Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
villa66

Alcune monete sono divertimento da usare

Risposte migliori

villa66

Alcune monete sono divertimento da usare :D. Sono il formato perfetto per che cosa comprano, e danno l'impressione della sostanza senza eccederla. La moneta tedesca 1-mark era una. Il quarto-dollaro americano è un altro. Così era il 100-lire italiano, quello ha entrato così bene nelle macchine del pinball degli anni 1960s (ed ha comprato 3 giochi a 5 sfere ciascuno!).

Altre monete sono più difficili da usare. Particolarmente quei più piccoli. La moneta da americana “dime” (10-cents) richiede l'attenzione supplementare, ma con un diametro di 19mm, il relativo “quoziente di inconveniente„ è ancora moneta da dieci centesimi di dollaro trattabile--ancora cambia le mani senza qualche cosa che è detto.

Ma il three-pence d'argento britannico che ha cominciato ad essere sostituito in 1937, che ha avuto un diametro di soltanto 16mm? La mia congettura è che ha ottenuto cursed su una base semi-normale, particolarmente dopo che la relativa alimentazione di acquisto sia stata ridotta da WWI.

Le "espressioni" inglesi diretto ad un three-pence inopportuno avrebbero riconosciuto e forse, come scuola-capretto, ho imparato alcuno del "espressioni" quel gli italiani potrebbero impiegare quando hanno usato il 1-centesimo molto piccolo (15mm) durante gli anni prima della relativa pensione in 1924.

Ho pensato a piccolo 1-centesimo dell'Italia ultima fine settimana, e quanto difficile deve essere di usare, quando io ho visto un russo ”polushka„ (1/4-kopek) per la prima volta. Qui sono i obverses delle due monete, un 1861m 1-centesimo e un 1899 1/4-kopek:

post-12167-1246499945_thumb.jpg

Ed i loro inversi, con i loro zecca-marks rispettivi, da Milano e dalla St Petersburg:

post-12167-1246499973_thumb.jpg

La piccola 1-centesimo era una creatura di mediterranee, e della barretta calde e delle transazioni principalmente senza fretta dal freddo gelido. Potete immaginare un “polushka„ nelle palme dei guanti e nei mittens di un inverno russo? Devono trovarsi nel terreno russo dalle centinaia delle migliaia.

:) v.

-----------------------------

Some coins are fun to use :D. They are the perfect size for what they buy, and give the impression of substance without overdoing it. The German 1-mark coin was one. The American quarter-dollar is another. So was the Italian 100-lire, that went so well into the pinball machines of the 1960s (and bought 3 games at 5 balls each!).

Other coins are more difficult to use. Especially the smallest ones. The American “dime” (10-cents) requires extra attention, but with a diameter of 19mm, its “inconvenience quotient” is still manageable—the dime still changes hands without anything being said.

But the British silver three-pence that began to be replaced in 1937, which had a diameter of only 16mm? My guess is that it got cursed on a semi-regular basis, especially after its buying power had been reduced by WWI.

The English "expressions" directed at an inconvenient three-pence I would have recognized, and maybe, as a school-kid, I learned some of the "expressions" that Italians might have employed when they used the tiny (15mm) 1-centesimo in the years before its retirement in 1924.

I thought of Italy’s little 1-centesimo last weekend, and how difficult it must have been to use, when I saw a Russian “polushka” (1/4-kopek) for the first time. Here are the obverses of the two coins, a 1861m 1-centesimo and an 1899 1/4-kopek:

post-12167-1246499945_thumb.jpg

And their reverses, with their respective mintmarks, from Milano and St. Petersburg:

post-12167-1246499973_thumb.jpg

The little 1-centesimo was a creature of the Mediterranean, of warm fingers and of transactions mostly unhurried by the freezing cold. Can you imagine a “polushka” in the palms of the gloves and the mittens of a Russian winter? They must lie in the Russian soil by the hundreds of thousands.

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

savoiardo
Supporter

Hai ragione......

ma sicuramente erano usate meno, infatti di centesimi italiani se ne trovano tanti in buona conservazione, come adesso succede con i centesimi di euro.....

però di andare a cercare nel terreno gelato della russia i "polushka" non ne ho proprio voglia..... :D :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter

Se pensate che le sigarette, in Russia (almeno fino a qualche anno fa) avevano un filtro lunghissimo e semirigido per potere essere tenute con i guanti da neve....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

darman1983
Se pensate che le sigarette, in Russia (almeno fino a qualche anno fa) avevano un filtro lunghissimo e semirigido per potere essere tenute con i guanti da neve....

questa non la sapevo!!!!! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66
Se pensate che le sigarette, in Russia (almeno fino a qualche anno fa) avevano un filtro lunghissimo e semirigido per potere essere tenute con i guanti da neve....

Non ho avuto idea… ché cosa di divertimento da imparare!

:) v.

------------------------------

I had no idea...what a fun thing to learn!

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

apulian

La moneta più piccola che abbia trovato in circolazione maneggiato è stata quella spagnola da 1 peseta, l'ultimo tipo pre-euro :rolleyes:

164-832.jpg

moneta che non valeva praticamente niente, d'alluminio, un metallo vile quindi, così come erano di metallo vile il centesimo e la polushka postate da Villa.

Diverso il discorso del dime americano e del 3 pence inglese: erano micro-monete, certo, ma erano d'argento ad alto titolo (.900 e .925 rispettivamente, poi ridotti a .500 per il 3 pence) avevano anche un certo potere d'acquisto. Il dime, poi, circola con le stesse dimensioni (ma il metallo usato è il nickel-rame) tutt'oggi, mentre il 3d inglese venne sostituito negli anni '30 del '900 da quello in ottone, perchè gli inglesi si erano stufati di questa moneta così piccola :D

Modificato da apulian

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luke_idk
Supporter
mentre il 3d inglese venne sostituito negli anni '30 del '900 da quello in ottone, perchè gli inglesi si erano stufati di questa moneta così piccola :D

Il contrario di quello che accadde con il cartwheel penny :D . O meglio, motivo opposto, stesso risultato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Comunicando più circa le “monete che sono difficili da usare,” ed ancora circa le monete che sono difficili da usare a causa del loro di piccola dimensione, introduciamo ancora l'italiano 1-centesimo (diametro di 15mm) per il confronto e disponiamo vicino esso il 3-penny britannico dell'argento (diametro di 16mm). I loro obverses:

post-12167-1247028789_thumb.jpg

E gli inversi di questo 1861m 1-centesimo, ed il 1890 3-penny 1890:

post-12167-1247028803_thumb.jpg

Come celebre più presto (dal savoiardo :)), moneta del 1-entesimo dell'Italia è trovata spesso negli più alti gradi perché il relativo valore basso la ha mantenuta spesso da circolazione attiva. Ma i Britannici monete di 3-penny della regina Victoria hanno lavorato molto duro, come questo esempio particolare illustra. (Come apulian suggerito più presto :) il 3-penny dei Britannici possono essere piccoli nel formato, ma era originalmente una buona moneta d'argento ed ha avuto certo valore reale.)

Quali marche esso un buon esempio di una “moneta difficile da usare. „ (Forse un esempio migliore che il 1-centesimo o il polushka russo ha accennato presto--perché se uno di quel piccolo rama è caduto sulla terra che potrebbe appena essere più facile li ha lasciati rimanere là. Ma un 3-penny dell'argento era differente. Ha comprato parecchio, relativamente parlando. Se un piccolo 3-penny colpisse la terra, durante i 19Th secolo comunque, qualcuno stava andando prenderlo, per quanto unhandy che la forza è….

------------------------------------

Talking more about “coins that are difficult to use,” and again about coins that are difficult to use because of their small size, again we introduce the (15mm diameter) Italian 1-centesimo for comparison, and place next to it the British silver 3-pence (16mm diameter). Their obverses:

post-12167-1247028789_thumb.jpg

And the reverses of this 1861m 1-centesimo, and the 1890 3-pence:

post-12167-1247028803_thumb.jpg

As noted earlier (by savoiardo :)), Italy’s 1-centesimo coin is often found in higher grades because its low value often kept it out of active circulation. But the British 3-pence coins of Queen Victoria worked very hard, as this particular example illustrates. (As apulian suggested earlier :), the British 3-pence may have been small in size, but it was originally a good silver coin and had some real value.)

Which makes it a good example of a “difficult coin to use.” (Maybe a better example than the 1-centesimo or the Russian polushka mentioned earlier—because if either of those little coppers fell on the ground it might just be easier to let them stay there. But a silver 3-pence was different. It bought quite a lot, relatively speaking. If a little 3-pence hit the ground, during the 19th century anyway, someone was going to pick it up, however unhandy that might be....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Una lettera scritta in 1853 e pubblicata nel catalogo di campione del Coincraft 1999 delle monete 1066 del Regno Unito ed inglesi fin qui, detti--soltanto 15 anni commercianti in regno della regina Victoria --“non offre le parti threepenny e fourpenny nel cambiamento ai codici categoria più bassi; le loro mani sono indurite dal lavoro manuale e le hanno antipatia per.„

Ma poco 3-penny dell'argento della Gran-Bretagna è rimasto popolare ed ampiamente usato, tuttavia e le relativa .925 composizioni d'argento sono rimasto intact fino alla prima parte di 1920, quando è stata ridotta a .500 argenti (come celebre già da apulian :)).

Qui è un 1917 3-penny del nipote della regina Victoria, di George V, e di un 1940 3-penny del gran-nipote della regina Victoria, George VI. Obverses delle monete :

post-12167-1247029340_thumb.jpg

E gli inversi delle monete piccole, notanti con la moneta a destra , che per la prima volta, la moneta dei 3-penny fatta per circolazione potrebbe essere distinta dal 3-penny di Maundy, di cui di piccola dimensione non ha importato così molto, poichè la moneta non è stata intesa per uso nell'acquisto e nel vendere giornalieri:

post-12167-1247029356_thumb.jpg

Ci è meno tempo e meno pazienza durante la guerra, in modo da la mia scommessa è che il “quoziente di inconveniente„ di entrambe 3-penny monete è aumentato molto notevolmente. E particolarmente per questi coins--1917 particolari era forse l'anno più difettoso di WWI per gli alleati, con la rivoluzione russa e la resa, il mutiny dell'esercito francese, e l'eccedenza di incertezza se gli Stati Uniti (o allora potrebbe) persino calcolerebbe nel risultato. E 1940? Per i Britannici? Tutti sappiamo che era un anno approssimativo.

Ma il poco threepence d'argento già stava sostituendo molto da un più conveniente--ha usato la moneta, un processo che stava accendendo dal 1937…

------------------------------------------------

A letter written in 1853, and published in Coincraft’s 1999 Standard Catalogue of English and UK Coins 1066 to Date, said—only 15 years into Queen Victoria’s reign—that “shopkeepers do not offer threepenny and fourpenny pieces in change to the lower classes; their hands are hardened by manual labour and they dislike them.”

But Britain’s little silver 3-pence remained popular and widely used, however, and its .925 silver composition remained intact until the first part of 1920, when it was reduced to .500 silver (as noted already by apulian :)).

Here is a 1917 3-penny of Queen Victoria’s grandson, George V, and a 1940 3-penny of Queen Victoria’s great-grandson, George VI. The coins’ obverses:

post-12167-1247029340_thumb.jpg

And the reverses of little coins, noting with the coin on the right, that for the first time, the 3-penny coin made for circulation could be distinguished from the Maundy 3-penny, whose small size did not matter so much, as the coin was not intended for use in day-to-day buying and selling:

post-12167-1247029356_thumb.jpg

There is less time and less patience during a war, so my bet is that the “inconvenience quotient” of both of these 3-pence coins increased very noticeably. And especially for these particular coins—1917 was perhaps the worst year of WWI for the Allies, with the Russian Revolution and surrender, the mutiny of the French army, and the uncertainty over whether the U.S. would (or then could) even figure in the outcome. And 1940? For the British? We all know it was a rough year.

But the little silver threepence was already being replaced by a much more conveniently-used coin, a process that had been going on since 1937...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Il poco threepence d'argento doveva essere sostituito per le nuove monete di Edward VIII, in 1937. Il nuovo re EVIII ha deciso… di un percorso in qualche modo differente di carriera. Ma la sua nuova (con una punta molto piccola di nichel aggiunta per durezza) moneta d'ottone di three-pence è presa da George VI di 1937 e la nuova moneta presto si è trasformata in in un successo reale.

Il contrasto fra il vecchio “difficile usare„ la moneta ed il nuovo “facile usare„ la moneta è rigido:

post-12167-1247029649_thumb.jpg

E gli inversi del three-pence d'argento 1940 del George VI ed il suo three-pence dell'ottone 1943:

post-12167-1247029663_thumb.jpg

La transizione non è accaduto durante la notte. Il penny dell'argento 3 è stato coniato per consumo interno con 1942 e per uso coloniale fino a circa 1945. Ma ancora, il nuovo threepence d'ottone era molto popolare. La gente ha gradito il relativo formato, che era una buona misura per che cosa potrebbe comprare. Ed anche per che cosa potrebbe non compr-esso è stato reso molto spesso in modo da non potrebbe inserire nei tester di elettricità del tempo, che ha preso il sixpence e lo scellino.

Ma tutte le buone cose terminano….

-------------------------------

The little silver threepence was to be replaced for the new coins of Edward VIII, in 1937. The new king EVIII decided on a...somewhat different career path. But his new brass (with a tiny bit of nickel added for hardness) three-pence coin was taken up by George VI in 1937, and the new coin soon became a real success.

The contrast between the old “difficult to use” coin and the new “easy to use” coin is stark:

post-12167-1247029649_thumb.jpg

And the reverses of the 1940 George VI silver three-pence, and his 1943 brass three-pence:

post-12167-1247029663_thumb.jpg

The transition did not happen overnight. The silver 3-pence was coined for domestic use through 1942, and for colonial use until about 1945. But again, the new brass threepence was very popular. People liked its size, which was a good fit for what it could buy. And also for what it could not buy—it was made very thick so it could not fit into the electricity meters of the time, which took the sixpence and the shilling.

But all good things come to an end....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Le monete possono essere difficili da usare perché sono troppo piccole. O troppo grande, come luke idk precisato con il “cartwheel” penny britannico ;).

A volte le monete possono essere difficili da usare perché sono di un formato che marche esso troppo facile confonderle con un'altra moneta (come i 1986 francesi 10-franchi che ha osservato troppo come il 1/2-franco). O potrebbe essere un disegno che marche esso troppo facile confondere con una certa altra moneta (come il 1951 tedesco 2-DM che hanno osservato troppo come il 1-DM).

O potrebbe semplicemente essere che una moneta sembra difficile da usare perché il numero 10 è così molto facile da usare. I Britannici flirting con una conversione ad un'invenzione decimale per almeno le decadi un dozzina in cui infine hanno preso l'immersione.

Qui è ancora quel 3-pence conveniente dell'ottone di George VI, con il 3-pence della sua figlia, Elizabeth II. I loro obverses:

post-12167-1247029925_thumb.jpg

E gli inversi del suo 1943 3-pence ed il suo 1967 3-pence:

post-12167-1247029937_thumb.jpg

Il 1967 3-penny del Elizabeth era la Gran-Bretagna ultimo--per circolazione, in ogni modo (ci erano i 1970 3d impressionanti nella prova per gli insiemi soltanto.) In 1937, il nuovo threepence d'ottone era stato meravigliosamente conveniente. Ma tre decadi più successivamente, la stessa moneta era diventato (relativamente) ugualmente “difficile da usare.„

:) v.

------------------------

Coins can be difficult to use because they’re too small. Or too large, as luke idk pointed out with the British “cartwheel” penny ;).

Sometimes coins can be difficult to use because they are of a size that makes it too easy to confuse them with another coin (like the 1986 French 10-franc that looked too much like the 1/2 –franc). Or it might be a design that makes it too easy to confuse with some other coin (like the 1951 German 2-DM that looked too much like the 1-DM).

Or it might simply be that a coin seems difficult to use because the number 10 is so very easy to use. The British had been flirting with a conversion to a decimal coinage for at least a dozen decades when they finally took the plunge.

Here is that convenient brass 3-pence of George VI again, with the 3-pence of his daughter, Elizabeth II. Their obverses:

post-12167-1247029925_thumb.jpg

And the reverses of his 1943 3-pence, and her 1967 3-pence:

post-12167-1247029937_thumb.jpg

Elizabeth’s 1967 3-pence was Britain’s last—for circulation, anyway (there was a 1970 3d struck in Proof for sets only.) In 1937, the new brass threepence had been wonderfully convenient. But three decades later, the same coin had become (relatively) too “difficult to use.”

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66

Noi abbiamo parlato di monete che erano difficili da utilizzare causa delle loro piccole dimensioni. Ma cosa succede delle monete che erano difficili da utilizzare per qualche altro motivo?

Ecco il obverse di un pezzo di 100-franco francese 1955 della 1954-58 tipio, di dimensioni conveniente e pulire l'aspetto:

post-12167-1247457116_thumb.jpg

E il inverso di questa moneta, il cui design attraente rende è uno dei miei preferiti personali:

post-12167-1247457148_thumb.jpg

Ma questo pezzo di 100-franco francese è stato detto difficili da utilizzare. Qualsiasi ipotizzato perché? :rolleyes: O forse qualcuno sa persona?

(Lo chiedo perché mi riesce difficile credere ciò che leggo, e fu sperando qualcuno potrebbe confermarla!)

:) v.

----------------------------------

We’ve been talking about coins that were difficult to use because of their small size. But what of coins that were difficult to use for some other reason?

Here is the obverse of a French 1955 100-franc piece of the 1954-58 type, of a convenient size and clean appearance:

post-12167-1247457116_thumb.jpg

And the reverse of this coin, whose appealing design makes it one of my personal favorites:

post-12167-1247457148_thumb.jpg

But this French 100-franc piece was said to be difficult to use. Any guesses why? :rolleyes: Or perhaps someone knows firsthand?

(I ask because I find it difficult to believe what I read, and was hoping someone might confirm it!)

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

villa66
Noi abbiamo parlato di monete che erano difficili da utilizzare causa delle loro piccole dimensioni. Ma cosa succede delle monete che erano difficili da utilizzare per qualche altro motivo?

Ecco il obverse di un pezzo di 100-franco francese 1955 della 1954-58 tipio, di dimensioni conveniente e pulire l'aspetto:

post-12167-1247457116_thumb.jpg

E il inverso di questa moneta, il cui design attraente rende è uno dei miei preferiti personali:

post-12167-1247457148_thumb.jpg

Ma questo pezzo di 100-franco francese è stato detto difficili da utilizzare. Qualsiasi ipotizzato perché? :rolleyes: O forse qualcuno sa persona?

(Lo chiedo perché mi riesce difficile credere ciò che leggo, e fu sperando qualcuno potrebbe confermarla!)

:) v.

----------------------------------

We’ve been talking about coins that were difficult to use because of their small size. But what of coins that were difficult to use for some other reason?

Here is the obverse of a French 1955 100-franc piece of the 1954-58 type, of a convenient size and clean appearance:

post-12167-1247457116_thumb.jpg

And the reverse of this coin, whose appealing design makes it one of my personal favorites:

post-12167-1247457148_thumb.jpg

But this French 100-franc piece was said to be difficult to use. Any guesses why? :rolleyes: Or perhaps someone knows firsthand?

(I ask because I find it difficult to believe what I read, and was hoping someone might confirm it!)

:) v.

Questi pezzi di 100-franco, lamentato molti francesi, avevano bordi che erano così forte che essi indossavano fori nelle loro tasche. Guardando in questo esempio particolare, tale denuncia è facile a credito—i bordi di questo aspetto di 100-franco 1955 come piccole seghe.

:) v.

---------------------------------

These 100-franc pieces, complained many Frenchmen, had edges that were so sharp that they wore holes in their pockets. Looking at this particular example, that complaint is easy to credit—the edges of this 1955 100-franc look like small saws.

:) v.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×