Jump to content
IGNORED

1 Lira 1866


Recommended Posts

salve a tutti

sabato scorso al convegno di Bologna ho acquistato alcune lirette per la modica cifra di 4 euro cadauna.

Tra queste, arrivato a casa, mi sono accordo che c'era anche una data inesistente e cioè il 1866 Milano.

Al momento non dispongo dell'immagine della moneta ma la posterò lunedì.

C'è qualcuno che è a conoscenza di eventuali falsi d'epoca?

Io ho fatto alcuni controlli che mi portano ad escludere un riconio moderno:

peso di circa 4.85 grammi, + o - corrispondente alle altre lire della mia collezione che hanno circolato.

suono e colore tipici dell'argento

conio pressochè identico all'originale

bordo corrispondente all'originale (scritta FERT etc).

Ho anche controllato ad un macroscopio a 230 ingrandimenti eventuali ribattiture della data ma è tutto regolare, come si può vedere dall'immagine allegata (ingrandimenti 31X).

Oltretutto sarebbe stato difficile trasformare un 3, o un 7 in un 6.

La moneta in questione anche se sicuramente falsa mi ha molto incuriosito e mi piacerebbe avere i vostri pareri.

Ciao

Luca

post-1169-1236364573_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Secondo me qualcuno si è "allenato" a ritoccare una data di un 1863 Milano...

Link to comment
Share on other sites


Nel caso di 3 panciuto come questo ci poteva stare ma se pensiamo a come è il tre del 1863 sarebbe stato un'impresa mica da poco !

Ho provato a sovrapporre tutte le altre date ma non ne corrisponde nessuna in nessun modo eccetto la pancetta inferiore della cifra sopracitata.

Fra parentesi la moneta a mè sembra buona, originale in ogni dettaglio !

jarka1456 posso utilizzare la tua foto a scopo di ricerca ?

Edited by xxxdenari
Link to comment
Share on other sites


In effetti la moneta non desterebbe alcun sospetto se... non esistesse!

è da vedere al microscopio, è secondo me un buon lavoro di artigianato nello spostamento del metallo. Ho visto un 2 lire 1903 quasi perfetto, si notava solo l'area "molto lavorata" vicino al numero... si vedeva solo al microscopio ottico però!

potete consolarvi... se comprate solo FDC eccezionali siete al sicuro da questo tipo di contaffazioni :)

ciao

R

Link to comment
Share on other sites


potete consolarvi... se comprate solo FDC eccezionali siete al sicuro da questo tipo di contaffazioni :)

Non so :unsure: … negli Stati Uniti conii la serie, i mintmarks ottengono mossi intorno come appena tante parti di scacchi, o in modo da a volte sembra-Uncirculated (FDC) oppure no… :D

------------------------------

I don’t know :unsure: ...in the U.S. coin series, mintmarks get moved around like just so many chess pieces, or so it sometimes seems—Uncirculated (FDC) or not... :D

Link to comment
Share on other sites


In effetti la moneta non desterebbe alcun sospetto se... non esistesse!

è da vedere al microscopio, è secondo me un buon lavoro di artigianato nello spostamento del metallo. Ho visto un 2 lire 1903 quasi perfetto, si notava solo l'area "molto lavorata" vicino al numero... si vedeva solo al microscopio ottico però!

a mio parere possibile, ma abbastanza improbabile.

potete consolarvi... se comprate solo FDC eccezionali siete al sicuro da questo tipo di contaffazioni :)

bella consolazione! :lol:

saluti,

N.

Link to comment
Share on other sites


jarka1456 posso utilizzare la tua foto a scopo di ricerca ?

certamente xxxdenari, utilizzala pure. Mi raccomando se trovi qualche notizia tienimi aggiornato

Ciao

Luca

Link to comment
Share on other sites


In effetti la moneta non desterebbe alcun sospetto se... non esistesse!

è da vedere al microscopio, è secondo me un buon lavoro di artigianato nello spostamento del metallo. Ho visto un 2 lire 1903 quasi perfetto, si notava solo l'area "molto lavorata" vicino al numero... si vedeva solo al microscopio ottico però!

ciao

R

ciao rickkk come anticipato nel primo post, lavorando in laboratorio di chimica dispongo di un ottimo microscopio.

Ho controllato la moneta arrivando anche a 230 ingrandimenti e non sono riuscito a trovare tracce di manomissioni sulla data.

Se è stata artefatta a mano direi che l'autore si merita l'oscar per la bravura.

Di seguito posto alcune immagini del contorno che purtroppo non sono venute benissimo.

Ciao

Luca

post-1169-1236791787_thumb.jpg

post-1169-1236791795_thumb.jpg

post-1169-1236791802_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


Di seguito posto alcune immagini del contorno che purtroppo non sono venute benissimo.

Che nonostante ciò direi che confermano la genuinità del pezzo !

Ma a questo punto bisogna che ti rimbocchi le maniche e trovi il coraggio per rivolgerti ad un Perito, non si sà mai :)

Link to comment
Share on other sites


davvero interessante questo caso!!!! domanda : ma i numeri della data venivano impressi uno ad uno? in questo caso si può ipotizzare che il sei sia stato usato non solo per il decennio ma anche per l'anno?

Link to comment
Share on other sites


salve, ecco il mio parere. Tenuto conto che:

- hai eseguito i vari controlli per verificare l'autenticità

- escludi il riconio moderno

- dichiari che la moneta è falsa

quindi alla domanda "falso storico?" hai già dato una tua risposta.

Incuso ipotizza una manomissione della data e se è così, dalla patina uniforme che presenta la superfice, non dovrebbe essere molto recente.

Senza avere la moneta in mano, restando nel campo delle ipotesi, penso che la moneta fosse autentica, ma è stata cambiata la cifra e questo intervento l'ha declassata a falso.

Motivo? Perchè proprio il 1866? Celebrare l'ingresso del Veneto nel regno d'Italia? Mah... Forse perchè era più facile copiare la cifra vicina? In effetti i due 6 sono leggermente diversi.

Attendiamo pareri

:rolleyes:

p.s. puoi anche inviare una email a:

http://www.socnumit.org/menu.htm

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

Vi propongo questo giochino:

post-45-1236980767_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites


  • ADMIN
Staff

post-45-1236980805_thumb.jpg

La sovrapposizione non è precisissima ma comunque ragionevole. Alla luce di questo non vi sembra di vedere nell'ingrandimento della data 1866 degli aloni curiosamente corrispondenti alla ipotetica posizione del 3? In particolare la parte superiore piatta?

Il 6 incriminato poi mi sembra meno netto nello staccarsi dal campo specie nella parte inferiore, ma questo potrebbe essere benissimo un effetto della foto ;)

Link to comment
Share on other sites


Effettivamente la parte bassa del secondo sei risulta essere più fina rispetto al primo sei. Nonostante la possibile falsificazione della data, rimango dell'idea che la moneta sia nata con la data 1866 oppure è opera di un vero artista della contraffazione. Ho controllato diverse volte la moneta al microscopio fino a 215 ingrandimenti ma non sono riuscito a trovare aloni che testimoniano la diversa data.

Oggi ho avuto la conferma tramite analisi SEM che la moneta è effettivamente in argento.

Per quanto riguarda il consiglio di xxxdenari di farla perizare, per il momento preferisco aspettare e rimanere con il dubbio. Non credo valga la pena di spendere soldi per avere la conferma che la moneta è falsa.

Discorso diverso sarebbe se la moneta fosse una prova o un esperimento.

Qualcuno ho notizie in merito?

Luca

Link to comment
Share on other sites


Effettivamente la parte bassa del secondo sei risulta essere più fina rispetto al primo sei. Nonostante la possibile falsificazione della data, rimango dell'idea che la moneta sia nata con la data 1866 oppure è opera di un vero artista della contraffazione. Ho controllato diverse volte la moneta al microscopio fino a 215 ingrandimenti ma non sono riuscito a trovare aloni che testimoniano la diversa data.

Oggi ho avuto la conferma tramite analisi SEM che la moneta è effettivamente in argento.

Per quanto riguarda il consiglio di xxxdenari di farla perizare, per il momento preferisco aspettare e rimanere con il dubbio. Non credo valga la pena di spendere soldi per avere la conferma che la moneta è falsa.

Discorso diverso sarebbe se la moneta fosse una prova o un esperimento.

Qualcuno ho notizie in merito?

Luca

l'unica prova nota per la lira (quella che poi verrà effettivamente emessa) è una prova del 1863 Mi (primo anno di coniazione per Milano) in BR: l'esemplare recensito apparteneva alla Collez. Rocca dispersa poi nel '99.

il 1866 sarebbe il terzo anno di coniazione per Milano: perchè fare prove con tale data? cambio macchinari?

non penso.

per ora mi sento di scartare questa ipotesi.

saluti,

N.

Link to comment
Share on other sites


...

Oggi ho avuto la conferma tramite analisi SEM che la moneta è effettivamente in argento.

...

Ciao Jarka1456,

hai provato a sentire anche il suono (argentino o meno) prodotto dalla moneta? Confrontandolo magari con quello di monete originali del 63 o del 67? E' l'unica "analisi" semplice, assolutamente NON distruttiva, a costo nullo, per avere informazione "in profondità" senza pungere la moneta.

Mi sembrerebbe una necessaria verifica per escludere del tutto l'ipotesi (un po' bizzarra, non lo nego, ma non è che le altre sono molto più credibili per ora...) di uno stranissimo falso d'epoca.

Un salutone,

Link to comment
Share on other sites


Ciao toto

è la prima prova che ho fatto.

In ogni caso sono riuscito a far fare un'analisi semiquantitativa della concentrazione dell'argento in lega tramite microscopio SEM (che permette di fare questo tipo di analisi senza intaccare la moneta) quindi come ho detto un paio di messaggi fà che la moneta sia in argento lo posso dare come certo al 100%.

Luca

Link to comment
Share on other sites


...

sono riuscito a far fare un'analisi semiquantitativa della concentrazione dell'argento in lega tramite microscopio SEM (che permette di fare questo tipo di analisi senza intaccare la moneta) quindi come ho detto un paio di messaggi fà che la moneta sia in argento lo posso dare come certo al 100%.

...

Ok Luca, avevo letto, ma l'avrei detta pur sempre un'indagine che riguarda la composizione della superficie della moneta (una moneta che ha invece uno spessore "millimetrico"), mentre lo spettro del suono emesso è certamente determinato dall'oscillazione della moneta nel suo insieme e risulta diverso anche in monete molto ben ricoperte. O mi sbaglio?

Un salutone,

Antonio

Link to comment
Share on other sites


Nel 1866 a Milano veniva coniato il 50 centesimi CNI 64 unica moneta in argento coniata in questa zecca.

L'altra moneta coniata, il 10 centesimi CNI 66 ha i 6 della data differenti.

Fra le prove e i progetti di Vittorio Emanule II a Milano nel 1866 è segnalato solo un 10 Centesimi: CNI 30

Alessandro

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.