Jump to content
IGNORED

prima esperienza con elettrolisi


Vict
 Share

Recommended Posts

Proprio ieri mi sono costruito un bel apparecchio di elettrolisi. Ho fatto alcune prove, ho immerso 20lire per 30 minuti circa e ha cominciato a fare le bollicine e devo dire che un pò la moneta si è pulita, successivamente ho provato altri 30 minuti con bicarbonato ma ho avuto l'effetto contrario, la moneta è diventata nera, ora che devo fare per farla diventare come prima? grazie

ah dimenticavo, va bene anche un vasetto di vetro invece di plastica? grazie

Link to comment
Share on other sites


io lascierei perdere con l'elettrolisi le rovina le monete, e pure col bicarbonato con l'aceto e con l'acqua ossigenata, acqua distillata va bene olio di vasellina anche, ma ci vuole piu pazienza e giorni di lavoro col bisturi per togliere le incrostazioni e non la patina pero

ciao

Link to comment
Share on other sites


e pure oggi ho provato ad immergere una moneta che l'avevo inserita nella collezione "da identificare" pensavo fosse di vittorio emanuele III, ho eseguito l'elettrolisi 30 minuti con bicarbonato (tanto per quello che vale) e mi è venuta fuori una bella sorpresa, la moneta si vede perfettamente e ho scoperto che non è di vittorio ma bensi era Alfonso XII e mi sta diventando colore rame, quindi per le monete "da buttare" l'elettrolisi può essere una mano santa, ma non la proverei mai su una moneta di alta qualità o di grande valore

Link to comment
Share on other sites


e pure oggi ho provato ad immergere una moneta che l'avevo inserita nella collezione "da identificare" pensavo fosse di vittorio emanuele III, ho eseguito l'elettrolisi 30 minuti con bicarbonato (tanto per quello che vale) e mi è venuta fuori una bella sorpresa, la moneta si vede perfettamente e ho scoperto che non è di vittorio ma bensi era Alfonso XII e mi sta diventando colore rame, quindi per le monete "da buttare" l'elettrolisi può essere una mano santa, ma non la proverei mai su una moneta di alta qualità o di grande valore

Invece di compiere questi veri e propri misfatti non potresti desistere e utilizzare l'elettrolisi solo sui centesimi di euro? :o :o :o

Magari potevi provare a postare la moneta, che ora - mi sa - è irrimediabilmente spatinata e ha perso il 95% del suo valore economico e del suo fascino storico :(

Link to comment
Share on other sites


buongiorno, l'elettrolisi può rovinare irreversibilmente la moneta. Anzicchè eliminare residui indesiderati, potrebbe ricoprirli. Personalmente lo farei giusto con monete di basso interesse numismatico e comunque è consigliabile eseguire foto della moneta nelle diverse fasi.

B)

Link to comment
Share on other sites


Allora, io sto sperimentando diverse tecniche di pulizia mediante elettrolisi, fino ad ora i migliori risultati li ho ottenuti con una miscela di:

200 CC di acqua, 6 cucchiaini di sale fino e tre cucchiai di aceto bianco. Voltaggio consigliato 6 Volt per i primi 5 minuti, poi estrarre la moneta pulirla con uno straccio e dargli una spazzolata con uno spazzolino da denti setole medie, di nuovo immersione con voltaggio abbassato a 3 volt e ogni minuto estrazione della moneta e spazzolata con spazzolino da denti. Con questo sistema sono riuscito a pulire le monete preservando la partina che, addirittura si presenta perfettamente lucida e compatta.

E come disse Aiazzone ....................................Provare per credere. :P

Edited by Qualer
Link to comment
Share on other sites


ottime osservazioni (proverò pure io) il problema è che il mio alimentatore è fisso a 5,5volt quindi non posso abbassarlo o alzarlo, poi vorrei sapere ma se per esempio io metto il dito nell'acqua per errore che succede? Prendo la corrente di 220 o 5,5volt?

Un altra cosa, io sto provando a pulire una moneta romana (che non mi interessa tanto) la patina sta diventando colore rame, è possibile che esistano monete romane in rame? Scusate la domanda un pò idiota...

Link to comment
Share on other sites


1) Se immergi il dito nell'acqua naturalemtne prendi la 5.5 e non la 220.

2) si esistono monete in rame, ma se stai tirando fuori il rame vuol dire che hai "bollito" troppo la moneta e stai distruggendo la patina.

3) potresti acquistare a pochi euro un trasoformatore con uscita a tensione variabile.

Allora la patina non andrebbe mai intaccata, non devi accanirti per ottenere le monete che vedi nelle foto, con dettagli stratosferici e tutto perfettamente visibile, quelle sono monete da professionisti comprate così a costi ben più alti di quelle che noi prendiamo da pulire, scordati in genere di trovare monete del genere, anche se su 30 un paio di monete così le ho trovate, ma nella maggior parte dei casi ti devi accontentare di tratti sfumati o scritte da intravedere. Non ti accanire sulla moneta la rovineresti solo irrimediabilmente, anche perchè il momento in cui hai esposto il rame nudo incominci a corrodere i contorni d addio moneta definitivamennte, io personalmente nei miei primi tentativi ho rovinato diverse monete poi, sai com'è l'esperienza insegna. Non fare mai le prime esperienze su monete che sospetti possano essere "decenti", prova su quelle rotte o di cui sei certo del poco interesse (tuo, non numismatico). OK qui chiudo augurandoti una buona domenica a te e a tutti coloro che leggeranno questo messaggio.

Edited by Qualer
Link to comment
Share on other sites


1) Se immergi il dito nell'acqua naturalemtne prendi la 5.5 e non la 220.

2) si esistono monete in rame, ma se stai tirando fuori il rame vuol dire che hai "bollito" troppo la moneta e stai distruggendo la patina.

3) potresti acquistare a pochi euro un trasoformatore con uscita a tensione variabile.

Allora la patina non andrebbe mai intaccata, non devi accanirti per ottenere le monete che vedi nelle foto, con dettagli stratosferici e tutto perfettamente visibile, quelle sono monete da professionisti comprate così a costi ben più alti di quelle che noi prendiamo da pulire, scordati in genere di trovare monete del genere, anche se su 30 un paio di monete così le ho trovate, ma nella maggior parte dei casi ti devi accontentare di tratti sfumati o scritte da intravedere. Non ti accanire sulla moneta la rovineresti solo irrimediabilmente, anche perchè il momento in cui hai esposto il rame nudo incominci a corrodere i contorni d addio moneta definitivamennte, io personalmente nei miei primi tentativi ho rovinato diverse monete poi, sai com'è l'esperienza insegna. Non fare mai le prime esperienze su monete che sospetti possano essere "decenti", prova su quelle rotte o di cui sei certo del poco interesse (tuo, non numismatico). OK qui chiudo augurandoti una buona domenica a te e a tutti coloro che leggeranno questo messaggio.

grazie mille per il messaggio, hai risolto a pieno tutti i miei dubbi :rolleyes:

Un ultima info vorrei averla riguardo ai prodotti da utilizzare, ho notato che c'è molta differenza tra elettrolisi con semplice acqua distillata e con sale o bicarbonato di sodio, questi ultimi accellerano di molto il processo (almeno cosi ho notato), se provassi ad utilizzare acqua distillata(senza elettrolisi) con bicarbonato di sodio o sale anche questo potrebbe provocare danni irreparabili alla moneta? grazie

Link to comment
Share on other sites


Sicuramente non provocheresti danni. Tuttavia, secondo me, in qualsiasi processo di pulizia si intenda intraprendere non bisogna mia perdere di vista la moneta per piu' di un minuto. Tornando all'elettrolisi con trasformatore se vuoi usare un procedimento un po piu' "morbido" puoi usare 200 cc di acqua tiepida, 6 cucchiaini di sal efino e 2 cucchiaini di limone, il tutto a 3 volt è sicuramente molto piu' lento del procedimento con aceto ma è piu' "governabile". Infine potresti provare l'elettrolisi "naturale" mettendo in un recipiente di vetro limone sale e bicarbonato, immergi una fascetta di alluminio per alimenti lasciando una parte esposta all'aria e adagia la moneta sulla striscetta di alluminio immersa, dopo cinque minuti asciuga, risciaqua e adagia la moneta nuovamente sull'altra faccia per altri cinque minuti. Questo è senz'altro piu' "delicato" dell'elettrolisi vera e propria.

Link to comment
Share on other sites


  • 3 weeks later...
Guest Ilmonetaio

Pinzate la moneta al polo positivo al centro di un contenitore in acciaio (ripempito di acqua e sale) a cui collegherete il negativo.

La miscela d'acqua e sale... Almeno il 10% di sale rispetto alla quantità d'acqua (che varia a seconda del contenitore). Niente Bicarbonato o roba diversa da acqua, che se distillata va meglio.

12V a 220 sarebbe + rapido, eviterei di usare spazzolino... Usate uno spruzzino d'acqua da spruzzare in modo ravvicinato sulla moneta immersa. Unica raccomandazione, guardate costantemente la moneta e spruzzatela spesso, onde evitare che si consumi più del voluto.

Link to comment
Share on other sites

Io con l'elettrolisi mi sono sempre trovato benissimo. Dalla mia esperienza ho potuto notare che è una pratica da usare, e che dà ottimi risultati, sul bronzo/rame e sull'oro(per rimozione di incrostazioni marine) per il resto assolutamente da evitare.

A mio avviso la cosa più importante sono i tempi. Ho letto di 30 minuti...mi sembra decisamente tanto, anche perchè se si lascia tanto a mollo la moneta si rischia che i particolari si arrotondino e la stessa assuma un aspetto "gommmoso". Le immersioni si fanno da 1 minuto l'una(parlo per i 12 volt) una volta estratta la moneta si rimuovono con bitsturi o con ago le incrostazioni che hanno ceduto e poi di nuovo un'immersione da 1 minuto e così via sino alla pulizia totale. Onestamente con le patine non ho mai avuto problemi.....

Naturalmente è una pratica per la quale ci si deve fare la giusta esperienza prima arrivare a dei risultati validi.

Link to comment
Share on other sites


  • 4 months later...
io lascierei perdere con l'elettrolisi le rovina le monete, e pure col bicarbonato con l'aceto e con l'acqua ossigenata, acqua distillata va bene olio di vasellina anche, ma ci vuole piu pazienza e giorni di lavoro col bisturi per togliere le incrostazioni e non la patina pero

ciao

concordo pienamete...e aggiungo anche il succo di limone tra la prima lista dei metodi da non usare

Link to comment
Share on other sites


Ragazzi a prescindere dalla validità del trattamento elettrolitico, vorrei precisare che tecnicamente (per via della legge di ohm che relaziona la potenza al voltaggio e l'amperaggio, oltre che alla resistenza) anche l'amperaggio incide sulla reattività del processo, quindi nell'usare un alimentatore, verificatene l'amperaggio, perchè se eccessivo potreste non riuscire a controllare in tempo il tutto. Inoltre anche il tipo di materiale che andiamo a trattare può richiedere, a parità di amperaggio e voltaggio, tempi di stazionamento differenti, proprio per via della resistenza e della soluzione usata. Quindi tutti i valori temporali riportati in buona fede in questa discussione, sono molto relativi, appunto all'amperaggio e il voltaggio, dell'alimentatore usato, alla soluzione e alla tipologia di materiale che deve essere pulito; consiglio di testare su qualche pezzo di ferro arrugginito o sui centisimi, così da prendere confidenza con i mezzi a disposizione senza fare troppi danni!

Un saluto, D.

P.S. Io utilizzo il bagno elettrolitico, per la pulizia dei pezzi in ferro, ma dopo aver effettuato un processo di sgrossatura, abrasione del grosso, a mano, o con l'aiuto di spazzola d'acciaio; ma questo è OT ;)

Link to comment
Share on other sites


  • 6 months later...
  • 2 weeks later...

Salve Vict,

ho maturato nel tempo diverse esperienze per pulire medaglie o monete incrostate dal tempo.

Se posso esserti utile ti consiglio di usare il sistema di elettrolisi solo per togliere incrostazioni,

su medaglie o monete d'argento.Mai su altri metalli meno nobili.Se poi vuoi rinvenire l'ossidazione,

formata sulle 20 lire devi solo invertire i poli.Se vuoi anche ottenere ottimi risultati ipiega per il bagno

in questione acqua distillata aggiungendo Sodio Solfato anidro avendo cura precedentemente di

scioglierlo in acqua dist. tiepida formando una soluzione salina al 10%,controllando il procedimento

in base allo stacco d'incrostazione.

Augurandoti buon divertimento ciao Ganus

Link to comment
Share on other sites


  • 2 years later...

io vi do un consiglio spassionato,LE MONETE NON VANNO ASSOLUTAMENTE PULITE!!!!!,cosi la moneta perde tutto il valore storico ed economico,le monete incrostate vanno pulite con uno spazzolino morbido e acqua distillata(deionizzata)oppure con l'olio di vasilina,ma niente di piu' l'elettrolisi rovina le monete non usatelo,questo è il mio consiglio poi fate come volete.

borgia.

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.