la collezione, ma hai tutta la vita davanti per farla avanzare:

CHI VA PIANO, VA SANO E VA LONTANO....! (e, inoltre, te le godi anche di più :D )

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


è interessante come si siano delineate due scuole di pensiero sulla modalita di come iniziare una collezione,sicuramente adesso l'autore del topic sara molto indeciso :P

comunque una persona che inizi una collezione,seguendo la pur condivisibilissima metodologia suggerita da elmetto2007,deve anche essere bravo e fortunato a trovare dei venditori seri,che non tentino di spacciare per FDC qualcosa che non lo è...perchè rimango dell'idea che un neofita,non sia in grado di vedere la differenza tra un FDC ed uno SPL+(e spesso è una differenza molto importante, specie per monete comuni).

certo,che sempre come diceva elmetto,col senno di poi chi di noi non ha commesso errori(io ne commetto ancora tanti :D )ma penso che siano errori che ogni collezionista deve compiere,per crescere e formarsi quell'esperienza,che gli servira in futuro quando magari lavorando e con maggiori capacita economiche,possa ambire a monete piu importanti...

poi richiamando ancora quanto ha detto paolino67,le monete in conservazione SPL,BB,ed anche in MB

sono belle e collezionabilissime,ed anzi spesso possono essere piu affascinanti di quelle in FDC, perfette,ma anche un po fredde,e che non hanno veramente "vissuto".sarebbe ora,che certo un certo mercato la smettesse di pompare artificialmente i pezzi in FDC,e rivalutasse i pezzi in conservazione piu bassa,per non trasformare la numismatica in una disciplina elitaria....

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Premetto: la mia considerazione precedente non ha nulla a che vedere con discorsi tipo "meglio il BB che il FDC" o viceversa.

Detto questo, il discorso di elmetto è buono, ma solo sulla carta. Buono appunto per Elmetto, che pur giovane, si è già fatto una certa esperienza sul campo a può camminare tranquillamente con le proprie gambe. Il problema delle api e delle spighe è un falso problema: un'apetta in BB la si trova nelle ciotole da 50 centesimi, e a mio parere 50 centesimi sono un ottimo investimento in numismatica, per cominciare ad imparare. E anche non lo fossero, con 50 cent non ci prendi nemmeno un caffè al bar, quindi mi pare illogico porre come un problema il fatto che questa moneta andrà sostituita. Il problema di queste monete è invece un altro: quale neofita riuscirà a pagare un giusto prezzo per un'apetta in FDC, e sopratttuo, quale neofita riuscirà a comprare un'apetta DAVVERO in FDC? Io il 1921 l'ho preso l'anno scorso a Verona, in perfetto FDC quasi completamente rosso, pagandolo 15€. Se l'avessi pagata anche solo 20€ (che è il prezzo medio) avrei speso 5€ in più. Quante apette da ciotola ci avrei comprato con questi 5€? ;)

Secondo aspetto: con 20-30€ in FDC ci compri solo le annate comuni (1921, 1924 e poche altre). Appena vai su 1928 o quelle successive al 1930 voglio vederti a trovare un bel FDC con 20€.

Terzo punto: mi metto in collezione un'apetta in BB pagandola 50 cent. Senza fretta e senza nessuno che mi corra dietro ho tutta la vita per sostituirla con una migliore, che mi capiterà magari per le mani senza nemmeno cercarla. Invece se la cerco è matematico che finirò per pagarla di più. Io sto sostituendo tutte le monete comuni brutte della mia collezione, ma non rinnego i precedenti acquisti; perchè queste sostituzioni non sono ne forzate ne cercate, compro solo quando c'è l'affare, e se sommo il precedente acquisto e quello nuovo probabilmente la somma darà una cifra inferiore a quella che avrei pagato se avessi subito preso un'alta conservazione. In più il doppione qualcosa mi renderà, e anche non mi rendesse quasi niente, trovo molto più divertente collezionare a gradi....

Poi, naturalmente, ognuno è libero di agire con le modalità che ritiene più opportune, ma per favore, non mettiamo nella testa dei giovani e dei neofiti in generale che se non si compra il FDC si sono buttati via dei soldi per nulla... perchè nella stragrande maggioranza dei casi è vero proprio il contrario.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.