Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
ilehafatto

sigilli di notai o lanifici veneti

Risposte migliori

ilehafatto

Salve,

torno dopo un pò su questo splendido portale per chiedere informazioni sui sigilli di cui allego foto.

Mi interesserebbe inoltre sapere se esistono cataloghi o pubblicazioni su questo tipo di materiale.

Sicuramente qualcuno li conosce... :P

Attendo fiducioso.

Grazie.

post-13117-1263725176,19_thumb.jpg

post-13117-1263725190,23_thumb.jpg

post-13117-1263725201,38_thumb.jpg

post-13117-1263725212,2_thumb.jpg

post-13117-1263725226,14_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

Per me gran parte di questi fanno parte dei lanifici veneti.

Hanno un ampia diffusione in tutto il territorio Veneto con grande concenttrazione tra Padova e Venezia.

Ricordo di aver visto molti esemplari al Museo Bottacin di Padova.

Per le publicazioni: L.Rizzoli - Ma non ricordo il Titolo - forse i Sigilli del Museo Bottacin e poi un Catalogo mostra all'Archivio di Stato di Venezia

I Sigilli.... (appena posso trascrivo i titoli esatti.

Modificato da arrigome

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

guardando bene poi c'è qualche pezzo che potrebbe essere di qualche commerciante veneziano e un paio di notarili. Vediamo se arriva qualche altro contributo.

Modificato da arrigome

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

Desideravo aggiungere il titolo del bel catalogo della mostra: Il sigillo nella storia e nella cultura - Venezia, Museo Correr 1985, con una ricca bibliogragia e sussidi per una ricerca + approfondita.

Strano che non giungano altri contributi a questi interessantissimi sigilli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilehafatto

Per me gran parte di questi fanno parte dei lanifici veneti.

Hanno un ampia diffusione in tutto il territorio Veneto con grande concenttrazione tra Padova e Venezia.

Ricordo di aver visto molti esemplari al Museo Bottacin di Padova.

Per le publicazioni: L.Rizzoli - Ma non ricordo il Titolo - forse i Sigilli del Museo Bottacin e poi un Catalogo mostra all'Archivio di Stato di Venezia

I Sigilli.... (appena posso trascrivo i titoli esatti.

Grazie per l'aiuto il titolo completo del testo dovrebbe essere: "sigilli nel Museo Bottacin di Padova" Luigi Rizzoli jun. - Padova: Società Cooperativa Tipografica, 1903-1908 (2 volumi, I vol sec. XIII-XVI; II vol sec. XVII-XIX.

Vedrò di andarlo a consultare a Padova, il problema è che al sabato la bibblioteca del museo è chiusa. Vedremo, intanto se arrivasse qualche contributo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

arrigome

ecco altri testi da consultare, che personalmente non ho mai avuto modo di vedere ma che sono sempre citati per lo studio di questi sigilli:

L. Rizzoli -Raccolpa padovana di monete, medaglie, sigilli, tessere, etc - presso la Biblioteca del Museo Bottacin di Padova, catalogo manoscritto,

B. Callegher: tessere, bolle mercantili e bolle dogali della collezione Guido Zattera, in Rivista Italiana di Numismatica XCVII 1996.

Qualcuno dei lamonetiani ha la posibilità di mettere a disposizione quest'ultimo studio?almeno le tavole - grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ilehafatto

Grazie alla discussione titolata "tessere medioevali in piombo" credo di aver capito che questi sigilli erano usati a Venezia per "mettere in quarantena" le merci nell'isola del Lazzaretto Nuovo. Quindi trascorso tale periodo si rompevano i sigilli e venivano consegnate al legittimo destinatario. Non essendo più utilizzabili probabilmente questi sono stati lasciati sul posto dove probabilmente i recenti scavi per i lavori di ristrutturazione li hanno riportati alla luce. Ora sarebbe interessante capire se si riesce a risalire al tipo di merce a cui erano assegnati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×