Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
bizerba62

approfondimento
I Falsi monetari nel 1876.

Inviato (modificato)

Buon giorno.

Tanto per cambiare anche un pò argomento ed in attesa che si costituisca una sezione (o sottosezione) del Regno in cui trattare tematiche più consone alla "storia della numismatica" (in modo, quindi da non interferire con chi è più interessato a pareri sul prezzo e sulla conservazione delle proprie monete), volevo sottoporVi un curioso intervento, tratto dai processi verbali delle sedute svoltesi nel 1876 a Parigi, durante i lavori della Unione Monetaria Latina, verbali che lentamente sto studiando nel tempo libero e che, ahimè, sono scritti in francese.

La seduta, a cui partecipano i rappresentanti dei cinque Stati aderenti all'Unione (Belgio, Francia, Grecia, Italia e Svizzera) si svolse giovedì 20 gennaio 1876 presso il Ministero degli Esteri francese, a Parigi, e si concluse alle due del pomeriggio.

Per la cronaca, l'Italia era rappresentata dal Commendator Baralis, "directeur de la Monnaie royale de Milan", assistito dal Primo segretario della Legazione italiana a Parigi, Ressman.

All'apertura della seduta i delegati depositano alla presidenza alcuni documenti relativi alle coniazioni effettuate nei rispettivi Paesi e tali rapporti sono allegati alla fine del verbale; credo possano essere molto interessanti. Ci torneremo certamente in altro intervento.

Il tema delle contraffazioni delle monete d'oro e d'argento viene introdotto dal Delegato francese Dumas, il cui intervento riporto di seguito:

"Monsieur Dumas richiama l'attenzione della Conferenza su un fatto che si ricollega all'oggetto delle sue deliberazioni: il falso monetario.

Ci sono, dice Mr. Dumas, due specie di falsi monetari.

Vi sono, talvolta, alcuni indivdui isolati, ignoranti, che si lasciano trascinare dall'esca di un facile guadagno e che, con i metalli che hanno sotto mano e impiegando tecniche di calco imperfette, fabbricano pezzi da 5 franchi utilizzando leghe di piombo, stagno ecc. nonchè pezzi d'oro realizzati con l'ottone.

Questo tipo di falso monetario non è pericoloso. Il pezzo falso viene presto bloccato e così dunque anche il falso monetario.

Ma vi sono altri (soggetti) che, lavorando con competenza ed in modo scientifico, in laboratori provvisti di utensili appropriati, mettendo in funzione laminatoi, tranciatrici (découpoirs?), bilancieri o presse, riescono a mettere in circolazione quantità considerevoli di pezzi di platino ricoperto da una pellicola d'oro rinnovabile, pezzi che a loro costano 4 franchi ed ai quali costoro riescono a far corrispondere il peso, l'apparenza esteriore e persino la sonorità dei pezzi aurei.
"

Se disponete di qualche altra notizia "d'epoca" sul falso monetario, sarebbe interessante conoscerla.

Saluti.
Michele

Modificato da Littore
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessantissima discussione che avrebbe avuto il suo spazio se già ci fosse stata la sezione che ci hanno promesso :(

Non è una critica, sappiamo che non è facile creare una nuova sezione, ma semplicemente un cortese sollecito :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pezzi di platino ricoperto da una pellicola d'oro rinnovabile, pezzi che a loro costano 4 franchi ed ai quali costoro riescono a far corrispondere il peso, l'apparenza esteriore e persino la sonorità dei pezzi aurei."

Scusate ma il platino non vale un sacco di soldi? Tipo il doppio dell'oro almeno...

Saluti

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessantissima discussione che avrebbe avuto il suo spazio se già ci fosse stata la sezione che ci hanno promesso sad.gif

Non è una critica, sappiamo che non è facile creare una nuova sezione, ma semplicemente un cortese sollecito smile.gif

Mi associo anche per la richiesta già fatta a suo tempo di aggiungere una spazio nelle schede del catalogo di lamoneta per inserire foto di decreti, confezioni particolari, documenti e altre curiosità.

Saluti

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao uzifox

"Scusate ma il platino non vale un sacco di soldi? Tipo il doppio dell'oro almeno..."

Oggi, infatti, il platino è un metallo più prezioso dell'oro, ma all'epoca non era così.

Cosicchè, avendo il platino un peso specifico molto vicino a quello dell'oro (PT 21,4 Kg./dm3 - AU 19.25 Kg./dm3), i falsari ne facevo uso per contraffare le monete d'oro e d'argento.

Certo, oggi questa contraffazione appare quanto meno singolare................... ;)

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante approfondimento, in effetti i falsi citati per primi dal Dumas, i classici falsi d'epoca del periodo, sono tutt'altro che ingannevoli ma tuttavia li ritengo di profondo fascino, su quelli del tipo successivo non ho avuto modo di visionarne purtroppo forse gli hanno rifusi prima di arrivare ai giorni nostri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per il discorso dei falsi in platino ricordo questa discussione:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate ma il platino non vale un sacco di soldi? Tipo il doppio dell'oro almeno...

Bè, la monetazione russa può dare un altro esempio. La Russia, nel periodo 1828-1845, coniava monete da 6 rubli di platino, dal peso di 20,71 grammi e nello stesso tempo monete da 5 rubli in oro, di grammi 6,54 (so che il paragone non è perfetto, se volete un ipotetica moneta da 6 rubli in oro doveva pesare 9,6 grammi, quindi alla fine 9,6 grammi d' oro 917/1000 valevano come 20,71 grammi di platino).

Spero di essere stato chiaro,

Saluti,

Fuf.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Per il discorso dei falsi in platino ricordo questa discussione:

http://www.lamoneta....falso-di-stato/

Bravo AVGVSTVS appena ho letto l 'intervento di uzifox mi e' venuta in mente questa interessante discussione ormai sepolta dall' oblio

Modificato da piergi00

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

i classici falsi d'epoca del periodo, sono tutt'altro che ingannevoli ma tuttavia li ritengo di profondo fascino

E le patacche di oggi fra cent'anni avranno anch'esse il loro fascino? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"E le patacche di oggi fra cent'anni avranno anch'esse il loro fascino?"

:lol: :lol: :lol: E non sono neanche di platino...... :lol: :lol: :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

i classici falsi d'epoca del periodo, sono tutt'altro che ingannevoli ma tuttavia li ritengo di profondo fascino

E le patacche di oggi fra cent'anni avranno anch'esse il loro fascino? :)

Devi sempre rovinare tutto! Come sei antipatico e poco romantico! :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

E come se vedessi già i titoli dei cataloghi dell'anno 2110:

"Rarissimo falso d'epoca in metallo argentato/bluastro (il colore è dovuto all'inquinamento atmosferico del XX secolo)"

Se ne conoscono pochi esemplari, quasi tutti scoperti nelle soffitte dei nonni, dove venivano celati accuratamente per evitare i sequestri da parte della G. di F., in quella infausta epoca capitanata da un implacabile Ufficiale/Scrittore, che aveva messo a disposizione dell'Arma la sua passione numismatica".

A richiesta forniamo anche esemplari con le legende invertite, ancora più rari a trovarsi, probabilmente riconiati da operai della zecca che agivano in stato di ebbrezza.. Prezzi a richiesta.................... :lol:

M.

Modificato da bizerba62

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

Sono rompi......eh? :D :D :D :D :D

Modificato da elledi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Michele.....l'Arma giammai....il Corpo.La gdif e' un Corpo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Michele.....l'Arma giammai....il Corpo.La gdif e' un Corpo".

Deformazione "ex" professionale............. :lol:

M.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Michele.....l'Arma giammai....il Corpo.La gdif e' un Corpo".

Deformazione "ex" professionale............. :lol:

M.

Ho già un fratello nell'Arma...basta e avanza :D :D :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao

guardate che questo problema dei falsi in platino era gia piu di 100 anni che esisteva

infatti ci sono falsi in platino dei dobloni spagnoli , gli 8 escudo emessi alla fine del 1700 , io ne ho visti dal 1770 al 1800

allora infatti il platino costava meno dell oro e come avete gia detto aveva un peso specifico simile .

i falsi erano di buona fattura

oggi il platino costa di piu dell oro perche viene usato come catalizzatore nell industria , nelle marmitte catalitiche per esempio ed e per quello che oggi vale di piu

ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ciao

guardate che questo problema dei falsi in platino era gia piu di 100 anni che esisteva

infatti ci sono falsi in platino dei dobloni spagnoli , gli 8 escudo emessi alla fine del 1700 , io ne ho visti dal 1770 al 1800

allora infatti il platino costava meno dell oro e come avete gia detto aveva un peso specifico simile .

i falsi erano di buona fattura

oggi il platino costa di piu dell oro perche viene usato come catalizzatore nell industria , nelle marmitte catalitiche per esempio ed e per quello che oggi vale di piu

ciao

Probabilmente anche perchè non sono stati scoperti più nuovi giacimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non necessariamente , di platino ce ne abbastanza

tieni presente che il sud africa e il piu grosso produttore di platino e le miniere sono state sviluppate fine 800 inizio 900

e stata l evoluzione industriale a far salire il prezzo .

l industria chimica si e sviluppata nella prima meta del 900 , prima non e che avesse un grande uso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le precisazioni, non sapevo assolutamente questa cosa del valore ridotto... credevo fosse un errore di traduzione o che non si parlasse del platino che tutti conosciamo.

Sempre nuove cose si imparano qui. wink.gif

Saluti

Simone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Argomento molto interessante.....ricordi elledi le monete in platino di VEIII in quell'asta tedesca?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?