Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
JunoMoneta

Una strana variante su un denaro fredericiano

Risposte migliori

JunoMoneta

Si tratta di un comunissimo denarello con aquila coniato con un basso titolo di fino (1/16 pari a 62,5 millesimi) alla zecca di Messina presumibilmente tra il 1244 e il 1245, a nome dell'imperatore Federico II di Svevia. Riporto di seguito la descrizione:

D: + . F . ROMANOR . IP . Aquila coronata con coda fiordalisata volta a dx.

R: + . IERL ET SICIL' . R . Croce patente recante un globetto nel 1° quarto.

Diam: 17 mm ca. Peso: 0,70 gr.

denaro1245_D.jpgdenaro1245_R.jpg

L'aspetto anomalo consiste in quel globetto inscritto nel 1° quarto della croce al rovescio. I miei poveri riferimenti sulla monetazione sveva e sullo Stupor Mundi in particolare si limitano alla bella monografia di Michele Guglielmi ("La monetazione degli svevi nell'Italia meridionale..", Nomisma 2000) al secondo volume del M. I. R. dedicato alla Sicilia, al Biaggi ("Monete e zecche medievali italiane", Montenegro 1992) e ad un interessante studio di Giuseppe Ruotolo ("Le monete di Federico II di Svevia in Italia meridionale", Uniongrafica Corcelli, Bari 1999). Oltre ovviamente all'immancabile MEC 14 di Grierson-Travaini. Tutti concordi sull'attribuzione del denaro alla zecca di Messina, divisi solo sulla data di emissione, con Guglielmi e il MIR a favore del 1245 e Ruotolo e MEC per il 1244. Però nessuno parla di globetti. Soltanto la croce patente.

L'unico riferimento interessante è riportato a pagina 181 del MEC, dove al n. 25, per la zecca di Brindisi (1244) viene citata una monografia della Travaini ("Hohenstaufen and Angevin denari of Sicily and southern Italy: their mint attribution") in cui al numero 38 viene descritto un esemplare simile, "with pellet in 4th quarter of cross". Ma questo sembrerebbe riferirsi al denaro di Brindisi, quello recante la legenda F ROM IMP SEP AVG e l'aquila di stile molto differente, con testa e corona coperta più grandi, ali, zampe e coda differenti. Salvo poi che lo stesso MEC per questo tipo mi rimanda alla foto 559bis, che non esiste, ma al 559A è riportato un esemplare di Messina, identico al mio, salvo che senza globetti di sorta (qui sotto la differenza, come evidenziata nelle belle incisioni del Ruotolo):

IMG-7.jpg

Inoltre l'esemplare descritto da Lucia Travaini (in uno scritto che non ho potuto consultare) riporta il globetto nella 4° partizione della croce, che dovrebbe essere in basso a dx. rispetto all'incrocio dei bracci, mentre nel mio caso si trova nel 1° (in alto a sn.). Riconosco che nel mio caso il globetto è piuttosto piatto e informe, ma si staglia bene sulla patina del fondo e garantisco che, se la moneta è posta di taglio in controluce, si nota bene il rilievo in quel punto. Del resto anche l'impronto della croce non è particolarmente nitido e la moneta è complessivamente di mediocre conservazione.

Nessuno dispone di quel volume della Travaini, che magari riporta anche una foto? Si tratta di un denaro di Brindisi (come riportato sul MEC) o è un piccolo refuso e quel denaro è messinese? Avete riscontrato altre simili "anomalie" su denari di questo tipo?

Modificato da JunoMoneta

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

JunoMoneta

Da una rapida ricerca ho appurato che lo studio della Travaini è apparso sul n.153 (1993) del Numismatic Chronicle della Royal Numismatic Society. Se qualcuno disponesse di questo volume e fosse così gentile da scansionare le pagine che riguardano questo denaro o eventuali immagini farebbe la mia gioia...anche in PM.

Qualsiasi altro riferimento bibliografico che abbia attinenza con la monetazione in biglione di Federico di Svevia è ovviamente benvenuto ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vox79

Ciao,

le monete di Federico II sicuramente sono la mia passione, infatti le colleziono da oltre 10 anni .

Per il pallino nel quarto ti confermo che anche io ne ho un esemplare da diversi anni.

Sto facendo uno studio sui denari di Enrico VI e Costanza , di Enrico e Federico e di Federico II e ho notato molti inediti non riportati in nessun testo. C'è ancora molto da studiare.

Ti faccio avere la scasione della pagina della Travaini nel week end. Mandami un messaggio privato.

ciao ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

JunoMoneta

Grande Vox! Corro ad inviarti il PM. Grazie pubblicamente! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×