Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
gordon

come nasceva uno stemma/nobilta' come stato

Risposte migliori

gordon

1) come nasceva anticamente uno stemma.

2) la nobilta' era uno stato e non un titolo,come (erroneamente) viene inteso oggi.

sapete dirmi qualcosa in piu' grazie

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sandokan
Supporter

Ciao Gordon.

La tua affermazione che "la nobiltà era uno stato e non un titolo" è senz'altro vera, tuttavia le cose nel tempo si erano in parte già modificate quando ancora i titoli nobiliari venivano concessi dalla Casa Reale ed erano riconosciuti dallo Stato.

Ad alcuni alti esponenti delle Forze Armate ad esempio, il Re concesse un titolo nobiliare : il maresciallo Graziani ricevette il titolo di Marchese di Neghelli - una località africana che per altro non divenne un suo feudo personale come sarebbe accaduto anticamente - per cui la sua nobiltà consisteva di fatto in un titolo onorifico.

Quanto alla domanda sul come nascessero anticamente gli stemmi ( ma ne nascono ancora oggi, l'Araldica non è rivolta solo al passato), la risposta sarebbe lunga e complessa anche perché le regole non sono state esattamente le stesse nei vari Paesi d'Europa e con il trascorrere del tempo.

Dalle prime figure semplificate si è passati a composizioni sempre più elaborate, comprendenti anche elementi esterni allo scudo (corone, elmi, tenenti, motti, ecc.) come si può evincere chiaramente sfogliando un qualunque volume di Araldica.

Alcune figure che compaiono negli stemmi traggono origine da fatti o caratteristiche di chi aveva meritato l'insegna, oppure gli venivano assegnate da chi lo insigniva.

Sull'argomento, attivando un motore di ricerca è facile reperire siu Internet parecchio materiale. Saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Frenkminem

E' comunque interessante la genesi di un'arma (o stemma) nobiliare.

Per rispondere a Gordon le armi delle famiglie nascevano in vari modi, alle volte anche leggendari come il biscione (non di Berlusconi) degli Sforza che, per quanto ne so era il cimiero dell'elmo di un cavaliere mussulmano sconfitto da uno Sforza in un torneo (prendetelo con le pinze perché poterebbe essere una leggenda).

Generalmente ci si rifaceva al nome o il predicato delle famiglie. La colonna per i Colonna, le pere d'oro per i Peruzzi etc. Altri sono meno "logici", ma egualmente comprensibili.

Ad esempio nello stemma dei Medici ci sarebbe stato bene un bisturi :lol: Ma invece le sei palle d'oro (in seguito diventate rosse su fondo oro) avevano un loro significato, rappresentavano l'antico mestiere della famiglia, e non erano palle bensì monete :o dato che i Medici si sono arricchiti con il mestiere di banchieri (e forse anche usurai), e le monete non erano sei (all'origine) ma molte di più come si possono vedere su i più antichi stemmi medicei ancora abbastanza diffusi in città.

La palla superiore dello stemma mediceo (dopo la fine del '400) diventa azzurra con tre gigli angioini al centro, questo perché i medici non si opposero alla calata di Carlo VIII in Italia e il re di Francià donò loro la possibilità di fregiarsi con il Lys d'or. Questo per dire che gli stemmi poi si sono complicati soprattutto per matrimoni o vicende storiche.

Succede che le armi con l'aquila sono generalmente delle famiglie di derivazione imperiale (ad es. i Gonzaga) quelle con i gigli di derivazione francese, i pali rossi delle famiglie aragonesi etc etc

Il discorso sarebbe lungo. :rolleyes: ma spero che questi due o tre dati ti possano far capire almeno la genesi.

Modificato da Frenkminem

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko

le palle dei medici, mi sembra di ricordare, sono veramente della palle, o meglio... delle pillole ;)

In effetti, in tutti gli stemmi dei medici, esse compaiono come vere e proprie sfere, in 3d.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Frenkminem

Traggo questa informazione da Wikipedia (quindi con tutte le cautele del caso):

"L'opinione più accreditata vuole che lo stemma, che nella forma più antica sarebbe stato un campo d'oro seminato di bisanti vermigli (o, meglio, torte vermiglie, essendo i bisanti per definizione smaltati d'oro o d'argento), sia derivato, mediante inversione degli smalti, dall'insegna dell'Arte del Cambio (di rosso, seminata di bisanti d'oro), alla quale i Medici si erano iscritti dopo essersi stabiliti a Firenze dal Mugello" (anche se quando ho scritto il post precedente non avevo controllato)

Naturalmente viene anche citata la "versione delle "Pillole" :D , ma la parola bisanti mi ha fatto drizzare le orecchie e pensare che la storia che conoscevo , che fossero monete non era così peregrina....

Lo scudo dell'Arte del Cambio:

Stemma_arte_del_cambio%2C_firenze.jpg

Modificato da Frenkminem

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×