Benvenuto su Lamoneta.it - Numismatica, monete, collezionismo

Benvenuti su laMoneta.it, il più grande network di numismatica e storia
Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, premiare gli utenti che preferisci, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Accedi per seguire questo  
Follower 0
ggpp The Top

Asse 2.

Questo pesa 23,4 grammi. penso sia fuso... ditemi voi, non ne sono sicuro. il diametro è di 3,65mm.

Tra poco provo ad identificarlo, ora non ho tempo!

post-21547-0-76282600-1305131001_thumb.j

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

HO trovato questa, la Crawford 193/1, pesa solo 0,40 grammi in più ed è meno usurata (peso in più, quindi, giustificabile).

Papirius Turdus. 169-158 BC. As. 23,88 g.

Laureate head of bearded Janus; I (mark of value) above. Rev. Prow of galley right; I (mark of value) to right, TVRD monogram above.

Cr. 193/1. Syd. 366.

Mi confermate? La mia però ha il collo di Giano un pò più lungo... è normale o devo ricominciare le ricerche?

E comunque non ci ho capito molto da quanto hanno scritto loro... papirius per cosa stà?

Modificato da ggpp The Top

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DE GREGE EPICURI

Queste monete non sono fuse ma coniate; l'impressione della fusione può esser data dalla cattiva qualità dei conii o dalla porosità. Quanto alla classificazione, occorre anzitutto distinguere le serie anonime, le anonime con simboli e le serie familiari. Ma occorre vedere qualcosa di preciso sulla moneta, e qui non si vede proprio. Negli assi di TURDUS, TURD si legge sempre piuttosto bene. Per cui, in assenza di altri elementi, credo che la moneta vada considerata un asse anonimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ci avevo pensato... devo ricominciare le ricerche. :o Grazie mille, avrei sbagliato la catalogazione. Una domanda... gli assi anonimi sono più vecchi di quelli "familiari"?... quelli coniati dalle gens, anzi, gentes perche è quello il plurale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora, sempre del Crawford la 88/3 gli somiglia ma non è quella per le differenze del conio.

Poi c'è la 144/1 che è simile, ma credo non sia nemmeno questa.

Voi come la classifichereste?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inviato (modificato)

DE GREGE EPICURI

La classificazione si fa soprattutto col peso. Qui direi che si colloca nel primo periodo della "riduzione onciale", cioè fra il 179 a.C. e il 170, o forse anche il 150 a.C. Dargli un numero specifico nella classificazione del Crawford è un po' arbitrario, perchè potrebbe esserci un simbolo che non si vede per l'usura della moneta.Le emissioni anonime (con o senza simboli) iniziano prima, ma poi si sovrappongono a quelle familiari.

Modificato da gpittini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se, come sembrerebbe da quel poco ch si riesce a vedere, il segno del valore è davanti alla prora, è molto probabile che non si tratti di un'anonima.

Dopodichè... il buio. Dalla foto il campo sopra la prora appare irrimediabilmente muto. Ne mi sembra ci siano elementi stilistici caratteristici che possano ricondurre ad una particolare emissione.

Restano le indicazioni date da Gianfranco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se, come sembrerebbe da quel poco ch si riesce a vedere, il segno del valore è davanti alla prora, è molto probabile che non si tratti di un'anonima.

Dopodichè... il buio. Dalla foto il campo sopra la prora appare irrimediabilmente muto. Ne mi sembra ci siano elementi stilistici caratteristici che possano ricondurre ad una particolare emissione.

Restano le indicazioni date da Gianfranco.

Se può essere utile, magari a restringere il campo, a destra, dopo la prora, vi è una I che la scansione non mostra. Ogni volta che la riguardo ci vedo una fraccettatura nuova, però sopra non ci vedo niente... :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appunto. La "I" è un "1", ossia il segno di valore: un asse.

Se è stato messo davanti alla prora è per lasciare spazio a simboli, monogrammi, ecc. nel campo sopra la prora. Di cui però non è rimasta traccia, almeno da quello che si riesce a vedere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Simile alla 144/1 e 148/1 credo debbo fermarmi. Ci sono dei segni di rilievi abbasssati, possibili lettere (e resterebbe la 148/1) però credo dovrò arrendermi ad una datazione molto larga ed ad una identificazione approssimativa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra che tu sia arrivato alle conclusioni giuste. Non puoi classificarlo, se non per il peso (corretto quello che ti è già stato detto della riduzione onciale) e per il segno del valore davanti alla prua. Se vi erano scritte o lettere che ti avrebbero indirizzate ad una più corretta classificazione, queste sono scomparse. La moneta è parecchio usurata. E' inevitabile fare una classificazione che può essere solo approssimativa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora
Accedi per seguire questo  
Follower 0

Lamoneta.it

La più grande comunità online di numismatica e monete. Studiosi, collezionisti e semplici appassionati si scambiano informazioni e consigli sul fantastico mondo della numismatica.

Hai bisogno di aiuto?