Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
Ciccio 86

buono da 20 cent

Recommended Posts

Ciccio 86
Ciao
ho visto in parecchi siti, che oltre al buono da 2 £ e 1 £ vi era anche quello da 20 cent. Era ufficiale , esiste o è una patacca? L'anno non lo so forse era di rame.
Saluti Ciccio 86

Share this post


Link to post
Share on other sites

f250770
Si esiste ed è il Buono da 20 centesimi coniato per l'esposizione di Milano.

Anno 1906
Materiale Rame
Diametro 27,5 mm
grammi 9.08/86

Ma sembrache ne esistano anche in ORO 100 pezzi ed in argento 1000 pezzi.

Ciao

:D :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67
Non è nato come moneta ufficiale, ma come buono da usarsi all'interno dell'esposizione di Milano, però (qualcuno mi corregga se sbaglio) era comunemente accettato anche la di fuori, per questo in tutti i cataloghi o quasi viene considerato come parte della monetazione di VE III°. A differenza della monetazione ufficiale non è stato coniato alla zecca di Roma ma negli stabilimenti Johnson di Milano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

alteras
[quote name='Paolino67' date='13 settembre 2005, 11:31']Non è nato come moneta ufficiale, ma come buono da usarsi all'interno dell'esposizione di Milano, però (qualcuno mi corregga se sbaglio) era comunemente accettato anche la di fuori, per questo in tutti i cataloghi o quasi viene considerato come parte della monetazione di VE III°. A differenza della monetazione ufficiale non è stato coniato alla zecca di Roma ma negli stabilimenti Johnson di Milano.
[right][post="51068"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]
Tutto corretto... aggiungo solo che, a mio modestissimo parere, è una delle monete più belle in stile liberty...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricca770
[quote name='Paolino67' date='13 settembre 2005, 12:31']Non è nato come moneta ufficiale, ma come buono da usarsi all'interno dell'esposizione di Milano, però (qualcuno mi corregga se sbaglio) era comunemente accettato anche la di fuori, per questo in tutti i cataloghi o quasi viene considerato come parte della monetazione di VE III°. A differenza della monetazione ufficiale non è stato coniato alla zecca di Roma ma negli stabilimenti Johnson di Milano.
[right][post="51068"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]


Perfetto ciò che ha detto Paolino67, dopo la fiera il buono ha continuato a circolare ed era comunemente accettato. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

frankoppc
[quote name='Ricca770' date='13 settembre 2005, 12:31'][quote name='Paolino67' date='13 settembre 2005, 12:31']Non è nato come moneta ufficiale, ma come buono da usarsi all'interno dell'esposizione di Milano, però (qualcuno mi corregga se sbaglio) era comunemente accettato anche la di fuori, per questo in tutti i cataloghi o quasi viene considerato come parte della monetazione di VE III°. A differenza della monetazione ufficiale non è stato coniato alla zecca di Roma ma negli stabilimenti Johnson di Milano.
[right][post="51068"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]


Perfetto ciò che ha detto Paolino67, dopo la fiera il buono ha continuato a circolare ed era comunemente accettato. :)
[right][post="51080"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right]
[/quote]

questo perchè l'economia del tempo lo [i]imponeva[/i]: la miseria era tanta e i soldi erano pochi, ecco perchè circolava un gettone. economia a parte trovo che sia il più bel buono tra quelli in "carriera" di VEIII

[img]http://www.numismaticavaresina.it/1059.JPG[/img]

Share this post


Link to post
Share on other sites

piergi00
Naturalmente ha circolato in Fiera e nei pressi , comunque solo a Milano

Share this post


Link to post
Share on other sites

piergi00
Non sono male anche quelli della Croce Rossa , pur essendo piu' rari e costosi

Share this post


Link to post
Share on other sites

ivobert
[quote]Naturalmente ha circolato in Fiera e nei pressi , comunque solo a Milano[/quote]

se non ricordo male il Gigante dice che era anche accettato alla Mostra di (non mi ricordo cosa) Fascista di Roma, quindi poitrebbe avere circolato anche a Roma, ma potrei ricordarmi male.... :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meh
incuso
Staff
Credo che fosse il 2 lire 1928 (ma vado anche io a memoria)

Share this post


Link to post
Share on other sites

piergi00
Incuso ricorda bene :)
Il buono da 2 Lire 1928 oltre che nell' esposizione di Milano era utilizzabile anche nella mostra della rivoluzione fascista in Roma

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciccio 86
E per quanto ha circolato?
La tiratura qual era?
In più scusate, ma i buoni da 1 e 2 £ perchè sono appunto "buoni" ? Dove circolavano? E per quanto? PS quello detto da voi del 1928 qual è ?
Ciccio 86 Edited by Ciccio 86

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paolino67
I buoni da 1 e 2 lire (ma la stessa equivalenza esisteva in altri paesi europei) "Italia seduta" e "Fascio", erano normali monete da circolazione. Mi pare che debbano la definizione di "buoni" perchè andavano a sostituire le monete in argento di uguale facciale, ma non avendo un valore intrinseco pari al loro valore facciale (visto che erano in nichelio e non in metallo nobile) venivano così definiti. Il buono dell'esposizione del '28 invece era, se non sbaglio, un gettone tipo il 20 cent in oggetto, anch'esso assimilato nei cataloghi alle monete da circolazione visto che è stato usato anche al di fuori della manifestazione per cui era nato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciccio 86
Scusate ancora, potrei avere immagini sul buono 2 £ 1928 e maggiori informazioni riguardo entrambi i buoni, 20cent e 2 £ ? Ad es. tirature , per quanto circolarono ecc...
Grazie
Ciccio 86

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
[quote name='Ciccio 86' date='14 settembre 2005, 15:06']Scusate ancora, potrei avere immagini sul buono 2 £ 1928 e maggiori informazioni riguardo entrambi i buoni, 20cent e 2 £ ? Ad es. tirature , per quanto circolarono ecc...
[right][post="51387"]<{POST_SNAPBACK}>[/post][/right][/quote]

Guarda sul sito di Incuso: [url="http://incuso.altervista.org/ve3.php"]http://incuso.altervista.org/ve3.php[/url]

apropos, dal '18 al '21 furono stampate banconote o si contiunuarono a usare solo le lire in argento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

toto
Ciao Ciccio 86,
le immagini sono qui:
[url="http://incuso.altervista.org/20_centesimi_esposizione.php"]http://incuso.altervista.org/20_centesimi_esposizione.php[/url]
[url="http://incuso.altervista.org/gettone_2_lire_ve3.php"]http://incuso.altervista.org/gettone_2_lire_ve3.php[/url]
Le tirature non le conosco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ivobert
[quote]apropos, dal '18 al '21 furono stampate banconote o si contiunuarono a usare solo le lire in argento?[/quote]

per le emissioni di banconote nel periodo indicato si hanno:

1914-21 Buono di Cassa da 1 Lira; emissioni: 1914 (3 emissioni), 17, 21
1914-22 Buono di Cassa da 2 Lire; emissioni: 1914 (2 emissioni), 17, 20, 21, 22
1904-25 Biglietti di Stato da 5 Lire; emissioni: 1904, 11, 14, 15, 18, 23, 25
1911-25 Biglietti di Stato da 10 Lire; emissioni: 1911, 14, 15, 18, 23, 25
1918-19 Banca D'italia 25L; emissioni: 1918 (2), 19 (2)
1896-1926 Banca D'italia 50L; con emissioni nel periodo 18-21: 18 (5)-19(4)-20(2)-21(2)
1915-1920 Banca D'Italia 50L Buoi; 15,16(2),17(3),18(5),19(4),20(2)
1897-1926 Banca D'Italia 100L; conn emissioni nel periodo 18-21: 18 (5)-19(4)-20(5)-21(3)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
Quindi in alcuni casi (tipo '14,'17) furono sia stampati i "buoni" cartacei da 1 e 2 lire che coniate le rispettive monete in argento. Questo mi sembra piuttosto strano, qualcun ne conosce la ragione?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mirko
Provo:
supponiamo che lo Stato debba emettere moneta per un valore di 100.
Per emettere una moneta, spende 5, mentre per emettere un buono cartaceo 1.
Ecco allora che preferisce emettere sia biglietti cartacei convertibili sia moneta metallica per non "sconvolgere" la gente ma comunque con un guadagno assai più consistente che se avesse emesso solo moneta.

Così si spiegano anche le emissioni di "biglietti" in periodi di difficoltà economiche, e anche la conseguente riottosità della gente ad accettarli.

Comunque questa è la mia opinione, suscettibile di critiche ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meh
incuso
Staff
Provo a buttarla lì: le monete le emetteva lo stato, le banconote le banche

Share this post


Link to post
Share on other sites

Paleologo
Mi sa che la ragione principale è quella che dice incuso, all'epoca non c'era il monopolio dell'emissione da parte dello stato, di fatto le banconote erano come i "miniassegni" degli anni '70 :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

frankoppc
il Governo cecoslovacco consegnerà al Tesoro italiano dei buoni del tesoro non negoziabili, a scadenza annuale regolare. La prima scadenza dovrà avvenire il 31 dicembre 1922. Questi buoni del Tesoro produrranno interessi che in nessum caso potranno essere superiori a quelli che il Governo italiano paga sui propri buoni del Tesoro ordinari a scadenza annuale.



Gli interessi sul debito totale stabilito co­minceranno a decorrere dal 1° gennaio 1922 e saranno pagati su ogni buono del Tesoro alla sua scadenza.



I buoni sui quali sarà stato effettuato un versamento saranno restitutti al Governo ce­coslovacco.

Il Governo cecoslovacco si riserva anche il diritto di saldare i buoni e gli interessi prima della loro scadenza.




fonte:http://www.senat.cz/zajimavosti/tisky/1vo/tisky/T1204_34.htm


questo è sostanzialmente la situazione per quanto riguarda i Buoni di Cassa. infatti per definizione:
[i]BUONI DI CASSA e BIGLIETTI DI STATO: sono banconote emesse direttamente dal Tesoro per i bisogni di cassa. Si chiamano buoni di cassa i primi biglietti del Regno e poi diventano, sino alla Repubblica, biglietti di Stato.[/i]

per quanto riguarda i buoni monetari da 2 lire, credo per analogia che funzioni un principio simile

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciccio 86
Si , ma di tirature e per quanto circolarono, nopn se ne sa nulla?
Ciccio 86

Share this post


Link to post
Share on other sites

f250770
Data - Tiratura - Rarità
1923 - 33.260.000 -C
1924 - 45.050.500 -C
1925 - 14.627.921 -C
1926 - 5.101.353 -R
1927 - 1.631.500 -RR

Ci sono 3 tipi di moneta prova (RR) del 1923 (P , PROVA e PROVA DI STAMPA)

e dal 1928 fino al 1935 furono emessi 50 pezzi (RRR) all'anno solo per numismatici.


Ciao

:D :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

f250770
Scusa ma non avevo capito che ti serviva il Buono da 2 lire emesso per la fiera. Infatti quello che ti ho datto era un conio ufficiale.

Comunque non credo che si sappia la titratura
ma si sà che ne furono coniati in Oro Argento Italma e Rame dorato.

scusa

:D :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.