Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Fabrizio19

5 tornesi 1832 DRITTO DIFFERENTE ???????

Risposte migliori

Fabrizio19

POSTO 2 IMMAGINI DI UN 5 TORNESI 1832 CONTORNO LISCIO CHE ''A MIO AVVISO'' RECA UNDRITTO COMPLETAMENTE DIVERSO DAL TIPO ??????

post-14921-1253272902_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fabrizio19

HO QUESTO PEZZO DA 5 TORNESI 1832 BORDO LISCIO CHE PRESENTA IL DRITTO DIFFERENTE DALLA TIPOLOGIA......ALMENO

CHI NE SA QUALCHE COSA DI +?

GRAZIE FABRIZIO

post-14921-1253273237_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

favaldar

Credo che abbia la testa più piccola!

Se cosi fosse ti conviene farla periziare ad Erba,è molto imparziale riguardo a varianti o no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

La mia risposta è di parte avendo avuto la moneta in mano. Confermo la testa più piccola e la mancanza di perlinato tra legenda e bordo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fabrizio19

come fedafa mi ha fatto notare in pv......la testa è uguale.....ma manca del perlinato qualcuno è in possesso di esemplari analoghi ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Confermo che le dimensioni della testa sono le stesse, ma con la differenza che manca il perlinato lungo il bordo e la legenda risulta più esterna (cosa che fa sembrare la testa più piccola). Fabrizio, mi confermi che il diametro è regolare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fabrizio19

diametro regolare 32mm.....peso un po calante ma visto l'usura direi ok 15,18gr

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Layer1986

azzardo un errore nel fase di coniazione, queste monete avevano i coni mobili e poteva capitare che i pezzi si spostavano.... io ad esempio ho un 5 tornesi con la testa (e solo la testa) decentrata...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

gennydbmoney

azzardo un errore nel fase di coniazione, queste monete avevano i coni mobili e poteva capitare che i pezzi si spostavano.... io ad esempio ho un 5 tornesi con la testa (e solo la testa) decentrata...

molto interessante,potresti postare una foto?...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Le dimensioni del ritratto del sovrano sono uguali per tutti i 5 Tornesi I° tipo. In effetti, l'occhio viene ingannato perchè gli esemplari 1832 hanno la leggenda più distanziata da essa, lasciando il campo più ampio. Anche la perlinatura è più marginale.

Per farvi rendere conto vi posto due 5 Tornesi, entrambi in conservazione eccezionale: il primo è del 1831 (cfr. Gigante 211a) ed ha un'impronta molto simile ad altri millesimi, l'altro del 1832 (cfr. Gigante 212a) è della stessa tipologia di quello postato in questo topic.

L'esemplare postato da Patrizio19, presenta la perlinatura pressochè inesistente al dritto a causa di alcuni fattori come ad esempio: conio debole e decentrato. Sembrerebbe che la perlinatura sia andata via a causa di un'intensa circolazione .......... ma se così fosse sarebbe andata via anche quella al rovescio, dico bene?

Sull'esemplare di Patrizio, La perlinatura non c'è per un motivo molto semplice ............ gli esemplari del 1831 e del 1832 sono coniati da conii prodotti con diversi metodi di costruzione, il primo è di impronta più alta, il secondo è di conio più basso (nel passato me ne sono passati decine di esemplari e per questo lo posso testimoniare).

L'esemplare da me postato venne coniato dal bilanciere con un colpo abbastanza pesante, ecco perchè la perlinatura è al 90% intatta. L'esemplare di Fabrizio19 venne coniato da un colpo del bilanciere meno calibrato .............. ecco perchè la perlinatura, elemento dell'impronta più alto dell'effigie, risulta quasi inesistente.

I bilancieri sono macchine che vengono bilanciate e regolate nella loro battuta nel corso d'opera ............. ecco perchè alcuni esemplari sono perfetti ed altri sono più deboli.

Queste cose si sanno quando si vede dal vivo un bilanciere in funzione. Se non si conosce il metodo di coniazione non si arriverà mai a conoscere la natura del prodotto finito, dico bene? Sapevate che il Circolo Numismatico Napoletano organizzava delle visite guidate alle varie officine della zecca italiane? Perchè non vi organizzate un po' anche voi? Sarebbe una bella idea.

post-8333-1269352910,5_thumb.jpg

post-8333-1269352917,25_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eracle62

Che splendidi esemplari!!!!!! Sicuramente sarebbe molto utile ed interessante poter vedere le varie fasi di coniazione, specialmente se i risultati sono questi!!!!!! :D :D :D

Scherzi a parte complimenti Francesco per l'ottima analisi!

Modificato da eracle62

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Le dimensioni del ritratto del sovrano sono uguali per tutti i 5 Tornesi I° tipo. In effetti, l'occhio viene ingannato perchè gli esemplari 1832 hanno la leggenda più distanziata da essa, lasciando il campo più ampio. Anche la perlinatura è più marginale.

Per farvi rendere conto vi posto due 5 Tornesi, entrambi in conservazione eccezionale: il primo è del 1831 (cfr. Gigante 211a) ed ha un'impronta molto simile ad altri millesimi, l'altro del 1832 (cfr. Gigante 212a) è della stessa tipologia di quello postato in questo topic.

L'esemplare postato da Patrizio19, presenta la perlinatura pressochè inesistente al dritto a causa di alcuni fattori come ad esempio: conio debole e decentrato. Sembrerebbe che la perlinatura sia andata via a causa di un'intensa circolazione .......... ma se così fosse sarebbe andata via anche quella al rovescio, dico bene?

Sull'esemplare di Patrizio, La perlinatura non c'è per un motivo molto semplice ............ gli esemplari del 1831 e del 1832 sono coniati da conii prodotti con diversi metodi di costruzione, il primo è di impronta più alta, il secondo è di conio più basso (nel passato me ne sono passati decine di esemplari e per questo lo posso testimoniare).

L'esemplare da me postato venne coniato dal bilanciere con un colpo abbastanza pesante, ecco perchè la perlinatura è al 90% intatta. L'esemplare di Fabrizio19 venne coniato da un colpo del bilanciere meno calibrato .............. ecco perchè la perlinatura, elemento dell'impronta più alto dell'effigie, risulta quasi inesistente.

I bilancieri sono macchine che vengono bilanciate e regolate nella loro battuta nel corso d'opera ............. ecco perchè alcuni esemplari sono perfetti ed altri sono più deboli.

Queste cose si sanno quando si vede dal vivo un bilanciere in funzione. Se non si conosce il metodo di coniazione non si arriverà mai a conoscere la natura del prodotto finito, dico bene? Sapevate che il Circolo Numismatico Napoletano organizzava delle visite guidate alle varie officine della zecca italiane? Perchè non vi organizzate un po' anche voi? Sarebbe una bella idea.

Sarebbe possibile avere l'autorizzazione alla pubblicazione della foto e quindi riprodurla senza la didascalia di divieto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
francesco77

Certamente amico caro. Ti ho appena inviato un MP.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Certamente amico caro. Ti ho appena inviato un MP.

Ti ho appena ringraziato in MP :) :) :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Fabrizio19

ciao francesco....grazie della tua risposta esauriente.......ma nel mio caso se fosse come tu dici......si dovrebbe vedere il perlinato.....e non il contorno........anche se molto consumata......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Fabrizio19

specialmente sopra la scritta ferdinandus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

francesco77

Ciao Fabrizio, scusami ma non ho capito la domanda o a cosa ti riferisci.

Nel tuo esemplare la perlinatura è pressochè inesistente in quanto è la parte più marginale del tondello e quindi più esposta alla battitura poco calibrata del bilanciere. Al rovescio la perlinatura c'è ancora perchè il bordo marginale (oltre la perlinatura) è più alto e quindi quello che è al di sotto riuscì perfettamente.

Modificato da francesco77

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×