Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
teofrasto

approfondimento MONETE REGNO CON ALLEGORIA DELL'ITALIA ARATRICE

Risposte migliori

teofrasto

Buonasera a Voi,
ho un quesito che vorrei sottoporre agli amici e studiosi di monetazione del Regno: sui cataloghi, compreso quello di questo forum, la rappresentazione dell'Italia con l'aratro presente su diversi nominali aurei di Vittorio Emanuele III (100, 50, 20 e 10 lire), viene così descritta: "Figura allegorica dell'Italia che regge con la sinistra un fascio di spighe mentre con la destra spinge un aratro..."
Ora, il mio dubbio è il seguente: ma è davvero possibile che l'aratro venga spinto dalla persona che sta dietro? Non viene forse trainato da qualcosa che sta davanti all'aratro, mentre chi sta dietro lo guida? Peraltro, come potrebbe spingerlo con una mano impegnata a reggere un fascio di spighe?
Gradirei sapere la vostra opinione e, se possibile, se esiste anche in questo caso, un regio decreto che specifichi le caratteristiche della rappresentazione in questione.

Cordialmente, Teofrasto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bizerba62

Ciao teofrasto.

Infatti, hai ragione, "l'Aratrice" non spinge proprio nulla. La mano destra è solo "poggiata" sul manico dell'aratro.

Così recita la descrizione contenuta nel R.D. 5.5.1910 nr. 258 che approva il nuovo tipo monetale e che riporto di seguito nella parte che ci interessa.

Saluti.

Michele

16h0sk5.jpg

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

toto

Buonasera a Voi,

...

Ora, il mio dubbio è il seguente: ma è davvero possibile che l'aratro venga spinto dalla persona che sta dietro? Non viene forse trainato da qualcosa che sta davanti all'aratro, mentre chi sta dietro lo guida? Peraltro, come potrebbe spingerlo con una mano impegnata a reggere un fascio di spighe?

Gradirei sapere la vostra opinione e, se possibile, se esiste anche in questo caso, un regio decreto che specifichi le caratteristiche della rappresentazione in questione.

Cordialmente, Teofrasto

Ciao Teofrasto e Bizerba62,

nessuno sbaglia... Da sempre si suol dire che il contadino spinge l'aratro, anche se tutti sanno che l'aratro era generalmente agganciato ad una coppia di buoi o a dei cavalli. E' vero che il grosso della spinta non viene dal contadino, ma si trattava pur sempre di un lavoro molto faticoso: guidare l'aratro, come dici giustamente tu Teofrasto, vuol però anche dire spingerlo faticosamente nella giusta direzione.

"Orientare" faticosamente l'aratro nella giusta direzione, anche verso un obiettivo, una meta, è un'azione fortemente allegorica.

Un'azione rappresentata idealmente (molto idealmente...) come una bella signora e che "spinge" disinvoltamente l'aratro con una sola mano, una mano appena appena poggiata sull'aratro, anche perché con l'altro braccio "fa tesoro" del frutto del proprio lavoro (una seconda evidente allegoria)...

Un salutone,

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

profausto

L'aratura con aratro trainato ,aldilà del compito di "conduttore" che svolge l'operatore , richiede molta esperienza soprattutto perchè oltre a regolare la profondità del solco, la resistenza offerta dal terreno tende a far deviare l'aratro, il "guidarlo" quindi richiede una notevole perizia da parte dell'operatore stesso oltre che una fatica non indifferente.

Modificato da profausto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

bavastro

questa discussione mi era sfuggita...

l'aratrice, uno dei soggetti più artistici. Un soggetto con molto simbolismo che come già detto, non va preso sul serio, essendo un'allegoria. Nella realtà, o si ara, o si raccoglie. Lavori da fare in due stagioni ben diverse e con attenzione, non guardando indietro. Ma queste considerazioni tecniche sono sopraffatte dall'ammirazione per il disegno, per la ricchezza di particolari: le dita dei piedi, i chicchi delle spighe, il mantello che accentua il movimento della testa nel voltarsi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

questa discussione mi era sfuggita...

l'aratrice, uno dei soggetti più artistici. Un soggetto con molto simbolismo che come già detto, non va preso sul serio, essendo un'allegoria. Nella realtà, o si ara, o si raccoglie. Lavori da fare in due stagioni ben diverse e con attenzione, non guardando indietro. Ma queste considerazioni tecniche sono sopraffatte dall'ammirazione per il disegno, per la ricchezza di particolari: le dita dei piedi, i chicchi delle spighe, il mantello che accentua il movimento della testa nel voltarsi...

Concordo..un capolavoro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
niagolino

non a caso è l'unica serie che comprende tutti i valori in oro a partire dal modulo molto elegante del 10 lire

Modificato da niagolino

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

lgmoris

Veramente una bellissima serie. Chissa' se il pubblico del tempo si rendeva conto della bellezza delle monete in circolazione.....;) :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Veramente una bellissima serie. Chissa' se il pubblico del tempo si rendeva conto della bellezza delle monete in circolazione.....;) :)

Purtroppo non è che circolassero molto, almeno i pezzi in metallo pregiato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lgmoris

Vero. Le monete d'oro non circolavano. Ma io mi riferivo piu' in generale a tutte le altre monete del periodo di Vittorio Emmanuele III. Mi domandavo se il pubblico si fosse reso conto della creativita' e bellezza delle monete offerte loro e circolanti in quegli anni. Dopo il periodo di Vittorio Emmanuele II ed Umberto I le cui monete se pur belle erano tutte uguali e monotone, vedere una varieta' di tipologie cosi artisticamente perfette e differenti deve essere stato sorprendente ed eccitatante. Ma chissa' se lo avranno apprezzato? ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Vero. Le monete d'oro non circolavano. Ma io mi riferivo piu' in generale a tutte le altre monete del periodo di Vittorio Emmanuele III. Mi domandavo se il pubblico si fosse reso conto della creativita' e bellezza delle monete offerte loro e circolanti in quegli anni. Dopo il periodo di Vittorio Emmanuele II ed Umberto I le cui monete se pur belle erano tutte uguali e monotone, vedere una varieta' di tipologie cosi artisticamente perfette e differenti deve essere stato sorprendente ed eccitatante. Ma chissa' se lo avranno apprezzato? ;)

Beh sai, in quel periodo non è che la popolazione navigasse nell'oro...c'era altro a cui pensare...l'oro monetato poi non è che lo vedevano in molti. Comunque è innegabile che molte monete di quell'epoca sono veramente piccoli capolavori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
lgmoris

Complimenti Renato! Bella moneta :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×