Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Flavio

Bluehenge

Risposte migliori

Flavio

Scavato (relativamente) in sordina durante quest'estate.

Ecco le prime notizie, in attesa dei comunicati ufficilai previsti, ahinoi, solo per febbraio.

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-1217752/Henge-stones-Unearthed-site-monuments-little-sister.html

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Claudio I

Salve, davvero molto interessante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

… siamo giunti a marzo, è uscita qualche notizia.

Innanzitutto gli archeologi non hanno rinvenuto strutture in elevato come a Stonehenge ma solo i “negativi” delle stesse, ovvero gli alloggiamenti nel terreno delle 25 pietre che componevano il circolo. Detti monoliti erano costituiti da dolerite, una roccia vulcanica di colore bluastro (una varietà di basalto-durissimo da lavorare) proveniente dalle montagne gallesi di Preseli, distanti circa 350 km. Parliamo di un trasporto di massi, con le mezzi e le tecnologie dell’epoca, avvenuto circa nel 3000 a.C. !

Sembra che dapprima si siano costruiti Bluehenge e Stonehenge per poi “smontare” Bluehenge (circa 500 anni dopo) e riutilizzarne i monoliti a Stonehenge per creare un nuovo circolo (dato comprovato dal C14 sui carboni rinvenuti).

L’utilizzo del sito sembra essere stato di tipo funebre: I defunti partivano da Durrington Walls, un terrapieno di legno, luogo di banchetti e cerimonie, per approdare in barca, lungo il fiume Avon, a Bluehenge. Da qui le ceneri arrivavano a Stonehenge, distante circa 1 miglio (1,6 km, in certi link danno anche 2 miglia), una sorta di necropoli. Tutto ciò durò per circa 500 anni (2500-2200 a.C.) come detto, dopo di che le pietre servirono a costituire il circolo interno di Stonehenge, quello che tutti conosciamo.

Sul web con una semplice ricerca “Bluehenge” potete trovare vari articoli al riguardo, anche se il riassunto è quanto sopra.

Ciao

Illyricum

;)

post-3754-1269018704,54_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Il sito, come detto sopra nel post precedente, è adiacente alla riva del fiume Avon.

Ciao

Illyricum

:)

(chiedo scusa, non mi è partita la foto allegata, se possibile rimuovete pure questo post... :( )

post-3754-1269018920,84_thumb.jpg

Modificato da Illyricum65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Il sito, come detto sopra nel post precedente, è adiacente alla riva del fiume Avon.

Ciao

Illyricum

:)

PS: Flavio, ho mantenuto la promessa... spero di aver appagato il Vs. interesse!

Modificato da Illyricum65

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Questa è la foto area della zona, con Stonehenge(A) ed il segnalibro giallo su Bluehenge.

Il sito era mascherato da un piccolo bosco. Ho trovato cenno ai resti di una strada larga 15 mt. che si inoltra direttamente verso Stonehenge.

Mi pare inoltre evidente che dalla foto aerea si apprezzano tracce di sottostrutture (strade? canali?) soprattutto in quel campo centrale di colore chiaro; chiaramente andrebbe appena indagato sull'età delle stesse.

Ciao

Illyricum

:)

post-3754-1269020715,01_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Flavio

PS: Flavio, ho mantenuto la promessa... spero di aver appagato il Vs. interesse!

E di ciò Ti ringrazio :) .

Intriganti, molto intriganti, quelle tracce visibili dalla foto aerea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Si, anche in considerazione che la zona è ricca di insediamenti umani a partire dal Neolitico...

Comunque penso che gli studiosi del Stonehenge Riverside Project li avranno già notati e/o sondati.

C'è anche il sito dell'Università di Shieffield che al link:

http://www.sheffield.ac.uk/archaeology/research/stonehenge

presenta i risultati degli scavi a partire dal 2007.

Infatti il S.R.Project fa parte del Dipartimento di Archeologia di questa università inglese.

Un altro mondo, Flavio, purtroppo ... :(

Ciao

illyricum

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Illyricum65

Ho trovato un sito tedesco neolitico, il Cerchio di Gosek, che ha affinità con quello di Stonehenge, vi allego la descrizione da Wiky:

Il Cerchio di Goseck è una struttura neolitica sita presso Goseck, Burgenlandkreis, Sassonia-Anhalt, Germania. È costituito da un insieme di fossati concentrici di 75 metri di diametro e da due palizzate sempre circolari con entrate in punti ben definiti. Si ritiene che sia il più antico osservatorio solare attualmente conosciuta in Europa. Le ricerche sul sito hanno messo in evidenza il fatto che in Europa, durante il neolitico e l'età del bronzo, l'osservazione del cielo fosse molto più evoluta di quanto pensavano gli studiosi. Il sito è stato reso pubblico nel mese di agosto 2003. I media tedeschi hanno chiamato il sito "Stonehenge tedesca", anche se l'uso del termine henge al di fuori della Gran Bretagna è contestato.

Il Cerchio di Goseck è sicuramente quello che è stato maggiormente studiato tra i 250 siti simili rinvenuti tra la Germania, l'Austria e la Croazia; in realtà solo il 10% di questi è stato oggetto di interesse accademico. Goloring, vicino a Koblenz, è un sito molto simile a questo, anche se più tardo. In precedenza si pensava che questi complessi fossero delle fortezze, ma il fatto che all'interno di essi non si rinvenissero edifici lasciava molto perplessi gli archeologi.

Nell'Europa preistorica, non tutti i luoghi adibiti a culto, o utilizzati a fini calendariali o per osservazioni del cielo, erano realizzati con megaliti; Stonehenge è un esempio atipico. Infatti anche nel sito inglese fu costruito prima un fossato con strutture lignee, solo successivamente si passò ad utilizzare i grandi megaliti; questo si è scoperto quando sono venute alla luce le buche che ospitavano i pali in legno.

Il Cerchio di Goseck è uno dei meglio conservati e il sito meglio esaminato rispetto agli altri simili realizzati nei paraggi più o meno nel medesimo periodo. Il suo stato di conservazione ha indotto gli studiosi a ritenerlo un osservatorio solare; anche se alcuni archeologi non sono del tutto convinti. Quando il sito fu aperto al pubblico per la prima volta, Harald Meller, un archeologo, lo ha definito una pietra miliare nella ricerca archeologica.

Gli scavi effettuati rivelano che il sito di Goseck consisteva in quattro cerchi concentrici, un tumulo, un fossato e due palizzate in legno. Le palizzate avevano tre serie di porte a sud-est a sud-ovest e nord. Al solstizio d'inverno, gli osservatori situati al centro del sito avrebbe visto il sole sorgere e tramontare attraverso le porte di sud-est e sud-ovest. Frammenti di ceramica rinvenuti in situ hanno permesso di datare l'osservatorio al 4.900 a.C.

Il primo indizio dell'esistenza del monumento lo ha fornito una foto eseguita da un aereo, la quale metteva in evidenza delle cresce circolari in un campo di grano. Francois Bertemes e Peter Biehl dell'Università di Halle-Wittenberg iniziarono un importante scavo del sito nel 2002. Successivamente gli studiosi misero in relazione la posizione delle porte con i dati GPS e si resero conto dell'importanza del sito come strumento di osservazione celeste.

Bertemes e Biehl hanno continuato gli scavi per un paio di settimane ogni anno. Nel 2004 un gruppo di studiosi della Università della California, Berkeley, ha aderito agli scavi in corso, dandogli importanza in ambito internazionale.

Gli archeologi e funzionari statali hanno ricostruito la palizzata di legno del sito. Il legno è stato lavorato a mano in modo da apparire più autentico. Il sito è stato aperto al pubblico il 21 dicembre 2005, al solstizio d'inverno.

La cultura che ha realizzato il monumento è quella chiamata dagli studiosi Ceramica decorata "a punzone". La maggior parte degli acheologi concorda sul fatto che il sito fu utilizzato per osservazioni astronomiche. Si pensa che fosse utilizzato per calcoli calendariali e per armonizzare tra loro il calendario lunare e quello solare (più richiesto per usi pratici). Comunque gli studiosi non sono d'accordo sul fatto che tutto il sito abbia avuto un solo tipo di utilizzo.

Per cui Stonehenge non sarebbe un unicum bensì solo il più famoso di una serie di strutture analoghe distribuite in Europa...

Link (il primo per chi capisce il tedesco...)

http://www.sonnenobservatorium-goseck.de/

http://www.archaeology.org/0607/abstracts/henge.html

http://www.megalithic.co.uk/article.php?sid=13239

http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=circles-for-space

Ciao

Illyricum

:)

post-3754-1279461883,55_thumb.jpg

post-3754-1279461916,93_thumb.jpg

post-3754-1279461965,29_thumb.jpg

post-3754-1279461996,96_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×