Jump to content
IGNORED

moneta??


Recommended Posts

buona sera a tutti!! volevo chiedere nuovamente il vostro parere per questa moneta.

http://i26.tinypic.com/2edpmjk.jpg

http://i27.tinypic.com/ekrtaf.jpg

sul retro in basso a sinistra del libro c'è la scritta B G...il diametro è di 29 mm, e il colore è più giallo rispetto alle foto...grazie mille ancora per il vostro aiuto :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites


Sicuramente una medaglia. Non vorrei dire cavolate, ma se non erro faceva parte di una serie di medaglie (definiamole così) messe in giro da non so che ditta per celebrare i personaggi famosi...

Link to comment
Share on other sites


il libro che si nota nel verso è comune a tutte le medaglie di quel tipo. Erano incollate ,non ricordo bene a quale rivista o altro, vendibile nelle edicole negli anni 1960/70.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Posso sbagliare, ma credo fossero allegate al Reader Digest....una ciofèca.

Link to comment
Share on other sites


Posso sbagliare, ma credo fossero allegate al Reader Digest....una ciofèca.

BINGO !! quello era :D

mi sono fatto una cultura con quella rivista..

e mi è servita..

quando c'era Reader Digest, internet non esisteva, c'erano poche riviste che trattavano un po' di tutto..

e se non ricordo male alla tv c'era telemilano

Edited by micio_68
Link to comment
Share on other sites


Opinione rispettabile che certo non condivido.

La Reader's Digest è un'azienda editoriale americana che opera nel mondo da decenni.

Personalmente ritengo utile il confronto fra culture diverse ,ma credo che l'omonima rivista ,che sbarca in Italia nel '47/48 assieme alla Coca Cola, abbia costituito un tentativo unilaterale di uniformare la cultura italiana a quella americana e non certo quella di informare obiettivamente ne tantomeno di formare coscienze critiche. Del resto ,dopo l'effetto novità del debutto, nei primi decenni del dopo guerra, gli italiani cominciano snobbarla , tant'è che oggi non è più nemmeno tradotta nella nostra lingua. Oggi il testimone è in mano a un media ben più potente :la televisione commerciale made in USA, che debutta in Italia con Telemilano alla fine degli anni '70. Ma pare che la RAI , pur cambiando inevitabilmente, abbia retto bene al confronto.

Rimpiango carosello

Link to comment
Share on other sites


Supporter
Opinione rispettabile che certo non condivido.

La Reader's Digest è un'azienda editoriale americana che opera nel mondo da decenni.

Personalmente ritengo utile il confronto fra culture diverse ,ma credo che l'omonima rivista ,che sbarca in Italia nel '47/48 assieme alla Coca Cola, abbia costituito un tentativo unilaterale di uniformare la cultura italiana a quella americana e non certo quella di informare obiettivamente ne tantomeno di formare coscienze critiche. Del resto ,dopo l'effetto novità del debutto, nei primi decenni del dopo guerra, gli italiani cominciano snobbarla , tant'è che oggi non è più nemmeno tradotta nella nostra lingua. Oggi il testimone è in mano a un media ben più potente :la televisione commerciale made in USA, che debutta in Italia con Telemilano alla fine degli anni '70. Ma pare che la RAI , pur cambiando inevitabilmente, abbia retto bene al confronto.

Rimpiango carosello

Completamente d'accordo.

Senza contare la terrificante iniziativa di "condensare" in ogni numero un libro di autori varii..... : letterariamente parlando, roba da galera ! :)

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.