Vai al contenuto
Accedi per seguire questo  
euenigma

50 cent

Risposte migliori

euenigma

ho trovato tra le mie monete questa moneta 50 centesimi 1942 magentica bordo liscio.

diametro 22 cm. spesore 1,5

che ne pensate

grazie in anticipo

2v3srbl.jpg

Modificato da euenigma

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Qualcuno si e' divertito a tosarla :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

R-R

controlla lo spessore....era capiatata una anche a me...ed aveva lo spessore dei 20 centesimi....

praticamentre era stato usato ub tondello dei 20 centesimi ...messo nel conio dei 50 centesimi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

euenigma

e uguale a 20 centesimi sia come diammetro sia comme spesore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ghera

Allora potrebbe avere ragione Riccardo (RR), anche perchè tosare queste monete non sarebbe altro che un gioco, dato che il metallo non vale niente ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

piergi00

Allora potrebbe avere ragione Riccardo (RR), anche perchè tosare queste monete non sarebbe altro che un gioco, dato che il metallo non vale niente ;)

Infatti e' un gioco di abilita' spesso eseguito nelle officine con il tornio

Gli esemplari piu' simpatici sono quelli con il doppio D/ e le monete scatola che racchiudono altre monete

Modificato da piergi00

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

taglialuca

bella e strana questa moneta, hanno sbagliato il tondello...

anche perchè tosarla di tornio non è facile, soprattutto senza rovinarla...

Luca

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danieles1981

La butto là: non è che è stato coniato un 50 cent su un tondello da 20?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danieles1981

PS: complimenti per le foto!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

danieles1981

:D ...e' proprio quello che detto io....

E' vero :huh: , ho letto solo a spot la discussione... ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ghera

Guardando sul Caccuri Baffa (un piccolo librino, ottimo per analizzare gli errori di conio del regno) possiamo catalogare questo esemplare come G3 (pagina 54).

Trascrivo quanto riportato per coloro a cui manca questo economico volumetto:

Centesimi 50 "Impero" Vittorio Emanuele III 1940 XVIII (la data non corrisponde !), metallo niox, peso g4,26, diametro mm21,5, contorno liscio, coniato in tondello da 20 centesimi. Dritto: al centro testa di Vittorio Emanuele, tranciati G. Romagnoli, e della legenda "VITT.EMAN.III." manca l'orlo di sinistra. Rovescio: tranciati dall'alto verso il basso: ala dell'aquila, l'1 della data, l'X dell'era (anno fascista), il C di centesimi e lo stemma. Manca l'orlo di sinistra.

;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Un esemplare non conforme, che mai sarebbe potuto uscire dalla zecca, considerato che i pezzi coniati venivano controllati "a vassoio", almeno sulla carta...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
darman1983

Un esemplare non conforme, che mai sarebbe potuto uscire dalla zecca, considerato che i pezzi coniati venivano controllati "a vassoio", almeno sulla carta...

cosa intendi per controllati a vassoio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guest utente3487

Un esemplare non conforme, che mai sarebbe potuto uscire dalla zecca, considerato che i pezzi coniati venivano controllati "a vassoio", almeno sulla carta...

cosa intendi per controllati a vassoio?

Vi erano dei grandi vassoi che avevano dei fori con la circonferenza variabile a seconda del tipo di moneta da verificare. Si introducevano nel singolo loculo e si controllavano....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
darman1983

Un esemplare non conforme, che mai sarebbe potuto uscire dalla zecca, considerato che i pezzi coniati venivano controllati "a vassoio", almeno sulla carta...

cosa intendi per controllati a vassoio?

Vi erano dei grandi vassoi che avevano dei fori con la circonferenza variabile a seconda del tipo di moneta da verificare. Si introducevano nel singolo loculo e si controllavano....

ma il controllo avveniva riponendo ogni moneta nel singolo loculo o versando all'interno del vassoio una quantità di monete "setacciandole"?

se la modalità esecutiva era la seconda si potevano individuare solo monete più grandi e non quelle più piccole come in questo caso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×