Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Dallas

Quale tipo di monetazione si usava nell' Antico Egitto?

Risposte migliori

Dallas

Salve, sarebbe interessante ricevere delle notizie riguardanti la monetazione dell antico Egitto, ho sentito parlare di tre tipi di monetazione detti : sciat, deben e kite .... é corretto??

Fatemi sapero tutto ciò di cui siete a conoscienza, materiali, foto ecc

Grazie ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Antico Egitto è un po' vago... quale epoca ti interessa ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dallas

Beh i primi tipi di monetazione...al tempo dei faraoni....

potrei dire a partire dal 3300 a.C. fino al 31 a.C. ma forse è ancora un po' vago :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Non credo sia corretto parlare di monetazione prima del VII secolo a.C. Nell'Antico Regno dei Grandi Faraoni come Cheope, così come nel Nuovo Regno ai tempi di Ramses II (e per lungo tempo dopo) esisteva il baratto anche se il deben di cui hai scritto forse fu anche una protomoneta oltre ad essere un'unità di misura.

"Protocurrency

It has been speculated that pieces of metal weighing a deben were kept in boxes,[4] taken to markets[5] and were used as a means of exchange.[6] Archaeologists have been unable to find any such standardized pieces of precious metal.

On the other hand it is documented that debens served to compare values. In the 19th dynasty a slave girl, priced four deben and one kite of silver, was paid for with various goods worth as much: 6 bronze vessels, 10 deben of copper, 15 linen garments, a shroud, a blanket and a pot of honey.[7]"

http://en.wikipedia.org/wiki/Deben_%28unit%29

Altra lettura interessante:

http://www.touregypt.net/featurestories/prices.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mauro Giacometti

Buongiorno a tutti sono in possesso di questa stupenda deben egizia316kpsh.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mauro Giacometti

34zn9ua.jpg

Modificato da Mauro Giacometti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Purtroppo per te il deben era un pezzo di metallo di 91 grammi e credo che non esistano esemplari giunti fino a noi.

Le prime monete come le pensiamo noi sono comparse in Egitto solo una volta che questo fu assimilato con i regni persiani e greco, poi.

La prima moneta dell'Egitto antico si doveva chiamare shat e doveva essere di tre metalli (oro, argento e rame) ma comunque erano dei semplici rudimentali pezzi di metallo con su incisi dei valori, niente a che fare con le monete che noi conosciamo.

Possiamo tranquillamente dire che la potenza dell'Egitto Antico si resse, soprattutto fra la gente comune, con il baratto (soprattutto) e queste "monete", fino alla XXVII dinastia, quando, appunto, i persiani entrarono in Egitto e portarono con se la loro cultura monetale.

Riguardo la tua moneta è una moneta tolemaica, quindi niente a che fare con l'Antico Egitto propriamente detto...per l'autenticità aspetta pareri di chi conosce la monetazione.

Mirko

[edit] non avevo visto che era una discussione già avviata, perdonate l'excursus... :(

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Emiliano77

Purtroppo per te il deben era un pezzo di metallo di 91 grammi e credo che non esistano esemplari giunti fino a noi.

Le prime monete come le pensiamo noi sono comparse in Egitto solo una volta che questo fu assimilato con i regni persiani e greco, poi.

La prima moneta dell'Egitto antico si doveva chiamare shat e doveva essere di tre metalli (oro, argento e rame) ma comunque erano dei semplici rudimentali pezzi di metallo con su incisi dei valori, niente a che fare con le monete che noi conosciamo.

Possiamo tranquillamente dire che la potenza dell'Egitto Antico si resse, soprattutto fra la gente comune, con il baratto (soprattutto) e queste "monete", fino alla XXVII dinastia, quando, appunto, i persiani entrarono in Egitto e portarono con se la loro cultura monetale.

Riguardo la tua moneta è una moneta tolemaica, quindi niente a che fare con l'Antico Egitto propriamente detto...per l'autenticità aspetta pareri di chi conosce la monetazione.

Mirko

[edit] non avevo visto che era una discussione già avviata, perdonate l'excursus... :(

grazie dell'informazione, per il resto, concordo su tutto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Num.e.fil.cal.

interessante discussione... ottima sia dal punto di vista storico che culturale :blum: :good:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Buongiorno a tutti sono in possesso di questa stupenda deben egizia

Deben maddeché :lol:

Questo, se autentico, è un bronzo tolemaico.

A proposito di quanto scritto da @@Mirko8710: se non ricordo male Nectanebo II, ultimo faraone egizio, coniò monete in argento e bronzo, tra cui imitazioni delle tetradracme ateniesi, per il pagamento dei mercenari greci. Siamo peraltro proprio negli immediatamente precedenti la conquista persiana. Mi pare di ricordare un possibile precedente con finalità di scambio commerciale con la colonia greca di Naucrati nella zona del delta, ma dovrei controllare sui testi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fra crasellame

Nectanebo ha coniato anche oro ma non col tipo della civetta ateniese. Quelle emissioni sono persiane. Sia di Artaserse III che di due satrapi: Sabakes e Mazakes.

Nectanebo II

http://www.acsearch.info/record.html?id=369845

Artaserse III

http://www.acsearch.info/record.html?id=574793

Modificato da fra crasellame
  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

Eh vabbè...ma anche Nectanebo era sempre Etiope, non lo considero Antico Egitto :P

Per me già dalla fine del Terzo Periodo Intermedio è troppo poco Egizio il tutto...per me l'ultimo è Ramses III :D gli altri sono uomini che giocavano a fare i Faraoni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Grazie per la precisazione :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Nectanebo ha coniato anche oro ma non col tipo della civetta ateniese. Quelle emissioni sono persiane. Sia di Artaserse III che di due satrapi: Sabakes e Mazakes.

Nectanebo II

http://www.acsearch.info/record.html?id=369845

sapevate che oltre all'âureo Nectanebo ha coniato un bel bronzetto con i medesimi tipi ?

E' tra l'altro l'unica moneta (assieme all'aureo) a riportare un geroglifico

Modificato da numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mirko8710

sapevate che oltre all'âureo Nectanebo ha coniato un bel bronzetto con i medesimi tipi ?

E' tra l'altro l'unica moneta (assieme all'aureo) a riportare un geroglifico

Vedere vedere... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Salve a tutti, premesso che non ho alcuna conoscenza in materia anche se chiaramente suscita in me molto interesse,

riprendo questa discussione per chiedervi un commento, dal punto di vista storico e numismatico, di questa moneta

Pn9GaeJ5Hx2ZDCy7rE3ED6j7fYY4Q8.jpg

cos' descritta dal venditore

NEKTANEBO II ( NEKHT-HER-HEBET ) AE

Weiser 1, Howgego Taf. 9, 192, Very Fine+/Very Fine, 15.6mm, 3.47 grams, Struck Circa. 361 - 343 B.C.E.

Obverse: Ram leaping left, head to right

Reverse: Balance scale

A RARE coin and probably the only series ever struck by a Pharoah. Very pretty ancient patina and much sharper than usual ram with the raised spots on his hide still showing!

Saluti Eliodoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vanadio

Nectanebo ha coniato anche oro ma non col tipo della civetta ateniese. Quelle emissioni sono persiane. Sia di Artaserse III che di due satrapi: Sabakes e Mazakes.

Nectanebo II

http://www.acsearch.info/record.html?id=369845

perdonate se dico semplicemente la mia senza aggiungere nulla al discorso (perché ne so veramente poco), ma letteralmente *adoro* le monete d'oro di nectanebo II, che già conoscevo, ma in particolare voglio sottolineare l'assoluta bellezza dell'esemplare postato qui, è magnifico :D

cmq apprendo con interesse dell'esistenza anche di piccoli bronzi, cosa che non sapevo, che decisamente potrebbero essere (ma non è detto, dipende dalla rarità) maggiormente alla portata delle mie tasche..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cesare Augusto

Buona sera al forum; ogni tanto uno si sveglia, zampetta qua e là per il forum è trova qiualcosa cui può dare, si spera un contributo; dunque

Titolo: Primitive methods of exchange by barter

Fonte: Coin of ancient

Autore: Barclay Vincent Head

....

Focalizziamoci in primis sull’Egitto, il più antico e civilizzato paese del mondo antico: ma giacchè il sistema dei pesi prevalente nella valle del Nilo non sembra aver influito più di tanto sulla monetazione dei Greci riteniamo di non doverci addentrare nei particolari della metrologia egizia; tuttavia non possiamo tacere che

nelle iscrizioni che si vedono sui muri del tempio di Karnak compaiono due denominazioni di peso: Uten e Kat.

La relazione che intercorre tra i due pesi ci è nota attraverso un passaggio del “Papiro di Harris” che riporta gli annali di Ramesses 3° ca. il 3.000 A.Ch.

Da questo passo del papiro si scopre che l’Uten era eguale a 10 Kats ed un peso a forma di serpente, ben conservato e rinvenuto assieme al papiro di Harris, porta la scritta: “ Cinque kats del tesoro di On” il suo peso è di 698 gr.

Ammettendo una leggera perdita di peso dovuta alle abrasioni del tempo possiamo azzardare che il peso originale fosse di 700 gr. e pertanto l’unità era costituita da 700/5 = 140 gr. per il Kat e conseguentemente 1.400 gr per l’Uten.

Il Sig. Bortolotti nel suo. “ Del primitivo cubito egiziano” ritiene che l’Uten sia esattamente la millesima parte del peso del cubito cubo dell’acqua del Nilo; essendo il cubito in questione, non il cubito ordinario di 20,66 inches; ma una misura che viene chiamata: “Primitivo pollice egiziano” equivalente alla lunghezza di 17,17 inches.

Accanto a questo Uten di 1.400 gr. esiste anche una forma più pesante di cui sono stati ritrovati molti esemplari negli scavi eseguiti da Mr. Petrie sul sito di Neucratis.

Bortolotti suggerisce che lo standard di peso dell’Uten pesante sia di 1.486 gr. e che derivi dalla millesima parte del peso del cubito cubo reale di acqua del Nilo, della lunghezza di 20,66 inches.

Mr Petrie è tuttavia dell’avviso che il peso dell’Uten pesante non possa aver superato 1.436 – 1.450 gr e questo nonostante siano stati ritrovati esemplari di 1.530 e più grammi.

In pratica non si conosce alcuna distinzione tra Uten pesante e Uten leggero con ogni probabilità la forma leggera è da considerarsi una variante locale della più comune forma pesante.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teodato

Qualcuno può postare un immagine dei fantomatici tetradrammi di stile Ateniese del Faraone Achoris?

393-380?

grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eliodoro
Supporter

Qualcuno può postare un immagine dei fantomatici tetradrammi di stile Ateniese del Faraone Achoris?

393-380?

grazie!

Ciao @@teodato,

mica Ti riferisci a questa?

gK6CBb84oH2y8GiTSo7nzwL5Yk9Ta3.jpg

ATTICA, ATHENS AR SILVER TETRADRACHM - EGYPTIAN MINT - SEE NOTES
Attica, Athens Tetradrachm

Size: 24mm Weight: 16.19 grams

Obverse: Head of Athena facing right

Reverse: Owl standing right, single prong tail, olive branch and crescent above right

Egyptian 4th-century. The broader reverse die (so that little of the flan's edge shows) is characteristic. Very close in style to obverse dies, in dozens of die links, in the Fayum Hoard, Univ. of Michigan, to my mind certainly of Egyptian origin (unpublished but I have studied the whole of it). The obverse is also close in style to the Copenhagen example of the "Artaxerxes Pharaoh" tetradrachm of Athenian types, obviously Egyptian 4th-century.

Vast numbers of these tetradrachms have turned up in Egypt. If I recall the Fayum hoard ran to about 350 pieces, of which a few were originally Athenian. The Tel El-Maskhouta hoard ran to ca. 10,000, of exactly the same material.

Se ho sbagliato, chiedo venia :hi:
Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

teodato

Eliodoro ti ringrazio, difficile da valutare il conio come Egiziano anche perchè tra quelli ritrovati si parla di tetradrammi anche di origine Ateniese.

La datazione appare come generica del IV secolo che comprenderebbe Achoris, -Nectanebo ma ache Artaserse.

La lettere sono greche!

In realtà in molti articoli si parla di questa monetazione ad imitazione Ateniese che risalirebbe ad Achoris ma non ne viene data una precisa descrizione.

Può essere che l'attribuzione sia legata alla datazione del sito archeologico in cui sono state ritrovate.

Modificato da teodato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×