Jump to content
IGNORED

Monetina veneziana in argento


Recommended Posts

Ciao a tutti,

mi piacerebbe saperne di più, riguardo a questa piccola monetina in argento.

Ha un diametro di solo 12 mm.

Grazie in anticipo.

post-20058-0-07266200-1294522288_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


bella monetina......

strana legenda con IN HOC S VINCIT , tipica delle monete portoghesi ma non della serenissima

come vedi si legge PET LANDO DUX

che e` pietro Lando 1539 -1545

la tua e` un soldino

se la vuoi scambiare dimmelo

Edited by rick2
Link to comment
Share on other sites


Ciao Rick, salve 3dmax

volevo precisare che la monetina postata non è il soldino di Pietro Lando ma il bezzo da 6 denari (mezzo soldino).

E' classificata sul Paolucci al n. 12.

E' in argento al titolo 453/000 con un peso medio teorico di 0,28/0,29 grammi e diametro intorno ai 13-14 mm.

E' una monetina classificata comune. In realtà è veramente difficile vederla, specialmente in condizioni accettabili come quella postata.

Circa il soldino di Pietro Lando, ve ne sono di due tipi:

- il vecchio tipo col Risorto e la scritta "laus tibi soli - classificato R6

- il nuovo tipo, comune, con croce a balaustra e leone in soldo- S. Marcus Venet.

Buona giornata.

Silvano.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Buona Domenica

Ma che bellina......come anticipato da Silvano, non è per nulla facile da trovarsi; tanto più in queste condizioni, complimenti (io non ce l'ho) :(

Al riguardo mi dichiaro un po' scettico sull'accettare il fatto che sia considerata comune. Per me non lo è.

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


Salve,

concordo con Rick che questo fu il secolo durante il quale la monetazione di Venezia ebbe notevoli cambiamenti:

- iconografici (sia per l'aumentato diametro del modulo che permetteva immagini piu' elaborate, sia per l'impronta piu rinascimentale);

- ponderali (ricordiamo le due grosse svalutazioni avvenute dopo Cambrai e dopo la guerra di Cipro e battaglia di Lepanto) con riduzioni ponderali marcate..

I tipi monetali sono stati molteplici. Per lo stesso valore sia hanno nel XVI secolo più tipologie (esempio il soldino) e multipli. Compaiono in modo massiccio le gazzette anonime.

Un'epoca quindi di grandi cambiamenti, in tutti i sensi, per la Serenissima che giunge al suo massimo splendore.

Ritengo giusta la precisazione di Luciano, che saluto, circa l'effettiva rarità della moneta. Di fatto non si trova come peraltro altre tipologie sovente classificate comuni. A tal proposito vi è da dire che quando si gironzola per i convegni difficilmente le monete "frazionali" si trovano. E' più facile trovare gli alti nominali .

Mi confermate questa mia impressione?

Un saluto.

Silvano.

Link to comment
Share on other sites


Ritengo giusta la precisazione di Luciano, che saluto, circa l'effettiva rarità della moneta. Di fatto non si trova come peraltro altre tipologie sovente classificate comuni. A tal proposito vi è da dire che quando si gironzola per i convegni difficilmente le monete "frazionali" si trovano. E' più facile trovare gli alti nominali .

Mi confermate questa mia impressione?

Un saluto.

Silvano.

secondo me e` un R3

e` rara

l impressione te la confermo, ma non solo ai convegni , anche alle aste.

se vedi i talleri del levante classificati rari passano sempre senza problemi e poi le monete come questa non si vedono mai.

e` un problema di tutte le divisionali comunque visto che non son state tesaurizzate. adesso si trovano con fatica nonostante fossero emesse in quantita` superiori.

Link to comment
Share on other sites


Supporter

Ritengo giusta la precisazione di Luciano, che saluto, circa l'effettiva rarità della moneta. Di fatto non si trova come peraltro altre tipologie sovente classificate comuni. A tal proposito vi è da dire che quando si gironzola per i convegni difficilmente le monete "frazionali" si trovano. E' più facile trovare gli alti nominali .

Mi confermate questa mia impressione?

Un saluto.

Silvano.

secondo me e` un R3

e` rara

l impressione te la confermo, ma non solo ai convegni , anche alle aste.

se vedi i talleri del levante classificati rari passano sempre senza problemi e poi le monete come questa non si vedono mai.

e` un problema di tutte le divisionali comunque visto che non son state tesaurizzate. adesso si trovano con fatica nonostante fossero emesse in quantita` superiori.

Giusta impressione, anche per me, salvo alcune tipologie come:

- Soldi da 12 bagattini

- Bezzi da 6 bagattini

- Gazzette di vario conio e valore

si trova ben poco.

Indubbiamente, come rik osserva, può essere dovuto al fatto che queste piccole monetine non venivano tesaurizzate, ma non solo (altrimenti non si troverebbero nemmeno i soldi o i bezzi); c'è anche da considerare che monetine come quella del nostro amico, ne furono coniate ben poche.....

Circa il grado di rarità, in assenza di dati, non mi azzardo a farne, certo è che questa è la seconda che vedo al di fuori delle immagini di testi.

Nelle aste non ne ho mai vista una, forse dentro qualche lotto di monete non fotografate.......

Saluti

Luciano

Link to comment
Share on other sites


si sicuramente poi dipende dal tipo.

pero` ci son anche tante incompletezze

per esempio le gazzette che tu citi sono comuni , ma i soldi (1/2 gazzette) son rari e vengono considerati comuni.

il problema secondo me e` che la numismatica ha sempre prediletto lo studio delle monete di grandi moduli e spesso ha trascurato le monete popolane come queste.

lo stesso esempio si puo` fare con la monetazione napoletana , dove sugli argenti si e` studiato molto mentre sul caos monetario della prima meta del 1600 ogni tanto saltano fuori date nuove

Link to comment
Share on other sites


Supporter

si sicuramente poi dipende dal tipo.

pero` ci son anche tante incompletezze

per esempio le gazzette che tu citi sono comuni , ma i soldi (1/2 gazzette) son rari e vengono considerati comuni.

il problema secondo me e` che la numismatica ha sempre prediletto lo studio delle monete di grandi moduli e spesso ha trascurato le monete popolane come queste.

lo stesso esempio si puo` fare con la monetazione napoletana , dove sugli argenti si e` studiato molto mentre sul caos monetario della prima meta del 1600 ogni tanto saltano fuori date nuove

Verissimo, prova ne è che tante piccole monetine di questo tipo, pur essendo classificate molto rare o rarissime, si trovano a costi modesti (anche perchè solitamente sono abbastanza rovinate, in quanto erano usate e strausate per decenni).

Questa che segue, un denaro di F. Foscari per Verona e Vicenza, classificata RR (già postata in altra occasione) l'ho pagata meno di €. 20,00

post-21005-0-59183600-1294575978_thumb.j

post-21005-0-02059600-1294575987_thumb.j

Link to comment
Share on other sites


Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue., dei Terms of Use e della Privacy Policy.