Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
  • Annunci

    • Reficul

      Aggiornamento   15/10/2017

      Oggi inizia l'aggiornamento del forum v2018. Potrebbero verificarsi problemi e il forum potrebbe rimanere per pochi minuti non raggiungibile.
      Comunicherò successivamente con un topic in sezione news tutte le novità.  
Accedi per seguire questo  
Pino29010

Rebus da risolvere.

Risposte migliori

Pino29010

Rebus da risolvere.

Un piccolissimo bronzetto di un centimetro di diametro (per la precisione mm 9,9 di diametro massimo).

D/ Soldato stante (che trascina un prigioniero?) a d.

R/ X (o una croce) in corona

Nessuna leggenda rilevabile.

Sul RIC non ho trovato nulla che gli somigli. Sull'Arslan (Vandali) neppure.

Qualcuno ha un suggerimento?

post-14846-0-37073900-1298471290_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

D/ Soldato stante (che trascina un prigioniero?) a d.

Municipale di Cartagine?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pino29010

Grazie Paleologo per aver avviato la discussione!

Questo piccolo nummo è stato trovato in provincia di Piacenza durante una ricognizione di superficie ed è stato depositato presso il Museo archeologico della Val Tidone. Generalmente le monete rinvenute in zona hanno tutte avuto circolazione locale. Unica eccezione un follis (forato) con doppia contromarca (busto d'Eraclio e SCLS), che potrebbe essere stato usato come amuleto. Se questa monetina fosse una emissione municipale cartaginese sarebbe una nuova eccezione. Ho dato uno sguardo veloce al decimo volume del Ric dove sono le pseudo imperiali galliche, ispaniche e africane, ma tutte le monete descritte hanno al d/ un ritratto imperiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pino29010

Aggiungo che anche una scorsa al "Thesaurus Massafren: monete di bronzo dei re vandali" di Eugenio Travaglini (Brindisi 1974), non ha prodotto risultati di rilievo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

agrippa

Non vedo bene la croce in corona.

Se è simile a questa potrebbe essere Leone II post-42-0-80517600-1298498566_thumb.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pino29010

Grazie, Agrippa. Credo che tu abbia fatto centro. Avrei però bisogno di un riferimento bibliografico preciso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Paleologo

Non vedo bene la croce in corona.

Se è simile a questa potrebbe essere Leone II post-42-0-80517600-1298498566_thumb.jpg

Grande Agrippa, se solo tornassi più spesso a illuminarci... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurizio7751

Questa interessante monetina viene definita dall'Asolati come imitativa dell' Italia peninsulare e tende a stringere il campo all'area padana. I ritrovamenti sembrano concentrarsi per la maggior parte in Norditalia fino alla Dalmazia e per questo si restringe l'area di probabile coniazione, anche perchè si ritiene che essendo monete per uso locale non si dovessero allontanare di molto da "casa". Un'esemplare comunque è stato trovato anche a Cipro.

Ci sono state (anche in un forum spagnolo) e ce ne saranno ancora discussioni su questa interessante e misteriosa monetina, personalmente penso che manchi un elemento fondamentale per classificarla con certezza come "imitativa", e cioè il soggetto imitato detto anche prototipo. Sicuramente vista la varietà di coni diversi penso che la produzione fosse più abbondante di quello che si pensa e quindi escluderei categoricamente si tratti di un ibrido coniato casualmente chissà da chi.

La monetina che allego in foto è quella che viene da Cipro

Maurizio

post-22744-0-16804500-1343658748_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurizio7751

Per la verità un'esemplare di ottimo stile e qualità ci sarebbe ( è quello che posto) che potrebbe essere individuato come possibile prototipo, essendo tutti gli altri esemplari conosciuti (conosciuti da me, non escludo che possano essercene altri) di qualità molto bassa e quindi chiamati "imitativi"

Resta comunque il mistero dell'entità emittente e del secolo di emmissione (V° - VI°?)

Maurizio

post-22744-0-43192100-1343660697_thumb.j

Modificato da maurizio7751
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

numa numa

Per la verità un'esemplare di ottimo stile e qualità ci sarebbe ( è quello che posto) che potrebbe essere individuato come possibile prototipo, essendo tutti gli altri esemplari conosciuti (conosciuti da me, non escludo che possano essercene altri) di qualità molto bassa e quindi chiamati "imitativi"

Resta comunque il mistero dell'entità emittente e del secolo di emmissione (V° - VI°?)

Maurizio

se il riferimento di Agrippa e quello giusto, l-epoca ce l-abbiamo gia : Leone II 474dC

Modificato da numa numa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

maurizio7751

Il riferimento di Agrippa è sbagliato, non è Leone, Leone conia degli ae4 con al rovescio la figura ma al dritto il busto con legenda.

Maurizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×