Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
numizmo

alla fine, zitti zitti ,qualcosa è successo...

Risposte migliori

numizmo

We recently learned the Italian restriction on antiquities, which was up for renewal, was amended to now include the following ancient coins listed below. What this means is collectors can only import the following coins into the USA with documentation proving that it was out of the source country before January 19, 2011. The only good news here is that Roman Imperial as well as most Roman Republican coins were not added to the restriction. The Greek restriction is up next, and based on this current news it seems coins will most likely be added to it as well.

What should be done and what does this mean to you?

Any coins that are already in the USA are legal to own and legal to trade. The U.S. State Department has now made it difficult for Americans to purchase overseas unless documentation proving ownership prior to 1/19/2011 can be provided for listed restricted coins. This also means European dealers will not be able to enter the USA with stock for coin fairs without proper documentation on restricted coin types.

What can you do?

It is more important for the good of the industry to document all coins already in this country and abroad. That way if you or dealers, like us, sell coins overseas the coins will still have the ability to legally travel anywhere. We hope you realize the importance of documenting your collections so that future generations can still enjoy the hobby for years to come.

Please contact our offices if you have further questions about this.

The current restriction of Italian ancient coins:

F. Coins of Italian Types-A type catalogue of listed currency and coins can be found in N.K. Rutter et al. (eds.), Historia Numorum: Italy (London, 2001). Others appear in G.F. Hill Coins of Ancient Sicily (Westminster, 1903).

1. Lumps of bronze (Aes Rude)-Irregular lumps of bronze used as an early medium of exchange in Italy from the 9th century B.C.

2. Bronze bars (Ramo Secco and Aes Signatum)-Cast bronze bars (whole or cut) used as a media of exchange in central Italy and Etruria from the 5th century B.C.

3. Cast coins (Aes Grave)-Cast bronze coins of Rome, Etruscan, and Italian cities from the 4th century B.C.

4. Struck coins-Struck coins of the Roman Republic and Etruscan cities produced in gold, silver, and bronze from the 3rd century B.C. to c. 211 B.C., including the ''Romano-Campanian'' coinage.

5. Struck colonial coinage-Struck bronze coins of Roman republican and early imperial colonies and municipia in Italy, Sicily, and Sardinia from the 3rd century B.C. to c. A.D. 37.

6. Coins of the Greek cities-Coins of the Greek cities in the southern Italian peninsula and in Sicily (Magna Graecia), cast or struck in gold, silver, and bronze, from the late 6th century B.C. to c. 200 B.C.

Link to full written restriction:

http://edocket.access.gpo.gov/2011/pdf/2011-882.pdf

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

luigi78

In pratica la sola cosa che cambia è che grazie ai controlli "americani" non sarà possibile importare tali monete, monete che comunque sino a ieri non era possibile esportare senza permesso, permesso che poteva anche essere dato ma solo previa autorizzazione di sovrintendenze e uffici vari e che comunque è certo non fosse chiesto dai signori fornitori di tanti dealers

Gli americani finalmente non potranno più far passare per collezioni alcuni hoard di monete di Neapolis o Metaponto, ma potranno con tranquillità importare monete romane dal 37 d.c con i soliti metodi o forse in maniera legale visto che non ci saranno impedimenti ( scherzo....)

Domandina... se un contadino crucco trovasse un migliaio di monete repubblicani nel suo campo di patate e decidesse di esportarle in Usa, dopo che il suo locale museo le avesse classificate, cosa potrebbe mai accadere....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

We recently learned the Italian restriction on antiquities, which was up for renewal, was amended to now include the following ancient coins listed below. What this means is collectors can only import the following coins into the USA with documentation proving that it was out of the source country before January 19, 2011. The only good news here is that Roman Imperial as well as most Roman Republican coins were not added to the restriction. The Greek restriction is up next, and based on this current news it seems coins will most likely be added to it as well.

What should be done and what does this mean to you?

Any coins that are already in the USA are legal to own and legal to trade. The U.S. State Department has now made it difficult for Americans to purchase overseas unless documentation proving ownership prior to 1/19/2011 can be provided for listed restricted coins. This also means European dealers will not be able to enter the USA with stock for coin fairs without proper documentation on restricted coin types.

What can you do?

It is more important for the good of the industry to document all coins already in this country and abroad. That way if you or dealers, like us, sell coins overseas the coins will still have the ability to legally travel anywhere. We hope you realize the importance of documenting your collections so that future generations can still enjoy the hobby for years to come.

Please contact our offices if you have further questions about this.

The current restriction of Italian ancient coins:

F. Coins of Italian Types-A type catalogue of listed currency and coins can be found in N.K. Rutter et al. (eds.), Historia Numorum: Italy (London, 2001). Others appear in G.F. Hill Coins of Ancient Sicily (Westminster, 1903).

1. Lumps of bronze (Aes Rude)-Irregular lumps of bronze used as an early medium of exchange in Italy from the 9th century B.C.

2. Bronze bars (Ramo Secco and Aes Signatum)-Cast bronze bars (whole or cut) used as a media of exchange in central Italy and Etruria from the 5th century B.C.

3. Cast coins (Aes Grave)-Cast bronze coins of Rome, Etruscan, and Italian cities from the 4th century B.C.

4. Struck coins-Struck coins of the Roman Republic and Etruscan cities produced in gold, silver, and bronze from the 3rd century B.C. to c. 211 B.C., including the ''Romano-Campanian'' coinage.

5. Struck colonial coinage-Struck bronze coins of Roman republican and early imperial colonies and municipia in Italy, Sicily, and Sardinia from the 3rd century B.C. to c. A.D. 37.

6. Coins of the Greek cities-Coins of the Greek cities in the southern Italian peninsula and in Sicily (Magna Graecia), cast or struck in gold, silver, and bronze, from the late 6th century B.C. to c. 200 B.C.

Link to full written restriction:

http://edocket.access.gpo.gov/2011/pdf/2011-882.pdf

Il buon HJB e' stato il primo a muoversi, altri lo seguiranno. Prevedo scossoni nel mercato degli aes grave (prezzi in brusca discesa credo) e forse nelle imperiali (non cambia niente ma ci saranno piu' collezionisti riconvertiti dalle monetazioni vietate). Non e' molto chiaro il discorso sulle repubblicane e sul perchè si sia scelto come riferimento l'Histora Nummorum Italy e il libro di Hill (ne esistono molti altri). Come qualcuno gia' sospettava HJB parla di una prossima normativa sulle greche che sembra imminente, la Grecia non starà a guardare. Accaparramento anche li' prima della chiusura?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

We recently learned the Italian restriction on antiquities, which was up for renewal, was amended to now include the following ancient coins listed below. What this means is collectors can only import the following coins into the USA with documentation proving that it was out of the source country before January 19, 2011. The only good news here is that Roman Imperial as well as most Roman Republican coins were not added to the restriction. The Greek restriction is up next, and based on this current news it seems coins will most likely be added to it as well.

Quindi le Romane Imperiali non sono sotto alcuna restrizione da parte del Governo Americano.

Per quanto riguarda il contadino crucco che trova le monete, il documento non vieta l'importazione, ma l'importazione senza lecita provenienza, e questo non può che essere un bene per il mercato della monetazione classica.

Intanto, per cominciare sono certo che assisteremo ad un crollo verticale dei falsi, ora che ne deve essere dimostrata anche la natura ed origine del pezzo, quindi non basta farli bene i falsi, ma bisogna inventarsi anche un apparato di documentazione, e quello incredibilmente è più difficile perchè lascia molte più tracce.

In secondo luogo chi ha sempre trattato monete nella legalità vedrà le proprie monete rivalutarsi, dato che non penso che gli americani non compreranno più monete classiche, ma faranno molta più attenzione al pedigree.

Infine a mio giudizio è un monito per tutta la numismatica, non solo per quella classica, le monete moderne, il mio ambiente da collezionista, devono avere una "storia", quando mi prendono in giro perchè metto a sfinire i commercianti per avere i cartellini originali delle monete è un piccolo, minimo sforzo, per ricostruire la storia della moneta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

We recently learned the Italian restriction on antiquities, which was up for renewal, was amended to now include the following ancient coins listed below. What this means is collectors can only import the following coins into the USA with documentation proving that it was out of the source country before January 19, 2011. The only good news here is that Roman Imperial as well as most Roman Republican coins were not added to the restriction. The Greek restriction is up next, and based on this current news it seems coins will most likely be added to it as well.

Quindi le Romane Imperiali non sono sotto alcuna restrizione da parte del Governo Americano.

Per quanto riguarda il contadino crucco che trova le monete, il documento non vieta l'importazione, ma l'importazione senza lecita provenienza, e questo non può che essere un bene per il mercato della monetazione classica.

Intanto, per cominciare sono certo che si sarà un crollo verticale dei falsi, ora oltre che falsi ne deve essere dimostrata anche la natura ed origine del pezzo, quindi non basta farli bene, ma bsogna inventarsi anche un apparato di documentazione, e quello incredibilmente è più difficile perchè lascia molte più tracce.

In secondo luogo chi ha sempre trattato monete nella legalità vedrà le proprie monete rivalutarsi, dato che non penso che gli americani non compreranno più monete classiche, ma faranno molta più attenzione al pedigree.

Infine a mio giudizio è un monito per tutta la numismatica, non solo per quella classica, le monete moderne, il mio ambiente da collezionista, devono avere una "storia", quando mi prendono in giro perchè metto a sfinire i commercianti per avere i cartellini originali delle monete è un piccolo, minimo sforzo, per ricostruire la storia della moneta.

Concordo al 100 per 100....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
numizmo

We recently learned the Italian restriction on antiquities, which was up for renewal, was amended to now include the following ancient coins listed below. What this means is collectors can only import the following coins into the USA with documentation proving that it was out of the source country before January 19, 2011. The only good news here is that Roman Imperial as well as most Roman Republican coins were not added to the restriction. The Greek restriction is up next, and based on this current news it seems coins will most likely be added to it as well.

Quindi le Romane Imperiali non sono sotto alcuna restrizione da parte del Governo Americano.

Per quanto riguarda il contadino crucco che trova le monete, il documento non vieta l'importazione, ma l'importazione senza lecita provenienza, e questo non può che essere un bene per il mercato della monetazione classica.

Intanto, per cominciare sono certo che ci sarà un crollo verticale dei falsi, ora oltre che falsi ne deve essere dimostrata anche la natura ed origine del pezzo, quindi non basta farli bene, ma bisogna inventarsi anche un apparato di documentazione, e quello incredibilmente è più difficile perchè lascia molte più tracce.

In secondo luogo chi ha sempre trattato monete nella legalità vedrà le proprie monete rivalutarsi, dato che non penso che gli americani non compreranno più monete classiche, ma faranno molta più attenzione al pedigree.

Infine a mio giudizio è un monito per tutta la numismatica, non solo per quella classica, le monete moderne, il mio ambiente da collezionista, devono avere una "storia", quando mi prendono in giro perchè metto a sfinire i commercianti per avere i cartellini originali delle monete è un piccolo, minimo sforzo, per ricostruire la storia della moneta.

Concordo al 100 per 100....

E ora ditemi ancora che sbagliavo quando raccomandavo a chiunque comprasse monete , antiche soprattutto, a farsi sempre lasciare un pezzo di carta, una fattura, una ricevuta, sia che comprasse da un commerciante, sia da un'altro privato......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

meja

We recently learned the Italian restriction on antiquities, which was up for renewal, was amended to now include the following ancient coins listed below. What this means is collectors can only import the following coins into the USA with documentation proving that it was out of the source country before January 19, 2011. The only good news here is that Roman Imperial as well as most Roman Republican coins were not added to the restriction. The Greek restriction is up next, and based on this current news it seems coins will most likely be added to it as well.

Quindi le Romane Imperiali non sono sotto alcuna restrizione da parte del Governo Americano.

Per quanto riguarda il contadino crucco che trova le monete, il documento non vieta l'importazione, ma l'importazione senza lecita provenienza, e questo non può che essere un bene per il mercato della monetazione classica.

Intanto, per cominciare sono certo che ci sarà un crollo verticale dei falsi, ora oltre che falsi ne deve essere dimostrata anche la natura ed origine del pezzo, quindi non basta farli bene, ma bisogna inventarsi anche un apparato di documentazione, e quello incredibilmente è più difficile perchè lascia molte più tracce.

In secondo luogo chi ha sempre trattato monete nella legalità vedrà le proprie monete rivalutarsi, dato che non penso che gli americani non compreranno più monete classiche, ma faranno molta più attenzione al pedigree.

Infine a mio giudizio è un monito per tutta la numismatica, non solo per quella classica, le monete moderne, il mio ambiente da collezionista, devono avere una "storia", quando mi prendono in giro perchè metto a sfinire i commercianti per avere i cartellini originali delle monete è un piccolo, minimo sforzo, per ricostruire la storia della moneta.

Concordo al 100 per 100....

E ora ditemi ancora che sbagliavo quando raccomandavo a chiunque comprasse monete , antiche soprattutto, a farsi sempre lasciare un pezzo di carta, una fattura, una ricevuta, sia che comprasse da un commerciante, sia da un'altro privato......

tutto sta a capire se può essere sufficente anche un documento di acquisto tra privati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

E ora ditemi ancora che sbagliavo quando raccomandavo a chiunque comprasse monete , antiche soprattutto, a farsi sempre lasciare un pezzo di carta, una fattura, una ricevuta, sia che comprasse da un commerciante, sia da un'altro privato......

E chi lo ha mai detto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
meja

gli Stati Uniti dovrebbero reagire mettendo dei limiti nell' importazione dall' Italia

di qualsiasi tipo di prodotto Italiano...

e al contempo limitando l' esportazione verso l' Italia di tutti quei prodotti culturali di cui il nostro paese è un avido consumatore

tipo cinema, letteratura , musica ,tecnologia , ricerca scientifica ecc..ecc..

come tutti i paesi dal presente mediocre

ci accontentiamo delle foglie di fico da mettere davanti alle pubenda

mentre continuiamo a massacrare il nostro paese con rifiuti chimici sotterati ovunque

rifiuti domestici lasciati per strada ...

colate di cemento sparse ovunque nel ex bel paese....

domus auree e case dei gladiatori che crollano... condomini sulle varie Lucerie...

navi stracolme di rifiuti tossici affondate lungo la costa...

maxi condoni a chi costruisce sulla costa della Sardegna ecc...ecc...ecc...

siamo ridicoli ...ma questo già lo sanno in all the world!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Ma secondo voi, cosa cambierà in pratica? Se uno deve vendere la collezione, va in Germania o in Svizzera, o a Londra. Non vedo come le quotazioni delle monete possano modificarsi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

gli Stati Uniti dovrebbero reagire mettendo dei limiti nell' importazione dall' Italia

di qualsiasi tipo di prodotto Italiano...

e al contempo limitando l' esportazione verso l' Italia di tutti quei prodotti culturali di cui il nostro paese è un avido consumatore

tipo cinema, letteratura , musica ,tecnologia , ricerca scientifica ecc..ecc..

come tutti i paesi dal presente mediocre

ci accontentiamo delle foglie di fico da mettere davanti alle pubenda

mentre continuiamo a massacrare il nostro paese con rifiuti chimici sotterati ovunque

rifiuti domestici lasciati per strada ...

colate di cemento sparse ovunque nel ex bel paese....

domus auree e case dei gladiatori che crollano... condomini sulle varie Lucerie...

navi stracolme di rifiuti tossici affondate lungo la costa...

maxi condoni a chi costruisce sulla costa della Sardegna ecc...ecc...ecc...

siamo ridicoli ...ma questo già lo sanno in all the world!!!

Questo cosa ha a che vedere con le limitazione all'importazione di materiale di natura archeologica negli Stati Uniti d'America.

L'intenzione è proprio quella di mettere un freno ai continui saccheggi e scavi illegali.

Se la moneta ha documentazione è esportabile negli Stati Uniti, se non ha documentazione no; ma questo valeva anche prima, perchè è noto che per esportare monete al di fuori dell'Italia (San Marino compreso) deve essere fatta una richiesta di libera circolazione, e questa può essere più o meno rilasciata a seconda delle monete che vuolsi esportare. Gli USA si sono stancati di avere un contenzioso costante con le nostre Sovraintendeze alle Belle Arti sulla lecicità di quanto esposto nei loro musei, principalmente statue, vasi ed altri oggetti archeologici di grande interesse ed importanza. In questo sono poi "cadute" anche le monete, e noti non le monete Romane Imperiali, perchè sarebbe stato impossibile circoscriverne l'origine all'Italia. Quindi semplicemente hanno detto "basta" se non c'è chiara documentazione le monete in America non entrano, e se entrano è reato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

picchio

Ma secondo voi, cosa cambierà in pratica? Se uno deve vendere la collezione, va in Germania o in Svizzera, o a Londra. Non vedo come le quotazioni delle monete possano modificarsi

.... E si dimentica del mercato americano che da anni sta sostenedo i prezzi delle monete classiche. Non so se ha fatto caso ma di recente appare sempre più spesso le provenienze per le monete classiche, ci sarà un perchè.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mirkoct

secondo me non cambierà nulla.....è solo un piccolo contentino all'italia e a chi ha combattuto per avere una qualsiasi regola in questo settore.

da noi si dice :" prima si sono rubati sant'Agata e poi hanno fatto le porte di ferro"

vecchio detto catanese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

meja

gli Stati Uniti dovrebbero reagire mettendo dei limiti nell' importazione dall' Italia

di qualsiasi tipo di prodotto Italiano...

e al contempo limitando l' esportazione verso l' Italia di tutti quei prodotti culturali di cui il nostro paese è un avido consumatore

tipo cinema, letteratura , musica ,tecnologia , ricerca scientifica ecc..ecc..

come tutti i paesi dal presente mediocre

ci accontentiamo delle foglie di fico da mettere davanti alle pubenda

mentre continuiamo a massacrare il nostro paese con rifiuti chimici sotterati ovunque

rifiuti domestici lasciati per strada ...

colate di cemento sparse ovunque nel ex bel paese....

domus auree e case dei gladiatori che crollano... condomini sulle varie Lucerie...

navi stracolme di rifiuti tossici affondate lungo la costa...

maxi condoni a chi costruisce sulla costa della Sardegna ecc...ecc...ecc...

siamo ridicoli ...ma questo già lo sanno in all the world!!!

Questo cosa ha a che vedere con le limitazione all'importazione di materiale di natura archeologica negli Stati Uniti d'America.

L'intenzione è proprio quella di mettere un freno ai continui saccheggi e scavi illegali.

Se la moneta ha documentazione è esportabile negli Stati Uniti, se non ha documentazione no; ma questo valeva anche prima, perchè è noto che per esportare monete al di fuori dell'Italia (San Marino compreso) deve essere fatta una richiesta di libera circolazione, e questa può essere più o meno rilasciata a seconda delle monete che vuolsi esportare. Gli USA si sono stancati di avere un contenzioso costante con le nostre Sovraintendeze alle Belle Arti sulla lecicità di quanto esposto nei loro musei, principalmente statue, vasi ed altri oggetti archeologici di grande interesse ed importanza. In questo sono poi "cadute" anche le monete, e noti non le monete Romane Imperiali, perchè sarebbe stato impossibile circoscriverne l'origine all'Italia. Quindi semplicemente hanno detto "basta" se non c'è chiara documentazione le monete in America non entrano, e se entrano è reato.

c'entra eccome!!! lo stato italiano è incapace di difendere il proprio patrimonio ambientale , culturale , storico

e chiede ad altri paesi restrizioni di carta ..per mettersi l' anima in pace

L' Italia detiene il 50% del patrimonio culturale mondiale e i due ministeri che devono tutelarlo sono ministeri di serie C

a cui vengono dati stanziamenti ridicoli dai quali però il ministro che ha ottenuto la fiducia proprio stasera

riesce ad attingere per finanziare la sua attuale compagna l'ex marito della stessa ed addirittura anche il figlio della stessa ,che tra l' altro è una parlamentare,

definendoli casi umani....................e non c' entra ? con questo accordo di certo sconfiggermo gli scavi clandestini!!!

la burocrazia l' arma letale contro i tombaroli........

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

gli Stati Uniti dovrebbero reagire mettendo dei limiti nell' importazione dall' Italia

di qualsiasi tipo di prodotto Italiano...

e al contempo limitando l' esportazione verso l' Italia di tutti quei prodotti culturali di cui il nostro paese è un avido consumatore

tipo cinema, letteratura , musica ,tecnologia , ricerca scientifica ecc..ecc..

come tutti i paesi dal presente mediocre

ci accontentiamo delle foglie di fico da mettere davanti alle pubenda

mentre continuiamo a massacrare il nostro paese con rifiuti chimici sotterati ovunque

rifiuti domestici lasciati per strada ...

colate di cemento sparse ovunque nel ex bel paese....

domus auree e case dei gladiatori che crollano... condomini sulle varie Lucerie...

navi stracolme di rifiuti tossici affondate lungo la costa...

maxi condoni a chi costruisce sulla costa della Sardegna ecc...ecc...ecc...

siamo ridicoli ...ma questo già lo sanno in all the world!!!

Questo cosa ha a che vedere con le limitazione all'importazione di materiale di natura archeologica negli Stati Uniti d'America.

L'intenzione è proprio quella di mettere un freno ai continui saccheggi e scavi illegali.

Se la moneta ha documentazione è esportabile negli Stati Uniti, se non ha documentazione no; ma questo valeva anche prima, perchè è noto che per esportare monete al di fuori dell'Italia (San Marino compreso) deve essere fatta una richiesta di libera circolazione, e questa può essere più o meno rilasciata a seconda delle monete che vuolsi esportare. Gli USA si sono stancati di avere un contenzioso costante con le nostre Sovraintendeze alle Belle Arti sulla lecicità di quanto esposto nei loro musei, principalmente statue, vasi ed altri oggetti archeologici di grande interesse ed importanza. In questo sono poi "cadute" anche le monete, e noti non le monete Romane Imperiali, perchè sarebbe stato impossibile circoscriverne l'origine all'Italia. Quindi semplicemente hanno detto "basta" se non c'è chiara documentazione le monete in America non entrano, e se entrano è reato.

c'entra eccome!!! lo stato italiano è incapace di difendere il proprio patrimonio ambientale , culturale , storico

e chiede ad altri paesi restrizioni di carta ..per mettersi l' anima in pace

L' Italia detiene il 50% del patrimonio culturale mondiale e i due ministeri che devono tutelarlo sono ministeri di serie C

a cui vengono dati stanziamenti ridicoli dai quali però il ministro che ha ottenuto la fiducia proprio stasera

riesce ad attingere per finanziare la sua attuale compagna l'ex marito della stessa ed addirittura anche il figlio della stessa ,che tra l' altro è una parlamentare,

definendoli casi umani....................e non c' entra ? con questo accordo di certo sconfiggermo gli scavi clandestini!!!

la burocrazia l' arma letale contro i tombaroli........

Massimo, concordo con te che questo accordo non fermerà, purtroppo, gli scavi clandestini.

Concordo anche sul fatto che l'Italia sia incapace di tutelare l'enorme patrimonio storico/artistico che tutto il mondo ci invidia e che buona parte di esso valorizzerebbe ben meglio di noi, ma proprio per questa incapacità é stato chiesto l'aiuto delle autorità USA. Per la serie "noi non riusciamo a fermare l'emorragia di oggetti archeologici scavati clandestinamente e sempre clandestinamente esportati; dateci una mano voi".

Farà ridere; farà anche provare vergogna (come spesso accade quando ci si trova in difficoltà e si chiede aiuto) ma, santiddio....ERA ORA!!!!!

Non mi pare che si sia chiesto qualcosa di irragionevole, anzi: si é chiesto - e ottenuto - che gli "sbarchi" di materiale antico siano accompagnati da regolari licenze di esportazione.

Gli americani temono, giustamente, per l'approvvigionamento di quelle belle monete che ci fanno sbavare quando sfogliamo i loro cataloghi; cosa temano invece molti collezionisti italiani resta - a me - ignoto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numizmo

Gli americani temono, giustamente, per l'approvvigionamento di quelle belle monete che ci fanno sbavare quando sfogliamo i loro cataloghi; cosa temano invece molti collezionisti italiani resta - a me - ignoto

non hanno da temere che poco o punto, ma si sà, quando tutti gridano al pericolo, la prima cosa che uno fa è mettersi a correre , dopo ragiona.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

caiuspliniussecundus

Sto cercando di ragionare, non ho ancora percepito le implicazioni di questa novità. Ma forse pensandoci tutti assieme cia rriviamo.

Come collezionista che acquista: le monete di alto profilo (quelle da NAC, Geneviensis, CNG ecc) hanno comunque attestati a iosa, e non la smetteranno di fare cifre irragionevoli nelle aste di pregio. Per monete di livello medio, il fatto che gli americani abbiano intralci nelle importazioni, conta poco, sia per noi che per loro, essendo un mercato più locale/regionale. C'è poi tutta quella marea di catorci, di dubbia provenienza, che affliggono e-bay e molti (troppi) negozi di V-coins, vogliamo preoccuparci se agli americani vengono sottratti i lotti di uncleaned????

Come collezionista che vuole vendere la sua collezione forse potrei avere dei problemi, soprattutto se a seguito di questa restrizione si avesse un calo dei prezzi di mercato delle monete implicate nella legge (greche e aes grave, ma anche forse romane imperiali se ci fosse una deflazione generalizzata del mercato numismatico).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Rifacendomi a quanto detto da Caius, mi chiedo come si possa pensare a tracciare milioni e milioni di monete... Anche quelle citate delle aste importanti hanno una tracciabilità limitata. Le foto compaiono timidamente nelle aste di fine ottocento e quindi, nella migliore delle ipotesi, la tracciabilità risale ad allora, ovvero 120 - 130 anni su una moneta che ne ha più di duemila... E' il solito paradosso che, sinceramente, non capisco. :unsure:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rorey36
Supporter

Ho cancellato l'intervento.Non era nel posto giusto e non interessava a nessuno.

Modificato da rorey36

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giov60

Massimo, concordo con te che questo accordo non fermerà, purtroppo, gli scavi clandestini.

Concordo anche sul fatto che l'Italia sia incapace di tutelare l'enorme patrimonio storico/artistico che tutto il mondo ci invidia e che buona parte di esso valorizzerebbe ben meglio di noi, ma proprio per questa incapacità é stato chiesto l'aiuto delle autorità USA. Per la serie "noi non riusciamo a fermare l'emorragia di oggetti archeologici scavati clandestinamente e sempre clandestinamente esportati; dateci una mano voi".

Farà ridere; farà anche provare vergogna (come spesso accade quando ci si trova in difficoltà e si chiede aiuto) ma, santiddio....ERA ORA!!!!!

Non mi pare che si sia chiesto qualcosa di irragionevole, anzi: si é chiesto - e ottenuto - che gli "sbarchi" di materiale antico siano accompagnati da regolari licenze di esportazione.

Gli americani temono, giustamente, per l'approvvigionamento di quelle belle monete che ci fanno sbavare quando sfogliamo i loro cataloghi; cosa temano invece molti collezionisti italiani resta - a me - ignoto

Ma, chiedo ad Alberto Varesi riferendomi però alla realtà delle aste italiane nel loro complesso, tra le case d'Asta nostrane si chiede la lecita provenienza delle monete classiche o è un assunto ... indimostrato?

[domanda apparentemente ingenua che va bene porre in modo provocatorio, visto che la risposta deve essere solo una ...]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

Massimo, concordo con te che questo accordo non fermerà, purtroppo, gli scavi clandestini.

Concordo anche sul fatto che l'Italia sia incapace di tutelare l'enorme patrimonio storico/artistico che tutto il mondo ci invidia e che buona parte di esso valorizzerebbe ben meglio di noi, ma proprio per questa incapacità é stato chiesto l'aiuto delle autorità USA. Per la serie "noi non riusciamo a fermare l'emorragia di oggetti archeologici scavati clandestinamente e sempre clandestinamente esportati; dateci una mano voi".

Farà ridere; farà anche provare vergogna (come spesso accade quando ci si trova in difficoltà e si chiede aiuto) ma, santiddio....ERA ORA!!!!!

Non mi pare che si sia chiesto qualcosa di irragionevole, anzi: si é chiesto - e ottenuto - che gli "sbarchi" di materiale antico siano accompagnati da regolari licenze di esportazione.

Gli americani temono, giustamente, per l'approvvigionamento di quelle belle monete che ci fanno sbavare quando sfogliamo i loro cataloghi; cosa temano invece molti collezionisti italiani resta - a me - ignoto

Ma, chiedo ad Alberto Varesi riferendomi però alla realtà delle aste italiane nel loro complesso, tra le case d'Asta nostrane si chiede la lecita provenienza delle monete classiche o è un assunto ... indimostrato?

[domanda apparentemente ingenua che va bene porre in modo provocatorio, visto che la risposta deve essere solo una ...]

Nella maggior parte dei casi sono gli stessi collezionisti ad anticipare la nostra richiesta, indicando le loro fonti di acquisto (spesso sostenute anche dal relativo "faldone" delle fatture)

La differenza tra le Case d'Asta nostrane e quelle d'oltreoceano, tanto per mantenere la vena provocatoria, é che a noi chiedono - ogni tanto - di dimostrare la lecita provenienza di ciò che proponiamo.......wink.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cliff

Nella maggior parte dei casi sono gli stessi collezionisti ad anticipare la nostra richiesta, indicando le loro fonti di acquisto (spesso sostenute anche dal relativo "faldone" delle fatture)

Posso fare almeno un paio di domande che mi sono sempre fatto?

-In qualche asta funziona anche con le autocertificazioni da quanto ho capito, ossia il collezionista fa una dichiarazione globale di lecita provenienza del materiale che conferisce. In questo modo la casa d'aste si solleva dalle responsabilita' e dovrebbe essere tranquilla, giusto? Cosa succede in questo caso se c'e' un controllo all'asta, si fermano ai certificati o vanno a chiedere al collezionista?

-Che succede se il collezionista afferma che le monete sono di lecita provenienza ma le ha acquistate in un mercatino o a un convegno, non vengono accettate? Fino a prova contraria acquistare a un mercatino o a un convegno e' perfettamente legale in Italia.

-Cosa succede invece nel caso di monete lasciate in eredita' di cui non c'e' traccia su testamenti o di cui semplicemente si e' perso la ricevuta di acquisto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alberto Varesi

Nella maggior parte dei casi sono gli stessi collezionisti ad anticipare la nostra richiesta, indicando le loro fonti di acquisto (spesso sostenute anche dal relativo "faldone" delle fatture)

Posso fare almeno un paio di domande che mi sono sempre fatto?

-In qualche asta funziona anche con le autocertificazioni da quanto ho capito, ossia il collezionista fa una dichiarazione globale di lecita provenienza del materiale che conferisce. In questo modo la casa d'aste si solleva dalle responsabilita' e dovrebbe essere tranquilla, giusto? Cosa succede in questo caso se c'e' un controllo all'asta, si fermano ai certificati o vanno a chiedere al collezionista?

-Che succede se il collezionista afferma che le monete sono di lecita provenienza ma le ha acquistate in un mercatino o a un convegno, non vengono accettate? Fino a prova contraria acquistare a un mercatino o a un convegno e' perfettamente legale in Italia.

-Cosa succede invece nel caso di monete lasciate in eredita' di cui non c'e' traccia su testamenti o di cui semplicemente si e' perso la ricevuta di acquisto?

Queste sono domande alla quale dovrebbe rispondere un uomo di legge....io non ho tali competenze.

Posso solo dirti che non esistono autocertificazioni che possano manlevare terzi da eventuali responsabilità penali: ognuno risponde in proprio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

darman1983

Nella maggior parte dei casi sono gli stessi collezionisti ad anticipare la nostra richiesta, indicando le loro fonti di acquisto (spesso sostenute anche dal relativo "faldone" delle fatture)

Posso fare almeno un paio di domande che mi sono sempre fatto?

-In qualche asta funziona anche con le autocertificazioni da quanto ho capito, ossia il collezionista fa una dichiarazione globale di lecita provenienza del materiale che conferisce. In questo modo la casa d'aste si solleva dalle responsabilita' e dovrebbe essere tranquilla, giusto? Cosa succede in questo caso se c'e' un controllo all'asta, si fermano ai certificati o vanno a chiedere al collezionista?

-Che succede se il collezionista afferma che le monete sono di lecita provenienza ma le ha acquistate in un mercatino o a un convegno, non vengono accettate? Fino a prova contraria acquistare a un mercatino o a un convegno e' perfettamente legale in Italia.

-Cosa succede invece nel caso di monete lasciate in eredita' di cui non c'e' traccia su testamenti o di cui semplicemente si e' perso la ricevuta di acquisto?

Queste sono domande alla quale dovrebbe rispondere un uomo di legge....io non ho tali competenze.

Posso solo dirti che non esistono autocertificazioni che possano manlevare terzi da eventuali responsabilità penali: ognuno risponde in proprio.

come ha detto il sig. Varesi chi rilascia un autocertificazione se ne assume le responsabilità penale in caso di falso.

nel caso di acquisti è sempre buona norma farsi rilasciare fattura per poter dimostrare la provenienza questa cosa è "semplice" se si acquista da commercianti un po' più difficile se si acquista ai mercatini.

Modificato da darman1983

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arka

Con una logica del genere sarebbero legali solo le monete acquistate all'asta o in negozi. Niente scambi tra collezionisti o acquisti ai mercatini e così via... Ma non è così (o perlomeno non è ancora così). A parte il fatto che una fattura senza l'accompagnamento di una foto non ha valore, perchè il bene non è identificabile, il vero problema è che ciascuno di noi (case d'asta e commercianti compresi) può al massimo attestare da chi ha ricevuto la moneta (a titolo oneroso o meno). E la dichiarazione di un commerciante vale la dichiarazione di un qualsiasi cittadino. Come dissi nel mio precedente post per alcune pochissime monete si arriva al massimo alla seconda metà dell'ottocento con il pedigree. Nella dichiarazione firmata da Panvini Rosati e altri esponenti del mondo Numismatico, recentemente ritirata fuori da Bernardi, si diceva chiaramente che una moneta decontestualizzata non ha più origine, perchè risulta impossibile da determinare. Le monete sono create per circolare e non perdono la loro funzione neanche dopo aver perso il valore legale.

L'unica alternativa è vietare il possesso di monete fuori corso ai privati, ma, ribadisco, attualmente si può detenere e collezionare le monete (è previsto dal codice Urbani e dalla Costituzione).

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×