Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Michele2198

Mezzo Crocione 1787

Risposte migliori

Michele2198

Vorrei un parere sul mio ultimo acquisto, si tratta di un mezzo tallero delle corone,

o crocione, del Ducato di Milano, anno 1787 sotto l'impero di Giuseppe II d'Asburgo.

Credo che si tratti di una moneta poco comune, inoltre crocioni e mezzi crocioni

si trovano di frequente in bassa conservazione, credo che questo sia in consevazione non disprezzabile, che ne pensate?

Mezzo tallero delle corone

zecca: Milano

Metallo: argento

Peso misurato: 14,64

Diametro: 34,8 mm

Dritto: IOSEPH II DGRISA GER HIE HVN BOH REX, testa a d. laureata, in basso la lettera M

Rovescio: ARCH AVST DVX BVRG LOTH BRAB COM FLAN 1787

Contorno: VIRTUTE ET EXEMPLO tra piccoli gigli in rilievo

Bibl: Crippa 18/B, CNI 40, Gn. Suppl 7.

img3421r.jpg

img3420.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

per me meglio di BB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

incuso
Supporter

qSPL/BB+

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

buon BB.

Come hai scritto sono monete che hanno circolato ed avevano valore in tutto l'impero, quindi accettate in ogni dove.

Sono rimasti tali, nell'impronta per altri 30 anni, quindi la maggior parte degli esemplari reperibili presenta marcata usura da circolazione.

I mezzi crocioni sono, poi molto più rari, del crocione; questo esemplare sebbene presenti i rilievi appiattiti è da considerarsi, per le le conoscenze, un buon esemplare.

A Milano, Giuseppe II d'asburgo lo conia in quattro anni: 1786 (R3) 1787 ® 1789 ® 1790 (R2).

Gnecchi li considerava tutti R/3 ma francamente le rarità del Gnecchi con il passare degli anni si sono state ampiamente riviste.

Crippa in nota aggiunge quanto detto prima, che sono monete assai difficili a trovarsi in ottimo stato di conservazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Michele2198

grazie a tutti ed in particolare a Picchio per l'analisi completa dei gradi di rarità, che mi conferma che si è trattato di un buon acquisto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gabrimen

per me vederlo dal vivo arriva a un q.spl ottimo acquisto :D

Ciao,

gabriele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×