Jump to content
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Sign in to follow this  
eg1979

Africa e monete

Recommended Posts

eg1979

Qualcuno è in grado di spiegarmi, a grandi linee, la monetazione africana antica?

partendo dall'antichità abbiamo monetazione Tolemaica, Axumita, Cartaginese.

Ma tutto ciò nel nor Africa. E nel resto dell'Africa? E successivamente, tipo nel periodo romano, bizantino, nel medioevo?

E nell'Africa centrale? Mali, Ciad, Camerun ecc?

Share this post


Link to post
Share on other sites

gpittini
Supporter

DE GREGE EPICURI

Ho letto recentemente sulla Riv. Italiana di Numismatica un articolo molto interessante sulla monetazione cinese antica; l'autrice afferma che esistono in tutto solo due filoni originali ed autonomi di monetazione, indipendenti l'uno dall'altro, da cui tutti gli altri hanno preso spunto: il filone greco-romano e quello cinese, che non hanno mai interagito fra di loro. Credo sia vero. Delle 3 monetazioni africane da te citate: quella tolemaica deriva direttamente dai regni ellenistici dei successori di Alessandro Magno; quella cartaginese (o punica, per coinvolgere anche i Fenici e le varie colonie in Sicilia, Spagna ecc.) si ispira alla monetazione greca, pur con evidenti differenze (ad es. è spesso anepigrafe); quella axumita, iniziata circa nel 300 d.C., imita la monetazione romana, specie costantiniana. Più a sud, a me risulta che venissero usati oggetti con funzione monetale, sicuramente le conchiglie (come anche in Cina all'inizio), ma credo anche altri oggetti o manufatti di pietra, metallo ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Ciao EG bentornato innanzitutto, almeno nelle discussioni di numismatica antica dove la tua assenza si è protratta per un certo tempo.

Per la monetazione africana distinguerei due aree, anzi tre per la precisione:

1) un'area che si identifica con tutta la costa che si affaccia sul Mediterraneo, comprendenti i territori del moderno Marocco, Algeria, Tunisia, etc.

che in antichitaà corrispondevano alle regioni di Mauritania, Numidia, Zeugitania, Cirenaica, etc.

queste aree hanno prodotto moneta sui tipi essenzialmente greci e in seguito romani

2) l'area dell'odierna etiopia che in antico corrispondeva all'i mpero axumita, autore di un'interessantissima e assai indipendente monetazione che, se metrologicamente può essere avvicinata molto approssimativamente alla romana (ma con sostanziali differenze), da un punto mdi vista tipologico e di forma rappresenta un unicum nella monetazione antica (si pensi solo alla rappresentazione della croce cristiana già all'inizio del IV secolo, e si pensi agli "intarsi" d'oro nei nominali di bronzo e d'argento che in epoca antica rappresentano di nuovo un unicum assoluto.

3) la terza area è rappresentata da tutta l'Africa sub-sahariana. Tale area in antichità era caratterizzata da un'economia di scambio ove non circolavano essenzialmente monete o almeno dove monete non erano prodotte per la circolazione. Tuttavia in queste economie primitive vi era un uso della moneta assai sviluppato e questo era rappresentato dalla moneta come "riserva " di valore. Monete erano quindi prodotte con funzione di tesaurizzazione per scambi importanti, come dote per matrimoni, etc. e rappresentavano la "ricchezza" di un clan po di una famiglia in un sistema ove non esistevano banche, forzieri e tesori.

Queste monete hanno molteplici e affascinanti fogge, che vanno dagli spadoni in ferro che a volte si vedono in vendita anche nei nostri mercatini di antiquariato, a pugnali in metallo rituali e di forme assai disparate, a campane in bronzo/ferro a cavigliere, a monete a forma di "vanga" di varie dimensioni. Insomma le forme possonio essere assai diverse ma quasi tutte sono realizzate, o contengono, metallo o ferro che rappresentava la ricchezza a quell'epoca in quell'area.

Che io sappia non circolavano in Africa monete di pietra (mentre queste circolavano in Micronesia, nell'isola di Yap), vi era invece un certo uso delle conchiglie, anche se la "valuta" più pregiata era costituita come detto dai manufatti in ferro. Infine, nel regno Ashanti circolava molta polvere d'oro e ci sono pervenute numeriosissime piccole figure in bronzo che rappresentavano i pesi per questa polvere d'oro.

numa numa

Share this post


Link to post
Share on other sites

roth37
Supporter

Bentornato ad EG anche da parte mia.

Perfetto numa numa !!

Ecco ... dove si trovava il regno degli Ashanti

post-1738-1255516477,05_thumb.jpg

A questo riguardo ho ancora il piacere di mostrare la mia piccola raccolta dei pesa-oro di Ashanti

roth37

post-1738-1255516541,62_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Bentornato ad EG anche da parte mia.

Perfetto numa numa !!

Ecco ... dove si trovava il regno degli Ashanti

post-1738-1255516477,05_thumb.jpg

A questo riguardo ho ancora il piacere di mostrare la mia piccola raccolta dei pesa-oro di Ashanti

roth37

post-1738-1255516541,62_thumb.jpg

davvero bella e scelta Roth, complimenti

Share this post


Link to post
Share on other sites

caiuspliniussecundus

Complimenti per gli interventi interessanti e a Sergio per i suoi bellissimi balocchi, ma sono d'avorio??

Share this post


Link to post
Share on other sites

roth37
Supporter

Complimenti per gli interventi interessanti e a Sergio per i suoi bellissimi balocchi, ma sono d'avorio??

No penso siano in bronzo dorato. Fanno parte della mia bacheca "degli orrori"

Ciao

Sergio

Share this post


Link to post
Share on other sites

roth37
Supporter

No penso siano in bronzo dorato. Fanno parte della mia bacheca "degli orrori"

Ciao

Sergio

Penso di aver completato oggi la mia mini-raccolta di Ashanti con questo pezzo davvero intreressante

post-1738-1259070626,35_thumb.jpg

roth37

Edited by roth37

Share this post


Link to post
Share on other sites

roth37
Supporter

Penso di aver parlato troppo presto: l'oggetto è stato venduto ad altri ad un prezzo piuttosto alto al quale non ho potuto oppormi, in quanto già la mia offerta era sufficientemente elevata. Almeno così credevo. Sarà per la prossima volta.

roth37

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

peccato Roth, il pezzo sembrava interessante e un buon complemento per la tua raccolta, ma penso ne potrai trovare degli altri presto

numa numa

Share this post


Link to post
Share on other sites

cancun175

Abbastanza recentemente, in occasione di un mio viaggio in Uganda, sono stato in una bottega di Kampala, gestita da un italiano in quel momento assente, che aveva un settore dedicato alla numismatica. Cercavo qualche esempio di monetazione locale di epoca pre-coloniale. Niente di niente. Eppure avevo le mie ragioni storiche per pensare che nella regione dei Grandi Laghi circolasse moneta. La più importante erano i contatti commerciali con il mondo greco nell'epoca, per intenderci, della Roma repubblicana. Non è un caso che nei testi greci si parli di un <mare> interno (il lago Vittoria). Eppure in quel negozio, ben fornito per gli standard locali _ ma nulla a che vedere con le nostre botteghe _ le monete più antiche erano proprio del periodo coloniale, fatta salva una moneta asiatica del 1200 che proveniva sicuramente da qualche emigrante (la comunità cinese è fortissima anche laggiù). A una domanda specifica mi è stato risposto che le monete nelle epoche delle monarchie tribali non esistevano. Ma io cercavo monete secondo gli stardard consueti. E non pensavo a situazioni premonetali, come quelle descritte da numa numa e da roth.

Edited by cancun175

Share this post


Link to post
Share on other sites

roth37
Supporter

peccato Roth, il pezzo sembrava interessante e un buon complemento per la tua raccolta, ma penso ne potrai trovare degli altri presto

numa numa

Avevi ragione numa numa ! Ne è apparso uno similare che questa volta non mi è davvero sfuggito !

roth37

post-1738-1261847868,14_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

roth37
Supporter

Pensavo di aver concluso .. invece ecco altri 2 pesi Ashanti che vanno ad aumentare la mia modesta collezione ... uno scorpione ed un gallo ... che mangia una serpe

post-1738-1266660771,43_thumb.jpg

post-1738-1266660784,2_thumb.jpg

roth37

Edited by roth37

Share this post


Link to post
Share on other sites

numa numa

Abbastanza recentemente, in occasione di un mio viaggio in Uganda, sono stato in una bottega di Kampala, gestita da un italiano in quel momento assente, che aveva un settore dedicato alla numismatica. Cercavo qualche esempio di monetazione locale di epoca pre-coloniale. Niente di niente. Eppure avevo le mie ragioni storiche per pensare che nella regione dei Grandi Laghi circolasse moneta. La più importante erano i contatti commerciali con il mondo greco nell'epoca, per intenderci, della Roma repubblicana. Non è un caso che nei testi greci si parli di un <mare> interno (il lago Vittoria). Eppure in quel negozio, ben fornito per gli standard locali _ ma nulla a che vedere con le nostre botteghe _ le monete più antiche erano proprio del periodo coloniale, fatta salva una moneta asiatica del 1200 che proveniva sicuramente da qualche emigrante (la comunità cinese è fortissima anche laggiù). A una domanda specifica mi è stato risposto che le monete nelle epoche delle monarchie tribali non esistevano. Ma io cercavo monete secondo gli stardard consueti. E non pensavo a situazioni premonetali, come quelle descritte da numa numa e da roth.

Vero , le monete , come noi le intendiamo, sono state introdotte solo dal colonialismo (dai portoghesi in su per intenderci), e al massimo, lungo le coste circolava oro e argento arabo, frutto di scambi e commerci.

Vi erano però altre tipologie di monete come i coltelli rituali, le cavigliere, gli spadono e altre forme assai bizzarre di monete in bronzo o ferro che proprio per il valore intrinseco costitutivano una sorta di tesaurizzazione e servivavno come dote o per scambi importanti (acquisto di greggi, animali e terreni).

Diverse pubblicazioni ormai trattano di queste specifiche tipologie e forniscono notizie assai interessanti su queste diverse monetazioni (compresi i bronzi ashanti).

Se però intendi se vi fossero scambi con tali popolazioni ai tempi dei romani, certamente no. Il mondo conosciuto si fermava all'Atlante a Ovest e al Sudan e l'impero axumita a Est. Proprio ad Axum, regno indipendente e molto avanzato , si ha una delle monetzioni (africane antiche ) più affascinanti e sofisticate (con particolarità non riscontrate in alcuna altra monetazione, come i famosi intarsi d'oro) che si sviluppò in modo autonomo dalla monetazione sia greca che romana per oltre otto secoli.

numa numa

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.