Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
sonetto

l'oggetto misterioso...

Risposte migliori

sonetto

Salve a tutti!! ^_^

come già detto in un altro 3d, da pochissimo sono rientrato in posseso della mia vecchia e variegata collezione.

tranne alcune monete straniere recanti caratteri nè romani nè cirillici o greci, non ho avuto problemi di catalogazione...se si eccettua l'oggetto del mistero!!! :P

si tratta di una moneta davvero pessimamente conservata, rinvenuta una quindicina d'anni fa presso il greto di un torrente...

misura circa 2,2 cm di diametro, spessore poco più di 1 mm...

non ho idea a quale periodo possa appartenere, una delle due facce è assolutamente devastata dai processi di ossidazione, se può essere d'aiuto storicamente -non datandola più indietro che nell'alto medioevo- la zona nella quale l'ho rinvenuta è stata soggetta all'influenza del regno di napoli, stato pontificio e una breve parentesi francese... sul metallo o lega non so cosa dire, le mie competenze non arrivano a tanto, ma vista la patina-crosta- verdina mi sbilancio e azzardo che possa trattarsi di una lega ramata...

queste sono le immagini:

20100921050655mistero1jpg.jpg

20100921051843mistero2jpg.jpg

capisco che potrebbe essere difficile raccapezzarci qualcosa, ma a distanza di tre lustri vorrei togliermi la curiosità, se possibile!! :D :D

ringrazio tutti anticipatamente ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60

Da quel poco che si percepisce (le foto sono sfocate) la moneta potrebbe essere un sesino per Napoli del tipo nel link (solo come indicazione del tipo e non come identificazione definitiva)

Ferdinando I d'Aragona (1458 - 1494) http://www.deamoneta.com/auctions/view/1/1579

Giovanna e Carlo di Spagna (1516-1519) http://www.coincircuit.com/Closed_Coin_Auction/ViewImage.php?dirname=Closed_Coin_Auction&item=6941474

con la moneta in mano prova a cercare partendo da queste indicazioni

ciao

Mario

Modificato da mariov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

La croce di Gerusalemme è tipica della monetazione di Napoli quindi credo che l'origine sia quella. Se riesci ad indicare peso e diametro si potrebbe iniziare a fare una cernita per cercare di individuarla.

Ma è sporca o patinata??? Nel primo caso un bagno forzato in acqua demineralizzata potrebbe togliere lo sporco e permettere di vedere qualche cosa in più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Ancora devo svegliarmi bene... non avevo letto che avevi già indicato il diametro.

Escluderei il Sestino di Giovanna e Carlo in quanto mi pare che intravedere che la croce è cantonata da crocette...

Per me si potrebbe trattare di un 3 cavalli di Filippo II, ma il condizionale è d'obbligo. Nella legenda del R (a ore 09:00 nella foto) mi pare di vedere una R, riesci a distinguere altre lettere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mariov60

Mantenendo l'idea della sola ipotesi e non della identificazione io ho optato per il sesino di Carlo e Giovanna per la R a ore nove del retro, compatibile solo con la legenga IVSTVS REX e non con quella dei 3 cavalli IN HOC SIGNO VINCES. Ovviamente è tutto da verificare con la moneta in mano. Attendiamo ulteriori spunti di Fedafa che nel campo è sicuramente più competente.

ciao

Mario

Modificato da mariov60

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Senza ulteriori indicazioni possiamo solo fare ipotesi. Prima di tutto sarebbe importante conoscerne il peso, poi eventualmente se la croce è cantonata da crocette; altri elementi della legenda, senza escludere particolari del D/ che dalla (pessima) foto non si evincono.

Lo IVSTVS REX, compatibile con quanto si vede, lo ritroviamo su diverse monetazioni dell'epoca, quindi altri dati sono fondamentali...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sonetto

sto cercando di procurarmi una bilancia digitale di precisione per dirvi di più sul peso. inoltre a breve cercherò di postare foto di qualita più elevata...la moneta è purtroppo praticamente distrutta, la seconda faccia si presenta verde e concava come il fondo di uno stagno in secca... sul lato ancora intellegibile, oltre alla R mi pare di scorgere alcune altre lettere in questa sequenza -consecutive- ...IRSE... ma non ci metterei la mano sul fuoco... a ore 2 si distingue un segno verticale simile ad un "1"...

con un pò di fantasia e molta approssimazione, sul fronte della moneta si intravede qualcosa di simile al profilo di un volto umano, che guarda agli antipodi delle lettere più o meno visibili sopra menzionate...ma davvero non ci giurerei,potrebbe trattarsi anche di semplici fenomeni corrosivi che diano l'impressione di un volto.- ripeto, da quel lato la moneta è letteralmente scavata...rinvenuta nei pressi di un corso d'acqua soggetto a piene stagionali, credo davvero che sia stata più o meno a mollo per secoli...-

Modificato da sonetto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sonetto

immagini con una risoluzione decente:

retro:

33zfbdc.jpg

fronte:

qpi653.jpg

Modificato da sonetto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

fedafa

Da queste foto (decisamente migliori) mi pare di vedere che la croce di Gerusalemme non è cantonata da crocette, quindi si possono escludere diverse monete.

A questo punto, ritengo che la più papabile in considerazione di ciò che si intravede della legenda del R/ e da quello che si può supporre ci sia al D/ (mi pare di vedere al centro della moneta un punto che potrebbe essere l'interpunzione presente tra la I e la C che si trovano nel campo e forse si intravede anche la corona che le sovrasta) credo si tratti, come aveva già indicato mariov60, del sestino coniato a Napoli da Giovanna (la Pazza) assieme a suo figlio Carlo (il futuro Carlo V).

Moneta comune e messa maluccio (ad essere buoni :) ), ma anche in considerazione di chi la fece emettere sicuramente ricca di storia.

Ti allego il link al nostro catalogo.

http://numismatica-italiana.lamoneta.it/moneta/W-GPC/3

P.S.

Ma sei proprio certo che quella "patina" presente al D/ non vada via??? Visto l'usura della moneta non c'è da preoccuparsi di fare danni. Io la lascerei un po in acqua demineralizzata (va bene quella del ferro da stiro) per ammorbidire, poi prova a spazzolare leggermente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sonetto

grazie fedafa! :)

proverò con l'acqua demineralizzata... anche se sono certo che le incrostazioni difficilmente andranno via...

non mi dispiace più di tanto che la moneta versi in condizioni tremende... mi è sufficiente la soddisfazione di essere venuto a capo del mistero dopo così tanto tempo... :D grazie ancora a tutti!!! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×