Jump to content
IGNORED

asta CNG


skubydu
 Share

Recommended Posts

Ciao,

stavo osservando la prossima asta elettronica della CNG, Casa d'aste dalla quale ho acquistato parecchie monete nei passati anni, ma che ultimamente ed in particolare per i bronzi presenta monete che mi fanno un po pensare...

Vedo comunque, che in questo mercato, riscuotono successo....

http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=156963

http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=156964

http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=156965

http://www.cngcoins.com/Coin.aspx?CoinID=156966

ciaooooo e buone feste a TUTTI!!!!

sku

Link to comment
Share on other sites


In queste aste ormai il CNG presenta solo aborti, questi sesterzi sono stati "violentati", i campi appiattiti, i particolari resi nitidi come piace ad un certo mercato, il bello è che sono anni che in queste aste riescono a piazzare queto tipo di monete, vuoi vedere che la colpa è dei collezionisti che comprano di tutto.......

Link to comment
Share on other sites


Ciao skubydu,

le foto sono belle le monete meno, se originali hanno cambiato patina e subito ritocchi nelle legende e nei campi, un tempo erano vere monete romane.

Link to comment
Share on other sites


In queste aste ormai il CNG presenta solo aborti, questi sesterzi sono stati "violentati", i campi appiattiti, i particolari resi nitidi come piace ad un certo mercato, il bello è che sono anni che in queste aste riescono a piazzare queto tipo di monete, vuoi vedere che la colpa è dei collezionisti che comprano di tutto.......

Il collezionista fà il Mercato! Rispecchiano il periodo che viviamo.

:(

Link to comment
Share on other sites


Caro Skuby

i sesterzi che ci hai mostrato un tempo erano monete dignitose in bassa conservazione. adesso, dopo i ritocchi dei capelli a bulino, la pulizia a fondo dei campi, i dettagli rinati artificialmente, la patina artificiale scura e pesante, sono dei catorci indegni di qualsiasi raccolta di monete romane. Il primo passo è sapere com'è fatta una moneta buona con patina naturale e in alta conservazione, poi si fa il paragone con le offerte del mercazto. Queste sono completamente diverse da una moenta buona, ma molte persone evidentemente non lo sanno, per loro ignoranza, per non avere approfondito lo studio, per troppa fretta o avidità nel mettere insieme una raccolta. Peccato però che case d'asta di buon nome mettano in commercio monete così poco naturali.

Link to comment
Share on other sites


Veramente inguardabili come monete: non hanno più niente di antico.

E come se gli avessere tolto 2000 anni di storia. Sembrano delle medaglie appena coniate.

Ma i collezionisti che acquistano questi pezzi non hanno un minimo di sensibilità verso l’antico per capire l’orrore perpeprato verso queste monete?

Link to comment
Share on other sites


Veramente inguardabili come monete: non hanno più niente di antico.

E come se gli avessere tolto 2000 anni di storia. Sembrano delle medaglie appena coniate.

Ma i collezionisti che acquistano questi pezzi non hanno un minimo di sensibilità verso l’antico per capire l’orrore perpeprato verso queste monete?

Si, è proprio questo il punto, mancano completamente di sensibilità e di gusto. Per fare un esempio paradossale, ma calzante, è come se mettessero su Playboy le foto di Goldameir facendola passare per una playmate :o :o

Link to comment
Share on other sites


Si, è proprio questo il punto, mancano completamente di sensibilità e di gusto. Per fare un esempio paradossale, ma calzante, è come se mettessero su Playboy le foto di Goldameir facendola passare per una playmate :o :o

ah ah..grande caius!!!!!!!! :D :D

non capisco come si possa spendere 3000 $ per quello "regna adsignata"......

sono quali meglio i falsi che si trovano .....

ciaoo

sku

Link to comment
Share on other sites


E' un problema di cultura che riguarda un po' tutti. Anch'io in Cina non sapevo distinguere un tempio taoista autentico da una copiaccia rifatta. O nello Sri Lanka non distinguevo manufatti del 5000 a.C. da opere contigue del 1800 d.C. Torme di americani a Roma consumano spazio nelle loro fotocamere digitali con centinaia di scatti del Palazzaccio o dell'Altare della Patria perché pensano che siano di opere della Roma imperiale. Il consumatore di numismatica americano medio, che poi è quello che fa il mercato, è felice di avere a casa una testimonianza di un'antichità che per la sua cultura è enorme. Ma la vuole ben <curata>, pulita e luccicante come la villetta, con annesso praticello nel Queens.

Credo che ci si debba rassegnare e prendere ciò che di buono viene dalla situazione: se le monete girano, se c'è un mercato, se culturalmente da noi questa attività non è completamente clandestina è anche perchè c'è CNG con le sue monete smoothing and tooling. Così come, se il tempio del 5000 a.C. dello Sri Lanka esiste ancora è anche perché gente come me fotografa il muretto accanto

Edited by cancun175
Link to comment
Share on other sites


Il consumatore di numismatica americano medio, che poi è quello che fa il mercato, è felice di avere a casa una testimonianza di un'antichità che per la sua cultura è enorme. Ma la vuole ben <curata>, pulita e luccicante come la villetta, con annesso praticello nel Queens.

[/size][/font][/color]

La stessa cosa succede nell'ambiente delle auto d'epoca,.

I restauri americani sono tendenti all'eccessivo, le verniciature sono perfettamente a specchio e le cromature sono incredibilmente e incongruamente lisce.

Questo può anche essere sopportabile su una berlinetta Zagato degli anni 6'/70 ,ma quando si vede una De Soto o una Plymouth con una bella verniciatura degna di una Rolls del 90', allora la faccenda diventa filologicamente scorretta. Bella quanto vuoi, ma nel suddetto periodo, le vernici non erano date a pennello,ma poco ci mancava, e le cromature erano a spessore, per cui resistenti si,ma lisce no davvero.

Lo stesso vale per gli interni la cui correttezza storica è tranquillamente stravolta nel nome dell'estetica.

Quindi, da una popolazione che non ha la nostra stessa assuefazione e certi stimoli visivi ed è perennemente alla ricerca di una identità storica forte, da contrapporre a quella stratificata dal tempo del vecchio continente, è lecito aspettarsi qualche "forzatura" tesa a pareggiare, per così dire, i conti...

NOTA: Non crediate ,comunque, che i principali acquirenti dei tooled and smoothed siano solo quei polli degli americani. Au contraire, sono proprio i collezionisti del vecchio continente gli ispiratori e i massimi estimatori di certe lavorazioni...datemi retta,parlo con cognizione di causa...

Link to comment
Share on other sites


NOTA: Non crediate ,comunque, che i principali acquirenti dei tooled and smoothed siano solo quei polli degli americani. Au contraire, sono proprio i collezionisti del vecchio continente gli ispiratori e i massimi estimatori di certe lavorazioni...datemi retta,parlo con cognizione di causa...

Non ho dubbi. Specialmente nel Nord Europa. E anche qui ci sono ragioni storiche.

Link to comment
Share on other sites


Dai, fai uno sforzo...Sii meno criptico

ma che criptico e criptico.....!

è solo la solita trita storia dell'Italica convinzione di essere i più furbi.....e di quanto la numismatica e il collezionismo siano percentualmente speculazione anziché passione.

Composizione delle motivazioni a collezionare del collezionista medio Italiano:

50 % spocchia

30% calcolo economico ( il più delle volte sbagliato)

10% spinta del DNA ( oh, a furia di starci immersi tutti i giorni, qualcosa,anche per osmosi lo assorbiranno,no?)

5% amore per la storia ( pochi ma fortemente determinati e tenaci)

5% voglia di imparare qualcosa sui perché e per come delle monete e affini ( pochi anche questi ma tosti)

Attendonsi strali e maledizioni varie,come d'uopo....ciao :lollarge:

Edited by numizmo
Link to comment
Share on other sites


Non penso che per spocchia uno rischi di tirarsi dietro grane legali, fregature, patacche o comunque investimenti dubbi.

secondo me il profilo di chi acquista questo tipo di monete (molto restaurate, diciamo) è:

50% avidità, desiderio di avere un TesSsoro unico, come Gollum

30% convinzione di essere gli unici intenditori

20% calcolo economico = speranza di avere fatto un affare

Link to comment
Share on other sites


Non penso che per spocchia uno rischi di tirarsi dietro grane legali, fregature, patacche o comunque investimenti dubbi.

secondo me il profilo di chi acquista questo tipo di monete (molto restaurate, diciamo) è:

50% avidità, desiderio di avere un TesSsoro unico, come Gollum in una parola " SPOCCHIA"

convinzione di essere gli unici intenditori Vedi alla voce "SPOCCHIA" calcolo economico = speranza di avere fatto un affare più che speranza ,autoconvincimento.[/quote]

Edited by numizmo
Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.