Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
cvnradvs

MG dracme tarantine

Risposte migliori

cvnradvs

Ho una curiosità... qualcuno saprebbe spiegarmi come mai su queste monete è raffigurata atena e la civetta? essendo taras fondata dagli iloti spartani la cosa è quanto meno strana!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arthas

La sua è una giusta osservazione........infatti dalle fonti che noi abbiamo non risulta una correlazione chiara tra questa tipologia chiaramente ateniese e Tarentum.

Probabilmente l'adozione di questi tipi avvenne per inserire la moneta in un contesto economico magnogreco ed indigeno dove la tipologia era già conosciuta ed usata nelle seguenti città:

Velia (già dal V secolo a.C.),

- Testa di Atena al Dritto dello statere

- Civetta su ramo di alloro (sacri ad Atena) al rovescio delle dramme

- bronzo con D/ Atena R/ Civetta

Eraclea (colonia Tarantina)

-Dramma con al D/ Testa di Atena R/ civetta

Crotone

- tetrobolo con al R/ civetta

Metaponto

- Bronzo con al R/ Civetta

Tiati

-Bronzo con al R/ civetta

Azetium

-Bronzo con al R/ civetta

Venusia

- Bronzo con testa di Atena al D/ e civetta al R/

Butuntum

- Bronzo con al R/ civetta

Confrontiamo le immagini delle dramme di Velia, Eraclea e Tarentum. (foto da coinarchives.com)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cvnradvs

è un ragionamento convincente, la ragione sarebbe prettamente economica e non politica a questo punto.

la ringrazio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danielealberti

la presenza prima del volto di Ateena e poi della civetta, uccello sacro alla dea ha un valore essenzialmente politico che attesta l'influsso ateniese attraverso la colonia panellenica di Turi.

Nei tempi arcaici non si è trovato riscontro con un culto ad Atena nella colonia tarantina, ma Pausania dice che i coloni di taranto avrebbero dedicato prima di partire presso il temenos di Poseidone Tenarios, e la fondazione della nuova città sarebbe tata intrapresa sotto la protezione delle dea.

tratto da " Culti e miti della magna Grecia" di G. Giannelli

lele

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×