Vai al contenuto
  • Sky
  • Blueberry
  • Slate
  • Blackcurrant
  • Watermelon
  • Strawberry
  • Orange
  • Banana
  • Apple
  • Emerald
  • Chocolate
  • Charcoal
Accedi per seguire questo  
Simone79

mancanze di metallo da conio

Risposte migliori

Simone79

Visionando il catalogo online dell'asta Artemide XXXII ho trovato un lotto piuttosto curioso, il 434 per la precisione.

Roma. Innocenzo XII (1691-1700). Piastra 1698 A.VIII. M.19. AG. R.

Peccato, perchè la moneta non ha grossi segni di usura, però si notano questi "buchi" che purtroppo la deturpano. Inoltre il contorno non appare perfettamente circolare, dando l'impressione che una parte del metallo sia stata tagliata.

La descrizione fornita dalla casa d'aste parla di "mancanze di metallo da conio". Cosa si intende per la precisione? A cosa può essere dovuto il fenomeno? Grazie.

Modificato da Simone79

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

rcamil

Visionando il catalogo online dell'asta Artemide XXIII ho trovato un lotto piuttosto curioso, il 434 per la precisione.

Roma. Innocenzo XII (1691-1700). Piastra 1698 A.VIII. M.19. AG. R.

Peccato, perchè la moneta non ha grossi segni di usura, però si notano questi "buchi" che purtroppo la deturpano. Inoltre il contorno non appare perfettamente circolare, dando l'impressione che una parte del metallo sia stata tagliata.

La descrizione fornita dalla casa d'aste parla di "mancanze di metallo da conio". Cosa si intende per la precisione? A cosa può essere dovuto il fenomeno? Grazie.

E' decisamente un tondello sfortunato <_<

I "buchi" dipendono dal processo di trasformazione dell'argento, probabilmente non si era raggiunta una temperatura adeguata per la preparazione delle lamine e la lega non era perfettamente amalgamata, allo stesso modo potevano essere presenti inclusioni che successivamente alla laminazione si sono staccate lasciando questi "craterini".

Da notare che questi segni seguono il senso della laminazione stessa.

La mancanza di materiale al bordo dipende invece dal tondello che è stato fustellato in parte fuori lamina o in prossimità del foro di un tondello precedentemente staccato.

In passato abbiamo visto sul forum anche piastre (ad esempio di Urbano VIII) dove queste mancanze dipendevano da aggiustamenti di peso post-coniazione, in tal caso però il taglio di cesoia è rettilineo, netto. In questo caso invece si vede che la mancanza è precedente al conio, che ha poi deformato il materiale in corrispondenza dei bordi di questo "vuoto".

Ciao, RCAMIL.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Simone79

Come sempre un parere esauriente, preciso e dettagliato.

Grazie per le preziose informazioni. :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
Accedi per seguire questo  

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?

×