Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
dott. Gordon Freeman

giano bifronte

dovrei identificare un iano bifronte peso 30 o 40 gr retro prua di nave sopra scritte S I X o qualcosa del genere

di chi si tratta?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e si, sono rare come giano?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

RRC 180/1 mi dicono sia comune.

Interessante la variante venduta da CNG in cui si legge SIX

clovia1v.jpg

Luigi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi inserisco per mostrarvi mezza moneta del giano bifronte e chiedere come si fa a spezzare una moneta di questa forza e spessore e se veniva spezzata volontariamente nell'antichità .

Pesa 14,5 g ed il mezzo diametro misura 19 mm circa.

post-4324-1274859031,45_thumb.jpg

post-4324-1274859040,3_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi inserisco per mostrarvi mezza moneta del giano bifronte e chiedere come si fa a spezzare una moneta di questa forza e spessore e se veniva spezzata volontariamente nell'antichità .

Pesa 14,5 g ed il mezzo diametro misura 19 mm circa.

La moneta è divisa esattamente a metà, quindi la cosa sembra fatta intenzionalmente, con uno scalpello o qualcosa di simile. Le ipotesi penso siano sempre le stesse due: offerta votiva, oppure necessità di utilizzare le due metà come 'spiccioli'.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eh già...la crisi di divisionali in bronzo tra fine repubblica e inizio impero ha portato la popolazione a compiere questi che per noi collezionisti oggi sono crimini ^^, l'asse del Giano bifronte tra l'altro ben di prestava alla divisione, la moneta veniva spezzata a metà con un preciso colpo di scalpello utilizzando come riferimento le due teste affiancate.....

Andre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

però a me sorge un dubbio:

se le monete venivano spezzate per ottenere divisionali, per quale motivo le troviamo sempre combacianti? per logica, le due metà si sarebbero separate per forza di baratti e ritrovate assieme solo in casi estremamente eccezionali, mentre in genere, quando vedo su internet o in qualche collezione delle monete spezzate, le due parti sono ancora assieme.

quindi dovrebbe rimanere statisticamente più valida l'ipotesi votiva.

a meno che qualcuno del forum non abbia altri dati o ipotesi a. riguardo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

però a me sorge un dubbio:

se le monete venivano spezzate per ottenere divisionali, per quale motivo le troviamo sempre combacianti? per logica, le due metà si sarebbero separate per forza di baratti e ritrovate assieme solo in casi estremamente eccezionali, mentre in genere, quando vedo su internet o in qualche collezione delle monete spezzate, le due parti sono ancora assieme.

quindi dovrebbe rimanere statisticamente più valida l'ipotesi votiva.

a meno che qualcuno del forum non abbia altri dati o ipotesi a. riguardo...

Io ho sempre visto le due metà 'ricostruite' affiancando le due foto del dritto e del rovescio, visivamente dà l'impressione di avere due metà combacianti ma in effetti non è così. Anzi non mi pare di aver mai visto presentate le due metà della stessa moneta, a parte forse qualche denario d'argento spezzato in cui la frattura si sia prodotta per la cristallizzazione del metallo in tempi recentissimi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

però a me sorge un dubbio:

se le monete venivano spezzate per ottenere divisionali, per quale motivo le troviamo sempre combacianti? per logica, le due metà si sarebbero separate per forza di baratti e ritrovate assieme solo in casi estremamente eccezionali, mentre in genere, quando vedo su internet o in qualche collezione delle monete spezzate, le due parti sono ancora assieme.

quindi dovrebbe rimanere statisticamente più valida l'ipotesi votiva.

a meno che qualcuno del forum non abbia altri dati o ipotesi a. riguardo...

Io ho sempre visto le due metà 'ricostruite' affiancando le due foto del dritto e del rovescio, visivamente dà l'impressione di avere due metà combacianti ma in effetti non è così. Anzi non mi pare di aver mai visto presentate le due metà della stessa moneta, a parte forse qualche denario d'argento spezzato in cui la frattura si sia prodotta per la cristallizzazione del metallo in tempi recentissimi.

mi sa che hai ragione, ho scritto senza controllare veramente, non avendo mai avuto un gran interesse per le monete spezzate, non mi sono mai fermato ad osservarle sul serio huh.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi sa che hai ragione, ho scritto senza controllare veramente, non avendo mai avuto un gran interesse per le monete spezzate, non mi sono mai fermato ad osservarle sul serio huh.gif

quando sono spezzate intenzionalmente, hanno un loro perchè..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?