Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
gpittini

Ragusa

Inviato (modificato)

DE GREGE EPICURI

Per favore, mi aiutate a classificare con precisione questa moneta? pesa 1,0 g. e misura 17 mm, dovrebbe essere un grossetto, le scritte sono: S.BLASIUS-RAGUSII da un lato; sull'altro c'è Cristo di fronte e coppie di lettere ai lati, ma non riesco a decifrarle. La posto in Italia perchè su alcuni cataloghi Ragusa è così collocata, un po' incongruamente a mio parere. Mi sapete dire se Ragusa c'è anche nel CNI?

post-4948-1277404494,65_thumb.jpg

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Altro lato.

post-4948-1277404557,91_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno gpittini,

credo che la sua moneta non sia un grossetto, ma un grosso della zecca di Ragusa (od. Dubrovnik).

La differenza era solo formale, perché il valore del grosso e del grossetto era lo stesso (30 follari). Tuttavia vi era una sostanziale differenza di valore intrinseco, dal momento che all'inizio del '300 il grosso pesava circa 1,9 gr e conteneva circa 11 once di argento, mentre il grossetto (emesso a partire dal 1626) pesava circa 0,66 gr e aveva un fino di circa 9 once.

Anche le rappresentazioni rimasero le stesse (san Biagio/Cristo), ma con alcune differenze nello stile delle incisioni. Inoltre, sul rovescio dei grossetti l'immagine di Cristo è circondata da una serie di stelline, mentre sui grossi è sempre entro una mandorla di punti.

Venendo al suo pezzo, sia per la mancanza di sigle nel campo del dritto ai lati di san Biagio, sia per lo stile delle raffigurazioni, credo che esso si possa avvicinare al tipo 'Mimica' XVI, attribuito al periodo 1422-1438:

- D/ .S.BLASIV-SRAGVSII (in caratteri gotici), san Biagio di fronte, benedicente e con pastorale.

-R/ figura di Cristo in mandorla di punti. Ai lati della mandorla: IE-XE (entrambi con sopra segno di abbreviazione paleografica e in caratteri gotici).

Nella prima metà del Quattrocento il peso del grosso era di circa 1,2 grammi, con un diametro di circa 19-20 mm.

La moneta in suo possesso denota una leggera tosatura, responsabile del diametro e del peso più bassi.

Ragusa è presente nel CNI VI, Veneto, zecche minori, pp. 453-540, ma per la catalogazione delle monete ragusine le consiglio, perché più aggiornato, Boze Mimica, Numismaticka Povijest Dubrovnika (Historia Ragusina in Nummis), Dobrovnik 1994.

Cordialità, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Molte grazie per le abbondanti e competenti notizie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?