Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
simone

Billimbique

Risposte migliori

simone
Durante una lezione universitaria di Storia dell'America Latina, il professore ha detto che Francisco "Pancho" Villa, rivoluzionario messicano, stampò cartamoneta, la quale venne volgarmente detta "billimbique", allo scopo di autofinanziarsi.

Allora, essendomi incuriosito, ho deciso di documentarmi ed ho scoperto che le prime emissioni di cartamoneta senza copertura legale si registrano sotto Carranza nella primavera del 1913 e in seguito si moltiplicano a dismisura nelle varie regioni fino a provocare un caos monetario, usato peraltro come arma politica dai vari gruppi politici nei rispettivi territori.
Alla fine del 1913 Villa stampa proprie banconote, battezzate subito "sàbanas de Villa" (le lenzuola di Villa), cui in seguito se ne aggiungono altre che, designate con termini popolari dalla fantasia popolare (ad esmpio, "billimbique"), inondano il paese a ritmo continuo fino al 1915. Si tratta di banconote di piccolo taglio, emesse per un valore di 10 milioni di pesos fino al mese di maggio del 1914; a partire da questa data e per tutto il 1915 entrano in circolazione biglietti per oltre 400 milioni di pesos; quando, a metà di quell'anno, Villa provvede di cartamoneta i gruppi rivoluzionari del centro, a Chihuahua si stampano un milione di pesos al giorno.
Nel contempo Villa, oltre a impossessarsi della riserve auree della banca dei Terrazas, crea il Banco del Estado di Chihuahua col proposito di controllare le emissioni dei biglietti a corso forzoso e di concedere piccoli crediti garantiti dai beni espropriati; questa banca diventa il perno di tutte le sue operazioni finanziarie. In breve egli crea così una amministrazione controllata e la nuova moneta diventa l'unitàutilizzata nelle transazioni economiche e nel commercio internazionale, anche se in tal modo si innescherà un inevitabile processo inflazionistico.
In seguito alla sconfitta di Villa ad opera di Venustiano Carranza, ci fu difficoltà per ottenere la conversione di queste banconote; questo creò malcontento fra la popolazione.

Questa storia mi ha ricordato molto quella degli assegnati della rivoluzione francese (banconote emesse senza alcuna copertura, terribile inflazione, eccetera...).
Allego due immagini che sono riuscito a rimediare. Qualsiasi informazione aggiuntiva è la benvenuta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Horben Tumblebelly
Bella storia,grazie mille!
Qualcuno del forum,in particolare i nostri amici argentini ne hanno?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×