Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
417sonia

Zecchini veneziani

Supporter

Buona sera

Mi allaccio ad una corrispondenza avvenuta con un'altro utente circa l'uso degli zecchini in ambito veneziano/domestico, per chiedere ai frequentatori del forum che trattano questa monetazione (ho visto che ce n'è di molto competenti) qualche lume circa un termine usato che mi ha lasciato perplesso e al quale non ho saputo dare risposte.

Dalla relazione dell'Ambasciatore veneziano Andrea Trevisan (1498): "Relazione, o più tosto raguaglio dell'isola d'Inghilterra, con più particolari e costumi di quelli popoli, e dell'entrate regie sotto il re Enrico VII che fu circa l'anno 1500".

In questa relazione, scritta in volgare e quindi senza essere stata tradotta, si legge...quello che non abbia in casa vasi d'argento almanco per cento libre di sterlini, che sono de' nostri cinquecento scudi d'oro. E poi ancora a pag. 41: E dicono li suoi, che Sua Maestà spende nella tavola a l'anno 14.000 libre di sterlini, che sono scudi 70.000. Ed è possibile che ancora nella perdona sua, della regina, de' figlioli e soldati cortigiani, che sono da 150 fino in 200 per la sua guardia......deputate al vivere 80.000 marche e vale la marca tredici scellini e denari quattro di sterlini, che vengono ad essere più di tre scudi e un quarto de' nostri. Ma, per fare un conto così alla grossa, farò che ogni marca vaglia scudi tre d'oro, che saria in tutto scudi 240.000.

Ora, come è possibile che venga definita scudo d'oro l'unica moneta in oro corrente in Venezia a quel tempo, cioè lo zecchino?

Non può esserci commistione con lo scudo d'oro coniato molti anni dopo sotto il doge Gritti.

Mi rimetto alle vostre gradite considerazioni.

Grazie e saluti....adesso vado a vedere l'Inter ;)

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Supporter

Innanzitutto devo chiedere scusa; scusa agli appassionati che - forse - dopo ave letto la mia si sono chiesti dove poter verificare la stessa.

L'arcano sta nella prefazione del libro (da me letta molti anni fa e che onestamente avevo dimenticato). In questa si dice che la relazione manoscritta vera e propria fatta dal Tevisan (ca. 36 carte) è andata smarrita presumibilmente nella metà del 1700.

Quella restata, che io ho citata, è una copia verosimilmente redatta nel 1500 da qualche amatore delle notizie di terre lontane "sciacquato in Arno", stante un impasto linguistico non prettamente veneto...ecco allora che forse si è spiegato l'arcano; chi l'ha copiata - forse - ha ragguagliato gli importi espressi nel testo originale in valute allora correnti come gli scudi d'oro (anche se lo erano altrettanto gli zecchini)

E qui resta comunque il dubbio: qual'era il motivo e opportunità per sostituire la valuta?

Grazie dell'attenzione

Luciano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?